Diamanti sporchi di sangue

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Fernando Di Leo torna dalle parti del suo capolavoro MILANO CALIBRO 9 per un noir come sempre di un certo effetto ma questa volta inspiegabilmente carente nella direzione degli attori. E’ soprattutto il protagonista Claudio Cassinelli (nel film Guido Mauri, detto “L'uomo d'acciaio”) a deludere le aspettative con una performance sottotono, per nulla convincente. Il suo personaggio, troppo arrendevole per essere quello di cui tanto bene si parlava nell'ambiente, è poco incisivo: sembra leggere il copione senza interpretarlo. Ed è un peccato, perché la storia, se solo fosse spiegata in maniera chiara, non sarebbe affatto male e propone...Leggi tutto un finale entusiasmante, dal punto di vista dell'originalità e della tensione. Eppure anche il solito, grande Vittorio Caprioli (qui è il commissario Russo), non pare riuscire a dare al suo personaggio la quantità di sfumature ironiche vista nelle altre sue apparizioni. E’ il segno che qualcosa non va: non c'è più la grandeur dei primi lavori, la forza dirompente vista ne IL BOSS, MILANO CALIBRO 9 ma anche nel sottovalutato IL POLIZIOTTO E’ MARCIO. E’ vero, non è richiesta, visto il carattere decadente, sommesso, del film, ma la ristrettezza del budget genera discutibili scelte scenografiche, per un'idea che avrebbe meritato di più. Penalizzano molto anche alcune ingenuità nella sceneggiatura, quasi come se quest'ultima fosse stata un po' tirata via. Invece non sempre è così, basta vedere come è ben studiata la figura del braccio destro (Pier Paolo Capponi) del superboss Rizzo (Martin Balsam): un uomo feroce, spietato, deciso anticipatore delle “Iene” di Tarantino (che ha sempre detto di amare molto il cinema di Di Leo). I numeri per fare un altro ottimo noir c'erano, ma questa volta Fernando si è fermato a metà.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Cotola 3/01/08 23:22 - 7513 commenti

I gusti di Cotola

Un ladro finisce in galera per una "soffiata". Uscito cerca vendetta, ma le cose non stanno esattamente come crede lui. Bel film noir, livido al punto giusto, con un Cassinelli in discreta forma nel costruire un personaggio atipico molto interessante. Merito anche di una sceneggiatura e di una regia decisamente superiori alla media. Decisamente da rivalutare.

Renato 21/12/08 18:27 - 1555 commenti

I gusti di Renato

Per me è un bel film, solido e con una coppia di attori che personalmente adoro (Cassinelli e Capponi) nonché le solite ottime caratterizzazioni tipiche in molte pellicole del regista pugliese; però c'è anche da dire che la storia sembra più che altro una variazione sul tema di Milano calibro 9 e non brilla certo per originalità. Comunque, chi ha amato i lavori precedenti di Di Leo nel genere noir non può non apprezzare almeno in parte questo film, per certi versi l'ultimo a non deludere su tutta la linea.

Homesick 9/02/09 08:30 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Remake rovesciato di Milano calibro 9: se Ugo Piazza era un dritto davanti al quale ci si levava il cappello, Guido Mauri è invece un perdente, un ottuso ci rimette onore e orgoglio. Dosando noir e melodramma Di Leo persegue l’anticonvenzionalità sia nel delineare questo antieroe autodistruttivo suo malgrado, sia nell’epilogo sulle ferree leggi della malavita. Alla carente prova del monocorde Cassinelli sopperiscono l’umano Caprioli, il belluino Capponi, la controllatissima guest-star Balsam e Reale (è lui il vero “uomo d’acciaio”), probabilmente nel ruolo più importante della sua carriera.
MEMORABILE: L’attacco alla corriera e il blitz controffensivo di Cassinelli; la crocifissione di Reale; il discorso di Balsam al mattatoio.

Undying 13/04/10 20:18 - 3840 commenti

I gusti di Undying

Tardivo esemplare di noir italiano, Diamanti sporchi di sangue ripropone l'intero universo del regista (che infatti pure sceneggia) con inappuntabili momenti di efficacia stilistica, apprezzati a suo tempo da critici spesso avversi al genere. Di Leo si appoggia su un cast tecnico artistico di fiducia e può contare su caratteri ben rappresentati dall'efficace gruppo di interpreti. Il ritmo meno incalzante di alcuni suoi lavori precedenti nuoce, parzialmente, sul risultato finale e, con buona probabilità, sul pubblico dell'epoca che in gran parte disertò le sale.

