LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 27/05/18 DAL BENEMERITO SARALEX
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Saralex 27/05/18 09:43 - 74 commenti

I gusti di Saralex

Prodotto tipicamente americano girato in piena Seconda Guerra Mondiale. Propagandistico ai massimi livelli, conserva comunque un suo fascino grazie anche alle atmosfere cupe dell'ambiente marino. E ovviamente in situazioni così Humphrey Bogart ci sguazza perfettamente. Bravo Raymond Massey, ma secondo me non adatto al ruolo di capitano. Battute a raffica contro il nazismo e Hitler per ridicolizzare tutto ciò che rientra nei parametri tedeschi, gli stessi ovviamente beffati dall'intelligenza e il coraggio degli americani (?) Mah... Comunque un bel film.
MEMORABILE: I pollici rivolti in alto in segno di sfida verso i nazisti (oggi si userebbe il dito medio); La pernacchia a Hitler nel messaggio radio.

Tarabas 9/06/20 19:56 - 1706 commenti

I gusti di Tarabas

Film dedicato a eroi minori e poco noti della Seconda Guerra mondiale, i marinai civili dei cargo che fornivano la linfa vitale alle truppe combattenti, assicurando i rifornimenti. Notevolmente spettacolare per l'epoca, con scene di battaglia navale molto coinvolgenti, vede Bogart nel suo classico ruolo di antieroe chiamato al proscenio dalle circostanze. Ovviamente non delude e così anche il cast di contorno. Molte le scene simboliche, inevitabile la retorica, che nulla toglie al piacere della visione.
MEMORABILE: La riunione dei capitani delle navi del convoglio del titolo, praticamente una ONU dei lupi di mare di tutto il mondo libero, dalla Norvegia agli USA.

Daniela 26/09/20 11:16 - 9518 commenti

I gusti di Daniela

Il lavoro oscuro dei mercantili civili impiegati per i rifornimenti indispensabili alle forze impegnate sul fronte raccontato attraverso le vicende di un gruppo di marinai... Girato in piena guerra, il film paga un inevitabile pedaggio alla propaganda nella parte centrale, ma le sequenze iniziali e quelle nell'ultima parte con gli U-boot in azione sono avvincenti e spettacolari, più che nel recente Greyhound di simile soggetto, per merito del ritmo sostenuto e del cast ben assortito guidato dal Bogart. I passaggi di mano nella regia non si avvertono.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Daniela • 26/09/20 11:25
    Consigliere massimo - 5221 interventi
    L'abbandono del set da parte di Lloyd Bacon fu dovuto a contrasti con il produttore Jack L. Warner.
    Il contratto del primo era scaduto nel corso delle riprese e il regista avrebbe voluto un immediato rinnovo, mentre il produttore non era disposto a trattare prima del completamento del film. Questo portò al licenziamento di Bacon e alla sua sostituzione con Byron Haskin, che completò il film senza essere accreditato.

    Fonte (lingua inglese) qui.