LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

L'unica cosa che impressiona in questa pedissequa e malriuscita imitazione della serie di VENERDI’ 13 è il cast: oltre alla futura diva Nancy Brilli (che poco prima aveva girato DEMONI 2) ritroviamo il bravo David Hess (celebre per aver interpretato il cult L’ULTIMA CASA A SINISTRA di Craven), l’onnipresente John Steiner, l'alternativa e nota Mimsy Farmer, Ivan Rassimov e lo sbirro americano per eccellenza Charles Napier (nella parte dello sceriffo, ovviamente). Deodato comunque per questo spin-off si è svegliato tardi: in America la serie omicida...Leggi tutto di Jason è giunta al sesto capitolo e non se ne può davvero più di queste truppe di teenager in fregola mandati allo sbaraglio e regolarmente falcidiati da accette e coltelli. CAMPING DEL TERRORE non aggiunge quasi nulla alla formula, anche perché Deodato fa di tutto per far sembrare le montagne d'Abruzzo perfette location americane, così il plagio è totale: le solite fughe (e immancabili cadute) tra gli alberi, qualche topless (quello della Brilly è notevole!), molti doppi sensi, shock infantili, sessuofobia, ampi spargimenti di sangue... In più c’è forse un tentativo (tipicamente italiano) di giustificare gli omicidi e di creare una parvenza di intrigo giallo. Ma è evidente la svogliatezza con cui Deodato dirige le operazioni e anche le musiche di Simonetti (ex Goblin) sono meno incisive del consueto. Dovremmo forse divertirci a cercare il colpevole? A questo punto ritorniamo a Crystal Lake, dove perlomeno sappiamo tutti chi si nasconde dietro quella maschera da hockey e ci viene risparmiato il giochino del “chi mai sarà stato?”. Effetti modesti.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Undying 26/03/07 00:22 - 3839 commenti

I gusti di Undying

Voci molto attendibili segnalano che Deodato "perse" la testa (e come dargli torto?) per Nancy Brilli: forse è questo il motivo per cui il film, pur se ottimamente girato, si perde in una sceneggiatura molto caotica (specie nel finale). Il clone italiano di Venerdì 13 fa la sua figura quando il killer agisce istintivamente (le dita mozzate con coltello contro un albero), ma mostra tutti i suoi limiti nelle scadenti interpretazioni (David Hess compreso). Buona la colonna sonora.

G.Godardi 18/04/07 01:26 - 950 commenti

I gusti di G.Godardi

Il titolo estero è Bodycount, e esplica bene la natura del film: un omaggio-plagio al filone slasher dei vari Venerdì 13. Girato in Italia senza darlo a vedere, è un buon esempio di horror che guarda all'America. Cast di tutto rispetto e sceneggiatura smaliziata che contiene tutti i crismi del genere. La soundtrack di Simonetti è quasi un plagio di quella di Venerdì 13 parte 3. Se si ha l'accortezza di sorvolare su alcune ingenuità e incongruenze, è un film che non mancherà di divertire sia i fan di Deodato che quelli del genere slasher.

Cotola 14/12/07 22:57 - 7564 commenti

I gusti di Cotola

Slasher all'italiana molto mediocre che è una bruttissima copia di Venerdì 13 (uno dei capostipiti del genere) e che ricicla spudoratamente e lo fa male, situazioni trite e ritrite compreso il solito rosario di ammazzamenti senza senso fino ad arrivare ad un finale davvero banale e prevedibile. La tensione latita a causa di una sceneggiatura ridicola. Cast assolutamente sprecato tra cui va segnalata un'appetitosa Nancy Brilli ad una delle sue prime apparizioni su celluloide.

