LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Ciò che differenzia parzialmente il film rispetto ai tanti altri appartenenti al famigerato filone degli animali assassini è che la componente più debole, insignificante e irritante è proprio quella che riguarda l'eco-vendetta delle formiche giganti: realizzate pedestremente in digitale con effetti davvero grossolani e scadenti, fanno presenza ma sono destinate a restare (fortunatamente) in secondo piano. Già, perché invece la scena se la prendono i componenti della band heavy metal in viaggio verso il festival dove dovranno esibirsi. Accompagnati dal loro manager (Arnold) e da una groupie (Richardson) che se la intende col cantante (Busey), i nostri fanno tappa col furgone ai margini del deserto,...Leggi tutto dove un indiano e il suo collaboratore nano forniscono loro un potentissimo peyote allucinogeno che chiamano "il Sole"; con una sola raccomandazione: non torcete un capello a nessun animale, nella zona, o farete una brutta fine. Inutile dire che appena accampatisi non molto distante il bassista (Astin), già in pieno trip, si accanisce su di una formica provocando un'immediata reazione delle altre, che crescono a dismisura cominciando ad assediare il furgone e pure l'auto di due avvenenti ragazze giunte lì con l'idea di aggregarsi alla band. Ma come detto non è certo l'attacco delle formiche a dare sprint al film quanto invece le bizzarre caratterizzazioni dei Sonic Grave, band un po' in disgrazia il cui chitarrista (Coiro) ha l'incubo di dover suonare al festival la power ballad che li ha portati al successo, "Don't Close Your Eyes" (che sentiremo fugacemente nell'ultima parte). Certo, sono stereotipizzazoni dozzinali, ma il buon senso dell'umorismo del regista e le capacità del cast le sanno rendere gustose, con un Tom Arnold massimamente cinico che qualche ottima battuta di tanto in tanto l'azzecca. Ci si aggiunga un parco di belle figliole non indifferente (la Richardson è radiosa, la Sweeney copre appena il generoso seno, la Haley si concia quasi da tossica nel ruolo della batterista) e il gruppo d'attori si può dire rappresenti il meglio di un film che putroppo non sempre mantiene un buon ritmo (le allucinazioni stancano presto). E' chiara l'intenzione di non prendersi sul serio imboccando la via della semiparodia dalla quale ormai questo particolare (sotto)genere sembra fatichi ad affrancarsi (SHARKNADO docet), ma se non altro l'inevitabile susseguirsi di urla connesse agli attacchi delle formiche sembra sposarsi bene alla natura eccesiva dei musicisti e del loro manager permettendo al film di elevarsi leggermente dalla desolante media cui siamo abituati. Sarà la colonna sonora farcita di brani rock (con esibizione finale che coincide con la inaspettata soluzione del problema), saranno le maschere azzeccate ma un moderato divertimento si registra. Alternato a tanta fuffa, sia chiaro... Ovviamente nessuna spiegazione viene fornita riguardo alla mutazione delle formiche (e per fortuna, considerato il taglio pseudodemenziale dato al film).
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO INSERITO IL GIORNO 7/11/19 DAL BENEMERITO ANTHONYVM POI DAVINOTTATO IL GIORNO 18/06/20
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Anthonyvm 7/11/19 15:24 - 1938 commenti

I gusti di Anthonyvm

Soggetto vincente (una rock band sfigata in stile Spinal Tap alle prese con formiche giganti), cast azzeccato e nessuna voglia di prendersi sul serio. Buone premesse sviluppate con scarso mordente, come se si avesse paura di esagerare (difetto tipico di molti film simili, Big ass spider tanto per citarne uno). Le gag riuscite non mancano, Tom Arnold è irresistibile, ma l'intero versante "forte" (nudi e sangue) è limitato, gli SFX e le povere scene corali (il fiacco climax al concerto) sintomatici dell'esiguità dei mezzi. Simpatico e nulla più.
MEMORABILE: La ragazza nuda inseguita dalla formicona; La formica parlante; Le canzoni dei Sonic Grave; Tom Arnold con le mani mozzate applaude schizzando sangue.

Pesten 9/11/19 13:08 - 638 commenti

I gusti di Pesten

Simpatica horror trash comedy a sfondo hard rock. La trama nella sua inverosimiglianza è azzeccata e le gag connesse ai vari personaggi, una sgangherata band hard rock sul viale del tramonto con annessi manager e groupie, fanno ridere in più di una occasione. Il budget esiguo si vede tutto negli sfx, a volte tragici e nella location statica del deserto, che però viene intelligentemente usata a proprio favore con buoni risultati. Si vede qualche corpo femminile mica male, ma la volgarità è minima. Consigliato per una serata piacevole.
MEMORABILE: La gag sulla power ballad "Don't Close Your Eyes", hit anni fa dei Kix; La canzone scritta dalla band nel deserto intitolata "Side Boob".

Jena 14/06/20 12:53 - 1192 commenti

I gusti di Jena

L'aria che tira si capisce dalla prima scena in cui l'Hawk di Twin Peaks (Mike Horse) a petto nudo vende del peyote a una tipa che poi, strafatta e nuda, viene inseguita e triturata da una formica king size. E il seguito non delude, con una sgangheratissima band metal che deve vedersela con formiconi giganti nel deserto. Certo il livello è quello della sciocchezzuola, ma ci si diverte abbastanza con un buon ritmo, situazioni esilaranti e qualche accenno sexy (le due teen in bikini). Buona dose di splatter, CGI accettabili. Spassosissimo Tom Arnold come demenziale agente della band.
MEMORABILE: La baracca in cui BigFoot vende il peyote magico; il monologo di Sean Astin su cowboys e nativi americani; la bollente "clip" notturna.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.