Caligola

Media utenti
Titolo originale: Caligola
Anno: 1979
Genere: drammatico (colore)
Note: Questa è la versione integrale di 156 minuti. Esiste anche "Io Caligola", versione tagliata per il circuito cinematografico. Aka "io, Caligola"
Numero commenti presenti: 18

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 19/07/07 DAL BENEMERITO STUBBY
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Stubby 19/07/07 21:11 - 1147 commenti

I gusti di Stubby

Film crudo e violento sulla vita del tiranno Caligola. La versione da me visionata è quella comprendente le scene hard che furono tagliate per il circuito cinematografico e che furono fonte di pesanti censure. Il film l'ho gradito molto: McDowell è assai credibile nella parte del pazzo Caligola. Si tratta di un vero e proprio kolossal con un dispiegamento di mezzi ed effetti non indifferente. Mi sento di consigliare la visione della versione integrale (naturalmente ad un pubblico adulto).

Cotola 26/04/08 20:02 - 7546 commenti

I gusti di Cotola

Alla fine della pellicola (visionata nella versione integrale) mi sono più volte chiesto che bisogno c’era di insistere tanto su scene erotiche (si fa per dire!) e di rara crudeltà. Come al solito Caligola viene dipinto solo come un pazzo sanguinario (e sicuramente lo era) e di lui vengono completamente trascurati alcuni aspetti ben più interessanti e complessi. Ma d’altronde da Brass, che farà della grevità il suo marchio di fabbrica, era difficile aspettarsi di più. Grande abbondanza di mezzi (sprecati!).

Schramm 11/05/08 13:27 - 2417 commenti

I gusti di Schramm

Una deflagrazione di pansessualità, uno scalmanato e ingovernabile furore dionisiaco mai visto prima e mai più eguagliato in seguito, un collidere inesausto di felici eccessi e difetti coronato da prove attoriali superbe (con un Mcdowell in vetta alle sue capacità), uno schizofrenico oggetto sfuggente diviso tra tensioni di esuberazione estetica (barocchismo, decadenza, lisergia, fellinismi, approcci para-viscontiani) e sfrenata passione per un hard gestito con piglio e gusto quasi aristocratico. Masterpiece, senza se e senza ma.
MEMORABILE: "Il fratello uccide il fratello. Che ha ucciso il padre. Che ha ucciso il figlio". Momento: le esplosioni orgiastiche, i momenti più alti che il cinema hard abbia mai conosciuto.

B. Legnani 12/07/08 00:44 - 4743 commenti

I gusti di B. Legnani

Indecifrabile. Momenti altissimi (formidabili la parte dedicata alla visita a Tiberio e la macchina decapitatrice) convivono con altri che suscitano perplessità (l'interminabile post-mortem di Drusilla): forse la cosa non deve stupire, perché quando si punta sull'eccesso basta un nonnulla per rovinare l'effetto. Le note traversìe l'hanno, temo, fatta qua e là da padrone. Storicamente non è attendibile (basti pensare alla qui irrisa figura di Claudio), ma certo non si è voluto fare della Storia. Le scene hard sono fatte molto bene. Invalutabile.

Capannelle 5/06/09 09:36 - 3730 commenti

I gusti di Capannelle

Insulso spettacolo male sceneggiato, senza musiche e scenografie adeguate, di contenuti prevedibili e durata spropositata, troppo incentrato sul ghigno di Mc Dowell (sicuramente sensibile ad un abbondante cachet) e su amplessi e squartamenti vari (questi senza cachet) che avranno fatto divertire il personale del set per la poca professionalità e il tanto kitsch messo in mostra. Interessanti solo la piscina di Tiberio e le carrellate orgiastiche, ma per questo non ci voleva una superproduzione.

Undying 10/08/09 03:40 - 3840 commenti

I gusti di Undying

Realizzato con un budget cospicuo, garantito dal successo del precedente Salon Kitty e dalla co-produzione di Bob Guccione, editore della celebre rivista Penthouse, Caligola avrebbe dovuto costituire il secondo tassello d'una ipotetica trilogia sul potere, sennonché, a causa dell'intromissione di Guccione, che girò scene hard, Brass ritirò la firma in regia. Uscito a due anni di distanza dalla realizzazione resta esempio di buon film, altalenante (a causa delle vicende produttive) tra picchi di altissimo cinema e altri di taglio più grèzzo. Anche le scene porno appaiono funzionali alla storia.

