Copycat: omicidi in serie

Media utenti
Titolo originale: Copycat
Anno: 1995
Genere: thriller (colore)
Regia: Jon Amiel
Note: Aka "Copycat omicidi in serie"
Numero commenti presenti: 22

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 1/04/07 DAL BENEMERITO STUBBY
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Stubby 1/04/07 12:03 - 1147 commenti

I gusti di Stubby

Già fin dalle prime scene l'azione e la tensione non mancano, e per tutto il film si rimane più o meno su questi livelli. Sigourney Weaver è veramente credibile nella parte del detective, alle prese con un serial killer che copia i più grandi omicidi della storia. Certe sequenze hanno quel qualcosa di già visto in altri film(Dejavù), ma in questo genere è veramente difficile essere innovativi senza scadere nell'esagerazione. Da vedere.

Undying 23/07/07 21:09 - 3839 commenti

I gusti di Undying

Copycat va in coda al genere "poliziesco-giallo", rinvigorito dal successo de Il Silenzio degli Innocenti e, soprattutto, Seven. Quindi il meccanismo della tensione è il medesimo: approfondimento della psicologia "deviata" (qui per mezzo della brava Sigourney Weaver), indagine scientifica e riferimenti a veri serial-killers (l'omicida imita le modalità "operative" dei più -tristemente- famosi assassini). C'è un pizzico di De Palma (Raising Cain) ed il film espleta la sua funzione (prettamente d'evasione) con ottimi risultati. Schizoide.

Caesars 26/07/07 09:25 - 2769 commenti

I gusti di Caesars

Il grande successo de Il silenzio degli innocenti ha lanciato una vera e propria corsa del cinema americano a portare sullo schermo altre gesta di serial-killer. A questo filone appartiene appunto questo "Copycat", che pur senza eccellere in idee nuove riesce a raggiungere lo scopo di creare una certa tensione nello spettatore. Alla riuscita del film contibuisce in modo determinante la buona prova di Sigurney Weaver nel ruolo della criminologa con problemi di agorafobia. Il genere è troppo inflazionato ma questo di Avnet è film vedibile.

Galbo 28/12/07 07:33 - 11453 commenti

I gusti di Galbo

Buona l'idea di partenza, il serial killer che copia i celebri omicidi del passaggio e sulle cui tracce si mette una tosta investigatrice (bene interpretata dalla brava Holly Hunter, talento poco e male adoperato dal cinema) con l'aiuto di una psicologa criminale. Il film è di discreta fattura e il regista regala alcuni momenti di tensione anche se il richiamo ad illustri precedenti (vedi Il silenzio degli innocenti) è troppo evidente e toglie originalità al film.

Cotola 7/05/08 02:10 - 7630 commenti

I gusti di Cotola

L'idea di partenza era piuttosto gustosa e promettente. Peccato che sia stata sfruttata male a causa di una sceneggiatura maldestra e inconcludente (che non fa altro che riciclare a destra e a manca situazioni viste e riviste) e di una regia ad opera di uno come Amiel che non sembra essere a suo agio nel genere. Gli si può dare uno sguardo a patto di non pretendere troppo.

Redeyes 9/09/08 14:39 - 2164 commenti

I gusti di Redeyes

Sarò e sono fuori dal coro ma, proprio, non me la sento di giudicar buona questa pellicola vuoi per una sceneggiatura zeppa di buchi vuoi per una recitazione, specie il serial killer, che rasenta l'amatorialità. L'aria che si respira è di sufficienza e la Weaver certo non basta ad elevarne il livello. Vedere si può vedere ma consigliarlo credo proprio di no! Bocciato!

Enzus79 29/12/08 17:34 - 1847 commenti

I gusti di Enzus79

Uno dei migliori thriller degli anni '90. La storia lascia ampio spazio alla suspense e tiene incollati ben saldi alla poltrona. Il regista non è certo uno dei migliori del genere, ma questo film resterà memorabile nel suo "curriculum". Bravissime la Weaver e soprattutto la Hunter.

Rickblaine 30/12/08 14:21 - 635 commenti

I gusti di Rickblaine

Thriller mozzafiato. Classico film che ti tiene con l'acqua alla gola alimentando quel senso claustrofobico che non si libera fin quando non scopri chi è l'assassino. Una volta che lo si scopre si scioglie in un attimo. Come succede d'altronde in molti film di questo genere. Bravissima la Weaver.

