Che fine ha fatto Bernadette?

Media utenti
Titolo originale: Where'd You Go, Bernadette
Anno: 2019
Genere: drammatico (colore)
Note: Adattamento del bestseller "Dove vai Bernadette?" (Where’d you go, Bernadette) della scrittrice statunitense Maria Semple pubblicato nel 2012.
Numero commenti presenti: 6

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 15/12/19 DAL BENEMERITO DIGITAL
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Daniela 1/04/20 10:07 - 9651 commenti

I gusti di Daniela

Già architetta di riconosciuto talento, Bernadette da 20 anni si dedica unicamente a marito e figlia, ma è inquieta, insonne, scostante con gli altri. L'idea di un viaggio in Antartide riuscirà a dare un nuovo corso alla sua vita? Prima parte ravvivata dalle battute misantrope della protagonista, interpretata con spirito alleniano da Blanchett, mentre la seconda è impreziosita da splendidi paesaggi ma anche appesantita da troppi dialoghi e dalla retorica sulla difficile scelta femminile tra carriera e famiglia, che però appare poco centrata in questo caso. Film più curioso che riuscito.

Digital 15/12/19 20:41 - 1123 commenti

I gusti di Digital

La schiva Bernadette ha come unici amici la figlia e il suo assistente virtuale su internet. Un giorno sparisce misteriosamente; spetterà ai suoi cari cercare di rintracciarla. Film che non funziona soprattutto a causa di una protagonista (la Blanchett) irritante, che impedisce fin da subito di entrarci in empatia. Se ci aggiungiamo un ritmo perlopiù pachidermico e un profluvio di dialoghi, realizziamo di aver a che fare con un film tedioso che difficilmente si sedimenterà nella memoria, facendosi dimenticare in men che non si dica.

Bubobubo 28/12/19 16:03 - 1231 commenti

I gusti di Bubobubo

Dopo un epocale fallimento professionale, la giovane e geniale architetta Bernardette Fox (una Blanchett che sembra Carla Bruni) si è ritirata nella sua depressa sociopatia. Un giorno, la proposta di un viaggio in Antartide... Alcune situazioni narrative, concentrate nella prima parte del film (la collina che frana, la protagonista in farmacia), dimostrano che Linklater è ancora capace di una buona scrittura: manca forse la volontà. La seconda parte (il viaggio in Antartide) affonda sotto il peso di una retorica sempre più ingombrante. Peccato.
MEMORABILE: Tolti i rovi di more che la tenevano in piedi, la collina frana sotto un acquazzone.

Galbo 16/04/20 18:42 - 11452 commenti

I gusti di Galbo

Con questo film Richard Linklater conferma di essere regista eterogeneo e spesso sorprendente. Che fine ha fatto Bernardette ? è un film fuori dagli schemi, così come il suo personaggio principale, bene interpretato dalla vulcanica Cate Blanchett. Il ritratto di una donna che nasconde una profonda solitudine dietro l’apparente sociopatia. La sua ricerca corrisponde ad una liberazione per se e per gli altri. Un film non perfetto ma intrigante come la protagonista e dalle suggestive ambientazioni.

Il ferrini 25/09/20 00:19 - 1734 commenti

I gusti di Il ferrini

A metà strada fra commedia e dramma è un film che può contare soprattutto su una straordinaria Cate Blanchett, perfettamente calata in un personaggio folle e geniale dai tratti smaccatamente alleniani. La vicenda, di per sé piuttosto bizzarra e non pienamente sviluppata, si rivela infatti un pretesto per raccontare la determinazione di una donna libera, indipendente, alla ricerca della propria realizzazione ed emancipazione. Non un'opera memorabile ma può contare su alcuni momenti efficaci (la frana a casa della vicina). Non male.

Thedude94 28/11/20 00:50 - 616 commenti

I gusti di Thedude94

Non un grandissimo film di Linklater, girato tra Seattle e l'Antartide, che vede come protagonisti la sempre eccelsa Blanchett (la sua parte è la cosa migliore del film), Crudup e la giovanissima Nelson, oltre che la Wiig in un ruolo molto significativo. La sceneggiatura risulta abbastanza piatta, con poche scene importanti che si perdono un po' nel pressapochismo e nella risoluzione immediata, davvero poco credibile. In compenso la regia rimane solida, anche se forse il merito è più delle ambientazioni spettacolari del finale che del regista stesso. Si poteva fare di più.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.