Enricottta 26/08/09 13:32 - 507 commenti

I gusti di Enricottta

Credo che Brass ai tempi non si comprendesse troppo con Guccione e Vidal... Vidal che, addirittura, si sarebbe dissociato dal film. Troppo complesse sono le strategie interne del film e forse Brass solo marginalmente è il responsabile dell'esito finale. Comunque la pellicola è stata relegata in un filone che non le compete, tra quelle prototrash. Io penso che alcune sequenze e alcuni dialoghi siano di altissimo livello.

Trivex 9/03/10 21:24 - 1495 commenti

I gusti di Trivex

Ammettendo subito il mio pregiudizio sull'arte di Tinto Brass, il commento non sarà equo ma dolosamente discriminatorio e fazioso. Purtroppo non sono riuscito ad apprezzare la pomposità della sua comunicazione visiva, impressa nelle forme e nei colori. L'esplosione dei contenuti è organizzata sapientemente, con una poderosa base economica, con una forsennata ricerca per l'eccesso ostentato, troppo ostentato da divenire pacchiano. Ripeto, la regia è il problema, ma il prodotto scopre eccellenti nicchie. Ma non basta, ahimè, per smentirne la mediocrità.

Daidae 14/08/10 23:11 - 2744 commenti

I gusti di Daidae

Tipica boiata sulla Roma antica vista da oltreoceano: vizi, crudeltà, perversioni. Film che sa di plastico e squallido fin dal primo fotogramma; peccato perché l'interpretazione di McDowell non è male. Pollice verso per il resto del cast e in generale per tutto il film.

Smoker85 2/08/10 21:30 - 393 commenti

I gusti di Smoker85

Il risultato di questo travagliato lavoro è di difficile valutazione. Il Principe, tacciato, oltre i suoi demeriti, di pazzia e sadismo, viene reso, secondo me, in modo più equilibrato e la sua ferocia sembra quasi figlia delle macchinazioni che vengono orchestrate ai suoi danni. Direi che la prima parte è più che dignitosa, la seconda purtroppo è estremamente pasticciata, probabilmente a causa dell'alternarsi di Brass e Guccione. Cast di livello, esperimento riuscito a metà.

Mdmaster 3/10/10 01:13 - 802 commenti

I gusti di Mdmaster

Le opere più famose, i drammi di Shakespeare, i miti greci e romani: Caligula ne ricalca gli eccessi sessuali, le morti atroci, le aberrazioni. Forse è l'omaggio più rotondo e (im)perfetto al delirio dionisiaco, il lasciarsi andare dei sensi, alla follia più estrema. McDowell e O'Toole sono uno splendore; il primo un costante sopra le righe estremo e controllato, il secondo impregnato da un'ubriachezza recitativa ineguagliabile. Come tutte le peggiori perversioni, Caligula disgusta e repelle, ma è difficile guardare da un'altra parte.

Luchi78 22/02/11 11:33 - 1521 commenti

I gusti di Luchi78

Si nota che il film è nato da un parto molto travagliato e purtroppo il risultato finale è insoddisfacente. La lunghezza eccessiva, un montaggio non adeguato, l'insistenza su elementi porno-erotici a volte superflui ne fanno un prodotto ibrido. Poi ci sono quei lampi di genio, le incredibili scenografie, la pomposità e il barocco con cui Brass o Guccione o chissà chi volevano visualizzare la decadenza del potere di quel periodo, che forse è anche quella attuale. Brass sarebbe all'altezza di un nuovo director's cut? Mah...

Giùan 2/05/11 12:25 - 3009 commenti

I gusti di Giùan

Film a cui le fin troppo note e famigerate vicende produttive han regalato un alone mitico che, alla visione, non risulta peraltro totalmente usurpato. Sicuramente frammentario, lento, magniloquente e del tutto opinabile storicamente. Abbastanza velleitarie le scene hard di Guccione tagliate in molte versioni. Tuttavia, a sprazzi, le capacità e l'energia vitale di Brass autore rifulgono di luce propria. Ottima in tal senso la prima parte in cui sono in scena i mostri sacri Gielgud e O'Toole Tiberio che porta in viso i segni dei suoi eccessi.
MEMORABILE: Quando la libertà diventa libertinaggio e i valori morali s'indeboliscono comincia il crollo delle civiltà! Naturale no?

Bullseye 6/03/13 19:26 - 24 commenti

I gusti di Bullseye

Incredibile. Se da un lato esiste il rammarico di non poter vedere il progetto originario di Brass (regista che amo molto), resta comunque la gioia per un capolavoro dell'eccesso che valica tutti i confini, dal teatro shakespeariano al cinema underground, dal kolossal-blockbuster all'exploitation più eccessiva e senza limiti, dall'hard di classe al cinema d'autore. Un viaggio indimenticabile nell'eccesso con reminescenze fellinian-viscontiane. Solo negli anni Settanta si potevano realizzare film così. Capolavoro.

