Cary Grant - Dietro lo specchio

Media utenti
Titolo originale: Becoming Cary Grant
Anno: 2017
Genere: documentario (colore)
Regia: Mark Kidel
Note: Documentario dedicato al celeberrimo attore britannico naturalizzato americano Cary Grant (nato Archibald Alexander Leach).

LE LOCATIONLE LOCATION

TITOLO INSERITO IL GIORNO 20/06/19 DAL BENEMERITO MARCOLINO1
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Marcolino1 20/06/19 10:49 - 553 commenti

I gusti di Marcolino1

Confessioni di una maschera pirandelliana imperscrutabile cullata da un giradischi in acid trip nell'impero della mente lynchiano sdoppiata hitchcockianamente alla Psyco. Poteva essere questo il titolo italico, allungato wertmüllerianamente allo sfinimento, di queste sequenze montate in modo fascinoso dove si passa dal vintage home made al dettaglio inquietante. Pur trattandosi di schegge, il mosaico fluttuante della personalità dell'attore si completa in modo esaustivo con un tocco di malinconia riflesso delle zone d'ombra dell'anima di Grant.
MEMORABILE: Il cimitero dei cani, frutto dell'amore smisurato per gli animali; Il personaggio creato dall'attore che diviene "gabbia" della sua personalità.

Galbo 10/07/20 13:43 - 11876 commenti

I gusti di Galbo

Quantomai appropriato il titolo originale di una pellicola che non è il solito documentario informativo e celebrativo su una star del cinema ma rappresenta per certi versi una sorta di confessione  confessione psicoanalitica di una personalità tormentata che vide il proprio alter ego cinematografico quasi come una proiezione di se. Il tutto nelle parole dell’attore, “interpretate” nella versione originale da Jonathan Pryce.  

Siska80 26/06/21 22:32 - 2244 commenti

I gusti di Siska80

Come si evince dal documentario (e dalle parole di un'amica) Cary Crant aveva creato un personaggio cui avrebbe voluto somigliare (il cinico che affronta i problemi a muso duro). Purtroppo però egli era diverso: soffriva per i ricordi di una triste infanzia e volle recitare come protagonista nel film Il ribelle, perché la trama gli ricordava il legame spezzato con la genitrice. Buona l'idea di inscenare una sorta di seduta psicanalitica dell'attore durante la quale emerge la sua vera anima; per il resto, video privati, clip cinematografiche e interviste sono di poco spessore.
MEMORABILE: La madre internata solo in base alle dichiarazioni del marito; L'incubo ricorrente, Il malore.

Reeves 24/05/22 09:26 - 1041 commenti

I gusti di Reeves

Cary Grant aveva una vita privata molto differente dall'immagine pubblica che si era creato e alla quale restò fedele per tutta la vita. Questo documentario racconta proprio questa sorta di sdoppiamento della personalità mettendo in scena una vera e propria seduta psicoanalitica, con un ritmo incalzante e una costruzione che riesce a tenere incollati alla sedia. Da far vedere a tutti quelli che realizzano documentari agiografici.

NELLO STESSO GENERE PUOI TROVARE ANCHE...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.