Nando 2/05/10 02:39 - 3471 commenti

I gusti di Nando

Ipotetico seguito di Milano calibro 9 il film inizia dove il precedente era terminato, con il famigerato mozzicone di sigaretta fumante. Purtroppo rispetto all'originale si osserva un interprete, Cassinelli, ben lontano dal ruggito recitativo di Moschin e la storia, nonostante presenti alcuni spunti da non sottovalutare, si mostra meno coesa e in certe forme financo ripetitiva. Il film uscì nelle sale il giorno della strage di via Fani a Roma e il suo successo ne fu ampiamente compromesso.

Bruce 3/09/10 10:50 - 1004 commenti

I gusti di Bruce

Amaro noir di Di Leo, teso ed asciutto come è nel suo stile, ma non del tutto riuscito. La sceneggiatura è di valore, controcorrente ed originale, il film ha un suo equilibrio, senza troppe sbavature, eppure risulta nel complesso faticoso da seguire, mancando di scorrevolezza. Se l'interpretazione di Capponi è da fuoriclasse, la scelta del povero Cassinelli quale protagonista lascia interdetti tale è la inespressività della sua prova. Valido l'accompagnamento di Bacalov. "Conforme!", senz'altro da vedere, non però tra i migliori.

Stefania 18/09/10 01:23 - 1600 commenti

I gusti di Stefania

Sarà che sono una neofita del genere ed ho l'entusiasmo dei neofiti, ma questo film mi è piaciuto molto. E' un poliziesco all'italiana (ok: un poliziottesco), ma ha la malinconia e la forte vena fatalistica dei noir: destino cinico e baro, quello del Montecristo-Guido Mauri. L'idea è bella, la realizzazione è dignitosa: Cassinelli più che "uomo d'acciaio" è un ciocco di legno, ma fan faville lo scagnozzo Capponi (rozzamente feroce), e il mega boss Martin Balsam (sottilmente feroce): è sua la vendetta più imprevedibile, eppure... "conforme"!
MEMORABILE: Il match Capponi-Cassineli in salotto, davanti alla Bouchet in sottoveste, la violenza della lotta tra uomini, la passività della donna seminuda...

Lucius 26/09/10 00:57 - 2819 commenti

I gusti di Lucius

Una fotografia sbiadita che ricorda quella dei fotoromanzi in bianco e nero per una mediocre pellicola poliziesca in cui forse l'unica cosa che resta in mente (comunque kitch) è la Bouchet in costume in un locale che balla e canta "Shock me", un'intera canzone il cui testo è formato da sole due parole ("Shock me" appunto). Scene girate frettolosamente senza un minimo di tensione. Anonimo.

Daidae 8/12/10 23:42 - 2738 commenti

I gusti di Daidae

Seppure inferiore agli ottimi Milano calibro 9, La città sconvolta e Il boss è comunque un film validissimo. Ottima la prova di tutto il cast, con menzione particolare per il mitico Capponi, che dopo aver interpretato un calabrese verace nel Boss qui si trasforma in un rozzo e manesco "guappo" ma dalla parlantina particolare. Mi ha un po' deluso il finale, davvero troppo romanzato. Oltre la sufficienza.
MEMORABILE: È conforme?

Il Dandi 9/01/11 14:35 - 1766 commenti

I gusti di Il Dandi

Ingeneroso definirlo una "brutta copia" dei capolavori precedenti. Di Leo qui realizza, con due lire, uno dei suoi film più personali e autoriali, dalla sceneggiatura sorprendente. In un mitico far west metropolitano (dove i ragazzini tradiscono ma i veri uomini no) ritroviamo i margini della mala zoppi che gestiscono un garage e zoccole che ballano su un cubo. La fotografia smorta e la musica intimista di Bacalov aumentano il fascino del clima dolente e Cassinelli (con la sua vera voce) è perfetto, checche se ne dica, come "loser".
MEMORABILE: Le battute migliori se le tiene Capponi: "è conforme? Conforme! "; "Io non ho mai sentito di uno di cui si parla tanto bene... e che si deve uccidere! "

Dusso 19/12/11 18:27 - 1535 commenti

I gusti di Dusso

Bel noir di Fernando Di Leo, di gradevolissimo intrattenimento con alcune scene notevoli e alcune interpretazioni (nel caso di Pier Paolo Capponi e Caprioli) di livello altissimo; Cassinelli invece delude. Musiche ben orchestrate dal maestro Bacalov.

