LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 30/11/09 DAL BENEMERITO BRAINIAC
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Daniela 27/06/10 18:46 - 9381 commenti

I gusti di Daniela

Horrorino apocalittico di quelli economici che, volendo, si possono girare con due soldi e la collaborazione di parenti ed amici: il che non è affatto un handicap, dato che ci sono capolavori nati così, a patto però di avere idee e grinta. Invece Pastor si limita a declinare stancamente l'assunto "homo homini lupus" mettendo in scena personaggi di rara antipatia (Pine recita un tizio dal Q.I. presumibilmente negativo) che si comportano da stronzi patentati, il tutto alternato a ricattatori filmini amatoriali, girati come al solito come neppure il peggiore dei dilettanti farebbe.
MEMORABILE: Il padre che deve accompagnare la bimba malata alla toilette

Schramm 8/04/10 11:28 - 2414 commenti

I gusti di Schramm

Certo che per un film on the road non sapere che strada prendere è un triste paradosso. Se poi aggiungiamo che prende parassitariamente "vita" da un Right at your door (senza riuscire a rilanciarne un micron della melancholia), si fa presto a tirare lo sciacquone. Diremo infine che un wannabe horror tutto guaine e profilassi era impossibile da sentire.

Brainiac 4/12/09 18:57 - 1083 commenti

I gusti di Brainiac

Carriers è un film soporifero, senza un reale crescendo, senza effettivi distinguo da quanto s'è visto in ambito: virus pestilenziale che flagella l'umanità. On the road risaputo, che vorrebbe pure il merito di rivelarci che la pietas evaporerebbe nel caso irrompessero gli spietati istinti di sopravvivenza? Maddai! Che intensa news. Mielosi i flashback della famigliuola americana che vagheggia il tempo che fu. Di agenzie interinali, ahimè, è pieno il mondo: ci s'iscriva Alex Pastor, quella del regista non è proprio "carriera" che gli si addica.

Undying 9/12/09 11:33 - 3840 commenti

I gusti di Undying

L'infezione ormai dilaga e la medicina non riesce a porre rimedio. Non sappiamo come e perché la pandemia abbia avuto origine, ma sappiamo che i sopravvissuti sono iene senza sentimento. Almeno stando ai protagonisti del film, due fratelli e due ragazze in grado di abbandonare genitori, amici e quant'altro alla sorte della malattia. Carriers si dilunga oltre misura e senza risvolti interessanti nel descrivere l'atteggiamento patetico e vigliacco dei personaggi, ai quali, ovviamente, tocca in sorte un destino speculare, evidente ed elementare conseguenza di un comportamento aberrante. Noioso.
MEMORABILE: Il piratesco furto di benzina, operato su due vecchiette spaurite ed eliminate a colpi di pistola.

Greymouser 28/06/10 21:32 - 1458 commenti

I gusti di Greymouser

Si è perso da tempo il conto di quante volte abbiamo visto queste situazioni apocalittiche senza capo nè coda, messe in piedi solo per fare da scenario a vicende trite e scontate, imbarazzanti nella loro assoluta pochezza e carenza di energia inventiva. Film perfetto nella sua inutilità: si guarda (con molti sbadigli) e si dimentica due minuti dopo la sospirata fine.

Galbo 5/12/10 09:19 - 11384 commenti

I gusti di Galbo

I film basati sul pellegrinaggio di sopravvissuti a contagi letali sono ormai un sottogenere cinematografico che ha avuto anche una declinazione umoristico/farsesca con Benvenuti a Zombieland. Questa pellicola low budget nulla aggiunge a quanto visto finora anzi presenta una trama e sceneggiatura quantomai povere e l'aggravante di essere interpretato da un cast assai poco consistente.

