Contestazione generale - Film (1970)

Contestazione generale
Media utenti
MMJ Davinotti jr
Anno: 1970
Genere: commedia (colore)
Regia: [4e] Luigi Zampa
Note: L'episodio di Gassman è misteriosamente assente dal dvd. Episodi: "La bomba alla televisione" (Gassman), "Concerto a tre pifferi" (Manfredi), "L'università" (Sportelli), "Il prete" (Sordi)
Papiro: cartaceo

Volti del cinema italiano nel cast VOLTI ITALIANI NEL CAST Volti del cinema italiano nel cast

LE LOCATIONLE LOCATION

L'IMPRESSIONE DI MMJ

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
PAPIRO DAVINOTTICO INSERITO IL GIORNO 3/07/07
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Brainiac 24/01/09 18:41 - 1083 commenti

I gusti di Brainiac

Film a episodi dalla comicità altalenante. Buono quello di Manfredi, alle prese con un figlio contestatore e con un datore di lavoro insopportabile. Nino ascolta il figlio, si ribella e ne pagherà le conseguenze. Incomprensibile il breve secondo episodio. Nel terzo Alberto Sordi è Don Giuseppe, prete vessato da false accuse e contrapposto a Maria Salerno, che interpreta un prete "progressista". Stupendo il borgo in cui vive. Toccante, a volte un po' reazionario, ma da vedere per i fan dei due grandi attori.
MEMORABILE: "Io je l'ho tradotta la battuta agli americani, ma questi nun ridono... che je devo fà, er solletico?"

B. Legnani 11/12/09 21:59 - 5276 commenti

I gusti di B. Legnani

Premesso che ho visto l'edizione priva dell'episodio con Gassman, non è che mi abbia convinto granché. Discreto l'episodio con Manfredi, che esordisce bene in àmbito familiare e ben continua con i duetti col grande Michel Simon (che fa un misto fra il vecchio Rizzoli e Borghi dell'Ignis), ma chiude con un finale sotto tono. Francamente inutile il brevissimo episodio con Sportelli. Tutt'altro che irresistibile (location escluse: Bagnoregio, la frazione Cìvita, Orvieto) quello con Sordi (peraltro bravissimo). Resta l'impressione di un film male invecchiato, ma privo di mordente pure all'epoca.

Trivex 12/12/11 10:48 - 1645 commenti

I gusti di Trivex

L'episodio col Manfredi merita ***!. Divertente e ben girato, ironico e sarcastico al punto giusto grazie anche alla perfetta compatibilità tra attori e personaggi. Viene da pensare alla vecchia maniera (chissà se passata) di trattare il manager come cane da riporto (trattato come una bestia). L'episodio con Sordi, seppur impostato correttamente, è un po' superficiale e non troppo divertente. Il confronto tra status (Chiesa ricca vs povera, con famiglia e senza) non è sufficiente per rendere esaustivo questo "tentativo d'impegno" (**). ** Anche a quello breve.

Stefania 23/06/12 02:43 - 1600 commenti

I gusti di Stefania

Tre attacchi al potere sferrati senza troppa convinzione, e senza tenere conto delle esigenze dello spettatore che, di fronte ad una commedia, vorrebbe riflettere divertendosi, e non distrarsi annoiandosi. Tralasciando il brevissimo "L'università", poco più di un siparietto, Sordi curato di campagna è protagonista di un episodio che estorce una superficiale simpatia; Manfredi è bravissimo nel suo "Concerto a tre pifferi", unico episodio dove la vena di cattiveria della commedia all'italiana emerge, anche se si stempera nel finale. Spuntato.
MEMORABILE: L'equivoco sul "room service"; "Lei mi chiede un consiglio... beh, non vada più al bar della stazione!".

Graf 5/09/13 03:03 - 708 commenti

I gusti di Graf

Visto in un’edizione monca dell’episodio di Gassman. L'episodio della contestazione all'Università è semidocumetaristico e perfettamente inutile, quello con Manfredi è privo di misura e schiaccia il pedale della cattiveria fino a divenire isterico e irritante, ma l’episodio di Sordi che interpreta in modo perfetto Don Giuseppe, il buono e santo parroco di una volta turbato dal vento di tempesta che squassava la Chiesa del post concilio, è di un pudore poetico commovente e di uno scavo psicologico quasi abissale. Zampa firma un film molto diseguale.
MEMORABILE: Alberto Sordi in stato di grazia; Il ritratto del parroco di campagna Don Giuseppe onesto, candido e generoso è memorabile e vale l'intero film.

Vitgar 20/07/14 17:27 - 586 commenti

I gusti di Vitgar

Film a episodi tipico della commedia italiana, il primo dei quali non è dato di vedere (quello con Gassman). Il migliore, tutto sommato, mi sembra quello con Sordi (Il prete), che come sempre offre un'interpretazione di alto livello. Ottimo anche Michel Simon che rende bene la parte del "commenda" italico. Manfredi all'altezza del suo ruolo. Un quadretto un po' improvvisato dell'Italia peri-post-sessantottina che convince solo in parte.

