LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 6/06/16 DAL BENEMERITO MARKUS
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Markus 6/06/16 17:49 - 3331 commenti

I gusti di Markus

Il tema della dittatura cilena del 1973 è di quelli spinosi e Gallenberger punta sul romantico (in un mondo, quello del Cile di quegli anni, tutt'altro che amorevole). La colonia di questo film rappresenta una realtà di quel tempo (un singolare centro di detenzione a carattere "religioso") e appare ben rappresentata e fedele ai fatti. La prima mezz'ora è attanagliante e naturalmente drammatica (il famigerato stadio-lager di Santiago, la "parilla" elettrica...), poi la pellicola vira in direzione del prison-movie lacrimevole.

Sircharles 7/06/16 12:44 - 92 commenti

I gusti di Sircharles

Riflettori accesi su una vicenda poco esplorata della dittatura cilena di Pinochet, il "lager mascherato" di Colonia Dignidad, un sedicente centro di preghiera, vita umile e lavori agresti gestito con metodi nazisti, violenze brutali e abusi sessuali. La narrazione è cruda e lascia poco all'immaginazione, la vicenda dei due protagonisti, una hostess e un dissidente politico, mantiene contorni di realismo anche quando sconfina, giocoforza, nell'avventuroso - thriller. Reso con efficacia anche l'abbrutimento umano e morale indotto dal regime.

Daniela 24/09/16 00:18 - 9649 commenti

I gusti di Daniela

A concentrarsi sul solo lato romantico/avventuroso, un prison-movie di coppia discretamente interpretato ma che, a parte le forzature utilizzate per aumentare la suspence, potrebbe essere ambientato in qualsiasi altro tempo o altro luogo. L'interesse risiede però altrove, ossia nella descrizione della vita nella colonia/setta, sorta di enclave tedesca all'interno del territorio cileno, e negli accenni alla collaborazione del suo leader, un bastardo manipolatore e pedofilo, con il regime di Pinochet. Il film, spingendo a saperne di più, vale soprattutto come stimolo, al di là dei suoi meriti.

Galbo 8/02/17 05:46 - 11452 commenti

I gusti di Galbo

Sullo sfondo del golpe cileno del 1973, la storia di una sorta di enclave tedesca in cui si praticano la tortura e la manipolazione dell'individuo. Un film che meritoriamente affronta un argomento storico poco conosciuto che manifesta una notevole forza drammatica nella prima parte, di impronta assai realistica e segnata da una notevole caratterizzazione ambientale e dei personaggi. Meno efficace l'introduzione del tema sentimentale e in genere la seconda parte che appare molto più convenzionale. Buona la prova degli attori.

Nando 3/03/17 00:42 - 3496 commenti

I gusti di Nando

Una pellicola coraggiosa che mostra un lato oscuro della storia contemporanea attuato in Cile. Una setta religiosa, dedita alla violenza, collusa con il famigerato regime di Pinochet viene vista con gli occhi di due cittadini tedeschi. La tortura come negazione umana e il fanatismo religioso incessante. Notevole senso di opprimente ansia che non lascia mai lo sviluppo narrativo. Bravi i due interpreti principali.

Hackett 17/04/17 10:04 - 1747 commenti

I gusti di Hackett

Interessante pellicola che unisce al rigore di una serie di terribile realtà storiche, un intreccio narrativo che spazia dal sentimentale, al thriller, al film di prigionia. Dopo un'intensa prima mezz'ora, fortemente ancorata ai fatti storici del golpe cileno, ci si trova infatti immersi in un film che cambia pelle diventando racconto di evasione da una comunità-setta realmente esistita. Buona la prova dei protagonisti, con una Emma Stone sempre più matura per ruoli intensi. Coinvolgente.

Schramm 19/10/19 17:14 - 2451 commenti

I gusti di Schramm

Rinuncia a Satana e troverai qualcosa di infinitamente peggio: l'uomo, autopromossosi vicario e sicario di Dio. Rinuncia a Satana, e canterai cosa fanno sul balcone dittatura e religione. Rinuncia agli inferi, ché li hai già a disposizione mascherati da terra promessa. Colonia Dignità come Divisione della Gioia, secondo quel macabro spirito di patata in cui eccelle puntuale la storia novecentesca: non meno puntuale è il film nel ricamare il peggio cileno con pizzo sanGallenberg intinto nel jonestowniano arsenico: punto-Mullan e croce-Bechis e la maglia di storica lana vetrata è indossata.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.