LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Lo chiamano così per via di un antenato che combatteva per il Papa, con quei buffi costumi a strisce, ma Luca Maria (Marcello Mastroianni) è semplicemente un nobile un po' matto che vive in una splendida villa veneta con il maggiordomo e il fantasma di una moglie che lui finge sia ancora viva. Arriverà un organista di chiesa (Lino Toffolo) a movimentargli la vita, reduce da un investimento stradale che aveva aperto il film nel migliore dei modi. Nei primi venti minuti infatti sembra che il protagonista sia il simpatico attore veneziano, che quando incontrerà Mastroianni, pur restando ampiamente in scena, sarà costretto a lasciare più spazio al divo. È comunque un bel rapporto a due (Mastroianni lo inviterà a restare in villa), rovinato...Leggi tutto piuttosto dall'entrata in scena della prostituta interpretata da Claudia Mori, che prenderà furbescamente il posto della Marchesa scomparsa che Mastroianni finge di continuare a vedere imbarazzando Toffolo nelle fasi più divertenti. Da qui in avanti il film perderà smalto e verve, trasformandosi in una commedia trasognata (in puro stile Mogherini, regista insolito e a volte poetico) priva dello spirito necessario. Grazie alle musiche, ai bei paesaggi veneti (con una simpatica puntata a Venezia) e alla bravura del cast maschile non ci si annoia eccessivamente, ma certo l'incipit prometteva ben di più. C'è anche Adriano Celentano (nemmeno citato nei titoli di testa) come boss della prostituzionen sempre con una margherita in bocca e a bordo di un’auto sportiva che corre a mille all'ora. Due o tre brevi scene, ma piuttosto comiche.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO INSERITO IL GIORNO 5/10/06 DAL DAVINOTTI
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Fabbiu 19/03/08 22:49 - 2033 commenti

I gusti di Fabbiu

Sinceramente la storia mi è piaciuta abbastanza, la narrazione un po' meno. È condito da un clima raffinato, tendente al poetico che non sempre è interessante, anzi molte volte annoia; quindi poco ritmo e molte cadute di tono; in compenso sia Toffolo che Mastroianni sono molto bravi e riescono a salvare il più, grazie alle loro interpretazioni. Il finale poi mi ha deluso abbastanza: non mi riferisco tanto alla scena conclusiva (anzi piuttosto simpatica) quanto al "modo" con cui Marchese e professore si sbarazzano della prostituta\marchesa.
MEMORABILE: Toffolo che balla con la marchesa invisibile.

Ianrufus 7/01/10 19:55 - 139 commenti

I gusti di Ianrufus

Non è un film riuscito pienamente... però, però... però c'è Mastroianni romantico e sognatore che parla con l'amata fantasma dentro un'antica casa veneta... c'è Toffolo che sembra uscito da un cartone animato, con tanto di furgone che finisce nel canale... Celentano si riserva un'entrata delle sue, con tanto di chitarre di Detto Mariano in forma... Claudia Mori si salva solo grazie al doppiaggio, doppiaggio che spruzza un po' di parlata "monnezza" sullo sgherro di Sprint Boss... e poi ci sono gli anni 70, pieni di difetti ma così vivi...
MEMORABILE: L'amicizia tra Mastroianni e Toffolo è tanto improbabile quanto gentile, come lo è il finale...

Manfrin 21/12/10 22:16 - 346 commenti

I gusti di Manfrin

Tratto da un racconto di Maurizio Costanzo, strano film che parla di un nobile visionario (Mastroianni) che parla con una moglie che non c'è sino a che il furbo Toffolo, un suonatore d'organo capitatogli per casa, non trova una donnaccia (la Mori) somigliante che lo aiuterà a salvare le sue proprietà. Finale simpatico e buona prova degli attori con Mastroianni che sembra divertirsi ed un Toffolo più veneto che mai. Celentano sembra lì un po' per accompagnare la moglie (gelosia giustificata?).

