LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Fabbiu 14/07/07 14:16 - 1952 commenti

I gusti di Fabbiu

Si, ammetto che con Camerieri credevo di trovare una sorta di nuova e inedita vanzinata anni 90. Ma mi è piaciuto molto lo stesso, perché Pompucci realizza un film disgustoso e malinconico. E' una riflessione sull'uomo analizzato attraverso un suo modo di comportarsi, quello pietosamente schifoso, vigliacco e immorale. E tutto diventa un mix tra inquadrature raffinate, musiche soft, interpretazioni e movimenti quasi teatrali e un'atmosfera malinconica e solitaria, quella dell'Eden sul mare. Davvero non male le interpretazioni di tutti.

Cotola 4/05/09 00:17 - 7603 commenti

I gusti di Cotola

Lo spunto di partenza (che mi ha ricordato quello di Americani) poteva essere molto interessante se degnamente realizzato. Peccato che le cose non siano andate così e il regista abbia sprecato malamente il talento degli attori coinvolti nella pellicola probabilmente anche a causa di una brutta sceneggiatura piena di pressappochismo e con alcuni buchi. In definitiva un’occasione mancata in cui c’è ben poco da salvare.

Galbo 5/05/09 15:22 - 11445 commenti

I gusti di Galbo

Una giornata di ordinario lavoro tra il personale di un ristorante sul Tirreno durante un banchetto in onore delle nozze d'oro di una coppia. Questo lo spunto del film di Leone Pompucci, che parte da premesse promettenti. Purtroppo il buon potenziale (ed anche il cast a disposizione) viene in parte sprecato dalla mancanza di un efficace lavoro in fase di sceneggiatura. Affidandosi all'estro degli attori, il regista perde di vista l'insieme e alcune soluzioni narrative appaiono francamente improvvisate alla meno peggio.

Puppigallo 4/08/10 10:31 - 4523 commenti

I gusti di Puppigallo

Commedia decisamente più agro che dolce, con attori in buona forma, ognuno alle prese col suo personaggio, facente parte di un sottobosco formato da perdenti, fanfaroni, uomini squallidi, cinici, rovinati dalla vita, o semplicemente bastardi. Ne è un fulgido esempio Abatantuono, con la sua "perla nera": "Bocca no", o Villaggio, incatenato al passato, ma costretto a vivere in un presente dove, a parte il nipote, nessuno lo rispetta, specialmente il cuoco. Si esagera un po' nel voler distruggere i protagonisti, tendendo a ripetere il concetto, ma nel complesso, è una pellicola riuscita.
MEMORABILE: "Tu giocavi?". E Abatantuono: "Ho oscurato Causio"; "Titolo di studio?". "Patente B"; Abatantuono al cagnolino: "Che razza sei, un levriero nano?".

Cangaceiro 4/08/10 14:15 - 982 commenti

I gusti di Cangaceiro

Uno spaccato cinico, spietato e pungente del ramo ristorazione. Difficile dire se siano peggio i camerieri o i clienti. A conti fatti nel film c'è la summa di avidità, prepotenza, egoismo e vigliaccheria che neanche in Brutti, sporchi e cattivi. Pompucci sembra voler fare lui il film coi suoi splendidi movimenti di macchina, ma man mano lascia spazio e importanza al parco attori d'eccezione. Se Villaggio fatica ad affrancarsi dal suo solito personaggio, Abatantuono si riconferma garanzia di un'ottima performance. Un po' fastidiosa l'assordante fisarmonica.
MEMORABILE: Abatantuono fa cadere di proposito le forchette per...; Villaggio che cerca di distinguere i due vini.

Nando 6/08/10 01:00 - 3495 commenti

I gusti di Nando

Un racconto pungente ed ironico ambientato all'interno di un ristorante che per sopravvivere deve convincere il nuovo padrone. Un cast di ottimo livello che dispensa cattiverie cinematografiche e cinismo. Lievemente carente l'introspezione psicologica dei personaggi, ma la narrazione scivola senza intoppi.

Rambo90 22/11/10 20:58 - 6423 commenti

I gusti di Rambo90

Bel film di attori, con una storia di partenza non particolarmente elaborata ma che sa sfruttare benissimo le doti di ogni singolo interprete. Abatantuono e Villaggio immensi, come sempre, ma anche Messeri, Fassari, Salimbeni dimostrano di essere validi attori di personaggi costruiti con grande realtà. Curiosa la colonna sonora, belle le ambientazioni e l'atmosfera che si respira. Comparsata per il grande Ciccio Ingrassia e inquadrature ben fatte. Solo il ritmo a volte stenta un po' ma non fa nulla.
MEMORABILE: "Se vinco ti taglio il codino!"

