Death race

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Death Race
Anno: 2008
Genere: action (colore)
Note: Sequel alla lontana di "Anno 2000: La corsa della morte" di Paul Bartel.
Numero commenti presenti: 22
Papiro: cartaceo

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO INSERITO IL GIORNO 23/11/08 DAL BENEMERITO MASCHERATO POI DAVINOTTATO IL GIORNO 2/12/14
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Mascherato 23/11/08 18:37 - 583 commenti

I gusti di Mascherato

Il B movie nel XXI secolo è uno sporco lavoro. E Paul W.S.Anderson lo fa bene. Non gli si può certo chiedere l'humour di Bartel, ma c'è da dire che l'America, nel frattempo, è davvero in crisi. Il regista di Resident Evil mescola all'idea originale della corsa automobilistica quella della mattanza in diretta tv tra detenuti che viene da L'implacabile di Paul Michael Glaser e Stephen King, riempie il set di facce da B (Statham, Tyrese Gibson) e dopo 40 minuti di prologo (noiosetti) spinge l'acceleratore ed allora sì che ci si diverte!
MEMORABILE: Il Coach/Ian McSHane che in due occasioni si rivolge alla m.d.p esclamando "That's Entertainement!" e "I Love This Game!"

Supercruel 15/02/09 20:41 - 498 commenti

I gusti di Supercruel

Buon prodotto di intrattenimento. Da una pellicola del genere ci si aspetta solo una cosa: divertimento. Paul W.S. Anderson si conferma abile giocoliere e basandosi sull'originale di Bartel confeziona una bella baracconata, veloce, violenta e peraltro mai stupida. Il cuore del film - come è normale che sia - sono le corse automobilistiche: esagerate, tamarre, ben girate, adrenaliniche. E poi il solito - grandissimo - Jason Statham, sempre più lanciato nel mito.

G.Godardi 3/03/09 14:46 - 950 commenti

I gusti di G.Godardi

Più che remake di un film cult si inserisce nel genere videogame fatto film. Infatti manco a dirlo è diretto da quello che è ormai lo specialista del genere. Tenta di coniugare due generi appartenenti a due codici diversi, cioè il carcerario per il cinema e il reality per la tv, purtroppo non riuscendo a coagularli tra loro. Parte un po' stancamente ma inaspettatamente si riprende da metà film in poi, assicurando un buon divertimento. L'apparato spettacolare comunque è grandioso. Funzionale il cast. Vedibile.

Patrick78 31/03/09 14:49 - 357 commenti

I gusti di Patrick78

Videogioco alla lunga stancante e di una sciocchezza inimmaginabile che se paragonato al gioiellino di Bartel (Anno 2000 - La corsa della morte); dovrebbe far vergognare lo stesso Corman, purtroppo partecipe in questa becera operazione commerciale nelle vesti di produttore esecutivo. Anderson non è un regista ma una macchietta e ogni suo film finisce inevitabilmente con l'annoiare o peggio ancora inorridire lo spettatore. Statham è sempre più un attoraccio di serie Z e non può reggere il confronto con il mitico Frankenstein di David Carradine. Vergognoso.

Harrys 16/04/09 00:57 - 683 commenti

I gusti di Harrys

Film d'azione senza pretesa alcuna; pur nella sua "classicità" (qui intesa come banalità), riesce nell'intento di intrattenere lo spettatore per il tempo necessario ad ingurgitare più popcorn possibile. Jason Statham spacca coma al solito, affiancato qui da una cattivissima Joan Allen. Saggia la decisione di puntare più sull'action pura delle corse che sugli strainflazionati rapporti burrascosi tra carcerati. Per gli amanti del genere.

Daniela 18/04/09 07:39 - 10781 commenti

I gusti di Daniela

Remake alla lontana, dato che del prototipo manca l'idea più originale (il sistema per guadagnare i punti) e la vicenda è stata trapiantata in ambiente carcerario. Partenza lenta, però quando si arriva al sodo, ossia alle corse, con le bizzarre vetture tecno/scalcinate, il divertimento non manca, grazie allo spettacolare circuito e ai bonus da videogame. Per contro, lo svolgimento della vicenda, finale compreso, è molto prevedibile e può risultare noioso. Jason Statham è un Bruce Willis giovane, con più muscoli e meno senso dell'umorismo.

Marco_iol 18/04/09 20:28 - 11 commenti

I gusti di Marco_iol

Le prime scene del film fanno storcere il naso: i presupposti sono di quanto più banale si possa immaginare. Però questa fase dura poco, è sufficiente per dare il via al tema centrale del film: assurde gare automobilistiche, ambientate all’interno di un carcere in un prossimo futuro. A questo punto il film diventa divertente, il ritmo è da videogame e si lascia piacevolmente guardare. Alcune trovate sono divertenti, il montaggio è ottimo, così come l’attore principale, Jason Sthatam, una sicurezza per questo genere di film. Consigliato.

