LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 10/07/09 DAL BENEMERITO GALBO
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Galbo 10/07/09 05:50 - 11702 commenti

I gusti di Galbo

Le vicende di un poliziotto che lavora al dipartimento contro l’immigrazione illegale di Los Angeles si incrociano con quelle di altre persone direttamente o indirettamente coinvolte nell’immigrazione clandestina negli USA. Si tratta di un buon film corale in cui si cercano di capire le motivazioni dei personaggi senza pretese di giudizio. Buona sceneggiatura, regia efficace e coinvolgente prova del cast (tra gli altri Ray Liotta e Ashley Judd nel ruolo di marito e moglie da parti opposte della barricata), con un Harrison Ford convincente.

Capannelle 23/07/09 15:39 - 3929 commenti

I gusti di Capannelle

Prendi la struttura di Crash e la popoli con i problemi dell'immigrazione, visti dalla parte dei più deboli. Una buona base che viene però svolta male da Kramer, con troppo distacco e alcune forzature poco credibili. Troppe anche le storie narrate, di cui alcune superflue (il finto rabbino, i cinesi). Prendono di più le protagoniste femminili (l'attricetta, l'islamica, la sorella ribelle) ma, come detto, siamo distanti dalla forza di film come Crash o Magnolia.

Skinner 27/10/09 21:34 - 592 commenti

I gusti di Skinner

Non male. Buon film corale, un po' troppo lungo, a volte davvero troppo lento (lo stile del regista Kramer è irriconoscibile ripretto al film precedente, l'iperbolico Running), ma animato dal giusto di tolleranza e apertura verso gli altri, sia pure con un forte pessimismo di fondo. Ottima la fotografia.
MEMORABILE: La rapina al supermarket; il finale luttuoso.

Rambo90 18/01/10 17:47 - 6873 commenti

I gusti di Rambo90

Ottimo dramma corale che parla del problema dell'immigrazione e degli stranieri negli Stati Uniti. Qualche storia più inutile rispetto ad altre (quella dell'ebreo che cerca di avere la carta verde come religioso) ma nel complesso un intreccio che non sfiora mai la banalità e che sa affrontare i problemi nel modo giusto. Grandissima prova dell'intero cast, con la palma del migliore che va ovviamente a Harrison Ford, eroe diverso ma con gli stessi principi morali degli altri personaggi da li interpretati.

Domino86 27/04/10 12:02 - 571 commenti

I gusti di Domino86

Un film a tratti abbastanza crudo che presenta una situazione drammatica (con tutte le conseguenze che porta con sè) in cui si trovano tante, troppe, persone. Nonostante l'importanza e l'attualità dei temi trattati, la pellicola procede piuttosto lentamente e ciò non gioca a suo favore.

Saintgifts 29/07/11 00:07 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Le vite di chi cerca di diventare cittadino americano si intrecciano come le grandi strade di Los Angeles viste dall'alto. L'America è un Paese che accoglie chiunque, ma ha le sue regole e sono ferree. Non si può sgarrare, nessuno può sgarrare, nemmeno un funzionario che procura documenti alla bella australiana, rispedita a casa anche lei. Harrison Ford rifà il suo personaggio, onesto, retto e con un cuore, ma solo. Film che guarda alle lacrime degli sconfitti, inevitabili, ma che lascia anche tanta speranza. Qualche forzatura di troppo.

Cangaceiro 23/07/13 16:32 - 982 commenti

I gusti di Cangaceiro

Lodevole lo sforzo di voler fare un grande film, una sorta di ritratto epocale del melting pot statunitense post 11 settembre (ma il progetto originale è del 1993). Al centro c'è il sogno americano che in molti casi diventa incubo, dolore e sopruso. L'inesperto Kramer ce lo presenta mettendo tantissima carne al fuoco ma gestire tanto ben di Dio attoriale ed emotivo (diverse scene forti e contrasti morali sparsi lungo il cammino) era un'impresa ardua. Ottime le intenzioni, il risultato finale è "solo" buono. Stanco e dolente Ford, nella norma gli altri.
MEMORABILE: La ragazzina bengalese legge davanti a tutta la classe il suo tema...

Furetto60 8/11/13 07:54 - 1129 commenti

I gusti di Furetto60

Il dramma dell’immigrazione clandestina in USA visto attraverso storie parallele di poliziotti e immigrati. Colpisce lo sforzo di mantenere obiettività tra le parti, risultato particolarmente evidente nella quindicenne palestinese che osa rende pubblico il suo sforzo di capire le motivazioni dei kamikaze dell’11/9. Il lieto fine non è ricercato così come il melodramma. Un film ben fatto che non può non far riflettere. Ford ci mette il consueto mestiere, ma mi è sembrato svuotato; forse per il ruolo?

Daniela 10/06/21 23:44 - 10777 commenti

I gusti di Daniela

Storie intrecciate di un gruppo di personaggi, tutti in diversa misura alle prese con problemi legati all'immigrazione clandestina negli USA oppure alla ricerca di ottenere un green card che consentirebbe di lavorare in quel paese... Il modello di riferimento è quello di un film corale alla Iñárritu o Haggis ma, al di là degli intenti meritevoli, il risultato non convince del tutto per la troppa carne al fuoco con una narrazione a tratti didascalica e con passaggi forzati come il discorso in cui il  momento della naturalizzazione viene esaltato in chiave di patriottismo d'elezione.

POTRESTI TROVARE INTERESSANTI ANCHE...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.