Bubba Ho-tep - Il re è qui

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Bubba Ho tep
Anno: 2002
Genere: horror (colore)
Note: Tratto dall'omonimo libro di Joe Lansdale.
Numero commenti presenti: 28
Papiro: cartaceo

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Mascherato 8/11/08 00:43 - 583 commenti

I gusti di Mascherato

Se può sembrare assurdo un racconto su una mummia cowboy, pensate se a combatterla sono un Elvis invecchiato nell'anonimato di un ospizio ed un nero che crede di essere il presidente Kennedy (eh! eh! sembrava fantascienza all'epoca, vero Coscarelli?). Merito della penna di Lansdale, ma merito dell'autore di Phantasm se un breve racconto si trasforma in un horror che riesce ad essere divertente e crepuscolare. Certo all'inizio lo è troppo, ma dall'ingresso in scena di Ossie Davis, ci si diverte. Alla fine si annuncia l'imperdibile Bubba Nosferatu - The Curse of She Vampires.
MEMORABILE: La traduzione dei geroglifici nel cesso: "Il faraone lecca le palle dell'asino e Cleopatra fa la zozza"

Supercruel 19/01/09 23:01 - 498 commenti

I gusti di Supercruel

Dalla geniale penna di Joe R. Lansdale alla mirabile direzione di Don Coscarelli (già autore della serie culto Phantasm). Il canovaccio, tra Elvis, Kennedy e mummia western è tra i più deliranti mai visti su grande schermo. La sovrastruttura horror è alternata con successo ad ampi stralci di brillante umorismo e inaspettati svolazzi drammatici (imperniati sul tema della vecchiaia). Il mix è esplosivo, per una pellicola che è un gioiello dal primo all'ultimo secondo. Bruce Campbell gigantesco, senza alcuna esagerazione di sorta.

Brainiac 21/01/09 13:16 - 1083 commenti

I gusti di Brainiac

Esilerante nelle trovate originali (Elvis vivo e vecchiardo), solido quando distilla momenti di suspense (la camminata dello spettro nei tetri corridoi dell'ospedale è da antologia), questo film del "Phantasmatico" Coscarelli è stato davvero una bella sorpresa. Bruce Campbell è come al solito perfetto nell'interpretare il ruolo con un doppio registro (comico e drammatico) e questa volta, grazie alla sceneggiatura ripresa dallo Stephen King Texano (Lansdale), aggiunge una nuova malinconica sfumatura alla sua maschera invecchiata.

Patrick78 22/01/09 16:58 - 357 commenti

I gusti di Patrick78

Horror che di horror non ha molto, questo lavoretto di Coscarelli che a quanto mi risulta non sia mai stato un grande regista, non impressiona di certo e si dimentica volentieri nel giro di pochi giorni. Tratto dal romanzo di Lansdale e interpretato da Bruce Campbell narra la storia del vero Elvis che ricoverato in una casa di riposo per anziani incontra una mummia egiziana munita di cappello e stivali da cow-boy. Ne seguirà una lotta quasi demenziale. Mistero sui meriti elargiti a questa commedia che strizza l'occhio ad una puntata di Scooby Doo.

Scarlett 14/06/09 15:10 - 307 commenti

I gusti di Scarlett

Un film che con certe premesse sembrerebbe se non scontato, di sicuro con ben poche aspettative; invece sorprende per l'eccezionale interpretazione di Bruce Campbell e per i temi trattati, che nonostante la presenza di vere perle che allegeriscono la trama, rimangono profondamente drammatici. Sicuramente da vedere.

Capannelle 6/07/09 10:09 - 3805 commenti

I gusti di Capannelle

Quante volte la parola gioiellino viene abusata? Specie quando il film è semisconosciuto e l'astuto recensore vuol dare l'impressione della "mirabolante" scoperta. Beh, non in questo caso. Perché la gestione del racconto e degli attori non presenta cedimenti e fa divertire graffiando senza alcuno sgradevole sensazionalismo. Originale e consistente, quindi. Che dire, ad esempio, della sequenza in cui i due eroi, Elvis & il Kennedy "dipinto nero", si presentano nel corridoio per la disfida accompagnati da una musica epica (complimenti a Tyler)?