Ghostship 7/06/08 13:23 - 394 commenti

I gusti di Ghostship

C'erano tutti i presupposti per un onesto teen-horror italiano sullo stile di Venerdì 13 e invece il prodotto è piatto, mal recitato e scritto sotto la costante egida del modello, il che banalizza non poco i dialogacci. Anche gli attori più esperti annaspano in una sceneggiatura ricca di buchi che alla fine lascia un grande senso di incompiuto e le cui falle non vengono mai coperte da una tensione a lungo rincorsa, ma mai raggiunta.

Herrkinski 13/11/08 23:22 - 5216 commenti

I gusti di Herrkinski

Riciclaggio dello slasher all'americana sulla falsariga dei vari "Venerdì 13" et similia. Il film è tecnicamente corretto (d'altronde Deodato è un buon regista e su questo non ci piove), ma il plot è scontatissimo e i colpi di scena lasciano a desiderare. Gli attori fanno il loro lavoro senza convinzione (compreso il solito Hess nel ruolo di pazzoide), lo splatter è moderato, la colonna sonora di Simonetti è buona ma è un semi-plagio di quella di Venerdì 13 Parte 3. Un peccato, perché il film poteva essere un divertente massacro. Moscio.

Schramm 17/11/08 16:18 - 2418 commenti

I gusti di Schramm

Con tutta la sfacciataggine tipica di ogni svergognato plagiaro che si rispetti e servito da un cast di veterani del genere pagati per battere la fiacca e mimare l'ombra dell'ombra di loro stessi, Deodato fa svogliatamente il verso a Venerdì 13 in questo slasher all'amatriciana tisico, asfittico, asettico e senza un minimo sindacale di cuore, anima, cura né ispirazione. Il deprimente risultato va da sé, e noi con lui verso il crepaccio del tedio e dell'irritazione.

Trivex 23/11/08 17:51 - 1498 commenti

I gusti di Trivex

Alcuni studenti arrivano con birra e turbe sessuali in un decadente campeggio, incontrando il maniaco di turno malamente acconciato, ma dotato di efficace coltellaccio. Pur mantenendo qualche nota caratteristica del film di genere italiano, del quale il grande Deodato è esponente di spicco, questa volta il risultato è davvero mediocre. La trama si perde spesso per tre quarti del film, tentando di proporre nel finale un movente potenzialmente interessante. Ma cercare lo spessore cinematografico nel teen-horror è impresa ardua anche per il mitico Deodato.

Tomastich 30/05/09 10:50 - 1216 commenti

I gusti di Tomastich

R. Deodato ha classe in quasi tutti i generi in cui si è adoperato nella sua lunga carriera (lasciando un attimo in un angolo il musicarello con Little Tony). Questo film, come ho già avuto occasione di dire, insieme a Deliria, tenta di portare in Italia il lato visuale e giovanilistico dell'horror USA. Deodato mette insieme un cast che fanno dalla "signora in nero" Mimsy Farmer, a mr. Hess, fino alla fauna italica con in prima linea Nancy Brilli (già presente nel secondo Demoni). Peccato per la seconda parte tirata un po' via.

Rambo90 18/02/10 22:36 - 6402 commenti

I gusti di Rambo90

C'è poco e niente della maestria di Deodato in questo film. La storia è pesantemente riciclata dai vari Venerdì 13, il cast è pieno di volti noti che si limitano a fugaci apparizioni e i trucchi splatter sono pochi e abbastanza ridicoli. La noia si fa sentire più volte e la soluzione finale è parecchio icongruente.

Daidae 10/02/11 15:00 - 2749 commenti

I gusti di Daidae

Moscia e inutile scopiazzatura di Venerdì 13, con la differenza che qui abbiamo attori più scadenti (inclusi Hess e la Farmer) e una noia "strisciante" che si fa sentire già dopo trenta minuti. Finale scontatissimo e imbarazzante; un film davvero insensato, nemmeno mediocre.

