Cronaca familiare

Media utenti
Anno: 1962
Genere: drammatico (colore)
Note: Leone d'oro al miglior film alla 27ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia.
Numero commenti presenti: 14

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 28/06/07 DAL BENEMERITO UOMOOCCHIO
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Uomoocchio 28/06/07 10:04 - 40 commenti

I gusti di Uomoocchio

Belllissima trasposizione da Pratolini da parte di Zurlini, che riesce a raccontare una storia di amore fraterno con levità e pudore, evitando gli eccessi melodrammatici e morbosi che il finale potrebbe indurre, anche se la dinamica tra i due fratelli è resa con partecipazione. Notevole anche l'ambientazione fiorentina non oleografica e quasi irrisconoscibile.

Homesick 26/08/08 17:51 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Fedele al romanzo autobiografico di Pratolini (cambiano solo i nomi di alcuni personaggi), ne rispecchia i dialoghi e l’intensità emotiva, accentuata dall’uso di un paesaggio essenziale, solitario e dolente come l’animo dei due fratelli, interpretati in modo magistrale da Mastroianni e Perrin. Perfetti pure Louise Sylvie nel ruolo della nonna anziana ed affettuosa e Randone in quello del caustico “babbo”. Finale struggente e dilatato come in un lacrima-movie.
MEMORABILE: Il pranzo con la nonna.

Renato 11/09/09 12:27 - 1648 commenti

I gusti di Renato

Straordinario, poco da aggiungere. Con un minimalismo formale di questo tipo il rischio di firmare una pellicola fredda, calligrafica ed un po' noiosa era alto; invece Zurlini ha girato un grandissimo film, che dà realmente la percezione del dolore interiore che provano i protagonisti. Eccezionale Mastroianni, come se fosse una notizia, ma anche Sylvie -nel ruolo della nonna- lascia meravigliati. Da segnalare anche l'ottimo lavoro di Giuseppe Rotunno sulle luci.
MEMORABILE: Lorenzo al fratello: "Scaccerai le mosche anche dal mio viso?"

Giacomovie 20/04/10 09:36 - 1361 commenti

I gusti di Giacomovie

Il semplice soggetto tratto dal romanzo di Pratolini (la rievocazione della vita familiare di due fratelli) viene trasformato in un ottimo film dalla massima attenzione stilistica alla regia, che sa conferire alle immagini il senso di decadenza adatto al clima di tristezza della pellicola. Con lentezza meditatativa il rapporto tra i due fratelli viene immerso nella riflessione malinconica delle amarezze della vita, facendo diventare protagonisti, più che i personaggi, i sentimenti familiari. ***!

Stefania 16/01/12 00:55 - 1600 commenti

I gusti di Stefania

Enrico e Lorenzo, due fratelli, due figli unici, stessi genitori, ma cresciuti da due padri diversi, in due case diverse, con valori diversi. Nell'Italia dagli anni '30 alla guerra; nella vita dalla lieta, inconsapevole adolescenza di Lorenzo ai suoi ultimi giorni, prima che una malattia misteriosa ne spenga la giovinezza. Enrico, il fratello maggiore (un immenso Mastroianni) è la memoria di Lorenzo, la "cronaca familiare" di un'infanzia dimenticata, di una madre mai conosciuta. Nella nitida fotografia di Rotunno, un melò commosso, ma senza lacrime, una raffinata elegia.
MEMORABILE: L'ultima condivisione di ricordi tra i due fratelli prima della fine.

B. Legnani 11/08/12 16:01 - 4893 commenti

I gusti di B. Legnani

Struggente film di Zurlini, con quattro interpreti eccellenti (Mastroianni, Perrin, Randone e Sylvie, la maestra anziana in Don Camillo). Ambientazione, come risaputo, in una Firenze alla Ottone Rosai e azzeccatissima fotografia di Rotunno. Forse un po' troppo lunga la parte ospedaliera conclusiva, ma forse discende dal desiderio di evitare la lacrimuccia. Cinema italiano dei tempi d'oro.

Enzus79 13/10/12 10:35 - 1955 commenti

I gusti di Enzus79

Leone d'oro alla Mostra di Venezia: è il minimo che si potesse dare come premio a questo film di Zurlini (uno dei migliori registi italiani). Dramma che non cade mai nel piagnisteo e che anzi fa riflettere. Interpretazione magistrale della coppia Mastroianni-Perrin (da non dimenticare Randone).