Homesick 4/05/14 16:02 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Negletto sul piano della credibilità storica - addirittura ci sono anacronistiche iscrizioni in lingua inglese! -, pornografico nelle sequenze di sesso ed esplicito nelle efferatezze, vale per l'orgia di barocchismi visivi e il colossale apparato scenico, da cui erutta la follia dell'imperatore Caligola, reso da un Malcolm McDowell comunque meno estremo che in Arancia meccanica. Alla travagliata pellicola di Guccione-Brass mancano la vis immaginifica e metafisica che animava il Fellini dell'apparentabile Satyricon, riducendosi così ad esercizio stilistico impegnativo ma sterile.
MEMORABILE: La soggettiva velata di Tiberio mentre muore strangolato; Caligola in incognito tra la folla che inscena una satira contro di lui.

Lythops 9/02/16 07:34 - 975 commenti

I gusti di Lythops

Parlando di questa versione, la prima domanda che sorge spontanea è a chi debba essere attribuita la regia del film, visto che Bob Guccione ne assunse a un certo punto il controllo totale. Il risultato è un film patinato ovunque, "finto" nell'eros e nella morte, fuori dalla storia, o in essa come la intendono oltreoceano e col sapore di serie tv accorciata. Di apprezzabile c'è solo qualche rara inquadratura femminile, di pochi fotogrammi, quasi a livello subliminale. Per il resto il nulla assoluto. Manieristico nel profondo.

Faggi 19/11/18 18:48 - 1506 commenti

I gusti di Faggi

Depurato, nella visione, dal gravame delle traversìe produttive e dall'anatema lanciato da Brass (che di fatto non lo riconosce come un suo film), questo delirio porno-storico (che di storico, in termini di attendibilità, ha poco e niente) è un buon delirio: gode di trovate visuali affascinanti, ottimi cromatismi fotografici, atmosfera decadente e perversa mesmerizzante, furore dionisiaco, interpretazioni che dimostrano trasporto (McDowell e Savoy, determinanti, convincono). Notevoli le scene emotivamente incendiarie.
MEMORABILE: La macchina decapitatrice; Gli occhi allucinati di Malcolm McDowell; La sensualità estenuata di Teresa Ann Savoy.

Myvincent 29/11/18 07:53 - 2571 commenti

I gusti di Myvincent

Fra i più crudeli imperatori di Roma, Caligola volle farsi dio di fronte al popolo romano, dilapidando i beni lasciati dal predecessore Tiberio. Brass genera un'opera alla sua maniera, visionaria, felliniana, eccentrica, ruotando attorno alla singolare interpretazione di McDowell, straripante e debordante. Le roventi controversie con la produzione, gli operatori e alcuni attori, scalfiscono la grandiosità del progetto che, comunque, resta a livelli molto alti.
MEMORABILE: Le incursioni pornografiche a tutto tondo volute da Bob Guccione.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Schramm • 19/05/16 23:00
    Risorse umane - 6712 interventi
    Ruber ebbe a dire:
    Secondo me le versioni br estere a naso sono le piu fedeli se non la copia esatta del girato da Brass, per un motivo: il film mi sembra sia stato girato in gran parte negli USA

    no che io sappia è stato interamente girato nel lazio, gli interni negli studi dear di roma.

    l'intricato travaglio brassiano è perlopiù dovuto ad alterchi avuti prima con vidal e successivamente con donati. è invero stato guccione, una volta subentrato produttivamente, ad aver licenziato brass e rimontato il film. mentre per

    Ruber ebbe a dire:
    il discorso censura saranno stati mozzati, diversamente sarebbe difficile pensare che Brass e Guccione abbiano tagliuzzato oltre oceano il master. Comunque sia per avere un riscontro esatto del br americano bisognerebbe vsionarlo e fare un confronto ma a naso...

    là avuto il suo peso l'operato di rossellini, che a film ritirato, pur di rifarsi dei denari perduti tra varie cause e controcause, nel 1981 rimette mano ai negativi, concorda un patto con la felix e la gaumont, e via, rimonta ulteriormente il film portandolo a 133', reintitolandolo io, caligola, e cercando di convincere la commissione censoria di averlo rimodellato e alleggerito. la quale dà nel 1983 il visto dopo averlo sfoltito a 86', prima di un ennesimo ritiro definitivo dalle sale nel 1984.
    Ultima modifica: 19/05/16 23:05 da Schramm
  • Homevideo Ruber • 19/05/16 23:17
    Compilatore d’emergenza - 9000 interventi
    Eppure su alcuni siti girava la notizia che fossero stati girati degli interni/esterni in USA, se poi ciò non e avvenuto per tutto il travaglio della produzione puo essere certamente.