B. Legnani 25/12/10 00:24 - 5063 commenti

I gusti di B. Legnani

Se tutto fosse allo stesso livello di ambientazioni, costumi e colori, sarebbe un capolavoro. Invece la storiella è troppo semplice ed è tenuta insieme da Mastoianni, bravissimo, e da un simpatico Toffolo. Mogherini, come sempre, viaggia lentamente e ancora una volta divaga sul volo senza aeroplani. Celentano solo decorativo, quasi inutile. Da sottolineare, invece, i pochi minuti della Miserocchi. Nulla di nuovo: il pranzo con la sposa che non c'è ricorda per analogìa una grande comica e il meccanismo del sosia risale addirittura a Plauto... **

Mark70 20/02/11 00:23 - 118 commenti

I gusti di Mark70

Una storia poetica e gentile quella del marchese Luca Maria, che vive una vita da sogno nella sua villa con la musica, i fiori, il maggiordomo e... la moglie immaginaria, ma l'arrivo dell'organista Agostino scombussolerà tutto. Sfortunatamente la storia ha poco ritmo, certi spunti comici non vengono sfruttati a dovere (i dialoghi di Mastroianni con la moglie immaginaria, per dirne uno) e il film risulta così piuttosto lento: si riscatta però nel finale. Ottima prova di Mastroianni e Toffolo (quasi coprotagonista), mentre la Mori è bella e inutile.
MEMORABILE: La bellezza delle ville e dei paesaggi veneti: Mogherini, da ex-scenografo, riesce a sfruttarla al massimo e a creare un'ambientazione da sogno.

Galbo 6/12/12 18:46 - 11768 commenti

I gusti di Galbo

Prometteva bene questa commedia diretta da Flavio Mogherini. Ambientazione (villa palladiana veneta) parecchio suggestiva ed interessante caratterizzazione del personaggio principale, nobile svagato e poetico, interpretato da un delizioso Mastroianni. Purtroppo lo svolgimento non è all'altezza delle premesse e il regista si rivela incapace di mantenere un ritmo adeguato alla narrazione, risultandone un'opera riuscita a metà e godibile solo a tratti. Quasi inutile la presenza di Celentano.

Homesick 24/06/13 16:57 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Come documentario di storia dell’arte andrebbe benissimo, con tutte quelle splendide immagini dei paesaggi di Venezia. Invece come commedia grottesca dalle ambizioni felliniane esaurisce la carica dopo i primi visionari minuti, in quanto dalla gracilissima e derivativa sceneggiatura non riceve alcun sostegno. Mastroianni e Toffolo si completano a vicenda e reggono da soli le sorti di un cast altrimenti insignificante, a cominciare dalla Mori e dal qui inopportuno Celentano. Citazione di Blow-up nella partita a tennis.
MEMORABILE: Chiamato per un funerale, l’organista Toffolo si confonde e suona una Marcia nuziale.

Galerius 21/01/17 17:59 - 22 commenti

I gusti di Galerius

Ha se non altro il merito di mettere in scena una vicenda surreale, diversa da ciò che siamo abituati a vedere abitualmente nelle commedie italiane dell'epoca. Mastroianni si vede sempre con grande piacere e Toffolo è simpatico e misurato. Alla pellicola nuoce però l'inserimento qua e là di modesti richiami all'onirismo felliniano nonché di toni "bassi" da film comico coevo. Sarebbe forse stato meglio andare fino in fondo e puntare su una completa svagatezza.
MEMORABILE: La festa in costume che apre il film, col commento musicale di Bach.

Myvincent 22/01/18 08:11 - 3050 commenti

I gusti di Myvincent

Mogherini sfrutta le sue doti di scenografo regalandoci un'opera eclettica, surreale e anche suggestiva, dove Mastroianni si confronta con un grande Lino Toffolo, dall'aria mesta e buffa nello stesso tempo. La storia sembra improvvisata e apre via via siparietti inaspettati dove tutti, regista compreso, paiono divertirsi alla grande, senza troppo pensare a piacere a tutti i costi. Cinema d'altri tempi dall'italico genio.
MEMORABILE: Le comparsate di Adriano Celentano; Il viaggio in mongolfiera di Claudia Mori.

