Di che segno sei?

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Anno: 1975
Genere: commedia (colore)
Regia: [4e] Sergio Corbucci
Note: Episodi: "Acqua" (Villaggio), "Aria" (Celentano), "Terra" (Pozzetto), "Fuoco" (Sordi, che riprende il personaggio di Nando Moriconi presente in "Un giorno in pretura" e in "Un americano a Roma")
Numero commenti presenti: 35
Papiro: cartaceo

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

B. Legnani 21/02/07 13:23 - 4780 commenti

I gusti di B. Legnani

Celebre film ad episodi, piuttosto disuguali. Bello quello con Sordi, che rifà l’americano “de Roma”; divertente quello surreale con Pozzetto (in tv viene tagliata una scena con la Ralli, per cui lo spettatore non capisce, nel finale, perché Pozzetto parli di collànt). Più deboli quello con Celentano (nonostante una paio di battute notevoli ed una Lilli Carati in fiore) e quello con Villaggio (nel quale si vedono Carmen Russo e Luca Sportelli, non accreditati).

Fabbiu 23/02/07 12:10 - 1952 commenti

I gusti di Fabbiu

Gli episodi sembrano essere messi in sequenza dal peggiore al migliore, anche se tutti meritano per qualcosa. Paolo Villaggio non si esprime come in Fantozzi e il suo episodio è molto interessante. Quello di Celentano poi è molto particolare (geniale la figura di King Kong). La battuta di Pozzetto che dorme in macchina e dice: "Stanotte sono ospite di Pinin Farina" è indimenticabile, ma il pezzo forte è l'episodio con Alberto Sordi, che riprende il suo riuscito personaggio "americano".

Il Gobbo 20/02/08 16:48 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

Nell'epoca del digitale, dei menu di selezione e della manipolabilità dei filmati, la formula a episodi torna comoda per operazioni di sintesi, che consentano di estrapolare il buono (qualche cosa di Pozzetto, la banale ma esilarante scenetta della triplice spaccata, con trauma finale nell'insulso episodio di Celentano) dal mediocre (tutto il resto) e di enfatizzare l'ottimo: l'inopinato ritorno di Nando Moriconi, coattissimo bodyguard, le cui calamitose attenzioni ridurranno in gelatina il povero Ugo Bologna: fantastico.

Ciavazzaro 27/04/08 12:47 - 4766 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Buon film ad episodi, che raccoglie i mostri sacri della comicità italiana. Si comincia con un divertente episodio, un po' spinto sulle inquadrature di giovani desnude (tra le quali possiamo ammirare Barbara Magnolfi), con Paolo Villaggio che crede di dover diventare donna, si prosegue con la coppia Melato e Celentano ballerini (la Melato si impegna di più), un discreto Pozzetto-Ralli-Salce con partecipazione di Boldi, poi l'apoteosi con l'Albertone nazionale, guardia del corpo di Ugo Bologna. Un ottimo film!

Lovejoy 2/07/08 15:23 - 1824 commenti

I gusti di Lovejoy

Mediocre commedia ad episodi di cui il più famoso, nonché migliore, è quello finale con Alberto Sordi scatenato nel ruolo del bodyguard dai modi di fare incompresibili, per chi lo ha assunto (un esilarante Bologna). Il resto è qualcosa di invedibile, con storie banali, scontate e attori allo sbando.

Cangaceiro 15/07/09 13:11 - 982 commenti

I gusti di Cangaceiro

Non male l'idea dell'incubo che travolge il bravo Villaggio, ma l'episodio viene stiracchiato senza brio tra un travestimento e l'altro. Pallosa la storia tra una Melato in gran spolvero e un Celentano col pilota automatico. Pozzetto è sempre lui, surreale ed efficace con le sue immancabili battute. A salvare il film però ci pensa Sordi, irresistibile col suo martellante e indimenticabile "commenda", incarnato dal buon Bologna. Era obbligatorio fare di meglio con cotanto cast a disposizione, ma Corbucci si è pigramente limitato al minimo sindacale.

