Caccia spietata

Media utenti
Titolo originale: Seraphim Falls
Anno: 2006
Genere: western (colore)
Numero commenti presenti: 13

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 18/05/08 DAL BENEMERITO MASCHERATO
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Mascherato 19/05/08 00:24 - 583 commenti

I gusti di Mascherato

Ci sono le location che mozzano il fiato come in ogni western che si rispetti, c'è un titolo italiano che rimanda a capolavori (Caccia Sadica di Losey su tutti), ci sono 15 minuti iniziali che fanno ben sperare. Poi, invece, resta una cavalcata attraverso i topoi del genere (i poveri coloni, la carovana di mormoni, la ferrovia in costruzione) e l'epilogo metafisico (dopo lo spiegone) in cui compaiono Wes Studi–Caronte ed Anjelica Huston che sarà pure la Morte, ma pare il gelataio nel deserto di Totò sceicco.

Patrick78 19/01/09 15:13 - 357 commenti

I gusti di Patrick78

Bruttino per davvero questo western di Von Ancken, che riecheggia invano le note più nobili dei film culto nel genere partendo dall'italianeggiante titolo memore della Caccia Selvaggia tra Bronson e Marvin attraverso le lande innevate. Partenza più che buona ma ci si arena subito dietro l'angolo in modo più che prevedibile. James Bond non è adatto al ruolo e Neeson non potrà mai fare un "cattivo" che sia veramente cattivo. Per il resto bei paesaggi, bella fotografia e poco altro in una sceneggiatura molto ripetitiva. La Frontiera è un'altra cosa.

Daniela 24/01/09 12:47 - 9837 commenti

I gusti di Daniela

La prima parte, quasi muta ed insolitamente violenta, fa ben sperare, ma poi si adagia in una narrazione di maniera, con una sequenza di personaggi che sembrano usciti da un album di figurine western, mentre Neeson prova a fare a cattivo e Brosnan non pronuncia frasi ma massime da incidere nel marmo. Tuttavia gli splendidi paesaggi (che variano dalle cime innevate al deserto) basterebbero a rendere interessante la visione, se non intervenissero un flashback didascalico ed un finale allegorico "for dummies" che stride con le pretese di realismo.
MEMORABILE: L'apparizione di Anjelica Huston nel deserto (resta impressa, ma non in senso positivo).

Magnetti 20/07/09 12:27 - 1103 commenti

I gusti di Magnetti

Un buon inizio che mostra la qualità principale del film ovvero la fotografia che rende affascinanti le già belle di loro locations. Deserto, montagne, dai luoghi innevati a quelli desertici: si respira l'aria delle epopee western. All'inizio poi anche la vicenda affascina con la serrata caccia all'uomo. Perde qualità nella parte centrale, ma rimane comunque decente. Il finale costituisce una variante rispetto a canoni western e ciò lo ho apprezzato. Interessante il personaggio di Carver ma Neeson, che lo interpreta, non era l'attore da scegliere per interpretarlo. Brosnan così così.

Luckyboy65 2/12/10 03:40 - 144 commenti

I gusti di Luckyboy65

Western il cui sottotitolo potrebbe essere "innovazione nella tradizione". Infatti mescola archetipi e luoghi comuni con un (lunghissimo) finale decisamente fuori dagli schemi che però resta anche fuori da ogni comprensibile logica. Passi la morale del XXI secolo per cui nessuno è innocente e nessuno è malvagio fino in fondo, ma non si possono emulare Aldrich e Pasolini nello stesso film e rimanere credibili. Ci vorrebbe una buona dose di coraggio e tagliare 5 minuti netti (e Anjelica Huston) dal finale per vedere l'effetto che fa.

Enzus79 28/01/11 11:00 - 1887 commenti

I gusti di Enzus79

La trama lasciava ben sperare, invece si assiste ad un discreto western, con due attori che, se pur bravi, non danno il meglio di sè. Al contrario forse della regia e dei paesaggi, che sono splendidi. La storia, almeno, poteva avere un altro finale.

Rambo90 11/10/12 20:39 - 6520 commenti

I gusti di Rambo90

Mi è piaciuto molto, soprattutto per l'ottima fotografia e gli splendidi paesaggi, poi anche per le belle interpretazioni di Neeson e Brosnan, entrambi a loro agio, con sfumature di carattere molto realistiche (nessuno è davvero buono, né davvero cattivo). C'è qualche cedimento nel finale (inutile l'apparizione della Huston), ma il messaggio pacifista degli ultimi minuti riporta il film su binari apprezzabili. Un bel western, che negli anni duemila è cosa rara.
MEMORABILE: Brosnan nella pancia del cavallo.