Stubby 18/10/09 17:03 - 1147 commenti

I gusti di Stubby

Veramente un bel filmetto tratto da un racconto di Lansdale, dialoghi esilaranti e soprattutto il buon vecchio Bruce Campbell che spacca lo schermo di brutto offrendo una grande interpretazione. È un film che procede molto a rilento ma deve essere così per forza: non ha praticamente nulla di horror e al contrario offre situazioni e dialoghi veramente divertenti. Da recuperare.
MEMORABILE: La mummia è andata in bagno a farsi una cacata ed ha trascritto alcuni geroglifici sul muro.

Blutarsky 14/09/10 18:24 - 353 commenti

I gusti di Blutarsky

Elvis e un JFK di colore combattono una mummia in un ospizio... La trama farebbe pensare ad un prodotto Troma, invece Coscarelli non butta tutto in "caciara" e costruisce un film con rigore dosando con sapienza ironia e melanconia (sopratutto nel personaggio di Elvis), aiutato dalle convincenti interpretazioni di Campbell e Davis. L'aspetto puramente horror è marginale anche se ben amalgamato al resto e a voler trovare un difetto c'è giusto il finale tirato un po' per le lunghe.
MEMORABILE: Il furto degli occhiali all'anziana nel polmone d'acciaio!

Puppigallo 29/06/10 16:52 - 4564 commenti

I gusti di Puppigallo

Era un po' di tempo che non vedevo qualcosa di particolare; e devo dire che questo film lo è, a partire proprio dall'idea (Elvis, con problemi al bassoventre, in casa di riposo con un vecchio di colore che si crede Kennedy, alle prese con una mummia; il solo pensarlo merita un plauso). In più, i dialoghi sono piacevoli e la storia di Elvis e del suo sosia ghiotto di torte non è niente male. Se poi si aggiunge un Campbell (Elvis) in grande forma, capace di dare persino una sua credibilità a un simile personaggio, il risultato non può che essere notevole.
MEMORABILE: Elvis: "Ho sentito il mio pene fremere come un piccione con un attacco cardiaco... e poi il nulla"; Una vecchia ruba gli occhiali a una poveretta nel polmone d'acciaio.

Mdmaster 13/09/10 20:04 - 802 commenti

I gusti di Mdmaster

Alla fine definirlo horror è decisamente riduttivo, Bubba Ho-Tep è piuttosto un film d'avventura girato come se fosse drammatico. Arricchito dalla bellissima soundtrack di Tyler, con Campbell e Ossie Davis che regnano sul film, sfidandoci continuamente a riflettere e, sì, ridere di qualcosa di cui è davvero difficile (la vecchiaia). Coscarelli non fa niente di che, alla fine, però già essere riuscito a proporre un film del genere e a portarlo a compimento così... beh tanto di cappello. Da vedere anche per non appassionati del genere.
MEMORABILE: Le stelle che rassicurano il nostro Elvis. Il combattimento con gli scarabei volanti con sotto del metal pesante.

Don Coscarelli HA DIRETTO ANCHE...

MAOraNza 17/01/11 12:41 - 192 commenti

I gusti di MAOraNza

Strampalato film con un Bruce Campbell in formissima nei panni di un Elvis vecchio e rimbambito, con un'infezione al pisello e oramai privo dello smalto di un tempo, che si trova a dover combattere una mummia vestita da cowboy in un ospizio della sonnolenta provincia americana. Il tutto supportato da un "Kennedy coloured". Coscarelli realizza un film a dir poco paradossale ma perfettamente funzionante e, a tratti, quasi commovente. Difficilmente catalogabile, Bubba Ho-Tep è una pellicola ironica, drammatica e toccante allo stesso tempo. Geniale.

