LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 30/03/17 DAL BENEMERITO DANIELA
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Daniela 30/03/17 10:24 - 9646 commenti

I gusti di Daniela

"Tutto il paese sorge sui cadaveri!" Lo dice uno dei personaggi, per invitare ad andare oltre e non pensare alle ombre del passato. Ma accade che un'ombra non si contenti di restare relegata nei ricordi di un vecchio professore e si presenti, ospite non invitata, ad un pranzo di nozze... Horror polacco con pochissimo sangue e molta suggestione: Satana non c'entra, il "demonio" è il passato doloroso rimosso dalla memoria e sepolto per far posto alla quotidianità di una festa che assume sempre più i contorni di un incubo sfatto e volgare. Confezione curata, cast in parte, bella colonna sonora.
MEMORABILE: La "possessione" dello sposo nel mezzo della sala da ballo

Puppigallo 31/03/17 13:58 - 4526 commenti

I gusti di Puppigallo

Pellicola dotata di una sua genuinità, che in linea di massima non scende a compromessi col genere, procedendo senza grandi colpi di scena, o effetti da occhio strabuzzato. Al tempo stesso però, non convince fino in fondo, dando qua e là l'impressione di un guazzabuglio audiovisivo, dove per assurdo (nel senso anche buono del termine), da una parte si ha un fatto sempre più inspiegabile, che si fa largo con forza tra gli invitati; e dall'altra un branco di festaioli quasi dementi, che continuano a bere, ballare, con comportamenti paradossali (c'è un limite). Comunque, non male, nel complesso.
MEMORABILE: La possessione scambiata, all'inizio, per epilessia dal dottore che "non beve più".

Kinodrop 10/05/17 16:00 - 1600 commenti

I gusti di Kinodrop

Piotr raggiunge la promessa sposa in un paesino polacco e nel metter mano alla ristrutturazione della vecchia casa di campagna, il ritrovamento di ossa umane stravolge tutti i disegni della coppia e la stessa festa di matrimonio. A metà tra l'horror di possessione e il racconto popolare yiddish, risente dell'ambiguità e dell'inconciliabilità tra realismo e paranormale con risultati che devono più all'ambiente e alla suggestione che non alla "storia" in sé. Ottima la performance di Tiran posseduto dal dybbuk e la regia del ricevimento nuziale.
MEMORABILE: Il tentativo del padre di nascondere i fatti; Piotr/Hana; I due cortei dello sposalizio e del funerale.

Rigoletto 25/12/17 18:35 - 1621 commenti

I gusti di Rigoletto

Ero partito con le migliori intenzioni ma alla fine mi ha poco coinvolto. Non è in discussione certamente la prova di Tiran, efficace, ma è proprio il film in sé a non condurre da nessuna parte. Anche l'ambientazione, fondamentalmente, non cambia mai lasciando quella patina di ripetitività. L'idea di base era buona viene gestita in maniera strana; i risultati potevano essere decisamente migliori.

Bubobubo 6/11/19 15:41 - 1231 commenti

I gusti di Bubobubo

Un enorme complesso di colpa attraversa carsicamente la Pietroburgo del Goljadkin dostoevskijano sino a sfociare nei dintorni di Bochnia, dove sul più classico dei banchetti matrimoniali si proietta l'ombra di un passato che, come il fantasma della misteriosa Hana, è femminile (przeszlosc). Film difficile da giudicare, per un terzo thriller spiritico dall'ottima tensione, per un terzo farsa carnascialesca e per un terzo dramma sociopolitico dalle ambizioni forse troppo elevate. Visione interessante ma imperfetta. Ultimo film del fragile Wrona.
MEMORABILE: Il primo attacco epilettico di Piotr.

Lupus73 31/05/20 18:26 - 688 commenti

I gusti di Lupus73

Il matrimonio, passaggio iniziatico tra morte e rinascita come riproposto nei più recenti The bride e Finché morte non ci separi in maniera meno sobria. Pellicola di gran lunga superiore, ghost story sulla possessione, senza ausilio di nessun SFX, trova la sua forza nell'essenza del cinema: la fotografia, le riprese, la messa in scena. La regia non si limita a creare una storia macabra ma la imbeve della cultura polacca (folclore, balli e canti) e della storia di tutto un paese che sorge sugli scheletri di un fosco passato. Da vedere in lingua madre.
MEMORABILE: Il prete che cerca di essere razionale e il medico che non riesce a esserlo e parla di possessione.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Daniela • 30/03/17 11:08
    Consigliere massimo - 5297 interventi
    Chi bazzica il genere sa bene che, per ogni buon horror, capita di vederne, ad essere ottimisti, almeno tre o quattro modesti se non pessimi. Ogni tanto però ne capita appunto uno buono e a mio parere questo è da contare nel numero.

