LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 2/12/08 DAL BENEMERITO G.GODARDI
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

G.Godardi 2/12/08 16:55 - 950 commenti

I gusti di G.Godardi

Il solito Martinelli ci propina il suo solito filmone spettacolare tratto da una storia vera. Questa volta tocca alle gesta del pugile Carnera. Una supermegaproduzione internazionale con tutti i difetti del genere, inficiata ancora di più da un furente odore di fiction tv. Troppo inflazionato dal cinema francese più commerciale nella prima parte e troppo dal cinema italiano da cartolina da esportazione nella seconda. Tecnicamente non fa una piega, ma è un film sterile, vuoto e senza anima. Martinelli forse crede di essere la reincarnazione di Welles?

Puppigallo 16/12/08 15:43 - 4656 commenti

I gusti di Puppigallo

Pellicola su Carnera, detto la montagna che cammina, alto più di due metri e con due mani enormi (non per niente all’inizio lavorava in un circo). Ingenuo e un po’ bambinone, qui viene però doppiato in maniera quasi improponibile; e se si aggiunge anche una regia senza guizzi o particolare talento (non basta inserire documenti d’epoca, che si collegano alla scena a colori per dimostrare di avere inventiva), ecco che il film non decolla mai, restando in un limbo di mediocrità, confermata dalla pochezza dell’insieme. Si può anche vedere, per saperne di più sul campione, ma solo per quello.
MEMORABILE: Il nano: “Noi siamo disgraziati; tu troppo grosso, io troppo piccolo; Burt Young (Paulie in Rocky), banchiere e poi manager di Carnera; Giù 10 volte.

Magnetti 18/12/08 11:10 - 1103 commenti

I gusti di Magnetti

Trasmesso da Canale 5 in due serate, sembra più una fiction che una pellicola per il grande schermo. È un film il cui fascino è nella storia più che nei meriti della produzione. Carnera, l'unico boxeur italiano ad aver vinto il titolo mondiale dei pesi massimi, è un personaggio perfetto per il cinema. Un eroe del popolo italiano degli anni del primo dopo guerra. Un animo candido e forte in un mondo che è sempre stato e sempre sarà, terra di conquista solo per i manager. E il regista lo ha sottolineato senza strafare.

Galbo 26/01/10 09:28 - 11679 commenti

I gusti di Galbo

Il personaggio Carnera e la sua vita avventurosa ben si prestavano ad una trasposizione cinematografica. Purtroppo questa produzione firmata dal regista Martinelli delude le aspettative ed assomiglia ad un compitino ben svolto ma freddo. Buone ricostruzioni ambientali ma poca passione e nessuna decente caratterizzazione dei personaggi. Mediocre.

Greymouser 15/05/10 19:12 - 1458 commenti

I gusti di Greymouser

Martinelli, si sa, è un regista ambizioso. I temi che sceglie sono tutti di forte impatto, e potenzialmente di grande richiamo. Peccato che poi il suo presunto talento non vada mai al di là di una regia da fiction televisiva, nel migliore dei casi. Questo film su Carnera, purtroppo, non fa eccezione. Banalizzati tutti i momenti topici della vicenda, resta un drammone piuttosto melenso frequentato da un protagonista che ha il fisico del ruolo, ma proprio nient'altro.

Nando 12/05/10 01:35 - 3574 commenti

I gusti di Nando

Più che un film sembra la classica fiction televivisa e in effetti la trasposizione si è verificata sistematicamente. La narrazione è didascalica e corretta ma priva del pathos giusto per esaltare le gesta di un campione arcinoto. Si punta al sensazionalismo ed all'emozione effimera evitando l'analisi dell'uomo Carnera. Le scene sul ring non sono malvage, anzi, ma è tutto l'apparato costruito da Martinelli che trasuda frammenti di artefazione poco consoni al personaggio narrato.

Herrkinski 13/05/10 23:20 - 6010 commenti

I gusti di Herrkinski

Grossa produzione internazionale che narra le gesta del "mitologico" pugile Primo Carnera. Iaia è bravo e ha il physique-du-role, il resto del cast si comporta bene (a parte Burt Young: dopo 6 Rocky metterlo a fare ancora l'allenatore/manager lo riduce a una caricatura di sè stesso). Il film non è brutto, tutt'altro; a mancare forse è il pathos, le scene sul ring non hanno dinamica, tutto scorre troppo piatto. Si respira un'aria da fiction patinata e rimane la sensazione che si sarebbe potuto fare di più. Comunque si fa vedere.

Saintgifts 30/07/12 07:18 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Ciò che più mi ha colpito in questo lavoro sono i cappotti (e i vestiti in genere) del protagonista: baveri imponenti e stoffe molto d'epoca, azzeccate. Iaia avrà pure il fisico per il ruolo, ma non certo la faccia e questo penalizza, se aggiunto ad una recitazione mediocre. Non so nemmeno quanto sia verosimile l'uomo Carnera raccontato così, molto fumettistico, senza però godere del tratto verosimile della penna di un bravo illustratore. Discutibili gli inserti d'epoca con l'ulteriore inserimento del viso dell'attore.

Piero68 7/03/19 10:22 - 2842 commenti

I gusti di Piero68

E' ormai da tempo che Martinelli ha smesso di essere il regista ambizioso che ci aveva regalato pellicole come Vajont o Piazza delle cinque lune. Con questo biopic si getta a corpo morto sulla retorica e sul sensazionalismo spicciolo che alla lunga risulteranno posticci quanto il Carnera che disegna. Molto male la recitazione (e il doppiaggio), su tutte proprio quella di Iaia, eccessivamente impacciato e bambinesco nei modi. A tratti sembra più una caricatura che un racconto-verità. Così come personaggi come See o Baer. La storia meritava di più.
MEMORABILE: Il video storico di Carnera eletto a modello di italiano "fascista" sul balcone di Piazza Venezia, con Mussolini e divisa della Milizia.