Zardoz35 9/01/11 19:00 - 251 commenti

I gusti di Zardoz35

Tipico spaccato della nostra società ben disegnato da Pompucci, ambientato in un ristorante sul mare senza troppe pretese, con camerieri litigiosi e squattrinati, clienti piccolo borghesi volgari e cafoni. Ne esce una commedia più che gradevole con Villaggio superlativo nel ruolo del capo cinico, ma perdente e Abatantuono in quel tipo di italiano che cerca di arrangiarsi in mille maniere. Ottima la performance di un cattivissimo Fassari, mentre le donne sono quasi tutte troppo volgari.
MEMORABILE: Abantantuono fa a braccio di ferro con un cliente e Fassari: "Se vinci ti tengo", ma dopo mezzo minuto: "Se non perdi vi caccio via, tutti voi camerieri.

Herrkinski 16/05/11 00:41 - 5275 commenti

I gusti di Herrkinski

Una commedia corale agrodolce, a tratti riflessiva, con sconfinamenti nel malinconico. Questa la summa del bel film diretto da Pompucci, regista che evidentemente sa tenere a bada personalità prorompenti come Villaggio e Abatantuono (entrambi misurati, perfettamente nel loro ruolo) nonchè realizzare inquadrature suggestive della location marittima. Un plauso anche al resto del cast; buona pure la fotografia. Sicuramente uno dei prodotti migliori usciti dalla commedia italiana degli anni '90, erroneamente scambiato da molti per un film frivolo.

Smoker85 19/09/11 22:27 - 393 commenti

I gusti di Smoker85

Ottimo esempio di cinema italiano, come spesso accade sottovalutato. Villaggio esce dai panni di Fantozzi e offre una perfetta prova di personaggio dispotico e insopportabile, Abatantuono interpreta bene il ruolo di trafficone. Ma è l'intero cast a funzionare bene. Forse ci si aspetterebbe di ridere un po' di più contando un cast di attori solitamente votati a ruoli leggeri. Invece il film è molto malinconico, quasi aspro. Da segnalare anche l'ottima prova di Fassari e il cameo del grande Ciccio Ingrassia.

Tarabas 8/12/11 17:23 - 1716 commenti

I gusti di Tarabas

I camerieri di un ristorante devono guadagnarsi il posto accontentando i nuovi proprietari del locale, una famiglia di orrendi mobilieri cafoni arricchiti. Nessuno è un grand'uomo per il suo servo, ma qui non serve Shaw, i personaggi in questione sono tremendi. Vorrebbe essere una commedia nera con spunti sociali, ma il nero è troppo nero per essere vero e gli spunti sociali sono spuntati, lanciati su bersagli scontati e stereotipati. Cast sprecato e probabilmente troppo numeroso: per essere gestito avrebbe richiesto un Altman in forma.

Tomastich 8/12/11 18:16 - 1216 commenti

I gusti di Tomastich

Personaggi inariditi, cattivi e squallidi che riflettono l'aura del ristorante-casermone sul mare che può far solo venire i brividi (nel senso negativo). Il "davanti" e il "dietro" sono rappresentati con "malvagia maestria" e tutto ciò funziona, grazie anche al notevolissimo cast.

124c 28/12/11 12:05 - 2778 commenti

I gusti di 124c

Com'è dura la vita dei camerieri, sopratutto quando il vecchio padrone (Cicco Ingrassia) vende il suo ristorante ad un cinico immobiliare (Antonello Fassari), che organizza unn pranzo per i cinquant'anni dei suoi genitori, per mettere alla prova i camerieri e vedere se tenerli o meno. Ma se Fassari fa l'antipatico, Villaggio, Abatantuono e gli altri camerieri non sono certo dei santi; anzi, si azzannano l'uno con l'altro per ingraziarsi le simpatie del nuovo padrone, che li sopporta a malapena. Si ride poco niente, ma è un film bellissimo.
MEMORABILE: Carlo Croccolo, il padre del nuovo padrone e Sandra Milo, l'amante del vecchio, amoreggiano in bagno, mentre è in corso il pranzo del cinquantesimo.

Paulaster 2/07/13 09:47 - 2859 commenti

I gusti di Paulaster

Mettere in scena la vicenda di un gruppo di seconde linee ad assecondare il futuro capo e descrivere i loro rancori poteva essere vincente. Anche per uscire dal solito stereotipo della commedia. Nonostante buoni caratteristi, la sceneggiatura è misera. Buona l'ambientazione e qualche angolo di ripresa. Il finale conciliatorio sembra messo per concludere col minimo sforzo.
MEMORABILE: Messeri alla fisarmonica; Villaggio che balla all'esterno; Villaggio che racconta i suoi trascorsi.

