Capuchin Monks, Rome

Media utenti
Titolo originale: Capuchin Monks, Rome
Anno: 1898
Genere: corto/mediometraggio (B/N)
Cast: (n.d.)
Note: Aka "Procession of Capuchin Monks, Rome".
Numero commenti presenti: 4

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 29/11/21 DAL BENEMERITO PINHEAD80
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Pinhead80 29/11/21 18:41 - 4198 commenti

I gusti di Pinhead80

Frati cappuccini a Roma vengono ripresi dal grande William K.L. Dickson durante una processione. Lo stile del regista è inconfondibile perché molto attento ai dettagli e capace (più di altri suoi colleghi dell'epoca) di inserire movimenti assolutamente naturali che rendono il tutto molto credibile. Nonostante il momento di grande preghiera possiamo assistere sorprendentemente allo sguardo curioso dei protagonisti evidentemente anche loro non immuni al fascino della macchina da presa. L'opera trasuda silenzi, ma anche ordine e preghiera sommessa.

Caesars 29/11/21 19:37 - 3146 commenti

I gusti di Caesars

Dickson questa volta si limita a riprendere una processione di frati, alcuni dei quali guardano insistentemente in macchina, che sfila lentamente davanti a una cinepresa fissa. L'effetto finale non fornisce grandi emozioni allo spettatore di oggi e forse non ne regalava troppe neanche a quello dell'epoca. Il regista, autore altre volte di riprese ben più convincenti, in questo caso si limita a documentare senza troppa fantasia l'accadimento.

B. Legnani 29/11/21 23:38 - 5063 commenti

I gusti di B. Legnani

Questa processione non è particolarmente memorabile per l’ambientazione o per l’avvenimento in sé. Si tratta, in effetti, non di una processione nel senso più usato del termine, con simbologie religiose e via dicendo, ma di un semplice sfilare di monaci cappuccini. Ciò che colpisce, però, è lo sguardo, composto ma curioso, che i religiosi rivolgono, si direbbe all’unanimità, verso l’operatore, quasi come se fosse un’evasione dalla loro vita monastica verso il progresso che scorre all’esterno delle mura del convento e che, un po’ a sorpresa, si incrocia con la loro vi[t]a.

Pigro 7/12/21 10:35 - 8628 commenti

I gusti di Pigro

La sfilata di frati capuccini, nel suo parco minimalismo, ha qualcosa di affascinante e ipnotico: le figure avanzano solenni e dimesse al tempo stesso, con i lunghi sai e le fluenti barbe bianche, catturati probabilmente nel giardino di un convento. Davvero un’immagine esotica per il pubblico americano di Dickson, che l’operatore coglie consapevole della potenza ontologica di queste apparizioni, ben oltre la necessità di azioni o cose sorprendenti. Al punto che ancor oggi la breve pellicola non manca di intrigare e incuriosire.

NELLO STESSO GENERE PUOI TROVARE ANCHE...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.