Markus 8/10/09 13:39 - 3329 commenti

I gusti di Markus

Quartetto di episodi con cast di all stars racchiusi in un unico film commercialmente riempi-sala. A parte la confezione puramente commerciale e fine a se stessa, la pellicola, pur in forma discontinua, allieta lo spettatore con quanto di meglio potevano offrire, seppur stancamente, gli attori presenti. L'episodio più ricordato è l'ultimo con Sordi, che fa il verso a se stesso reinterpretando nuovamente il Nando Moriconi di Un americano a Roma. Gli altri episodi sono piuttosto divertenti o quantomeno scacciapensieri. Un po' datato.

Galbo 7/10/09 15:39 - 11447 commenti

I gusti di Galbo

Intitolati con i nomi dei quattro elementi (aria, acqua, terra e fuoco) gli episodi di questo film di Corbucci sono qualitativamente non tutti all'altezza. Il più divertente è quello con Sordi che dimostra di sapere ancora sfruttare il personaggio di Nando Moriconi che viene fatto invecchiare in modo efficace e malinconico. Piuttosto divertente anche l'episodio con la coppia Celentano-Melato, mentre appaiono trascurabili gli altri episodi.

Homesick 16/01/10 10:42 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

L’astrologica domanda del titolo è esile pretesto per unificare quattro episodi molto deboli, nonostante l’impiego di grossi nomi della commedia italiana. Il primo segmento vede uno sparuto Villaggio recitare il solito repertorio fantozziano; il secondo non è che una gara di ballo in cui la coppia Celentano-Melato fronteggia Lacayenne e una Carati simpaticamente smorfiosa; nel terzo si distingue solo Salce aristocratico snob; nell’ultimo (**1/2) Sordi si riappropria del Nando Moriconi di Un americano a Roma, promuovendolo a guardia giurata invadente e disastrosa. Mediocre.

Nando 15/07/10 16:18 - 3495 commenti

I gusti di Nando

Quattro episodi molto diversi tra loro, in cui si ride grossolanamente. Villagio, reduce dai fasti fantozziani, non rende al meglio. Celentano e la Melato giogioneggiano troppo, Pozzetto è bravino come proletario stralunato. Sordi riprende il vecchio personaggio di Nando Moriconi con risultati esilaranti ma, ahimè, lievemente scontati.

Edo 5/09/10 23:13 - 12 commenti

I gusti di Edo

Film composto da 4 episodi. L’episodio con Paolo Villaggio è una piccola ma gustosa farsa; l’episodio con Celentano e la Melato è abbastanza prevedibile (però ci sono Jack La Cayenne e Lilli Carati!); il terzo episodio è divertentissimo: Pozzetto è al suo meglio ed è magistralmente supportato da Giovanna Ralli e Luciano Salce; il quarto episodio (con Alberto Sordi) mostra come è diventato Nando Mericoni vent’anni dopo Un giorno in pretura e Un americano a Roma: imperdibile.
MEMORABILE: L’episodio con Pozzetto: una serie continua di battute assolutamente esilaranti; l’episodio con Sordi (da vedere dopo aver visto Un americano a Roma).

R.f.e. 7/09/10 10:07 - 817 commenti

I gusti di R.f.e.

Simpatico film a episodi, ma non certo fra i migliori. Quello di Villaggio non è poi male, ma in vesti femminili Paolo è davvero laido, grottesco nel senso peggiore del termine. Insignificante quelli con Celentano e Pozzetto (anche perché non sopporto né la Melato, né Giovanna Ralli, che oltretutto considero entrambe velleitarie da un punto di vista, diciamo così, "estetico"). Carino l'episodio con Alberto Sordi, anche se non eccezionale. A questo film do la sufficienza a malapena...

