Chiunque tu sia (3 puntate)

Media utenti
Anno: 1977
Genere: fiction (bianco e nero)
Note: Sceneggiato televisivo in tre puntate.
Numero commenti presenti: 4

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 8/01/12 DAL BENEMERITO FAUNO
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Fauno 8/01/12 12:33 - 1921 commenti

I gusti di Fauno

Come argomenti trattati, intreccio e colpi di scena merita un voto più alto che medio, senza però raggiungere capolavori quali Dimenticare Lisa o Doppia indagine... Quando le scatole cinesi sono troppe, l'insieme (pur rimanendo buono) non è più oliato e scorrevole a dovere e comincia a cigolare un pochino, pur senza incepparsi. Vale comunque assolutamente la pena vederlo, in quanto due passaggi lasciano veramente il segno. Forse Foglietti, già magnifico con L'uomo dagli occhiali a specchio ha voluto migliorare ancora e ha esagerato...
MEMORABILE: Il rapimento e l'inizio della spiegazione finale; Il flashback dell'inseguimento.

Nicola81 13/10/13 11:23 - 1957 commenti

I gusti di Nicola81

Il mix tra giallo e spy story, tanto caro agli sceneggiati Rai dell'epoca, funziona anche stavolta. Tra personaggi ambigui, ricatti, doppi (e forse ance tripli) giochi e gli inevitabili omicidi, è facile appassionare e appassionarsi. Il difficile, semmai, è trovare la perfetta quadratura del cerchio. E infatti... Ottimo cast, in cui, oltre a tanti nomi di spicco della TV di allora, merita una menzione anche Tonino Cuomo nei panni di un commissario dall'indolenza tipicamente partenopea. Piacevole la sigla.
MEMORABILE: Il primo dialogo tra Pambieri e Cuomo; Il rapimento; Il prefinale.

Dusso 9/01/14 18:40 - 1535 commenti

I gusti di Dusso

Non troppo entusiasmante poichè la seconda puntata frena la prima con momenti di stallo e di punti morti nella vicenda; la terza si riprende con un finale e una spiegazione interessanti anche se con troppi "colpi di scena". Fin troppo girato in interni e la scena dell'inseguimento è esageratamente velocizzata: si è voluto imitare Durbridge ma con risultati non troppo soddisfacenti. Pure di delitti c'è veramente poco..

Myvincent 7/08/20 14:40 - 2558 commenti

I gusti di Myvincent

Durbridge colpisce ancora nella fantasia dei registi italiani di sceneggiati e questa volta tocca a Foglietti con la sua indiscutibile professionalità. Ma la dislocazione napoletana di tutta la scena francamente stride con la natura del racconto, che è anglosassone. Napoli si vede infatti per questo poco, mentre si impongono sulla scena attori capaci come Pambieri, Paola Pitagora, Giampiero Albertini e Magda Mercatali. L'intreccio intrigante, gli ottimi dialoghi curati e gli snodi narrativi terranno viva l'attenzione fino in fondo.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Musiche Lucius • 3/12/12 21:00
    Scrivano - 8325 interventi
    Direttamente dalla prestigiosa collezione Lucius, il 45 giri originale:

    Ultima modifica: 4/12/12 07:34 da Zender