Mutaforme 4/10/13 00:36 - 392 commenti

I gusti di Mutaforme

Commedia che descrive abilmente il mondo del lavoro e il "così vanno le cose" tipicamente italiano. Ingraziarsi il datore di lavoro, svendendosi per poter rimanere, sono atteggiamenti tipici del dipendente italiano che vive nella paura e nell'istinto di sopraffare l'altro. Interessante esperimento che però presenta una sceneggiatura troppo noiosa e alla lunga stanca troppo.

Piero68 24/03/14 13:21 - 2778 commenti

I gusti di Piero68

Classica tragicommedia italiana dove il cinismo si fonde con lo squallore e la rappresentazione della fauna umana diventa una sorta di trattato di psicologia. Cast ricco, anche se non tutti riescono a imprimere la giusta direzione al loro personaggio e Pompucci, che scrive anche soggetto e sceneggiatura, scimmiotta grandi miti come Avati senza averne le stesse doti. Meno male che alla fotografia c'è uno scafato come Contini che riesce a tirar fuori il meglio anche da quel poco che offrono le location. Ambizioso ma riuscito a metà.

Stelio 4/07/14 06:25 - 384 commenti

I gusti di Stelio

Lavoro sopraffino della meteora registica Leone Pompucci, il cui talento è negli anni scorsi finito al servizio di improponibili serial e fiction televisive di improbabile qualità. Grandissima prova di Villaggio, forse la migliore della sua carriera e di tutto il resto del cast. La storia riflette in modo estremamente cinico i mali della società contemporanea e il tema della famiglia è approfondito in maniera angosciante. Tutto bellissimo; peccato per il finale troppo facilone e poco coerente con il resto. Gran film.

Enzus79 13/07/14 11:33 - 1845 commenti

I gusti di Enzus79

Mediocre. "Fragile" per come è strutturato e anche perché più o meno si sa già come va a finire. I personaggi non sono tanto convincenti, anche se la bravura di Messeri, Villaggio e Abatantuono si evidenzia molto. Poteva esser fatto meglio, non c'è dubbio, ma qua e là comunque qualche sorriso esce.

B. Legnani 13/08/14 14:51 - 4778 commenti

I gusti di B. Legnani

Un gruppo di attori spettacolosi salva, ma solo parzialmente, un film con troppi aspetti esagerati. La voglia di essere "cattivi-cinici", nel rappresentare sia la mediocrità dei "servi" sia la cafoneria dei nuovi ricchi, porta il tutto in overdose. La storia aggiunge aggiunge aggiunge, anche quando si tratterebbe di levare, finendo paradossalmente con l'annoiare. Gli attori sono talmente bravi che diventa impossibile fare una graduatoria di merito. Il film richiama un episodio de I nuovi mostri.
MEMORABILE: Villaggio presenta il suo curriculum, citando il fatto di aver servito anche Donna Rachele Mussolini.

Vitgar 24/12/14 11:24 - 586 commenti

I gusti di Vitgar

L'idea non è niente male, l'ambientazione in questa trattoria al mare fuori stagione ha il suo fascino e contribuisce a dare quel che di decadente che la sceneggiatura vuole che venga percepito. Rapporti sfilacciati e di totale disistima tra i camerieri alle prese con un gruppo di "coatti" arricchiti che pensano di avere il mondo in mano. Gli attori sono a un ottimo livello e ognuno differenzia adeguatamente il ruolo con la creazione di un buon mix di caratteri. L' ho rivisto volentieri.
MEMORABILE: Il figlio di Tangaro (Abatantuono).

Delpiero89 7/02/15 12:34 - 263 commenti

I gusti di Delpiero89

Una rotonda sul mare e camerieri (poco amici) a servire, per dirla alla Fred Bongusto. Il cast è importante, e con due star come Abatantuono e Villaggio (dall'accentuarsi genovese eccessivamente forzato) era lecito aspettarsi qualcosa di più. L'artificiosità del regista e una lentezza evidente non giovano certamente. Anche il finale è piuttosto deludente.

Caveman 25/12/18 20:24 - 192 commenti

I gusti di Caveman

Grande cast (illaggio, Abatantuono, un Fassari dal personaggio viscidissimo, il cameo di Ingrassia) per un film nichilista, cinico al massimo livello, dove non si salva nessuno e dove nessuno si salva da solo. Una pellicola che lascia l’amaro in bocca e che ci mostra un banchetto di nozze terribile: se qualcosa può andar storta sicuramente lo farà e infatti stona e non poco il finale, telefonato rispetto alla piega pietista che il resto del film aveva preso. Ottima la recitazione con un Villaggio magistrale; peccato per il finale, che abbassa un poco il voto.