Renzo Martinelli HA DIRETTO ANCHE...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Gugly • 3/12/08 16:59
    Segretario - 4667 interventi
    In effetti non ha avuto granchè successo, ed è rimasto invischiato anche in diatribe politiche: qualcuno deifinisce Martinelli il cantore della destra.
  • Discussione G.Godardi • 3/12/08 23:09
    Call center Davinotti - 665 interventi
    E' uscito fugacemente in sala,ma credo che sia stato fatto apposta.secondo me, a giudicare dal logo Mediatrade che apre il film,a breve ne verrà fuori una versione tv in due parti....

    Il film è prodotto dallo stesso Martinelli e lascia sbalorditi per i grandi mezzi il ricco cast a disposizione....

    Martinelli è un regista controverso,dotato tecnicamente ma spesso privo di reali motivazioni se non pretesti reazionari...questo fin dal suo esordio con Porzus,il quale lo addittò subito come regista destrorso.
    Ultima modifica: 4/12/08 07:11 da G.Godardi
  • Homevideo Zender • 4/12/08 08:37
    Consigliere - 44778 interventi
    Visto che se ne parlava...
    Il 4 dicembre 2008 esce per la Medusa CARNERA - THE WALKING MOUNTAIN (2008)
    Audio: Ita.5.1
    Video: 16:9/Ws + extra
    Durata 123’
  • Discussione Zender • 4/12/08 08:50
    Consigliere - 44778 interventi
    Mah, non lo so. Destra o non destra a me Martinelli non dispiace. Me la sono passata sia con VAJONT che con PIAZZA DELLE CINQUE LUNE. Trovo abbastanza superfluo associarlo sempre e comunque alla sua presunta e probabile idea politica. Guardiamo i film, vediamo se funzionano e cerchiamo di non pensare troppo alle sue idee, che francamente ad esempio in VAJONT non mi pare traspaiano...
  • Discussione G.Godardi • 13/12/08 15:49
    Call center Davinotti - 665 interventi
    Come sospettavo,anche se si sono bene badati dal dirloa lla sua uscita cinematografica,il film è una riduzione di una fiction in due puntate della durata complessiva di tre ore circa.Infatti sarà strasmessa da Canale 5 lunedì 15 e martedì 16 dicembre.per quel che mi riguarda passo...mi è già bastata la versione breve.
  • Discussione Zender • 14/12/08 09:58
    Consigliere - 44778 interventi
    G.Godardi ebbe a dire:
    Come sospettavo,anche se si sono bene badati dal dirloa lla sua uscita cinematografica,il film è una riduzione di una fiction in due puntate della durata complessiva di tre ore circa.Infatti sarà strasmessa da Canale 5 lunedì 15 e martedì 16 dicembre.per quel che mi riguarda passo...mi è già bastata la versione breve.
    Magari la versione lunga è più completa e interessant. Bidsognerebbe capire come venogono operati i tagli, in questo caso.
  • Discussione G.Godardi • 14/12/08 15:08
    Call center Davinotti - 665 interventi
    Zender ebbe a dire:
    G.Godardi ebbe a dire:
    Come sospettavo,anche se si sono bene badati dal dirloa lla sua uscita cinematografica,il film è una riduzione di una fiction in due puntate della durata complessiva di tre ore circa.Infatti sarà strasmessa da Canale 5 lunedì 15 e martedì 16 dicembre.per quel che mi riguarda passo...mi è già bastata la versione breve.
    Magari la versione lunga è più completa e interessant. Bidsognerebbe capire come venogono operati i tagli, in questo caso.


    Che sia più completa non ci piove,nel film versione cinema infatti si notano parecchi tagli;sul fatto che sia più interessante ho forti dubbi,già dal film ridotto al suo osso si può notare che manca di qualcosa:calore,anima.Sembra proprio un film fatto su commissione e basta.inoltre in tv verrà a cadere anche lo schermo panoramico 2.35:1 che renderà il film meno spettacolare( e di inquadrature spettacolari ce ne sono molte),a meno che non sia stato girato in supercinemascope come fece Cameron con Titanic per dare lo stesso effetto anche in homevideo o in tv(ma non credo proprio....).

    Cmq aspetto fiducioso qualche commento da parte di chi vedrà la versione tv....
  • Discussione Cangaceiro • 17/12/08 20:15
    Call center Davinotti - 742 interventi
    Qualcuno sa dirmi se il protagonista,Andrea Iaia,si sia autodoppiato?
  • Discussione Piero68 • 7/03/19 14:33
    Compilatore d’emergenza - 237 interventi
    Nonostante la mega produzione internazionale, Carnera rimane il classico film/fiction della serie voglio ma non posso. Si pesca in un cast tutto sommato raccogliticcio e le comparsate di Sorvino e Burt Young servono a poco. Deludentissimo Martinelli, anche perchè, se paragonato a film similari (tipo The Cinderella man di Ron Howard, ambientato nello stesso periodo e che narra la storia del peso massimo Jim Braddock che per diventare campione del mondo sconfisse proprio Max Baer), The walking mountain letteralmente sparisce. E non solo nel confronto Crowe/Iaia
  • Discussione Raremirko • 11/07/21 20:49
    Addetto riparazione hardware - 3722 interventi
    Buon film dedicato a Carnera; bene il cast internazionale (che a volte già lavorò con Martinelli), indicato Iaia, bene le sequenze di lotta (che qualcosa devono a Scorsese).
    2 ore che non stancano e che celebrano un uomo che davvero rese grande l'Italia, anche all'estero.