Buiomega71 19/04/11 18:53 - 2285 commenti

I gusti di Buiomega71

Non è il miglior Deodato, sicuramente. Ma lo stile del regista di Cannibal holocaust fa sì che questo ennesimo clone di Venerdì 13 sia bello teso e anche piuttosto violento. La slasher mania contagia anche Ruggerone che prende la Farmer e Napier e trasforma i boschi abruzzesi nelle giungle dei suoi cannibal. Nancy Brilli finisce trucidata (più o meno) come Daniela Doria in Quella villa accanto al cimitero. Il finale sfocia nell'horror puro e non delude. Buoni gli sfx dei fratelli Paolocci (la maschera dello sciamano assassino). Godibilissimo.
MEMORABILE: L'omicidio della Brilli; il twist finale.

Ryo 3/10/11 02:17 - 2169 commenti

I gusti di Ryo

Un vecchio, ma buonissimo, slasher made in italy. Non c'è molta innovazione nella linea temporale, anzi troviamo il banale gruppo di amici "on the road" che finiscono nel posto sbagliato al momento sbagliato. E il classicissimo serial killer con maschera che uccide. C'è molta fantasia (e splatter) negli omicidi dei ragazzi. Alcuni attori (causa doppiaggio) sono terribili, ma altri sono azzeccati: Nancy Brilli in ottima forma e il tenente di Rambo ha quel ruolo cucito addosso. Non fa urlare al capolavoro, ma sa intrattenere.
MEMORABILE: Il coltellaccio sempre inquadrato "in uscita".

Belfagor 5/02/12 14:29 - 2625 commenti

I gusti di Belfagor

Deodato segue in modo pedissequo lo stile dello slasher anni '80, a partire dalle ambientazioni in puro stile Venerdì 13. Inevitabile, quindi, che questo massacro all'italiana si carichi dei difetti tipici del genere, inclusa la sceneggiatura labile e la recitazione poco convinta, sebbene nel cast vi siano nomi abbastanza famosi (inclusi David Hess e una giovane Nancy Brilli). L'unico riscatto si ha nell'ambito tecnico, con alcuni momenti splatter decisamente migliori rispetto a quelli del capostipite americano.

Rebis 8/02/12 17:31 - 2088 commenti

I gusti di Rebis

Dozzinale, previsto e atteso, ma animato da una vivacità creativa e da una generosità gory che a stento si riescono a racimolare in oltre dieci capitoli di Venerdì 13 - di cui il film è un degno epigono. Deodato dirige con un piglio dinamico e professionale che cattura; la selva abruzzese, infuocata dalla porpora autunnale, crea un avvolgente clima d'inquieto languore e sospensione. Incalzante il riciclo musicale di Claudio Simonetti. Script raffazzonato e in esubero di personaggini: ma i giovani interpreti sono funzionali al massacro (puntuale). Sprecati Hess e Farmer. Piuttosto godibile.
MEMORABILE: L'omicidio allo specchio.

Homesick 8/02/12 17:43 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Messo a confronto con tanti cloni ed epigoni di Venerdì 13 non sfigura affatto; anzi, ne esce vincitore per la componente orrorifico-visionaria suggerita dallo spauracchio del vecchio sciamano e per certi snodi di sceneggiatura utili a fini di depistaggio. In questo senso funziona anche la scelta dei tre protagonisti stranieri, invitati ad alimentare l’ambiguità rifacendo se stessi: Hess e la Farmer facili prede della follia e Napier nella divisa di sbirro rude e violento. Le musiche di Simonetti sono incalzanti e i delitti alquanto sanguinosi e coreografici come da regola slasher.
MEMORABILE: L’incubo della Farmer; i vecchi bagni del camping; Napier (ovviamente in Ray-ban...) che scruta le montagne.

Ronax 26/02/12 03:06 - 913 commenti

I gusti di Ronax

I famigerati e insuperati fasti cannibalici sono ormai lontani e Deodato si adegua ai ritmi della televisione travestita da cinema confezionando questa scialbissima imitazione dei teen movie americani in salsa horror. Il filmetto non ci risparmia uno solo dei luoghi comuni del filone, mentre la prevedibilità domina incontrastata e le tante incongruenze sono quasi imbarazzanti. Fra vecchie glorie ormai alla frutta come Steiner, Rassimov e la Farmer, fa capolino una giovanissima Nancy Brilli che esibisce con lodevole generosità il davanzale.