Buiomega71 23/09/13 01:18 - 2328 commenti

I gusti di Buiomega71

Ottimo inizio mozzafiato tra cime innevate, schegge splatter e trappole alla Southern comfort e un Brosnan quasi da martirio fisico. Poi si allenta la tensione a metà e arriva a un finale visionario e mistico, tra una fattucchiera barattatrice e una chiusa buonista che lascia l'amaro in bocca. Però si respira robusto cinema che sembra uscito dagli anni 70 e una natura ostile boormaniana che, a volte, è gioia per gli occhi. Forse, in alcuni punti, un po' convenzionale, ma Ancken la stoffa registica ce l'ha. Suggestiva la fotografia di John Toll. Niente male.
MEMORABILE: Il doloroso flashback riguardante Seraphin Falls; Brosnan squarta il grasso Pope per scaldarsi le mani (!); L'allucinato e lungo finale nel deserto.

Galbo 16/05/15 14:41 - 11520 commenti

I gusti di Galbo

Film che racconta una caccia all'uomo che avviene per una vendetta personale. L'ambientazione è tanto varia (dalle montagne innevate al deserto arido) quanto ben realizzata, quasi come personaggio a sé stante della vicenda; il tono è crudo con sequenze forti e d' impatto, specie nella prima parte, quella maggiormente riuscita. Ottima la prova di Neeson e Brosnan, affiancati da validi caratteristi. Nella seconda parte, il tono e i personaggi sono più convenzionali ma questo non toglie spessore ad uno dei western più riusciti degli ultimi anni.

Piero68 6/06/16 10:32 - 2793 commenti

I gusti di Piero68

Vero e proprio western d'altri tempi in cui si possono apprezzare svariati "omaggi" ai grandi classici sia d'annata che più recenti. La sceneggiatura è abbastanza piatta ma l'impianto narrativo è solido e l'ottima fotografia, unita a una buona prova dei due contendenti, alza il livello di un prodotto destinato altrimenti a una piccola nicchia. Divagazione sul finale quasi onirica che non dispiace con un'ottima interpretazione della Houston. Insomma, in un periodo in cui si prova a rivisitare tutti i generi, questo western non sfigura affatto.

NELLO STESSO GENERE PUOI TROVARE ANCHE...

Saintgifts 10/04/16 09:44 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

In comune con altri film del genere (ve ne sono diversi) c'è la spettacolare cornice naturale, qui scelta bene e fotografata al meglio. I caratteri di cacciatore e fuggiasco sono invece meno limpidi e questo dà modo di arrivare a certi sviluppi e di parteggiare per l'uno o per l'altro, in funzione di ciò che avviene durante la caccia, piuttosto che pensando alle motivazioni della caccia stessa. I due interpreti, nonostante visti spesso sullo schermo in abiti diversi, se la cavano discretamente. Il finale esce dalla realtà, ma ci può stare.

Alex1988 9/11/17 18:42 - 681 commenti

I gusti di Alex1988

L'incipit ricorda Uomo bianco, va' col tuo Dio, che serverà da spunto, poi, per Revenant e finirà per svilupparsi in questa maniera, con i due protagonisti che si inseguono fino alla fine nel vasto deserto. Da menzionare gli splendidi paesaggi valorizzati da una buona fotografia. Brosnan meno paravento del solito. Leeson gli tiene testa senza eccedere.

Puppigallo 17/07/18 09:48 - 4549 commenti

I gusti di Puppigallo

Mediocre western, che se nella prima metà regge ancora abbastanza bene (non male la scena nella capanna col padre e i due figli, come anche la trappola con la tagliola), col classico braccato da un uomo mosso da a dir poco forti motivazioni, nella seconda cede, sia per la pochezza della sceneggiatura, che per i due protagonisti, anabolizzati nell'interpretazione (la parte nel deserto è tremenda e interminabile, con tanto di indiano e venditrice ambulante, che sfiorano il ridicolo). Si può anche vedere, ma l'asticella delle pretese dev'essere parecchio abbassata.
MEMORABILE: Dice del fuggitivo "Chi altri seminerebbe cadaveri come rigurgiti di gufo"; "Come si scrive moglie?". "P u t t a..."; Bubusettete dal cavallo...
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Buiomega71 • 23/09/13 09:54
    Pianificazione e progetti - 22291 interventi
    IMDB riporta la durata di '115 minuti, mentre Il Morandini e altre fonti riportano '95 (secondo Il Morandini, appunto, la Eagle italiana ne avrebbe spurgato la durata togliendo addirittura 20 minuti)