Magnetti 23/09/10 10:37 - 1103 commenti

I gusti di Magnetti

Bubba Ho-tep è un piccolo-grande film che viaggia sul filo dello spasso, del melanconico e dell'horror con cambi di registro che spiazzano e divertono. Una trama pazzoide che mi è piaciuta tanto per i bellissimi momenti di cinema in grado di regalare, raggiungendo fin la perfezione con l'interpretazione di Campbell e i suoi Elvis/monologhi. Pur essendo un film minore è girato da chi sa il fatto suo, con grande cura e musiche perfette. I minuti finali con la battaglia fra Elvis e la mummia non sono al livello del resto ma non intaccano il giudizio finale.

Tarabas 5/10/10 18:28 - 1749 commenti

I gusti di Tarabas

Elvis è vivo e lotta insieme a JFK contro una mummia succhia anime. Messa così, sembra una scemenza. Invece il film è inspiegabilmente bello, psicologicamente delicato sotto la scorza parolacciara del vero/finto re del rock. La sceneggiatura prende in giro amabilmente i complottisti USA, riflette non banalmente sulla vecchiaia e sul rifiuto di essa, proprio della nostra cultura, giovanilista a tutti i costi. Il tutto in una economica struttura da bmovie di classe, costato due soldi ma che fa capire che dietro ci sono pensiero e azione. Sorpresa.

Undying 6/02/12 19:24 - 3836 commenti

I gusti di Undying

Coscarelli si avvale di uno script d'alto livello opera di Lansdale e realizza un film dalle molteplici venature: horror, commedia, dramma. Non tutto è perfettamente riuscito e, a lungo andare il plot genera certa noia, ma Campbell nel ruolo di Elvis è perfetto e l'atipicità della storia (con protagonisti anziani) lo rende senz'altro titolo meritevole d'attenzione. Più che la paura, più che la risata, quel che resta nell'animo dello spettatore è una sgradevole sensazione di amarezza e di malinconia, di abbandono e di decadenza; stimoli derivati dalla consapevolezza della caducità della vita.

Cotola 2/03/12 00:08 - 7749 commenti

I gusti di Cotola

Dopo anni di discutibili seguiti e filmetti di scarso valore, Don Coscarelli torna finalmente a girare un horror degno di questo nome. Lo fa dando vita ad un piccolo gioiellino che non è certo ascrivibile ad un unico filone. Dietro la patina superficiale, c’è ben di più di un semplice film di genere. Più “raffinato” e complesso di quello che si potrebbe credere, si rivela anche interessante e delicato, pur rimanendo nel campo horror-comico, nell’affrontare temi come quello della vecchiaia e della paura della morte. Sorpresa da riscoprire.

Pumpkh75 4/11/12 19:47 - 1365 commenti

I gusti di Pumpkh75

Strepitoso. Un film dove la Morte imperversa senza rancore: Coscarelli ne è ossessionato dai tempi di Phantasm, ma qui, tra chi è morto da secoli e ritorna, chi la natura lo renderà a breve e chi è vivo ma interpreta uno che non lo è, il rubinetto è completamente aperto e il fiume che ne esce è impetuoso e affascinante. Divertente e malinconico, tira un pugno violentissimo alla cinica società odierna e crea tre icone: il JFK nero, Elvis versione Ash e una mummia cowboy; impossibile dire quale sia la più convincente. Lansdale sarà soddisfatto.

Ziovania 30/12/13 11:53 - 337 commenti

I gusti di Ziovania

Tanti in America non vogliono credere che il re del rock sia morto nel 1977, ucciso a soli 43 anni dalla noia esistenziale. L’affettuoso film di Coscarelli ce lo trasporta nella vecchiaia, chiuso in una casa di riposo a rimuginare sul passato e il ruolo nella società di cui diventa eroe combattendo una cattivissima mummia egizia (chiaro riferimento al terrorismo arabo). Elvis è cioè costretto a rapportarsi con quella realtà da cui in vita si è estraniato. Il tutto suona improbabile, ma tra i tanti tributi postumi questo è tra i più sentiti.