Caesars 20/04/12 08:36 - 2731 commenti

I gusti di Caesars

Devo dire che, pur non aspetandomi molto, questo clone di Venerdì 13 mi ha deluso al di là di ogni aspettativa. Non che considerassi Deodato regista sopraffino, ma pensavo che la sua mano garantisse almeno una confezione accurata; niente di più sbagliato, perché Ruggero deve aver diretto con la sola mano sinistra e una svogliatezza incredibile. Tralasciamo la trama, che praticamente non esiste e standiamo anche un velo pietoso sulle interpretazioni; sono proprio l'atmosfera e la tensione che latitano e rendono inutile questa operazione.

Enzus79 26/06/12 10:50 - 1830 commenti

I gusti di Enzus79

Horror che non sorprende e soprattutto non coinvolge. Storia scritta male ed interpretata peggio. Peccato che nel cast ci siano nomi come David Hess, John Steiner e Charles Napier. Colonna sonora buona ma scopiazzata. Peccato, ne poteva uscire qualcosa di (stra)meglio.

Giùan 27/06/12 22:00 - 3019 commenti

I gusti di Giùan

Ciò che più dispiace nel film è un anodinità di fondo che non mi sarei aspettato dal buon Ruggero, regista ruspante quanto si vuole ma abituato a dare una personale impronta anche ai prodotti più succedanei. Questo Ragazzi del boschetto invece, nonostante il brullo paesaggio abruzzese ben si adatti al taglio cinematografico del lucano Deodato, non regala un momento di tensione pura. Girato sì professionalmente ma manicheo e inutile. La Farmer ha sempre la sua aura, Hess è l'imbolsito specchio deformante di sè stesso. La Brilli si mostra... senza stoffa.
MEMORABILE: Gli omicidi di una Nancy ben in forma e dell'antipatico cicciotello Lederer.

Markus 4/07/12 08:17 - 3311 commenti

I gusti di Markus

Il fenomeno Venerdì 13 ha dato frutti anche nel nostro cinema-bis italico con un onesto (quanto mediocre) teen-horror d'ambientazione boschiva noto ai più perché conta nel cast su un'allora sconosciuta Nancy Brilli (che di lì a poco spiccherà il volo professionale). Il film funziona sotto l'aspetto delle ambientazioni (l'Abruzzo spacciato per il Colorado è assolutamente persuasivo), ma la sceneggiatura zoppica (pochi colpi di scena) e la regia di Deodato stranamente non morde. Film noioso, peccato.

Redeyes 20/04/13 16:47 - 2148 commenti

I gusti di Redeyes

Ignobile pellicol mascherata (con maschere improponibili per giunta) da film. Con una sceneggiatura da rabbrividire ed effetti speciali al limite del vergognoso ben poco rimane da giustificare. Le tette della Brilli? La mono espressione di Hess, la maschera dello sciamano che all'edicola sotto casa la troveresti meglio per 5 euro o il gruppo di sfigati col camper? Inaccettabile vaccata, ahinoi.

Myvincent 24/06/14 19:51 - 2580 commenti

I gusti di Myvincent

Filmaccio come pochi, parente povero di Non aprite quella porta ma con risvolti giallognoli, colpisce per la totale assenza di paura e per la scadente direzione di attori. Non parliamo del finale, che rivela una spiegazione "traumatica" del tutto annacquata, per non dire risibile. Solo per amanti del genere, per di più molto pazienti.

Il Gobbo 9/08/15 15:11 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

Canonico slasher canonicamente noioso e insensato (l'assurda pervicacia dei protagonisti nel rimanere in un posto inospitalissimo, gli spazi che a turno sembrano enormi o minimi e varie altre stupidaggini). Peraltro a noi il campeggio fa orrore proprio in sé, senza bisogno di assassini seriali. Sì, la Brilli era discreta.