Daniela 11/01/11 17:14 - 9654 commenti

I gusti di Daniela

Ecco un film che, pur scopiazzando a destra e manca, non può essere accusato di plagio, in quanto il serial killer si ispira ad altri celebri colleghi, quindi... L'originalità non va cercata nella figura dell'assassino, un tipetto piuttosto mediocre, piuttosto nel porre al centro della vicenda l'incrocio fra la criminologa e la poliziotta, donne molto diverse destinate a solidarizzare contro il PMS (nota per chi non è stato femminista in gioventù: sta per "porco maschio sciovinista"). Brava Hunter, sempre forte Weaver.

Didda23 2/01/12 17:34 - 2298 commenti

I gusti di Didda23

L'opera soffre troppo l'eccessivo citazionismo, ma nonostante ciò possiede discrete cartucce da sparare: in effetti il buon ritmo mantiene viva l'attenzione e l'interpretazione del cast è abbastanza convincente. Sotto il profilo tecnico la pellicola può contare su una regia ordinaria e concreta. Esteticamente accattivante il messaggio che si autodistrugge inviato alla Weaver. Piccola curiosità: nel film viene citato il famoso serial killer Zodiac. Non male, dopotutto.

Myvincent 28/02/12 09:07 - 2605 commenti

I gusti di Myvincent

Tratto da una storia vera (la reltà supera spesso la più truculenta delle fantasie), il film racconta di un serial killer e dei suoi omicidi che ripropongono famosi assassinii. Sigourney Weaver, versione psichiatra in crisi, batte Holly Hunter nei panni della poliziotta, vendendosi bene anche dietro la sua usuale silhouette accattivante. Una produzione che assembla molti elementi di pregio, ma la cui amalga non sempre riesce, proponendo due orette svelte con sensazioni scontate e senza slancio.

Mco 9/01/13 18:15 - 2159 commenti

I gusti di Mco

Il perturbante appaia l'ammorbante. Penetra nelle ossa dello spettatore sin dal raggelante pre-credits e continua pur nei solchi lasciati da tanti altri passi descrittivi della maniera di essere killer seriali. La coppia Weaver-Hunter è di quelle toste per la geniale interazione caratteriale e la prima offre anche un innato sex appeal sfoderando nei momenti clou un paio di gambe perfettamente velate e trionfanti in décolleté rosse fuoco. Ritmo e tensione attanagliano e le due ore corrono senza permettere quasi di rendersene conto. Da vedere.
MEMORABILE: Il "giochino" di morte che l'assassino invia al computer della Weaver.

Jandileida 23/03/13 23:15 - 1277 commenti

I gusti di Jandileida

Modesto, ma non brutto, thrillerino che regala due ore di godibile intrattenimento soprattutto grazie al buon ritmo e alle discrete interpretazioni di quasi tutto il cast (tolto il serial killer, veramente ai limiti della presentabilità). La mancanza di una regia vigorosa e di una sceneggiatura di ferro (tanti i buchi non colmati, tra l'altro, da un buon montaggio), però, relegano la pellicola nel limbo dei lavori riusciti a metà che non riescono a rimanere impressi indelebilmente nella memoria dello spettatore. Scopiazzature sparse. Non male, dopotutto.

Fauno 16/10/13 22:27 - 1936 commenti

I gusti di Fauno

Io che tenderei a farla breve con certi tipi di criminali, stavolta devo ammettere di aver accettato l'idea di chi vuol preservarli e studiarli, onde limitare il crearsi di eredi o successori. La Weaver l'ho vista molto meglio che negli Aliens; il film si anima bene dopo le presentazioni ufficiali e l'uscita del killer dall'anonimato, ma per i primi 40 minuti siamo al livello del più squallido dei telefilm. Nella scena finale del bagno ho trovato molti punti in comune con l'ultima di Saw - L'enigmista, soprattutto per il brivido da entrambe suscitato...
MEMORABILE: L'agorafobia; La sparatoria in centrale con esito alquanto deludente.

Saintgifts 10/05/14 11:23 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Nell'incipit la dottoressa Hudson (Sigourney Weaver), che tiene un seminario sulla figura dei serial killer, afferma che la figura del serial killer è il più delle volte insospettabile; può essere il ragazzo della porta accanto... Lo si sapeva, ma qui si esagera con William McNamara, attore più adatto a parti dove esibirsi in tutt'altre attività. E' l'unico vero neo in questo discreto prodotto di genere, che segue schemi conosciuti non tralasciando di inserire piccoli inserti sentimental-sessuali. Le donne sono senz'altro le vincenti (vittime a parte).