Galbo 22/12/13 14:26 - 11574 commenti

I gusti di Galbo

Marcello Mastroianni è stato un attore unico e probabilmente irripetibile: lo dimostra la straordinaria performance in un film che viene "nobilitato" dalla sua presenza. La regia di Zurlini valorizza sia la prova degli attori (tra gli altri un ottimo Salvo Randone) che l'ambientazione, sottolineata da una suggestiva fotografia. Un film che porta avanti il tema dell'amore e della solidarietà fraterna in maniera sincera e mai stucchevole nonostante il finale amaro. Da vedere.

Daniela 7/06/14 12:31 - 10118 commenti

I gusti di Daniela

Bella trasposizione del romanzo di Pratolini, ne conserva la forma di rievocazione attraverso il colloquio con il fratello perduto e soprattutto il tono, malinconico e sommesso, che si fa struggente nel finale. Decisive le interpretazioni di Mastroianni, intenso e con un sottofondo di inconfessabile risentimento, e di Perrin, condannato ad una eterna adolescenza, ma vanno ricordati anche la commovente Sylvie, nonna dolcissima, e Randone, in un ruolo di viscida ambiguità. Delicata e preziosa la fotografia di Rotunno.
MEMORABILE: Il dialogo fra i due fratelli per strada, dopo la morte della nonna

Deepred89 18/10/16 23:37 - 3368 commenti

I gusti di Deepred89

Il lacrima-movie nasce in serie A, ma con le cartucce già carichissime: location (Firenze e Roma) mai così cimiteriali, una fotografia di un crepuscolare che scorre nelle vene, una vittima designata che sprizza bontà e tenerezza da tutti i pori (nonostante arrivi a varcare la soglia dell'età adulta), un segmento ospedaliero tanto compiaciuto (frasi a effetto comprese) e prolungato che in confronti i tour de force cestieiani sembrano visite di routine, nessuna concezione all'ironia, un Mastroianni impeccabile. Invecchiato molto bene.
MEMORABILE: Il rientro all'ospizio, con quel crepuscolo sullo sfondo: scena ben più potente di tutta l'ondata lacrimosa in arrivo.

Marcello Mastroianni HA RECITATO ANCHE IN...

Vitgar 13/02/17 09:13 - 586 commenti

I gusti di Vitgar

Una storia triste ambientata in un'Italia sofferente. Zurlini caratterizza bene il testo di Pratolini conferendogli grazie alla buona fotografia e alle azzeccate ambientazioni credibilità e sostanza. Mastroianni e Perrin ottimi. Il mitico Salvo Randone, tanto apprezzato da Zurlini, rende perfettamente il suo ruolo. Buon film da vedere.

Paulaster 8/02/19 10:04 - 3064 commenti

I gusti di Paulaster

Fratello maggiore ripenserà al rapporto col minore defunto. Basato sul narrato di Pratolini (ottimo nei fuori campo), è la difficile rappresentazione di complessi rapporti fraterni. Mastroianni riesce a cambiare registro emotivo a piacimento ed è importante anche il ruolo della nonna. Nella fase ospedaliera viene dilatato troppo il tempo del declino fisico ed emotivamente perde in termini di struggimento. Fotografia eccellente che dà quell'impronta di cartolina ingiallita dal tempo.
MEMORABILE: La stanza in solitaria all'ospedale; La visita insieme dalla nonna; Al ping pong; Il cambio del nome da Dino a Lorenzo.

Zampanò 3/11/20 19:49 - 287 commenti

I gusti di Zampanò

Dolente è dolente, dal primo all'ultimo minuto, lo testimonia la faccia bitumata di Mastroianni. Però Zurlini ha tatto, sa distribuire il malessere nelle mezze verità sottovoce, in qualche ricordo affettuoso, tra le mute lacrime dei due fratelli separati. Sorretto dalle pagine di Pratolini, il quadro si stampa nel gusto di regia e si raccoglie intorno all'intesa dei protagonisti (l'altro è Perrin, attore feticcio per Zurlini). C'è anche Randone, infallibile, in una Firenze privata ad arte dei colori.

Il Dandi 12/03/21 11:34 - 1910 commenti

I gusti di Il Dandi

Se il romanzo di Pratolini resta un caposaldo del neorealismo letterario la trasposizione di Zurlini si presenta come un definitivo superamento del neorealismo cinematografico: pur lasciandone intatta la struttura diegetica a flashback (con la voce off di Mastroianni che a tratti riprende fedelmente interi brani) infatti a dominare è soprattutto la ricostruzione ambientale scarna ma efficace, ben valorizzata da una fotografia fredda e malinconica (si stenta a credere che il direttore sia lo stesso di Visconti e Fellini). Consacrazione definitiva per Mastroianni, dimesso e struggente.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.