Gestarsh99 18/01/11 12:34 - 1322 commenti

I gusti di Gestarsh99

In un mondo spopolato da un morbo aggressivo e senza scampo, l'unico itinerario possibile per quattro giovani ragazzi allo sbando è quello a ritroso nel tempo, verso quel passato di felicità e spensieratezza che non tornerà mai più. Per questa ennesima cine-apocalisse virale, i fratelli Pastor scelgono originalmente di mantenere un profilo umile ed intimista, concentrandosi sul deterioramento delle dinamiche interpersonali, destinate a sfaldarsi dolorosamente sino ad una sopravvivenza egoistica e meccanica. Senza deludere, strafare o dir nulla di nuovo, una pellicola raffinata, fotografata in maniera eccellente.
MEMORABILE: I paesaggi desertici ed assolati ripresi in tutto il loro respiro luminoso.

Lupoprezzo 13/04/11 18:34 - 635 commenti

I gusti di Lupoprezzo

Di horror apocalittici e virali ne abbiamo piene le tasche e questo lavoro dei fratelli Pastor non passerà certo alla storia per chissà quali peculiarità, ma un minimo di intrattenimento lo offre e qualche sequenza non è male. Scarno e privo di effettacci il film si concentra, con scarsa originalità e con uno svolgimento un po' ridicolo, sui rapporti interpersonali, sulla paranoia del contagio e sui ricordi come unico motivo di sopravvivenza. Cast trascurabile.

Cotola 20/07/11 21:13 - 7517 commenti

I gusti di Cotola

Derivativo, certo, e non poco prevedibile. Tuttavia scorre via abbastanza gradevole. Girato con una certa sobrietà, senza eccedere in gratuiti effetti sanguinolenti, senza particolari scosse e, ovvio, senza nemmeno guizzi di particolare rilevanza. Qualche piccola caduta qua e là (i tizi che giocano a golf). Scontate le considerazioni "filosofiche" di turno. Lo troverà migliore chi non conosce bene il (sotto)genere in questione.

Pinhead80 24/08/14 11:25 - 3945 commenti

I gusti di Pinhead80

Rispetto ad altri film del genere l'inizio ci risparmia preamboli che motivano la storia. Questo giova al film perché lo rende sin da subito interessante, ma le cose positive cessano praticamente qui. I personaggi finiscono per ricalcare i soliti prototipi da insopportabili/sfigati e finiranno per pagarne le conseguenze. Un film sospeso nel nulla che poteva e doveva essere sviluppato diversamente. Peccato.

Herrkinski 9/04/15 05:16 - 5125 commenti

I gusti di Herrkinski

Il tema del film, tra apocalisse virale e sopravvissuti on the road, non è certo nuovo; se non altro qui ci vengono risparmiati zombi e mostri vari, basando la storia sull'istinto di sopravvivenza e sull'egoismo umano che ne deriva. Questo è il pregio ma anche il limite del film, che scorre in maniera abbastanza sonnacchiosa nonostante i discreti tratteggi dei personaggi e una buona confezione; il senso di deja-vu fa capolino in varie scene, riportando comunque alla mente i fasti romeriani di Zombi e affini, pur senza i morti viventi.
MEMORABILE: La partita a golf; L'abbandono della ragazza dopo la contaminazione.

Pesten 1/04/20 09:03 - 638 commenti

I gusti di Pesten

Nel porre l'attenzione su mascherine, guanti e distanziamento il film appare decisamente realistico. L'interesse, se così vogliamo chiamarlo, si ferma però a questi dettagli, in quanto il resto si fissa sui rapporti tra una serie di personaggi più o meno fastidiosi, su tutti il fratello maschio-alfa della situazione. Tutto troppo trattato in maniera facilona e, salvo alcuni momenti, il film delude, finale compreso.
MEMORABILE: La bella VanCamp, forse l'unico personaggio interessante (ma messo troppo in secondo piano).