Mark70 2/03/11 19:48 - 118 commenti

I gusti di Mark70

Film a episodi molto diseguali. La parte del leone la fa Sordi, che ripropone un americano a Roma 30 anni dopo: e in 30 anni Nando Mericoni non è riuscito a mettere la testa a posto, nonostante ora abbia un lavoro serio... memorabile ma un po' malinconico. Anche Pozzetto lavora, è un umile muratore che perà riesce ad avere una rivincita sociale... un po' particolare. L'episodio vale solo per la presenza di Pozzetto e Salce. Gli altri episodi (uno squallido Villaggio in vesti femminili, Celentano e la Melato ballerini) sono insignificanti riempitivi.
MEMORABILE: Sordi prepotente e menefreghista che alla fine avverte alla radio: "Mi hanno rapito il 'comenda', da oggi sono disponibile per un nuovo incarico".

Herrkinski 8/05/11 15:26 - 5281 commenti

I gusti di Herrkinski

Il film parte benino, con Villaggio che cerca strade un po' diverse dal suo classico Fantozzi e riesce a strappare qualche risata; un sonoro tonfo è invece l'episodio con Celentano e Melato, entrambi evidentemente fuori parte, anche a causa di una storia noiosa e per nulla comica. L'episodio con Pozzetto, vagamente "wertmulleriano", si salva solo grazie a qualche battuta riuscita del comico e alla partecipazione di Salce; il migliore rimane quello con Sordi, che riprende un suo vecchio personaggio, creando strepitose gag insieme a Bologna.

Von Leppe 21/05/11 19:27 - 1046 commenti

I gusti di Von Leppe

Quattro episodi che rispecchiano l'Italia di quegli anni. I migliori, per me: la gara di ballo con la coppia Celentano Melato (e c'è anche Lilli Carati), quello di Sordi con Nando Mericoni a Milano che fa il Gorilla K2 al commenda. Simpatici gli altri due: uno con Villaggio che deve cambiare sesso e immagina tutti i tipi di donna e l'altro con Pozzetto che se la vede con i ricchi, tra cui compaiono Giovanna Ralli e Luciano Salce. Nel complesso un bel film, riuscito.
MEMORABILE: "Ma cusa l'è un Gurilla?"

Il Dandi 15/11/11 23:26 - 1843 commenti

I gusti di Il Dandi

Classico settantiano a episodi, con tutte le disuguaglianze del caso. Il primo episodio, con Villaggio che si prepara ad accettare l'idea di dover cambiare sesso, mi è sempre sembrato il migliore per originalità e sintesi. Non memorabile quello più milanese e sociale con Pozzetto. Celentano (nella gara di ballo) e Sordi (gorilla all'ammericana del commenda Ugo Bologna) sfoderano dei piacevoli cavalli di battaglia: ma alla fine entrambe le esecuzioni risultano troppo prolisse. Televisivo e notturno.
MEMORABILE: Villaggio si immagina moglie sottomessa ad un uomo neanderthaliano; il "buongiorno" cantato dai domestici al commenda.

Dusso 23/01/12 18:51 - 1539 commenti

I gusti di Dusso

Film ad episodi come di moda all'epoca (qui sono ben quattro). Quello con Villaggio parte non male ma poi è troppo ripetitivo, il secondo con la coppia Melato-Celentano è noiosetto, quello di Pozzetto non è malaccio ma non mi è piaciuto il finale. Imperdibile invece l'ultimo, con Sordi assistito da un grande Ugo Bologna, episodio divertentissimo di gran lunga migliore degli altri.

Saintgifts 17/02/12 22:09 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Quattro episodi, uno per ogni elemento in cui sono divisi i segni zodiacali, tanto per giustificare il titolo. Nel primo Paolo Villaggio rifà il suo unico personaggio (che adatterà in tutti i suoi lavori, con poche eccezioni) quindi smorfie e battute prevedibili. Poi il film sale di tono con un Celentano così così e una Melato sopra le righe ma che, nel contesto, ci sta. Surreale, al solito, Pozzetto, nel terzo episodio, e infine Sordi, in sella ad una rombante Harley-Davidson (Nando Moriconi adulto), che ha trovato il lavoro adatto a lui.