Flazich 24/05/09 15:11 - 659 commenti

I gusti di Flazich

Ah Ah, il trionfo del trash cinematografico. Questa pellicola fa un baffo ai sequel di Fast and Furios oppure a XXX. I tombini per avere le armi o le protezioni è rubato bellamente da un capolavoro videoludico dal nome Wipeout: ma quello è un videogioco. Jason Statham già mi era parso terribile nel pessimo Crank ma qui riesce a superarsi. Proprio inguardabile.

Galbo 30/06/09 06:47 - 11702 commenti

I gusti di Galbo

In un futuro prossimo venturo la progressiva perdita dei valori morali fa sì che uno dei motivi di divertimento sia quello di assistere (in tv) a corse all'ultimo sangue che si svolgono all'interno di un penitenziario. Remake di un film di Bartel, Death Race non è certo un film dagli spunti originali a partire dalla figura del protagonista ennesimo personaggio accusato di un crimine non commesso. Bisogna però ammettere che è realizzato con professionalità (gli inseguimenti in auto sono girati benissimo) ed interpretato da un cast convincente.

Rambo90 14/03/10 19:13 - 6874 commenti

I gusti di Rambo90

A mio parere superiore all'originale, questo Death Race ha una storia vista e rivista mille volte e piena di tutti i luoghi comuni del genere. Ma Statham è più che carismatico come protagonista, la Allen perfetta in vesti cattive e Gibson meno antipatico del solito. Grandissime le scene d'azione, ritmo indiavolato e finale consolatorio, un buon prodotto di genere da vedere per divertirsi.

Paul W.S. Anderson HA DIRETTO ANCHE...

Jena 8/05/10 16:49 - 1347 commenti

I gusti di Jena

Paul Anderson è un discreto regista che però non riesce mai ad elevarsi sopra lo standard del buon artigianato. Qui non si smentisce. Si parte piuttosto bene con la morte del vero Frank, un risvolto sociologico, l'arrivo al carcere con scene a metà tra Carpenter e Fuga da Alcatraz. Poi tutto si banalizza e alla fine il referente più diretto del film. L'implacabile risulta nettamente superiore. Però Statham, una sorta di Bruce Willis dei poveri, regge bene la parte e anche le scene delle gare sono ok... insomma si può vedere.

Hackett 10/06/10 07:30 - 1807 commenti

I gusti di Hackett

Adrenalinico e girato come una sorta di grande videogame, "Death race" mantiene quanto promette: azione, fuoco e fiamme. Personaggi un po' fumettistici e stilizzati ma funzionali ai ritmi della narrazione, trama che può stare in un fazzolettino e violenza intrisa d'ironia. Alla fine ci si diverte. Non male.

Capannelle 25/07/10 22:23 - 3929 commenti

I gusti di Capannelle

È un film "truzzo" di prima categoria ma diverte. All'inizio indispone, musica pallosa e demagogia sembrano prevalere, ma poi prende la piega del gioco senza pretese e si avvale delle giuste facce: da Stathan, che in certi film è come il cacio sui maccheroni, alla Joan Allen in posa marziale (lei da sola vale il biglietto ed è assai meglio che la giovincella fotocopiata). Molto diverso dal film di Bartel, sopravanza i moderni F&f e compagnia.

Puppigallo 17/01/11 09:05 - 4685 commenti

I gusti di Puppigallo

Se nel capostipite c'era la coraggiosa e spudorata trovata di mettere sotto con l'auto comuni cittadini per fare punti, il tutto nella piena regolarità della competizione, qui non c'è neanche più quello. Ma non sarebbe stato un punto a sfavore se almeno ci si fosse un po' scervellati per trovare una gustosa alternativa. Purtroppo invece, ci si limita a gare in carcere, dove i detenuti si ammazzano tra loro (sai che novità: lo fanno già senza veicoli). In più, la trametta del cavolo e il finale fanno sprofondare il tutto nella mediocrità, nonostante il buon ritmo e qualche sanguinoso momento.
MEMORABILE: Frankenstein ridotto a icona immarcescibile "Un uomo a cui non piace l'idea di morire"; "Assisterete a 3 giorni di carneficina automobilistica".

Belfagor 19/01/11 19:04 - 2643 commenti

I gusti di Belfagor

Davanti al trash non ci si può permettere di vacillare: o lo si respinge o si lascia che impregni la pellicola. Una pellicola a metà strada come questa, ovvero una baracconata fracassona che cerca di darsi un tono, risulta presto indigesta. Mancano l'ipertrofia fantapolitica, i pugni (cromatici) nell'occhio e la violenza farsesca dell'originale degli anni '70, indispensabili per dare al film quell'epicità da sala giochi. Se non altro, Statham si conferma adatto per i ruoli d'azione e poi c'è un sardonico McShane.