Anthonyvm 26/05/20 22:24 - 1922 commenti

I gusti di Anthonyvm

Pur aggiungendo poco o niente al filone dei survival movie con virus letali e affini (ma per lo meno si evitano i soliti zombi velocisti), si tratta di un conciso ed efficace dramma orrorifico, girato semplicemente (niente spettacolarizzazioni apocalittiche, si inizia in medias res con la fuga dei quattro protagonisti) ma con le idee giuste e un senso costante di inesorabile tragedia. Le svolte narrative sono prevedibili, ma il cinismo di certe scene lascia il segno. Peccato non si riesca a simpatizzare per nessuno dei personaggi principali.
MEMORABILE: L'ospedale coi bambini eutanasizzati; L'infetto in macchina si rivela tutt'altro che morto; Il fratello maggiore sospeso sulla piscina contaminata.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Gestarsh99 • 23/07/11 00:38
    Scrivano - 14457 interventi
    Cotola ebbe a dire:
    ...Lo troverà migliore chi non conosce bene il (sotto)genere in questione.

    Mi sembra una frase un po' azzardata, non trovi ;)
  • Discussione Cotola • 23/07/11 09:38
    Consigliere avanzato - 3627 interventi
    Ti spiego il mio punto di vista. Chi come noi,
    conosce bene il genere, può trovare prevedibili
    e scontate molte situazioni e ciò influisce sul
    giudizio finale e sul divertimento. Chi non ne ha visti tanti, lo può trovare più gradevole ed avvincente. Credo che questa notazione possa andare bene per tanti altri ambiti: a te non è mai capitato quando eri ragazzino e ti avvicinavi a certi film, libri o dischi di dire "bello questo" poichè non avevi tanta esperienza, e poi in seguito di capire che c'erano prove ben più notevoli e convicenti? A me sì, e potrei fare tanti esempi.
  • Discussione Gestarsh99 • 23/07/11 13:33
    Scrivano - 14457 interventi
    Guarda Cotola, a me il film è piaciuto abbastanza- e le motivazioni le trovi tutte nel mio commento- però non mi sognerei mai di dire, ad esempio, che il tuo voto è stato condizionato dalla media dei restanti 1 ed 1,5 o da questioni derivanti dal non voler guastare eventuali percentuali di affinità con chicchessia. Non vedo allora il perchè tu debba arrivare ad insinuare una ipotesi così arbitraria.

    Non colgo il nesso tra l'apprezzare il film e la poca conoscenza del genere.
    Parlando di me stesso posso confermarti che il filone zombie-virale apocalittico (dagli albori del Cinema sino ai giorni nostri) è uno dei miei preferiti e più conosciuti di sempre. Eppure il film l'ho gradito, non solo per la sua resa grafica o per il discorso sincero ed intimista sull'egoismo umano ma anche in virtù dei suoi piccoli rimandi ad alcune pellicole del passato.

    Che tu non abbia potuto apprezzare talune chiare sfumature del racconto o che non abbia avuto tempo di soffermarti su certi richiami nostalgici lo reputo plausibile ma non riesco a cogliere cosa c'entrino in tutto ciò coloro cui l'opera è piaciuta.

    Detto in tutta amicizia ;)
  • Discussione Zender • 23/07/11 13:46
    Consigliere - 43509 interventi
    Sinceramente, e considerando che sempre di pareri personali si parla, nei commenti, mi pare un'opinione non così strampalata. Se uno ritrova in un film un ricorso a stereotipi del genere mi pare logico che pssa pensare che per questo motivo possa piacere di più a chi il genere non lo conosce. Il discorso fila e non prevede che chi invece il genere lo conosce non possa ugualmente trovarlo interessante per altri motivi. Non capisco cosa ci trovi di strano nella frase. E' un punto di vista piuttosto comune, in fondo.
  • Discussione Cotola • 23/07/11 14:35
    Consigliere avanzato - 3627 interventi
    Ciao Gest,
    credo si sia creato un equivoco verbale e quindi lo voglio chiarire subito.

    In primis: non ho fatto riferimento a nessuna affinità nè ad alcun commento di altri utenti: non lo faccio mai e poi non è permesso dal Maestro (pena il taglio delle mano). Non ho ben capito quindi l'ipotesi arbitraria che avrei fatto.