Rambo90 23/02/12 18:30 - 6427 commenti

I gusti di Rambo90

Divertente film in 4 episodi: quelli con Villaggio e Pozzetto sono brevi, simpatici ma poco incisivi, ma comunque ravvivati dai protagonisti; i veri gioielli del lotto sono quello con Celentano e la Melato (affiatati e bravi) ambientato nel mondo delle balere e delle gare regionali di ballo e, soprattutto, quello finale con un Alberto Sordi strepitoso, che rifà il personaggio di Nando Moriconi, questa volta guardia del corpo di un ricco commendatore. Un film discontinuo, ma nel complesso godibile.

Liv 25/07/12 14:04 - 237 commenti

I gusti di Liv

L'episodio con Villaggio è tirato via alla peggio. Quello con Celentano e la Melato è divertente e ci ricorda un'epoca (quella del ballo lissio). Anche quello con Pozzetto, Giovanna Ralli e Luciano Salce mi diverte, con molti momenti felici, estrosi. Quello con Sordi non riesco a rivederlo: è minestra riscaldata, la replica di un film già noioso a suo tempo. Purtroppo Sordi era già diventato troppo cosciente dell'essere un'istituzione. Quello che ha di buono, l'ultimo episodio, è la sua brevità. Sarebbero stati capaci di farci tutto un film.

Motorship 26/07/12 22:09 - 567 commenti

I gusti di Motorship

Usuale film ad espisodi "made in 70's" nostrano. L'episodio con Villaggio non è male, ma i travestimenti se li poteva evitare (sono deboluccio di stomaco), quello con Celentano e la Melato insenso, mentre quello con il trio Pozzetto, Ralli, Salce è discreto. Ma quello chi non si scorda è Alberto Sordi nei panni del mitico mitico Nando Moriconi di Un americano a Roma, stavolta 50enne e bodyguard, davvero divertente, anche per la presenza di Ugo Bologna nel ruolo a lui più congeniale del cumenda milanese. Un film appena sufficente.
MEMORABILE: Tutto l'episodio con Sordi.

Samuel1979 8/12/12 14:41 - 474 commenti

I gusti di Samuel1979

Film suddiviso in quattro episodi che in linea di massima risultano piacevoli: Il primo, quello con Villaggio, è forse il più "stancante", ma si tratta di gusti personali ovviamente. I momenti più divertenti sono quelli con Sordi che, pur rifacendo un personaggio già conosciuto a tutti, risulta sempre divertente e unico. Prestigiose la partecipazioni di Giovanna Ralli e Ugo Bologna.
MEMORABILE: Sto bozzetto marchigiano o pijiano pe n'orecchio e o sbattono fori daa finestra!

Graf 9/09/13 01:18 - 700 commenti

I gusti di Graf

Tra un trascurabile Villaggio, l’appena decente Celentano, un Pozzetto in buona forma e divertente nelle sue battute stralunate, chi si impone in modo prepotente in questo discreto film a episodi di Corbucci è la Maschera della Commedia dell’Arte di Sordi, che riprende per la terza volta il suo fortunato personaggio di Nando Moriconi, diseredato trasteverino sbruffone e arrogante ma, in realtà, vigliacco e pusillanime. Poliziotto privato alle dipendenza di un "cumenda", travolge tutti e tutto con la sua presenza scenica e con la sua energia comica.
MEMORABILE: Nando Moriconi: da fanfarone mite e bonario degli anni ’50 con il mito dell’America a funereo e molesto poliziotto. Un segno dei tempi.

Deepred89 22/07/14 21:15 - 3307 commenti

I gusti di Deepred89

Commediola a episodi dalla fama a mio parere piuttosto immeritata. Si parte con un Villaggio fantozzeggiante che diverte alle prese con una tramina sciocca, spassosa ma prevedibile (**), si prosegue con Celentano e Melato che salvano una storiella esilissima su un concorso di danza (**), si tocca il nadir con un Pozzetto strozzato da una sceneggiatura inconcludente (*!) e si deludono definitivamente le aspettative con un Sordi scontato e machiettistico (ho preferito nettamente Bologna), che raggiunge giusto i **. Guardabile, ma deludente.