Claudius 24/04/15 20:28 - 422 commenti

I gusti di Claudius

Violentissimo epigono di Venerdì 13. La trama è risibile (anche se l'idea dello sciamano non è da buttare), il cast di nuove leve è mediocre ma i vecchi come Steiner, Hess o Napier se la cavano e fanno raggiungere al film una stentata sufficienza. Una visione, se non si hanno troppe aspettative, la merita.
MEMORABILE: Il primo delitto nelle docce.

Jdelarge 24/07/15 10:35 - 881 commenti

I gusti di Jdelarge

Vedere così tante vecchie glorie di certo cinema italiano di successo degli anni 70 impegnate in un film così scadente fa male al cuore. E non si tratta solo degli Steiner, dei Rassimov, delle Farmer e degli Hess, ma anche di Deodato, regista di gran classe, originale e in grado di dar vita a film ottimi. Come se non bastasse, la colonna sonora è firmata dal grande Claudio Simonetti, che qui si limita a scimmiottare malamente soundtrack stile "horror eighties". Trama inesistente e nessuna scena a effetto. Si salva Nancy Brilli.

Deepred89 8/08/15 14:24 - 3294 commenti

I gusti di Deepred89

Una fotografia notevolissima e le belle ambientazioni montane salvano dallo sfacelo uno slasher piuttosto noiosetto, seppur neppure scontatissimo nella soluzione del giallo. Omicidi mediamente sanguinosi, un po' nudi (anche full frontal, compreso quello dello sfigato di turno!), dialoghi mediocri, musiche mediamente sbagliate (si salva giusto il tema dei titoli di testa), un cast con un po' di vecchie guardie abbastanza appassite e nuove leve a grande rischio trash (si salvano solo le due future compagne di scuola, qui piuttosto spogliate).

Rufus68 22/04/18 20:12 - 3123 commenti

I gusti di Rufus68

Come sventratrippe non teme rivali, anche americani. Ciò che lo differenzia da Venerdì 13 è solo la mancanza di un cattivo inconsueto, bravo a farsi ricordare. Per il resto il film fa egregiamente il suo dovere (di genere) grazie alla sempreverde struttura da "Dieci piccoli indiani". Non vi sono, purtroppo, grandi invenzioni e la ripetitività alla fine stanca. Buone le musiche di Simonetti quando non si fa prendere la mano dall'elettronica più facilona.

Nancy 5/06/18 19:27 - 774 commenti

I gusti di Nancy

Il film si avvale di un'ottima fotografia e di una buona regia che rendono piuttosto credibile "l'impasto" che ne compone l'interno, tra una trama un po' sgangherata - che quando non sa dove parare pianta lì una scena di nudo (anche maschile!) - e attori non proprio degni di nota tra i quali "brilla" l'allora corteggiata dal regista Nancy Brilli. Non di certo spaventoso, anche se qualche omicidio particolarmente teatrale suscita molto divertimento. Notevole, se non geniale, il finale, che risolleva le sorti di un film nient'affatto da buttare.
MEMORABILE: Nancy Brilli in topless che si addentra lentamente nel "covo" dello sciamano, ovvero la roulotte-toilette del camping.

Bubobubo 2/11/18 22:10 - 1223 commenti

I gusti di Bubobubo

Sono passati appena sette anni da Cannibal holocaust, ma Deodato è già lontanissimo da quegli standard e, nella congiuntura di trapasso definitiva del cinema di genere italiano, è quasi costretto a girare questo slasher senza alcuna pretesa, di ispirazione chiaramente americana. Per chi conosce bene gli originali non ha molto senso perdere tempo dietro a questo progetto, discretamente realizzato sebbene fallace in partenza. Per gli altri, alcuni omicidi e il finale a sorpresa potrebbero essere motivazioni sufficienti per spingere alla visione.