Grifun 9/05/14 23:47 - 24 commenti

I gusti di Grifun

Dalla suggestiva idea iniziale del serial killer che replica famosi omicidi del passato, Amiel costruisce un film solo parzialmente riuscito: interessante il rapporto tra la poliziotta e la psicologa criminale (ottime Holly Hunter e Sigourney Weaver), il film presenta anche alcuni momenti di tensione, ma il paragone con Il silenzio degli innocenti, al quale chiaramente la pellicola di Amiel deve qualcosa, ridimensiona questo comunque discreto thriller.

Furetto60 10/05/14 08:21 - 1129 commenti

I gusti di Furetto60

Thriller che parte da buone premesse ma che non riesce a essere convincente, nonostante la buona prova del cast. Ciò a causa di un'eccessiva attenzione alle parti scabrose, ancor più che splatter, un atteggiamento narcisistico e autocompiacente che appesantisce lo svolgimento. Raffazzonato il finale con queste sirene che si sentono, si sentono e non arrivano mai...

Belfagor 15/01/16 11:25 - 2627 commenti

I gusti di Belfagor

Dopo gli Xenomorph, la Weaver deve affrontare un'altra minaccia in costante adattamento: un serial killer che copia il modus operandi dei colleghi passati alla storia. Coevo di Seven, ne è la controparte "femminile", nella quale gli omicidi sono presentati con un certo distacco per focalizzare l'attenzione sul rapporto tra la profiler e la detective, reso credibile dalla coppia Weaver-Hunter. Peccato per la durata resa inutilmente lunga dalle scene con Mulroney, che sembra messo lì per imitare Mulder di X-files.
MEMORABILE: L'aggressione nel bagno.

Minitina80 5/07/18 16:29 - 2404 commenti

I gusti di Minitina80

L’idea di fondo del soggetto è discreta, sviluppata con linearità e tutt’altro che imprevedibile. Ci si aspetterebbe un qualcosa di più ardito di quello che mostra, in particolare nella psicologia dei personaggi, fin troppo stereotipata. L’inettitudine della polizia è troppo manifesta non essendoci un agente che faccia la cosa giusta nei tempi dovuti. Le parentesi sentimentali di fondo lasciano il tempo che trovano essendo messe lì per allungare il brodo. Bello quel colpetto di scena sul finire, ripreso anni più tardi da un film di grosso successo.

Ira72 26/02/20 16:10 - 971 commenti

I gusti di Ira72

Vero che la sceneggiature copia a destra e a manca, ma questo è tollerabile, anche perché nel genere risulta difficile non farlo. Buone le interpretazioni delle protagoniste, in particolare della Weaver psicologa e criminologa squinternata, che riesce comunque a non diventare una caricatura rendendo invece solido il proprio personaggio. La penna rossa, purtroppo, è tutta per la scelta di McNamara nei panni del serial killer: imberbe, privo di appeal, per niente inquietante, piuttosto anonimo. Non trascina. Al punto che, talvolta, ci si annoia.

Ultimo 3/03/20 21:20 - 1385 commenti

I gusti di Ultimo

Buona l'idea di partenza, ma il film non decolla a causa di uno sviluppo troppo lento e a un cast non in forma, eccezion fatta per la brava Sigourney Weaver. La pellicola di fatto si aggrappa a lei, mentre il plot investigativo non convince anche a causa di una trama di sicuro poco originale ma da cui si poteva tirar fuori qualcosa di meglio. Complessivamente insufficiente.

Il ferrini 7/11/20 18:15 - 1734 commenti

I gusti di Il ferrini

Esattamente come il serial killer di cui racconta, anche il film non brilla certo per originalità. Nondimeno la sceneggiatura è solida e gli interpreti convincenti, soprattutto Sigourney Weaver, brava a restituire il disagio dell'agorafobia. D'effetto la scena (anzi, le scene) della sua impiccagione nel bagno pubblico, mentre le parti relative a messaggi e virus informatici sono un po' grossolane. Il finale, con la lettera a un nuovo seguace assassino, pareva aprire ad un sequel.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.