Pol 4/05/11 20:49 - 589 commenti

I gusti di Pol

Da un film che si chiama Death race so già di dovermi aspettare una sceneggiatura modello "usato sicuro", un'impostazione pesantemente videoludica e l'insopportabile umorismo da macho USA. L'importante è che il ritmo sia alto e l'azione massiccia e sotto quest'aspetto non sono rimasto affatto deluso. Aggiungiamo il fatto che il montaggio, pur frenetico, non sacrifica mai la comprensibilità dell'azione e di questi tempi non è poco. Jason Statham si conferma bollino Chiquita dell'action.
MEMORABILE: Il mega-camion.

Enzus79 2/06/11 16:25 - 2111 commenti

I gusti di Enzus79

Al regista Paul W. S. Anderson va dato atto che le scene degli inseguimenti le ha girate veramente bene e sono abbastanza coinvolgenti. Il resto è tutto banale, con musica rap inopportuna. Jason Statham è tutt'altro che antipatico. Finale davvero pessimo.

Jcvd 6/06/11 22:10 - 258 commenti

I gusti di Jcvd

Nonostante l'abbinamento "incarcerato per aver ucciso la moglie senza essere il complotto + gare automobilistiche" non sia proprio il massimo dell'originalità, questo Death Race colpisce e lascia al segno. Il merito è soprattutto di un cast eccellente, con Statham e Gybson a farla da padroni. Bella anche la trovata di Frankenstein e il pepe aggiunto dalle fanciulle sexy. Finale azzeccatissimo!

Jandileida 24/08/12 08:17 - 1347 commenti

I gusti di Jandileida

Ridotto all'osso quell'inutile orpello chiamato sceneggiatura, abbandonato ogni tentativo di denuncia sociale, possiamo accomodarci, con gioia, nell'abitacolo accanto a Statham. Eh sì, perché il film funziona e raggiunge, anche con una discreta classe per il genere "azione da videogame", i suoi scopi, ovvero intrattenere grazie a momenti action ben congegnati e a far sentire l'aficionado (me) a casa ritagliando per Jason un ruolo perfetto, duro fuori ma buono dentro. Film superiore alla media, dunque, anche grazie a un buon cast capitanato da Allen e McShane.
MEMORABILE: Le copilote: tutte, senza eccezioni, modelle di intimo; La faccia di Statham mentre gli stanno friggendo la macchina con un lanciafiamme.

Piero68 28/11/12 11:12 - 2848 commenti

I gusti di Piero68

E' proprio il caso di dire che il B movie si evolve; e sempre più spesso vira verso la commistione tra film e videogioco quando addirittura, come in questo caso, non è tutto il film ad essere un enorme videogioco. Parlare di sceneggiatura è arduo, ma alcune scene sono davvero di impatto grazie a buoni effetti e grazie a una buona dose di splatter. Cast ad hoc, dato il genere: Statham e Gibson sono pressocchè perfetti nei loro ruoli. C'è anche McShane (ottimo caratterista), che negli ultimi anni ha preferito tralasciare teatro e Tv per il grande schermo.

Jason Statham HA RECITATO ANCHE IN...

Nando 3/06/13 23:40 - 3584 commenti

I gusti di Nando

Battaglie automobilistiche su un circuito carcerario con esplosioni, morti e cruenti incidenti stradali. L'ispirazione a un videogioco è più che lampante e le scene automobilistiche sono dignitose e ben girate. Latente la denuncia speculativa delle gare mortali. Cast appropriato e finale scontato.

Caesars 28/06/13 08:17 - 3045 commenti

I gusti di Caesars

La cosa che più stupisce è il trovare Roger Corman (produttore della pellicola originale) tra i "responsabili" di questo pseudo remake, solo vagamente ispirato alla pellicola di Bartel. Qui la trama brilla per la completa mancanza di originalità e il pezzo forte dovrebbero essere le riprese della gara, che invece stancano dopo due secondi (pur essendo ben realizzate tecnicamente), per la loro ripetitività e per la completa mancanza di logica (qualunque cosa succeda, anche se uno sta fermo minuti, sono sempre incollati l'uno all'altro). *!
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Zender • 10/04/09 09:41
    Consigliere - 44934 interventi
    Uscita il 9 aprile 2009 per la Universal la Unrated Version di DEATH RACE (2008)
    Audio: Ita.5.1
    Video: 16:9/2.35:1
    Extra: Commento al film del regista e del produttore + Accendi i motori - preparati per una corsa contro la morte + A prova di stunt