Trivex 22/09/14 10:11 - 1506 commenti

I gusti di Trivex

Complessivamente debole e sotto le aspettative. Facendo il necessario spezzatino, l'episodio con Villaggio prende **! perché alla fine, anche se la storia non trionfa, l'attore il suo umorismo lo sa esprimere. Deludente (e molto) Celentano: noioso, non arriva al mediocre *!. Riprendiamo un po' di slancio (ma non troppo) con un Pozzetto meno incisivo del solito e ci riportiamo a **!. Terminiamo con l'episodio del gorilla, secondo me un po' fuori film e nemmeno troppo divertente, ma con il suo perché e quindi giudizio **, equivalente a quello finale.

Gabrius79 2/01/15 18:27 - 1206 commenti

I gusti di Gabrius79

Commedia a episodi con un ricco cast di attori con poche frecce al proprio arco - e quelle poche sono appannaggio degli episodi con Alberto Sordi (il migliore) e con Renato Pozzetto. Quelli con Villaggio e la coppia Melato (assai brava) e Celentano risultano invece deludenti e privi di mordente.

Modo 18/06/15 15:54 - 829 commenti

I gusti di Modo

Commedia a episodi, riusciti soprattutto quelli di Pozzetto e Sordi. Sordi riprende il gorilla dell'Americano a Roma. Pozzetto sempre visionario e surreale con una storiella ben amalgamata. Celentano e la Melato così così, mentre Villaggio qualche sorriso lo strappa. Nel complesso molto meglio di altre pellicole simili.

Manfrin 25/01/16 17:38 - 329 commenti

I gusti di Manfrin

Quattro big della commedia non sempre bastano per fare un buon film. Si ridacchia qua e là, con Sordi forse sin troppo macchietta col suo Nando Moriconi (impeccabile Ugo Bologna), Villaggio e Celentano abbastanza scontati. Ritengo migliore l'episodio con Pozzetto, a suo agio nella figura del proletario infuriato e cinico.

Corinne 24/01/16 01:10 - 405 commenti

I gusti di Corinne

Film come questo mi ricorda che di commedie insulse, di minestre riscaldate con un cast ricco di attori del momento che ripetono alla nausea i loro personaggi più celebri, non se ne fanno solo ora. Si ride, per lo meno, ma tutto è tirato per le lunghe nonostante la brevità degli episodi e alla fine ci si annoia anche un po'. Dimenticabile.

Alex75 27/01/16 09:17 - 685 commenti

I gusti di Alex75

L’avvio è faticoso, in quanto l’episodio con Villaggio sfrutta in maniera deludente uno spunto originale, mentre l’episodio successivo, a parte i numeri di ballo di Celentano e La Cayenne e il debutto della Carati, ha poco da offrire. Il film decolla solo con le buone battute di Pozzetto, impegnato in un episodio piuttosto naïf e soprattutto col crescendo rossiniano di Sordi, che ripropone l’”ammeregano” Moriconi, un vero terremoto che si abbatte sul malcapitato “cumenda” Ugo Bologna.
MEMORABILE: Villaggio spiega perché non riesce ad accavallare le gambe; Pozzetto “ ospite” di Pinin Farina; Tutto l’episodio con Sordi.

Panza 29/03/16 19:01 - 1502 commenti

I gusti di Panza

Si ha sempre l'impressione che regga più per la bravura degli attori coinvolti (non solo le star: grandi Salce e Bologna) che per le battute con cui diverte solo a singhiozzi. Non mancano infatti in oltre due ore di durata fasi eccessivamente stirate come la lunga gara di ballo o la festa notturna alla villa. Simpatica qualche uscita di Pozzetto ("Sei vergine?" "No, ho i collant" e la descrizione del milione di lire), l'equivoco con l'amante di Bologna e le parti oniriche dell'episodio con Villaggio. Molto diseguale e davvero troppo lungo.
MEMORABILE: Sordi con la motocicletta; La corsa in bicicletta di Pozzetto; La canzone di buongiorno dei domestici di Bologna; La canzone dei titoli di testa.