Daniela 28/11/14 09:34 - 9974 commenti

I gusti di Daniela

In una piccola casa di riposo texana, Elvis Presley (quello vero) e John F.Kennedy (quello che crede di esserlo) devono unire le loro forze per sconfiggere una minaccia ancora più vecchia di loro, ossia una mummia egizia di seconda categoria affamata di anime... Dalla trama, Bubba Ho-Tep sembrerebbe un horror demenziale, ed invece, anche se filtrata attraverso una storia bizzarra, è soprattutto una riflessione malinconica, a tratti addirittura commovente, sulla vecchiaia, sulle occasioni perdute, sulla necessità di non gettare mai la spugna. Campbell grandioso, Davis ottima spalla.
MEMORABILE: "Ma Johnson è morto..." "Questo non basterà a fermarlo!"; La mummia che avanza nel corridoio, stivali ai piedi e cappello da ranger in testa

Fabbiu 27/02/15 17:47 - 1989 commenti

I gusti di Fabbiu

Dietro a una storia decisamente bizzarra, sia nella trama che nel modo in cui unisce i toni da commedia alle atmosfere horror (oltretutto notevoli), si cela un film riflessivo e malinconico sul tema dell'anzianità e le conseguenze della fama. Bravissimo Bruce Campbell nei panni del vero Elvis invecchiato e spassosissimo Ossie Davis, spalla comica (convinto di essere Kennedy) che in modo assurdo porta avanti le indagini per svelare alcuni omicidi compiuti nella casa di riposo. Divertente, strano e molto originale.

Redeyes 23/07/15 08:29 - 2231 commenti

I gusti di Redeyes

Coscarelli da un libro di Lansdale, genio trasversale ai generi, gira una piccola perla dalle molteplici diramazioni future. Elvis, un bolso Ash Campbell, ormai derelitto e semi infermo, ma soprattutto non riconosciuto dalla gente, dovrà affrontare il faraone rinato e ingordo di anime. Tutta la pellicola è bagnata di quel folle horror lansdaliano (vedi "Notte horror al drive-in" per esempio) che tuttavia non tralascia sottotrame ben sviluppate come la solitudine nella vecchiaia, la perdita della voglia di vivere... Sicuramente fuori dai soliti canoni!

Bob Ivy HA RECITATO ANCHE IN...

Pinhead80 8/10/15 18:17 - 4041 commenti

I gusti di Pinhead80

Da non credere cosa possa uscire dalla penna di Lansdale. Coscarelli mette sullo schermo una storia assurda ma piacevolissima che trae beneficio dall'intuizione del regista di lasciare pressoché immutati i dialoghi del romanzo originale. Sono molti i momenti in cui ci si sganascia dalle risate: vedere Elvis Presley e JFK nero alle prese con una mummia è qualcosa di impagabile. Pensavo si trattasse di una boiata pazzesca e invece è un piccolo gioiello sulla terza età.

Rebis 20/05/16 11:48 - 2100 commenti

I gusti di Rebis

Lansdale, Coscarelli, Campbell. Già i nomi evocano un'atmosfera insurrezionale nei canoni consolidati dell'horror. Ma il mood è tutt'altro che gagliardo: un buddy movie chiuso tra i corridoi di un ospizio di periferia, in fuga sulle riarse highway americane, che si fa afoso e malinconico mentre riflette sulla morte e l'eternità, come esemplificano il mito di Elvis e la mummia. Il ritmo langue, la durata è spropositata al narrato, ma batte il cuore cinefilo, la sound track di Brian Tyler è struggente e l'horror fan avrà di che sollazzarsi. Bruce Campbell e Ossie Davies adorabili e irriducibili.

Didda23 7/06/16 15:54 - 2307 commenti

I gusti di Didda23

Opera di una bruttura indecibile, estenuante nella ripetitività, pagliaccesca nella caratterizzazione dei personaggi che si salva dal voto più basso unicamente per quel velo di malinconia che riesce a ricreare. Per molti una genialata, per il sottoscritto un filmettino indolente che sembra uscire pari pari dalla Troma. Coscarelli ci mette anima e corpo, ma neppure per caso riesce a indovinare un movimento di macchina che sia fascinoso e/o interessante. Davvero troppo poco nelle mie corde mescolare Elvis, un nero che si crede Kennedy e una mummia succhia anime.
MEMORABILE: Il momento dell'incontro fra Elvis e Sebastian Haff.