Jdelarge 13/10/19 20:27 - 886 commenti

I gusti di Jdelarge

Un ritratto spietato e nichilista di una vecchia Italia che muore lasciando spazio alle giovani leve, qui uniche rappresentanti di valori positivi. Il decadente ristorante si configura come microcosmo nel quale si consumano le vicende di personaggi moralmente discutibili, rappresentanti di una nazione marcia e in crisi. Qualche sprazzo di luce si intravede nella semplicità di alcuni personaggi, puntualmente stroncati dagli arroganti di turno. Molto particolare e ben filmato.

Renato 19/06/20 11:42 - 1590 commenti

I gusti di Renato

Circondato da una misteriosa quanto incomprensibile aura di culto, questo secondo film per il cinema di Leone Pompucci accumula lungo il cammino tanti di quei difetti che sarebbe difficile anche solo ricordarseli tutti a fine visione. Personaggi che berciano di continuo, accumulo di situazioni grottesche, momenti felliniani fuori luogo, cliché iper-sfruttati (ancora il 13 al Totocalcio per risolvere tutto?). Sprecato il cast di bravi attori, a partire da un Paolo Villaggio deliziosamente regionale nella parlata.
MEMORABILE: Abatantuono che ricorda il suo passato calcistico: "Primavera Atalanta: ho oscurato Causio".

Rocchiola 15/06/20 14:38 - 878 commenti

I gusti di Rocchiola

Il personale di un ristorante in disuso sul litorale romano si gioca il futuro di fronte al nuovo proprietario dell'immobile indeciso se mantenere l'attività di ristorazione o trasformarla in un mobilificio. Tra I nuovi mostri e Americani una commedia cinica e amara in cui emergono echi dei maestri Risi, Fellini e Avati. Un film ingiustamente bistrattato dalla critica che preferisce talvolta rivalutare i cinepanettoni piuttosto che riconoscere i meriti di Pompucci. Regia mobile, cast di livello ben utilizzato; peccato solo per il finale consolatorio un tantito posticcio.
MEMORABILE: Messeri che esegue alla fisarmonica "Violino Tzigano"; La prova dei vini a cui è sottoposto Villaggio; Il furto delle mance; Il taglio del codino.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Zender • 15/07/13 19:16
    Consigliere - 43734 interventi
    Intervista al regista Leone Pompucci
    Intervista a Marco Messeri

    Biografie e fuffa varia
  • Homevideo Ruber • 15/07/13 19:31
    Compilatore d’emergenza - 9012 interventi
    Zender ebbe a dire:
    Intervista al regista Leone Pompucci
    Intervista a Marco Messeri

    Biografie e fuffa varia


    Perfetto grazie.
  • Curiosità Fedemelis • 2/04/14 10:11
    Fotocopista - 1791 interventi
    L'album di figurine gelosamente custodito da Mario Tangaro (Diego Abatantuono) è quello della stagione 1974/75. Nel fotogramma possiamo riconoscere la pagina della squadra della Fiorentina.


  • Discussione Ruber • 12/11/14 00:03
    Compilatore d’emergenza - 9012 interventi
    Qualcuno sa chi è l'attrice della telefonata
    "sono vestita da mignotta" ?
  • Discussione Paulaster • 12/11/14 10:23
    Contatti col mondo - 87 interventi
    Enza Maria Aliseo
  • Discussione Ruber • 12/11/14 19:08
    Compilatore d’emergenza - 9012 interventi
    Grazie Paula, vedo che è una brava attrice teatrale e ogni tanto si concede qualche comparsata in film.
  • Discussione Ruber • 16/01/15 00:59
    Compilatore d’emergenza - 9012 interventi
    Nel cast anche Massimo Ferrero in una delle sue rare interpretazioni, prima che diventasse il presidentissimo della Samp. Eccolo in versione Sam allevatore di cani levrieri a cui Abatantuono si rivolge per un cane da corsa. Si vede poi ancora quando gli porta il cane e alla fine, quando gli molla un pugno perchè non ha i soldi per pagarlo.

    Ultima modifica: 16/01/15 17:39 da Zender
  • Discussione Zender • 16/01/15 17:40
    Consigliere - 43734 interventi
    Questo è il fotogramma dove si vede meglio, Ruber? Perché è un po' distante per riconoscerlo.
  • Discussione Ruber • 16/01/15 18:11
    Compilatore d’emergenza - 9012 interventi
    Zender ebbe a dire:
    Questo è il fotogramma dove si vede meglio, Ruber? Perché è un po' distante per riconoscerlo.



    https://www.youtube.com/watch?v=CPHx-9PC0Dg
  • Homevideo Rocchiola • 15/06/20 14:40
    Call center Davinotti - 1152 interventi
    DVD CG discreto. Video pulito ma non molto incisivo. Audio più che discreto.