Pesten 7/01/19 19:38 - 639 commenti

I gusti di Pesten

Si evidenziano i lati negativi di questo lavoro, ma è molto sottostimato e solo alcune piccole lacune tagliano le gambe al risultato finale. Sì, la storia è un bignami della saga di Venerdi 13, ma regge perché ne conserva tutti i dettagli, dalla location ai protagonisti, sessualmente promiscui e anche decisamente stupidi. L'atmosfera c'è tutta, la violenza anche e tanta, con Deodato bravissimo a ricreare un classico slasher americano tra il Lazio e l'Abruzzo. Peccato solo per la maschera del "mostro" e alcuni attori scarsi.
MEMORABILE: Le cascate del Monte Gelato e le perfette location a Campo Imperatore; La giovane Brilly, con un corpo da sbavo; Il grande Napier; La soundtrack.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Funesto • 23/04/11 19:38
    Call center Davinotti - 1419 interventi
    Anche se, controllando nella sua scheda, dà 2 pallini; però dice che non è neppure mediocre come film... lo chiamo...?
  • Discussione Daidae • 23/04/11 21:47
    Contratto a progetto - 865 interventi
    Diciamo che lo giudico tra un pallino e mezzo e 2 pallini pieni,quasi mediocre appunto.
  • Discussione Zender • 24/04/11 08:29
    Consigliere - 43619 interventi
    Il commento però non è da due pallini, ma da 1 massimo 1 e mezzo, per quello ho riportato l'uguale.
  • Homevideo Rebis • 5/02/12 12:24
    Gestione sicurezza - 4283 interventi
    La versione trasmessa da Rai Movie dura 1;21;52 (da inizio titoli a fine titoli): che sia tagliata?
  • Homevideo Buiomega71 • 5/02/12 13:05
    Pianificazione e progetti - 22028 interventi
    La mia vhs della Image dura esattamente 1 ora, 23 minuti e 27 secondi. Non credo che sia cut, anche perchè riporta il divieto ai 14, e francamente non vedo cosa ci sia da omettere...
  • Homevideo Rebis • 5/02/12 13:41
    Gestione sicurezza - 4283 interventi
    Grazie Buio! La durata della vhs è al netto dei loghi iniziali e del nastro in surplus alla fine dei titoli, vero? Se così fosse il master passato dalla Rai sarebbe evidentemente tagliato...
  • Homevideo Buiomega71 • 5/02/12 14:12
    Pianificazione e progetti - 22028 interventi
    Rebis ebbe a dire:
    Grazie Buio! La durata della vhs è al netto dei loghi iniziali e del nastro in surplus alla fine dei titoli, vero? Se così fosse il master passato dalla Rai sarebbe evidentemente tagliato...

    Dai titoli di testa sino all'ultimo di quelli di coda, togliendo naturalmente il logo e il buio iniziali.

    Non sò la copia di RaiMovie, ma non vedo cosa possono avere omesso. Oltretutto è un vm 14. Bhò...
  • Homevideo Rebis • 6/02/12 16:50
    Gestione sicurezza - 4283 interventi
    Il master Rai qualitativamente è molto buono, i colori sono brillanti e le immagini definite. Francamente non saprei dire dove (e se) è stato tagliato: ho fatto un veloce confronto con la versione su youtube e a me il gore è sembrato intatto...
  • Homevideo Digital • 16/04/12 21:54
    Segretario - 3038 interventi
    Dvd della Quadrifoglio (ex stormovie) in uscita il 23/05/2012.
  • Discussione Maxspur • 17/10/13 16:46
    Galoppino - 206 interventi
    Nancy Brilli(Tracy)e Luisa Maneri(Carol) parteciperanno l'anno dopo a:"Compagni di scuola" di Carlo Verdone, rispettivamente nei ruoli di Federica(Brilli)la padrona di casa e di Gloria(Maneri).