Il Dandi 28/08/14 16:08 - 1917 commenti

I gusti di Il Dandi

Modesto tentativo (tra i tanti dell'epoca) di innesto dei luoghi comuni sessantotteschi in una commedia classica. L'episodio con Sordi (pur in forma) è quello invecchiato peggio e non aggiunge nulla alla sua nutrita carrellata di parodie religiose. Breve e inutile il carosello con Sportelli, non pervenuto quello con Gassmann (apparentemente il più goloso). Il migliore resta quello con Manfredi, che con la sua consueta eleganza dà corpo a un personaggio servile ma non perdente, penalizzato solo da un finale raffazzonato.
MEMORABILE: Another italian joke, very amuse...

Il ferrini 24/10/17 17:48 - 1989 commenti

I gusti di Il ferrini

Uno dei vari film rimaneggiati per la Tv e per l'home video (vedi I nuovi mostri di Risi) di cui risulta irreperibile la versione completa. A mancare è l'intero episodio con Gassman, di cui resta paradossalmente nome e volto in copertina pur scomparendo dal DVD. Abbiamo comunque un Manfredi manager e un Sordi parroco in gran forma e fotografati (bene) in contesti molto differenti: il primo si muove principalmente a New York, il secondo in un piccolo paesino del viterbese, ma entrambi conquistano lo schermo pur non avendo grandi copioni.

Rufus68 30/05/18 22:23 - 3602 commenti

I gusti di Rufus68

Parecchio superficiale e datato come documento dei moti del '68 e molto debole sul versante della commedia. Se Manfredi si diporta con bastevole spigliatezza, Sordi (ma non è colpa sua) ripete stancamente la storiella del prete di provincia travolto dalla vita vissuta. Goffamente riempitivo l'episodio centrale (stante la latitanza di quello con Gassman). Il migliore alla fine è Simon, faccia da Quasimodo ed eloquio da insopportabile "cumenda".

Daniela 24/11/19 10:35 - 11777 commenti

I gusti di Daniela

Il regista è uno solo ma il valore dei quattro episodi è molto altalenante. Pessimo il primo con un grottesco Gassman ai minimi storici impegnato in un farsa senza capo né coda, appena un siparietto il terzo sulla contestazione studentesca, di bella ambientazione e con un buon Sordi prete l'ultimo che risulta però piuttosto convenzionale e scontato. Nonostante l'epilogo moscio, il migliore è il secondo episodio, reso sapido dai duetti tra Manfredi, manager trattato come una pezza da piedi, e il "cummenda" della Ditta per cui lavora, interpretato da Simon con monumentale protervia.

NELLO STESSO GENERE PUOI TROVARE ANCHE...

Zampanò 22/03/20 13:01 - 375 commenti

I gusti di Zampanò

A un anno dall'Autunno caldo la contestazione pervade ogni aspetto sociale. Questo lo spunto di Zampa per avvicinare più tipi alla velleitaria rivoluzione italica. Gli episodi con Manfredi e Sordi appaiono godibili, benché imperfetti. Buono soprattutto il primo, a New York, in cui Michel Simon è un gran "cummenda" coprotagonista. Sordi invece sa "bastonare" il personaggio prete da par suo, ben sorretto dalle parole di Sonego.
MEMORABILE: Manfredi che prova a tradurre le intemerate in dialetto del padrone agli americani.

Rambo90 23/06/20 16:32 - 7177 commenti

I gusti di Rambo90

Si comincia male con un Gassman in gran forma ma svilito da un episodio vuoto, quasi tutto chiuso in una stanzetta di proiezione. Per fortuna dura poco e il film poi regala due piccole perle. Manfredi e Sordi bravissimi nei rispettivi personaggi, il primo esilarante in duetto con Simon e fantastico quando lo abbandona, il secondo che aggiunge alla sua galleria un ritratto di prete che fa tenerezza e ispira la riflessione più profonda del film. Zampa dirige bene e forse il taglio del primo segmento giova alla freschezza del prodotto.