    La mia frase era molto generale e l'ho anche spiegata. Credo che Zender abbia capito cosa
    volevo intendere. Se io vedo un film horror è
    un conto, se ne ho visti 100 la cosa è diversa. Non trovi? Nulla di male quindi nel dire che chi non conosce il genere, può trovarlo migliore poichè magari non nota i tanti elementi presenti in altre pellicole.

    Infine circa la tua affermazione:

    Che tu non abbia potuto apprezzare talune chiare sfumature del racconto o che non abbia avuto tempo di soffermarti su certi richiami nostalgici lo reputo plausibile ma non riesco a cogliere cosa c'entrino in tutto ciò coloro cui l'opera è piaciuta.


    Io certe sfumature del racconto le ho anche ravvisate così come certe considerazioni sulla natura umana (sul suo egoismo e sulla sua cattiveria specie in condizioni estreme)
    ma anche in questo caso non mi sono sembrate
    particolarmente originali.

    Spero di avere chiarito e ribadisco di non averti voluto nè offendere nè tirati un ballo.

    Un saluto.
    Ultima modifica: 23/07/11 14:36 da Cotola
  • Discussione Gestarsh99 • 23/07/11 15:13
    Scrivano - 14457 interventi
    Cotola ebbe a dire:
    Ciao Gest,
    credo si sia creato un equivoco verbale e quindi lo voglio chiarire subito.

    In primis: non ho fatto riferimento a nessuna affinità nè ad alcun commento di altri utenti: non lo faccio mai e poi non è permesso dal Maestro (pena il taglio delle mano). Non ho ben capito quindi l'ipotesi arbitraria che avrei fatto.


    Mi son spiegato male allora, quello che volevo dirti è che se tu scrivi:

    Cotola ebbe a dire:
    ...Lo troverà migliore chi non conosce bene il (sotto)genere in questione.

    allora qualcun altro potrebbe sentirsi in diritto di controbattere a sua volta:

    PincoPallino potrebbe aver a dire:
    il voto/giudizio del buon Cotola è stato condizionato dalla media dei restanti 1 ed 1,5

    Sono entrambe ipotesi non dimostrabili e pertanto valide/invalide nella medesima misura.

    Comunque l'importante è essersi chiariti.
  • Discussione Cotola • 23/07/11 15:30
    Consigliere avanzato - 3627 interventi
    Ok, tutto a posto.
  • Discussione Brainiac • 23/07/11 22:54
    Addetto riparazione hardware - 1469 interventi
    Cotola ebbe a dire:

    In primis: non ho fatto riferimento a nessuna affinità nè ad alcun commento di altri utenti: non lo faccio mai e poi non è permesso dal Maestro (pena il taglio delle mano)

    ...e invece lo faqui, messer Cotola, che il Davinotti si armi d'accetta e predisponga il taglio dell'arto ;))))
    Su Kaboom il Brainiac ebbe a dire:
    dimenticate il regista di Mysterious skin perchè questo è l'Araki più strafumato dai tempi di Smiley face.
    E illo Cotola ebbe a replicar:
    Effettivamente fa dimenticare, purtroppo, il grande Mysterious skin.
    a parte gli scherzi, di zombeschi/ contagiosi ne ho visti fin troppi, e proprio per quello, dato che in Carriers non c'è (dal mio pointofview) nessunillima disattesa del canovaccio, mi ha annoiato non poco.
  • Discussione Gestarsh99 • 24/07/11 00:50
    Scrivano - 14457 interventi
    Brainiac ebbe a dire:
    ...Smiley face...

    Incredibile quel film, è un vero peccato che non sia mai stato tradotto in italiano.
    Io lo reputo il miglior film del regista: è l'unica tra le sue opere che non mi ha mai dato il sospetto di un eccesso di auto-compiacimento sociologico.
  • Discussione Brainiac • 24/07/11 10:25
    Addetto riparazione hardware - 1469 interventi
    massì, anche se Mysterious è un gran bel film, viva pure la leggerezza di Smiley face.