    Io ho una registrazione da Sky, e il film dura esattamente 1h, 48m e 00s (stessa durata riportata dal dvd della Eagle)
  • Discussione Buiomega71 • 23/09/13 10:18
    Pianificazione e progetti - 22291 interventi
    Non malaccio assolutamente questo "hunted movie" impreziosito da location mozzafiato, da una natura ostile e inospitale (prettamente boormaniana), da schegge violente e quasi gore (trappole mortali alla Guerrieri Della Palude Silenziosa, Brosnan che squarta il grasso Hope per scaldarsi le mani, Brosnan che si toglie la palottola dal braccio con coltello arroventato tipo Duilio Del Prete in Tornado)

    Una caccia senza tregua, che inizia sulle montagne innevate e finisce in un deserto infernale quasi post-atomico con sole a picco

    Brosnan quasi martirizzato nel corpo (rischia di morire assiderato, le sparano, a torso nudo in mezzo alla neve, fuoriesce arrabalianamente dal ventre di un cavallo), piuttosto credibile e non poco sofferente

    Dai dolorosi e bellissimi flashback del massacro di Seraphine Falls, ad una comune di predicatori capitanata da uno spettrale Tom Noonan (e mi veniva in mente I 4 Dell'Apocalisse), per arrivare ad un lungo finale allucinato e mistico, con l'apparizione di Anjelica Juston inquietante fattucchiera barattatrice del deserto, che pareva la versione fashion della morte di Keoma, e l'indiano sciamano di Wes Studi, guardiano di oasi in mezzo alle rocce desertiche

    Inizio a dir poco sorprendente e mozzafiato, poi a metà si allenta la tensione, fino ad arrivare al finale misticheggiante e ad una chiusa buonista che lascia l'amaro in bocca

    Tra cacce e fughe loseyane e huntiane, spizzichi del Richard Lang dei Giganti Del West per arrivare al Friedkin di Hunted

    Forse un pò convenzionale, ma che pare uscito dagli anni 70, di una narrazione robusta e classicheggiante, impreziosito dalla suggestiva fotografia di John Toll

    Regia un tantino televisiva (Ancken viene da lì), ma comunque abile e classica e in certi frangenti (vedi il bellissimo incipt)davvero degna di nota (peccato sia l'unico film-per ora-di Ancken)

    Per il sottoscritto già di culto la figura della megera mefistofelica della Huston e da antologia la parte di Brosnan nella catapecchia dei pionieri (con la tosta ragazzina di Angie Harmon)

    Passato quasi sottosilenzio, meriterebbe un occhiata. Non fosse altro per la sua struttura classica lontana anni luce dall'ipertrofia degli action odierni e della buona performance Neeson (crudele ma non troppo) e Brosnan (ottimo a impersonare la sofferenza del braccato)

    Chi ama il genere saprà apprezzare
    Ultima modifica: 23/09/13 10:39 da Buiomega71
  • Discussione Galbo • 23/09/13 13:01
    Consigliere massimo - 3802 interventi
    Interessante, lo devo recuperare
  • Discussione Buiomega71 • 23/09/13 13:03
    Pianificazione e progetti - 22291 interventi
    Galbo ebbe a dire:
    Interessante, lo devo recuperare

    A occhio e croce dovrebbe piacerti. Sono quasi sicuro che lo apprezerai ;)
  • Discussione Galbo • 16/05/15 10:30
    Consigliere massimo - 3802 interventi
    Buiomega71 ebbe a dire:
    Galbo ebbe a dire:
    Interessante, lo devo recuperare

    A occhio e croce dovrebbe piacerti. Sono quasi sicuro che lo apprezerai ;)


    Ci hai preso, mi è piaciuto......
  • Discussione Buiomega71 • 16/05/15 10:31
    Pianificazione e progetti - 22291 interventi
    Galbo ebbe a dire:
    Buiomega71 ebbe a dire:
    Galbo ebbe a dire:
    Interessante, lo devo recuperare

    A occhio e croce dovrebbe piacerti. Sono quasi sicuro che lo apprezerai ;)


    Ci hai preso, mi è piaciuto......


    Ah, ottimo Galbo! Sapevo che ti avrebbe conquistato