    Quindi tu dici che le versioni in br estere possono essere tali e quali al dvd Minerva?
  • Homevideo Schramm • 19/05/16 23:20
    Risorse umane - 6712 interventi
    non avendole viste né potendole vedere non avendo il br come supporto, non so che dirti. non credo comunque di aver capito bene la domanda. credo vada da sé che a rigor di durata tutte le vs da 156' siano identiche...
  • Homevideo Ruber • 19/05/16 23:34
    Compilatore d’emergenza - 9000 interventi
    Schramm ebbe a dire:
    non avendole viste né potendole vedere non avendo il br come supporto, non so che dirti. non credo comunque di aver capito bene la domanda. credo vada da sé che a rigor di durata tutte le vs da 156' siano identiche...

    Ossia che i br esteri hanno la corretta conseguenza temporale delle scene e quindi dei dialoghi, quello di cui tu scrivevi prima.
  • Homevideo Schramm • 20/05/16 11:59
    Risorse umane - 6712 interventi
    Ruber ebbe a dire:
    Schramm ebbe a dire:
    non avendole viste né potendole vedere non avendo il br come supporto, non so che dirti. non credo comunque di aver capito bene la domanda. credo vada da sé che a rigor di durata tutte le vs da 156' siano identiche...

    Ossia che i br esteri hanno la corretta conseguenza temporale delle scene e quindi dei dialoghi, quello di cui tu scrivevi prima.


    si, d'altro canto non vedo per quale logica dovrebbe essere altrimenti, proprio ora che in mezzo al caos di differenti metraggi è rispuntato fuori quello bene o male definitivo, che ha messo il punto a tanta confusione.
  • Discussione Faggi • 23/04/17 13:22
    Archivista in seconda - 434 interventi
    Zender, mi chiedevo se è opportuno inserire un scheda per Io, Caligola; andato in onda ieri su Cielo e che ho visto. Nei titoli di testa si dice che è una seconda versione, quindi, secondo me, un altro film. Il nome di Guccione non compare e Brass è accreditato alle riprese; il nome di Franco Rossellini compare come produttore. Nessun nome alla regia. Non ci sono scene hard, l'impressione è comunque di un film mutilato (almeno per chi ha visto la prima versione).
    Ultima modifica: 23/04/17 13:28 da Faggi
  • Discussione B. Legnani • 23/04/17 16:00
    Consigliere - 13887 interventi
    Faggi ebbe a dire:
    Zender, mi chiedevo se è opportuno inserire un scheda per Io, Caligola; andato in onda ieri su Cielo e che ho visto. Nei titoli di testa si dice che è una seconda versione, quindi, secondo me, un altro film. Il nome di Guccione non compare e Brass è accreditato alle riprese; il nome di Franco Rossellini compare come produttore. Nessun nome alla regia. Non ci sono scene hard, l'impressione è comunque di un film mutilato (almeno per chi ha visto la prima versione).

    Tieni presente che purtroppo esistono enne versioni e quello che tu hai visto è tutto contenuto nella versione integrale. Decida Zender.
  • Discussione Zender • 23/04/17 19:05
    Consigliere - 43588 interventi
    Sì, è come dice Legnani, Faggi. E' un film che ha avuto vicissitudini talmente complesse che sarebbe persino ingiusto ridurle due soli film. Meglio lasciare così, per il momento.
  • Homevideo Ruber • 15/03/18 00:44
    Compilatore d’emergenza - 9000 interventi
    C'è la versione a doppio disco della Raro, oltretutto ad un prezzo ottimo.

    https://www.lafeltrinelli.it/cinema/dvd-film/tinto-brass/io-caligola-special-edition-2/8032807052762
  • Discussione Schramm • 30/10/18 16:37
    Risorse umane - 6712 interventi
    a tutti i cultori che masticano benino l'inglese segnalo questo interessantissimo video. l'autore è il comparatista che ha reperito i workprint di brass del 77 di cui si parla a pagina 3. vi fanno brevemente capolino anche scene assolutamente inedite estrapolate da diversi bootleg.

    https://www.youtube.com/watch?v=i2PXmIVZx_M