Pessoa 12/08/22 21:00 - 2363 commenti

I gusti di Pessoa

Si tratta per lo più di due episodi (il terzo, con Gassman è difficile da rintracciare) più un breve ma significativo intermezzo. Quello con Manfredi (**!), pur sfiorando la macchietta nel personaggio di Simon, ha qualche freccia al suo arco durante la trasferta newyorkese in cui si sorride spesso, quello con Sordi invece (**) è nato vecchio e ha definitivamente perso interesse col passar del tempo. Si registrano una grande prova di un misurato Manfredi e qualche buona uscita di Sordi, spesso sopra le righe. Per il resto ci si diverte poco e la visione non è fondamentale. Guardabile.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Il Dandi • 8/09/18 00:51
    Formatore stagisti - 1492 interventi
    Dal momento che la maggior parte dei commenti (compreso il mio) ammettono di aver visionato la copia del film monca dell'episodio con Gassman, segnalo che tale episodio è al momento visibile qui:

    https://www.youtube.com/watch?v=O_wuN_HwT4w

    e invito chi vuole a commentarlo a parte in discussione generale, cominciando io stesso:

    LA BOMBA ALLA TELEVISIONE:
    A un regista d'avanguardia viene commissionato un servizio televisivo sulla contestazione ma il risultato, giudicato troppo audace, viene scartato: quasi un'autoprofezia, dal momento che il segmento più ghiotto del film è rimasto invisibile per decenni. Gassman (il cui trucco sembra anticipare lo Ziggy Stardust di David Bowie) interpreta la poesia "La bomba" di Gregory Corso insertata da interviste documentaristiche stile Comizi d'amore, glosse à la Carmelo Bene, cabaret, lanci di vernice colorata e pipponi sui massimi sistemi. Summa e insieme parodia della fantasia al potere, animata da un cast di contorno preso di peso dalla corte di medici della clinica di Tersilli. Velleitario, confuso, ma senz'altro da recuperare.
    Ultima modifica: 8/09/18 00:54 da Il Dandi
  • Discussione Il ferrini • 8/09/18 20:20
    Segretario - 89 interventi
    Grazie mille per la segnalazione.
  • Discussione Il Dandi • 9/09/18 12:10
    Formatore stagisti - 1492 interventi
    Dovere!
  • Discussione Caesars • 10/09/18 11:16
    Scrivano - 16106 interventi
    Ottima segnalazione, Il Dandi.
  • Discussione Blondie666 • 9/05/19 12:28
    Galoppino - 69 interventi
    Vorrei far umilmente osservare che la camera da letto amerecana del commendator Cavazza (Michel Simon) è la stessa (non accreditata) nei film riportati qui

    OVVERO:
    IL SECONDO TRAGICO FANTOZZI
    TENEBRE
    SQUADRA ANTIFURTO
    L'IMPORTANTE E' NON FARSI NOTARE
  • Discussione B. Legnani • 15/05/19 18:28
    Consigliere - 14694 interventi
    Blondie666 ebbe a dire:
    Vorrei far umilmente osservare che la camera da letto amerecana del commendator Cavazza (Michel Simon) è la stessa (non accreditata) nei film riportati qui

    OVVERO:
    IL SECONDO TRAGICO FANTOZZI
    TENEBRE
    SQUADRA ANTIFURTO
    L'IMPORTANTE E' NON FARSI NOTARE



    Queste indicazioni vanno messe in LOCATION SEGNALAZIONI.
  • Discussione Zender • 15/05/19 19:01
    Pianificazione e progetti - 46240 interventi
    Sì, però essendo un interno con poche possibilità di essere radarizzato e senza fotogrammi può anche esser lasciato qui.
  • Discussione Blondie666 • 16/05/19 10:53
    Galoppino - 69 interventi
    Zender ebbe a dire:
    Sì, però essendo un interno con poche possibilità di essere radarizzato e senza fotogrammi può anche esser lasciato qui.

    si, anche perché mentre in tutti i film citati sopra viene inquadrato principalmente il salottino (in Fantozzi anche la camera da letto è vero, ma solo un pezzo) in CONTESTAZIONE GENERALE ho notato che vi sono 2 porte ai lati del letto, una è quella del bagno (dove la Silvani si è "rotto alla labbra" giusto pe capisse) l'altra invece da su un altra stanza (in Contestazione ci dorme Manfredi) e solo grazie alle lampade sui comodini sono riuscito ad identificare la citata stanza, e principalmente le inquadrature sono da quel lato, rendendo molto difficile l'individuazione della location

    21.05
    https://www.youtube.com/watch?v=xAgwIegFa0Y

    1.44
    https://www.youtube.com/watch?v=VthX1pyCtBY
    Ultima modifica: 16/05/19 10:56 da Blondie666
  • Discussione Asmelfavor • 10/02/22 20:16
    Disoccupato - 1 interventi
    Buona notte a tutti,

    E possible trovare il episodio "La bomba alla televisione" oggi ?

    Non si trova più in YouTube.

    Grazie.

  • Discussione Pessoa • 13/08/22 07:51
    Formatore stagisti - 389 interventi
    Asmelfavor ebbe a dire:
    Buona notte a tutti,

    E possible trovare il episodio "La bomba alla televisione" oggi ?

    Non si trova più in YouTube.

    Grazie.


    L'ho cercato a lungo, anche in altre lingue, ma sembra definitivamente scomparso, purtroppo.