Il ferrini 31/03/16 17:54 - 1728 commenti

I gusti di Il ferrini

Sordi fa Un americano a Roma, Celentano balla come in Qua la mano (fra l'altro c'è anche Lilli Carati), Villaggio fa Fantozzi e Pozzetto Il ragazzo di campagna. Ergo, se amate questi attori non troverete nulla di nuovo in questa pretestuosa quadrilogia degli elementi diretta da Corbucci in cui recita perfino Luciano Salce e forse sarebbe stato meglio il contrario. Ci sono alcune battute degne ma francamente il peso del film poggia quasi interamente sulle spalle dei protagonisti, fortunatamente bravi.

Ultimo 3/04/16 17:26 - 1383 commenti

I gusti di Ultimo

Film a episodi molto mediocre, ove solo la bravura dei protagonisti riesce a tenere "alto" il ritmo. Brutto l'episodio con la coppia Melato-Celentano; divertente solo in parte quello con Villaggio che crede di dover diventare donna; un po' meglio l'episodio con Pozzetto, breve ma incisivo e con qualche buona battuta; il migliore è l'ultimo, con Sordi e Ugo Bologna. Film evitabile.

Paulaster 3/03/17 10:19 - 2863 commenti

I gusti di Paulaster

Quadruplice episodio che con l'escamotage dei segni zodiacali rappresenta tematiche degli anni 70: femminismo, lotta di classe, rapimenti. Come note sui singoli: Villaggio e Sordi ripetono caratterizzazioni già viste, la Melato si apprezza per la versatilità e Pozzetto riesce sempre a tirar fuori l'umorismo sarcastico. Discreto l'uso dei comprimari come La Cayenne, Salce e Bologna.
MEMORABILE: Pozzetto che si staglia al caminetto.

Pesten 28/10/18 20:03 - 646 commenti

I gusti di Pesten

Quattro capitoli dalla resa altalenante. Il primo, con Villaggio, esce nello stesso anno del primo Fantozzi ed è un piccolo bignami del personaggio, qui alle prese con una storia azzeccata. Il secondo, con la Melato e Celentano, è il meno interessante: principalmente si balla e per quanto la Melato cerchi di caratterizzare il suo personaggio, finisce tutto li. Quello di Pozzetto prende una storia normale e la trasforma quasi in un trip, con questo suo personaggio stralunato. L'ultimo è il migliore, con Sordi fantastico nei panni di Nando Mericoni.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Dusso • 28/04/14 20:29
    Segretario - 1621 interventi
    Geppo ebbe a dire:
    La scena della sauna (col nudo integrale di Barbara Magnolfi) è presente nella versione trasmessa sabato su Iris, compresa la famosa battuta di Pozzetto.
    Quindi, per me è uncut!
    La versione integrale dura 127 minuti.


    si è senz'altro integrale
  • Discussione Ramino • 29/04/14 22:57
    Galoppino - 31 interventi
    Ricordo di aver avuto una versione registrata sui canali Mediaset dov'era tagliata la scena finale quando Villaggio doveva essere ingroppato dal marito ubriaco e poi si metteva a mangiare un tozzo di pane.
    L'altro ieri su Iris era presente.
  • Discussione Markus • 30/04/14 18:39
    Scrivano - 4803 interventi
    Ramino ebbe a dire:
    Ricordo di aver avuto una versione registrata sui canali Mediaset dov'era tagliata la scena finale quando Villaggio doveva essere ingroppato dal marito ubriaco e poi si metteva a mangiare un tozzo di pane.
    L'altro ieri su Iris era presente.


    Sì, confermo che la scena "sessuale" col tozzo di pane in bocca a Villaggio c'è sulla "Iris-version". Speravo solo in una versione un po' più limpida, invece la grana della pellicola è sempre un po' scarsa.
  • Discussione Stil0s0 • 26/01/16 00:38
    Disoccupato - 20 interventi
    Eccovi la mia "Scuola di cult" su "Di che segno sei" andata in onda su Iris qualche tempo fa.

    https://www.facebook.com/IrisMediaset/videos/967824733271318/

    Racconto alcune curiosità del film e penso di aver trovato il perchè della gag sul prezzo delle risate nella pubblicità postata da Zender!