Moro 27/02/12 09:56 - 36 commenti

I gusti di Moro

È un film gradevole, perché tutto è a dimensione d'uomo, cioè rappresentato senza enfasi. Cassinelli è impagabile col suo stile di recitazione antiaccademica e coinvolgente. Il soggetto del film è stupendo perché riesce a spiazzare lo spettatore, che fino all'ultimo è portato a credere che la sete di vendetta del protagonista sia giustificata. Una volta tanto, non è il punto di vista dell'eroe positivo a prevalere ma la visione d'insieme, che si compone solo alla fine del film. Ottima anche la prova di Capponi. Straordinario il finale.

Giùan 6/03/12 15:03 - 2987 commenti

I gusti di Giùan

Ennesima prova di vigore cinematografico, pur in un prodotto per certi versi succedaneo, del Don Siegel nostrano. Per lunghi tratti il film è affilato come una sciabola e Di Leo è ingegnoso nel farci empatizzare col melvilliano silenzioso antieroe di Cassinelli, facendoci però al contempo annusar il bruciato dietro la sua melodrammatica vendetta. Nel cast giganteggia il gergo animalesco di Capponi, ma restan memorabili pure la faccia da Cristo in croce di Reale e la sicumera mafiosa di Balsam. Finale ideologicamente retrivo e lambiccato filmicamente.
MEMORABILE: Barbara Bouchet che si esibisce sul cubo in "Shock dance" (per il resto un po' imbolsita); La crocifissione di Reale ad opera di Capponi; Conforme!?

Dr.presago 2/11/12 00:21 - 22 commenti

I gusti di Dr.presago

Il validissimo finale riscatta totalmente o quasi l'abbondante ora e mezza di noir piatto (anche se mai ingenuo). Immane prova del solito Martin Balsam nel ruolo dell'uomo d'onore prima che del gangster, buone le altre se si eccettua quella dell'impenetrabile protagonista. Nelle figure dei personaggi, inoltre, si riconoscono gli stereotipi cari a Di Leo che, su tutti, torna ad attualizzare quello della dark lady Barbara Bouchet.
MEMORABILE: La promessa sottesa nel finale.

Herrkinski 6/02/13 22:18 - 5123 commenti

I gusti di Herrkinski

Non tra i migliori di Di Leo, ma comunque un noir/poliziesco di buona fattura, di poco inferiore al precedente Il poliziotto è marcio. La storia, seppur in principio un po' confusa, ingrana dopo una mezz'ora e da lì in poi il film è più che godibile; sempre bravissimo Caprioli, monoespressivo Cassinelli (ma probabilmente anche per entrare nel personaggio), calati nella parte Capponi e Reale, un po' sottotono la Bouchet. Il ritmo è scorrevole; non manca una certa violenza e il tocco di Di Leo è decisamente presente. Non fondamentale, ma bello.
MEMORABILE: La crocifissione di Reale; Il finale.

Nicola81 26/05/13 13:07 - 1952 commenti

I gusti di Nicola81

Forse il film più sottovalutato di Di Leo, ma a mio avviso l'ultimo vero acuto del regista, il cui tocco si avverte nei dialoghi (quasi mai banali) e in almeno un paio di sequenze di alta scuola. Cassinelli è un singolare antieroe che sbaglia quasi tutto, Balsam un magnifico uomo d'onore, Capponi il suo violento e ottuso braccio destro, la Bouchet una dark lady passibile di redenzione, Caprioli fa il commissario istrionico come in La città sconvolta. Una sorta di Milano calibro 9 meno enfatico, ma decadente non significa deludente.
MEMORABILE: Le scene al commissariato; "È conforme? "; La crocifissione; La lotta tra Cassinelli e Capponi sotto gli occhi della Bouchet; Il finale.