Rambo90 25/02/19 01:14 - 6952 commenti

I gusti di Rambo90

Commedia un po' surreale, con vaghi echi felliniani qui e là, tutto sommato non disprezzabile anche perché trainata dalla strana coppia Mastroianni-Toffolo davvero in palla. Si sorride spesso, anche se la sceneggiatura ha momenti di stanca e Mogherini cerca di elevare il tutto con momenti che si vorrebbero poetici e invece spezzano troppo la vicenda. Brava anche Claudio Mori, mentre la presenza di Celentano è del tutto esornativa.

Flavio Mogherini HA DIRETTO ANCHE...

Azione70 12/07/18 23:35 - 154 commenti

I gusti di Azione70

Film molto particolare che ruota attorno a un marchese (Mastroianni) che abita in una villa veneta e parla a una moglie che in realtà non esiste. Quando l’amico Toffolo gli troverà una donna vera (la prostituta Mori, “protetta” dal silenzioso boss Celentano) inizieranno i guai. Sullo sfondo della storia, brillano le ambientazioni, la musica e i caratteristi (il cameriere, il pappone romanaccio che gestisce la Mori per conto di Celentano, la vecchia zia). In sintesi si può amare alla follia o detestare. In ogni caso è genialmente divertente.
MEMORABILE: La Mori che parla veneto; Mastroianni che interagisce con la moglie; Il furgone di Toffolo nel canale.

Paulaster 22/05/20 09:40 - 3415 commenti

I gusti di Paulaster

Marchese veneziano vive con una moglie immaginaria. Le ambientazioni lagunari hanno sempre fascino, così come il ruolo altolocato di un Mastroianni dai modi eleganti. Peccato che il teatrino della moglie fantasma duri più di metà film e che vengano inseriti stilemi felliniani che sembrano solo pretenziosi. Con l'arrivo della Mori (doppiata adeguatamente) la trama si risveglia e diviene anche divertente, eliminando il breve ruolo di Celentano che stonava con il clima signorile.
MEMORABILE: La presentazione della Mori come moglie; Mastroianni a bagno in laguna; La mongolfiera che parte per sbaglio.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Columbo • 18/04/11 10:37
    Magazziniere - 1101 interventi
    Attenzione ai titoli iniziali: si intravedono in maschera sia il regista che Maurizio Costanzo in vestiti settecenteschi!

  • Discussione Zender • 20/06/13 08:18
    Consigliere - 45266 interventi
    Una domanda per gli esperti: qualcuno ha idea di chi sia quest'attrice, che nel film si chiama Teresa e fa l'arpista? Son certo di averla vista da qualche altra parte ma non so dove... Potrebbe essere tale Rebecca Reder?





    Ultima modifica: 20/06/13 08:31 da Zender
  • Discussione Homesick • 26/06/13 17:57
    Vice capo scrivano - 1372 interventi
    Ho verificato che l'attrice in questione compare anche ne "Le braghe del padrone", nel ruolo di Marzia:
    Si tratta dunque di Rebecca Reder.
    Ultima modifica: 30/09/20 14:40 da Zender
  • Discussione Zender • 26/06/13 18:19
    Consigliere - 45266 interventi
    Grande Homesick! Grazie mille!!! Avevo puntato su di te :)
  • Curiosità Zender • 12/04/15 17:00
    Consigliere - 45266 interventi
    Dalla collezione "Sorprese d'epoca Zender" il flano del film:

  • Curiosità Zender • 5/08/16 11:42
    Consigliere - 45266 interventi
    Curiosa la pubblicità in un locale (ripresa più volte ben visibile) dell'allora semplice cabarettista e doppiatore Giorgio Ariani (foto nel riquadrino), impegnato in spettacoli teatrali che proprio quell'anno entrò a far parte del cast dell'Altra Domenica di Arbore:

  • Homevideo Xtron • 16/10/16 18:27
    Servizio caffè - 1937 interventi
    Il dvd CECCHI GORI è anamorfico, letterbox o fullscreen?