    Ultima modifica: 26/01/16 00:42 da Stil0s0
  • Discussione Il Dandi • 26/01/16 18:30
    Contratto a progetto - 1468 interventi
    C'è un errore nello speciale sulla villa dell'Olgiata, che purtroppo viene riportato anche nella trasmissione televisiva:

    il delitto a cui fa riferimento Ruber (anche se mi domando su quali basi identifichi la villa) è quello di Maria Vittoria Revedin, ex-moglie di un costruttore uccisa il 23 dicembre 1990 (e non '91) proprio dal marito che confessò quasi subito.

    Il "delitto dell'Olgiata" par exellence, rimasto insoluto per quasi vent'anni, è invece quello della contessa Alberica Filo della Torre uccisa il 10 luglio 1991 in un'altra villa dell'Olgiata che non è quella nota per il suo utilizzo cinematografico.
    Ultima modifica: 26/01/16 18:34 da Il Dandi
  • Discussione Zender • 27/01/16 07:57
    Consigliere - 43731 interventi
    Lo riporto qui allora, in attesa di verifiche, grazie Dandi.

    1991: DA LUOGO IDILLICO A "VILLA DEGLI ORRORI" (Ruber)
    L'utente Ruber ci aggiorna su uno strano caso legato alla nostra villa:
    La famosa villa appartenne ad un imprenditore che, in cucina, il 23 dicembre del 1991, uccise la ex moglie per questioni legate al patrimonio, ai figli, e a varie dispute fra di loro. Sparò 4 colpi diretti per i quali sta scontando 14 anni di carcere a Rebibbia.
    Dopo il delitto la villa rimase per un po' di tempo vuota, dopodiché il titolare la diede in gestione ad una società che la affittava appunto per varie fiction televisive e film; nel 1997 la villa venne offerta al neo allenatore della Lazio che cercava casa a Roma. Fu una delle prima case ad essergli proposta dall'agenzia, che ovviamente non gli disse nulla dell'omicidio avvenuto qualche anno prima (la villa era chiamata "villa degli orrori" dagli abitanti dell'Olgiata). Questi si accordò sul prezzo di affitto, ma quando seppe dell'omicidio non ne volle più sapere e cosi la villa continuò ad essere sfitta e ad essere usata per il cinema.
    Non so se oggi il proprietario sia riuscito a liberarsene o meno; è proprio una villa maledetta comunque, perché qualche mese dopo il delitto della ex moglie, anche il figlio piu piccolo dell'uomo, di 12 anni, morì in un incidente stradale sulla strada che porta all'Olgiata, mentre la sorella di rimase gravemente ferita.
    Ultima modifica: 27/01/16 07:58 da Zender
  • Discussione Mauro • 27/01/16 08:16
    Disoccupato - 9593 interventi
    Questo è l'articolo de "La Repubblica" che parla dell'omicidio avvenuto nella "nostra" villa. La data in calce è 23 dicembre 1990. Nell'articolo si parla anche di un film TV della Rai girato con Virna Lisi

    http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/1990/12/23/delitto-nella-roma-bene-imprenditore-uccide.html
    Ultima modifica: 27/01/16 08:19 da Mauro
  • Curiosità Buiomega71 • 24/09/18 18:58
    Pianificazione e progetti - 22095 interventi
    Direttamente dall'archivio privato di Buiomega71, il flanetto di Tv Sorrisi e Canzoni della Prima Visione Tv (martedì 16 aprile 1985) di Di che segno sei?:

  • Discussione Mco • 24/09/18 19:11
    Scrivano - 9684 interventi
    Sempre un piacevolossimo tuffo nel passato questi flanetti, caro Buio.
  • Discussione Buiomega71 • 24/09/18 19:17
    Pianificazione e progetti - 22095 interventi
    Mco ebbe a dire:
    Sempre un piacevolossimo tuffo nel passato questi flanetti, caro Buio.

    Angolo nostalgia