Fauno 26/05/13 13:53 - 1917 commenti

I gusti di Fauno

Per emozioni, violenza, sorprese e colpi di scena è il miglior Di Leo; magari tocca vederlo due volte per disintossicarsi dalle troppe analogie con Milano Calibro 9... Come per incanto si ricomincia con un mozzicone acceso su un portacenere (fortuna che stavolta l'ambientazione è a Roma). Molto bravi Balsam e Capponi che però non raggiungono Stander e Adorf. Per farla breve ci sono 7-8 scene più che all'altezza della situazione, ma è un po' come Argento, che dopo sei film di platino pur restando di alta qualità non è più stato apprezzato; così Di Leo.
MEMORABILE: La crocifissione; La scena del pullman con quel che segue; Il doppio traviamento finale.

Deepred89 13/12/13 00:18 - 3282 commenti

I gusti di Deepred89

Le carte in tavola per tirare fuori il filmone c'erano tutte, ma il qui imbambolatissimo Cassinelli, i continui deja-vu (Milano calibro 9 in primis) e una regia meno brillante che in passato ancorano il tutto a livelli che non vanno oltre il discreto. Ed è un peccato, perché la sceneggiatura è ritmata e non priva di buoni colpi di scena, il cast offre 3 o 4 prestazioni memorabili (Capponi, Balsam, Caprioli e forse anche Reale) e il finale regala un'intensità inattesa, oltre a non scadere nello scontato. Niente male, ma poteva essere meglio.
MEMORABILE: Conforme?

Manfrin 17/02/14 14:22 - 326 commenti

I gusti di Manfrin

Fiacco prodotto di genere dove Di Leo, qui in tono minore, insiste troppo sul tema della vendetta e controvendetta; il film si avvita così inutilmente su questo canovaccio rendendolo monotono e limitato, pur con un finale interessante. Anche gli attori sembrano poco convinti: Cassinelli è stralunato e assente, Balsam e Caprioli hanno fatto di meglio. Si salva un ottimo Capponi, tignoso braccio destro del boss.

Motorship 20/05/14 18:14 - 567 commenti

I gusti di Motorship

Non sarà ai livelli altissimi di Milano Calibro 9, ma devo dire che è comunque un bel noir, questo di Di Leo. Una storia interessante, ben sceneggiata, piena di ritmo e tanta azione. Inoltre Di Leo dirige davvero molto bene e alcune sequenze sono magistrali. Cassinelli invece delude parecchio, mentre sono ottime le interpretazioni di Pier Paolo Capponi, di Caprioli (il suo personaggio è di un'umanità straordinaria) e in parte di Balsam. Splendida la Bouchet e le musiche del M° Bacalov.
MEMORABILE: L'attacco alla corriera con quel che ne segue; La crocifissione di Reale; Le scene al commissariato; Il finale.

Rambo90 23/04/15 02:11 - 6343 commenti

I gusti di Rambo90

Di Leo ribalta la prospettiva di Milano calibro 9 e crea un'altro noir interessante e avvincente, forse anche più ritmato di alcune sue prove precedenti (vedi Il boss). Cassinelli è il perfetto volto della vendetta (sebbene fallace), ma meglio di lui fanno egregi comprimari come Balsam, Capponi e Caprioli. Qualche buona scazzottata e la colonna sonora di Bacalov aiutano ad arrivare alla fine soddisfatti.

Quietcrash 7/06/15 20:36 - 83 commenti

I gusti di Quietcrash

Davvero riuscito; inquadrature e montaggio fenomenali. La colonna sonora di Bacalov coinvolge lo spettatore e ti resta impressa anche dopo i titoli di coda. I dialoghi non sono eccezionali, ma si inseriscono alla perfezione nella narrazione. Vendette, rivalità, cazzotti, mala... C'è proprio tutto, in questo film.
MEMORABILE: La scazzottata di quasi quattro minuti tra Capponi e Cassinelli.

Azione70 28/10/15 19:13 - 145 commenti

I gusti di Azione70

Strepitoso e intrigante, racconta la contrapposizione tra due balordi (un delinquente, interpretato da Cassinelli e un boss, Martin Balsam). Le vicende dei due vengono raccontate dalla regia di Di Leo mediante continue inquadrature e primi piani dei protagonisti; anche l'ottima musica di Bacalov contribuisce a "riempire" le scene, considerato che lo sfondo (città, interni) è quasi totalmente trascurato e assente. Bravissimi i protagonisti ma anche i gregari (specie l'irritante Capponi). Da vedere senza se e senza ma!