    Ispirato ad una antica leggenda yiddish, Demon mette in scena una possessione "demoniaca" (ma il demonio classico non c'entra) incorniciandola nella rappresentazione di una festa di matrimonio, narrata con minuzia realistica ma anche con tratti grotteschi.
    Il risultato e soprattutto l'epilogo possono magari lasciare perplesso chi cerca un horror di stampo più classico, ma vale la pena di tentare la visione. Consigliato; non aspettatevi sangue e viscere, qui praticamente assenti, ma suggestioni ed inquietudine, miste a momenti di imbarazzato divertimento (il dottore finto astemio, il prete pavido ansioso di tornare in parrocchia, la copula non interrotta dalle trattative per la ripresa del concerto, la torta nunziale presentata nel momento meno opportuno).

    Oltre alla fotografia e alla colonna sonora, entrambe notevoli, onore al merito alla prestazione corale del cast, in cui spiccano Andrzej Grabowski, il padre della sposa pateticamente interessato solo al salvataggio delle apparenze, e Itay Tiran, lo sposo venuto da lontano, eccellente in particolare nei momenti di smarrimento e di possessione.

    Il regista è il polacco Martin Wrona.
    Come accade in questi casi, trattandosi di un autore di cui non avevo mai sentito parlare, sono andata a vedere su IMDB cosa altro avesse girato, scoprendo una filmografia piuttosto scarsa di titoli: a parte qualche cosa per la tv, solo altri due lungometraggi prima di questo, che è stato presentato per la prima volta al Toronto Film Festival riscuotendo un buon successo di pubblico e di critica.

    Scrivo al passato perché Wrona si è suicidato a 42 anni in una stanza d'albergo, pochi giorni dopo la presentazione del film al Festival canadese.
    Ultima modifica: 31/03/17 22:10 da Daniela
  • Discussione Schramm • 30/03/17 14:29
    Risorse umane - 6724 interventi
    ti ringrazio per la chiamata, cara. lo annoto tra altri 983749835mila in attesa di tempi più rigogliosi..!
  • Discussione Tarabas • 30/03/17 15:15
    Formatore stagisti - 2065 interventi
    Grazie della segnalazione, immagino non sia facile da reperire, ma me lo segno.
  • Discussione Mco • 30/03/17 19:27
    Scrivano - 9687 interventi
    Malgrado io non sia stato da te chiamato (sob sob) :-(((, Dany, leggo ugualmente le tue osservazioni su questo demonhorror polacco.
    Ho in programma di vederlo una di queste sere, tra uno slasher (Cub), un poliziesco (Sangue di sbirro) e un paio di puntate di Daltanious e le tue righe mi hanno ancor più convinto di tale scelta... ;-)
  • Discussione Daniela • 30/03/17 20:47
    Consigliere massimo - 5297 interventi
    x Mco
    scusa la dimenticanza, imperdonabile considerato il genere ed il tuo avatar ;o)
    Mi farò perdonare con una dritta preziosa, appena scopro qualcos'altro che può altrimenti sfuggire - drittare film di cui parlano tutti mica è vietato, però c'è meno gusto.

    CUB non mi ha entusiasmato ma qui sul Davinotti ha diversi estimatori, mentre Sangue di sbirro non l'ho mai visto (alludi al vecchio film degli anni '70, vero?) - credo comunque che nel mezzo questo Demon ci starà proprio bene, magari non ti piacerà come è piaciuto a me, ma certo non è uno di quegli horrorini fatti con lo stampino che ti fanno ardentemente desiderare la morte di tutti i personaggi in campo, e mettono pure la voglia di menare regista e sceneggiatore (un esempio recente che vale anche da dritta negativa: Don't Hang Up).
    Ultima modifica: 30/03/17 23:39 da Daniela
  • Discussione Mco • 30/03/17 22:14
    Scrivano - 9687 interventi
    Grazie mille, I'm joking, of course...
    Mi sa che domani o sabato mi sparo proprio il tuo Demon.
    Ps sei davvero un mito Dany, stare al passo mio e di Schramm in questi lidi è arduo e tu, invece, ci sorprendi sempre.
    Grazie ancora
    ;-)))
  • Discussione Puppigallo • 31/03/17 21:07
    Scrivano - 502 interventi
    Grazie per la segnalazione, Daniela. Pellicola singolare.
    Ultima modifica: 31/03/17 21:07 da Puppigallo
  • Discussione Cotola • 1/04/17 10:28
    Consigliere avanzato - 3646 interventi
    Assolutamente da recupare. Sembra intrigante.
    Grazie Daniela.