Pessoa 15/02/19 23:09 - 1157 commenti

I gusti di Pessoa

Noir in pieno stile Di Leo, carico di quella cupa rassegnazione che caratterizza i perdenti nei film del regista pugliese, per cui le cose non sono quasi mai come sembrano. Regia sobria ma molto attenta, script rigoroso e di livello mentre nel cast accanto ad alcune ottime conferme (Capponi, Caprioli) qualche elemento, Cassinelli su tutti ma non solo, sembra aver sbagliato film e non entra mai davvero nel suo personaggio. Notevoli le musiche di Bacalov e la luminosa fotografia di Gerardi. Un buon film di genere, sicuramente sopra la media.

Myvincent 28/01/19 07:33 - 2549 commenti

I gusti di Myvincent

Se non fosse per Martin Balsam e Vittorio Caprioli, poc'altro ci sarebbe da menzionare in questo prodotto "mafia-e-dintorni" in cui un ex-galeotto, appena uscito di prigione si prodiga per realizzare la propria spietata vendetta. Cassinelli offre il solito volto spiritato (ma comunque originale), mentre Capponi qui si danna in un ruolo soprendentemente da cattivo. Il finale da mammasantissima, ad alto tasso di pathos, ne eleva il valore complessivo.
MEMORABILE: Lo shake forsennato di una quasi scheletrica Barbara Bouchet.

Alex75 13/02/19 17:44 - 676 commenti

I gusti di Alex75

Ultimo grande noir del maestro Di Leo, sia pure in tono minore, centrato su un protagonista spento e rassegnato (il monocorde Cassinelli), poco carismatico rispetto ai suoi antagonisti (il boss Balsam e soprattutto Capponi, tanto affabile quanto ferino), ma anche rispetto ai comprimari (il grintoso Reale e l’umano Caprioli). L’ultima mezz’ora corona egregiamente una sceneggiatura poco convenzionale, combinando con equilibrio violenza, ironia e toni crepuscolari.
MEMORABILE: “È conforme?”; La crocifissione; L’incontro del commissario con l’avvocato di Rizzo; La violentissima lotta tra Tony e Guido; Il finale.

Berto88fi 17/10/19 13:02 - 199 commenti

I gusti di Berto88fi

Indiscutibile il talento di Di Leo in regia, ma il suo meglio l'aveva già dato: a partire dall'incipit, siamo lontani dal fascino della trilogia del Milieu da cui pesca a piene mani, dando alla prima ora del film un forte senso di "già visto". Cassinelli ha il carisma di una pietra, spadroneggiano in scena invece un ispirato Capponi e nelle retrovie Caprioli. Buono il finale e stupende le melodie di Luis Bacalov.
MEMORABILE: "Se ti metti d'accordo con me te la cavi con le stimmate come San Francesco... è conforme?!"

Samdalmas 16/01/20 11:38 - 302 commenti

I gusti di Samdalmas

L'ultimo noir del grande Di Leo vede come in Milano calibro 9 la vendetta di un uomo contro un boss. Solo che stavolta la storia avrà un epilogo diverso. Il protagonista Claudio Cassinelli è ben poco incisivo; molto meglio un Capponi cattivissimo. Balsam e Caprioli lavorano d'esperienza. Sempre notevoli le musiche di Bacalov. Non un capolavoro ma sicuramente un buon film.

Thedude94 12/08/20 16:26 - 558 commenti

I gusti di Thedude94

Di Leo dirige ottimamente un film molto movimentato, che fa degli inganni e delle rapine di diamanti il suo fulcro principale avvalendosi di un cast a dir poco perfetto, capeggiato dai bravissimi Cassinelli e Balsam. I momenti di tensione non mancano di certo, la sceneggiatura brillante fa scorrere la storia con velocità; il tutto è scandito da una colonna sonora molto piacevole che accompagna le varie fasi del film. Ci sono anche situazioni macchiettistiche tipiche del genere che andava in voga in quegli anni, in particolare il commissario sopra le righe, molto divertente.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Gugly • 27/05/13 19:10
    Segretario - 4677 interventi
    Fauno ebbe a dire:
    Non ci siampo John, non è per il colore dei capelli...Vorrei sapere che cosa si intende, nella media delle persone, per Dark Lady, concettualmente. Quando qualcuno mi darà la definizione allora sarò soddisfatto, anche se non totalmente d'accordo. Fino ad allora per me non vorrà dire niente. Se me la darai tu, visto che sei intervenuto, mi farà molto piacere. FAUNO.

    Ciao Fauno,
    premesso che non ho visto il film, provo a dare la definizione di dark lady per come la conosco io: con "Dark Lady" nel cinema è intesa la donna affascinante e pericolosa, che tesse intrighi senza farsi scoprire, a volte a fin di bene, più spesso per scopi malvagi.
    Hai presente Barbara Stanwyck in vestaglia di raso e con la sigaretta a bocchino?

    Spero di avero soddisfatto la curiosità :-)
  • Discussione Caesars • 28/05/13 08:25
    Scrivano - 10681 interventi
    Concordo con la definzione di Gugly, con la sola eccezione delle motivazioni che la spingono ad agire. Per me, mai a fin di bene ma sempre e solo per tornaconto personale.
  • Discussione Fauno • 28/05/13 20:21
    Compilatore d’emergenza - 2533 interventi
    Ok,grazie a tutti e due per il chiarimento. FAUNO.
  • Discussione John trent • 29/05/13 12:26
    Servizio caffè - 511 interventi
    E' esattamente la stessa definizione che avrei dato anch'io. Sul colore dei capelli della Bouchet mi sono permesso di fare una battuta infima, lo ammetto... :)))
  • Musiche Ruber • 26/01/18 01:00
    Compilatore d’emergenza - 8961 interventi
    Il main theme è di Bacalov

    https://www.youtube.com/watch?v=pAMX6RBqMvQ
  • Musiche Silentmike • 19/05/18 01:01
    Stagista - 1 interventi
    Una parte della colonna sonora,mi pare la scena dell'assalto alla corriera è clamorosamente copiato in Virus di Bruno Mattei
  • Discussione Alex75 • 15/04/19 18:45
    Call center Davinotti - 621 interventi
    Il Dandi ebbe a dire:
    Beh, fatti dunque portavoce dei miei sinceri apprezzamenti a tutto lo staff;)

    Ricordo anni fa, nei primi tempi, quando ancora non c'erano le locations o le ost ma solo un database di film, Pollanet Squad fu la mia preziona bibbia per scoprire molti dei titoli più nascosti. Grazie, Pollanet!



    Ancora oggi Pollanet Squad è, secondo me, un punto di riferimento per i cultori del poliziesco all'italiana (e dei generi collaterali) e per chiunque voglia addentrarsi in questa filmografia.Nelle schede dedicate ai film traspare la passione e la competenza dello staff.
  • Discussione Alex75 • 15/04/19 18:50
    Call center Davinotti - 621 interventi
    Come altri film di Fernando di Leo, anche questo presenta molta pubblicità più o meno occulta. Qui abbondano i manifesti del Crodino e delle bevande Crodo (se ne vede uno persino nell'officina di Marco) e a metà del film Guido chiama Marco da un telefono pubblico con un manifesto del Brancamenta in bella vista sul muro.
    Ultima modifica: 23/06/19 16:10 da Alex75
  • Discussione Renato • 24/06/20 12:16
    Archivista in seconda - 318 interventi
    Segnalo, a distanza di anni, che il mistero-Reale è stato risolto grazie a Facebook.

    Carmelo Reale era il vero nome, Roberto Reale era uno pseudonimo.

    Aggiungo che qui ci sono 3 film in cui è presente nel cast come Roberto e altri 3 come Carmelo.
  • Discussione B. Legnani • 24/06/20 13:58
    Consigliere - 13806 interventi
    Renato ebbe a dire:
    Segnalo, a distanza di anni, che il mistero-Reale è stato risolto grazie a Facebook.

    Carmelo Reale era il vero nome, Roberto Reale era uno pseudonimo.

    Aggiungo che qui ci sono 3 film in cui è presente nel cast come Roberto e altri 3 come Carmelo.
    Ok, preso nota. Grazie.