Taxius 1/03/17 14:21 - 1651 commenti

I gusti di Taxius

Un anziano Elvis e un vecchietto di colore che pensa di essere JFK dovranno vedersela con un'antica mummia egizia che miete vittime all'interno dell'ospizio in cui sono ospitati. Particolare e strambo horror di serie B capace di divertire, spaventare e far riflettere per quella che è la situazione di molti anziani dimenticati nelle case di riposo. Fantastici i due protagonisti e favolosi i dialoghi tra i vari personaggi. Un film semplice che merita di essere visto.
MEMORABILE: "Il presidente J.F.K." che pensa di essere spiato da Lyndon Johnson.

Daidae 19/11/17 15:22 - 2804 commenti

I gusti di Daidae

Insolito, bizzarro, originale. Coscarelli, famoso per l'ottima saga di Fantasmi, mostra di avere buone doti come regista e ci regala un buon film dell'orrore che si discosta molto dai soliti canoni del genere. Perfetto il cast con il sempre valido Bruce Campbell e il buon Ossie Davis. Curiose alcune trovate come la mummia vestita da cowboy che offende sotto forma di geroglifico. Un buon film da riscoprire.

Bubobubo 28/03/20 23:02 - 1343 commenti

I gusti di Bubobubo

Assurdo soggetto lansdaliano: un Elvis in incognito, imbolsito e costretto a un letto di una casa di riposo texana, si trova a combattere contro la rediviva mummia di un faraone egiziano, col solo aiuto di un vecchio che crede di essere JFK. Commedia nera tra catarrose riflessioni sul tempo che c'era e non è più, generiche declinazioni horror-pulp e un acuto, generale senso di disorientamento: il risultato, pur non conquistando come avrebbe potuto (anche per un finale poco in tono), regala comunque almeno un paio di passaggi sfiziosi.
MEMORABILE: Vecchia cleptomane; Erezione inattesa; Ma com'era Marilyn?

Caesars 18/01/21 10:23 - 2868 commenti

I gusti di Caesars

Coscarelli dirige un film originale e simpatico. L'idea di immaginare Elvis ancora vivo ma ricoverato in un istituto per anziani (ma sarà davvero lui o sarà un suo sosia che crede di essere Elvis?) è davvero buona e dà vita ad una pellicola che tratta, anche, riflessioni sulla vecchiaia e sulle opportunità non colte. Ad aggiungere stravaganza alla trama c'è anche la presenza di un uomo di colore che crede di essere Kennedy. Meno riuscita la figura del "male" incarnata da una mummia egiziana con stivali e cappello da cowboy. Alcune parti (lo scarafaggio) non convincono molto.

Jena 16/01/21 14:55 - 1256 commenti

I gusti di Jena

Chi pensa di trovarsi di fronte un horror rimarrà spiazzato. L'aspetto orrorifico è infatti molto marginale, e anche quello weird con Elvis Presley redivivo che affronta un mummia egizia in una casa di riposo non è centrale. E' centrale l'amara riflessione sulla vecchiaia, sui fallimenti delle vita, sulla solitudine e l'amicizia per cui, tra qualche risata e nessuno spavento, rimane un sottofondo di amara commozione. Tali temi a dire il vero erano presenti anche nella saga di Fantasmi. Sbalordisce l'interpretazione di Bruce Campbell per una volta lontano dai suoi ruoli cartoonistici.
MEMORABILE: La storia della sostituzione di Presley; Il Kennedy nero, perché "dipinto"; Il vecchietto armato di pistole giocattolo; Presley panzuto col girello.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Zender • 5/03/10 18:08
    Consigliere - 44113 interventi
    La miseria quanto c'è da aspettare, anche qua! D'accordo non battere il ferro finché è caldo, ma si parla di un film uscito ormai secoli fa e che tutti aspettano in Italia da una vita!
  • Curiosità Puppigallo • 29/06/10 17:00
    Scrivano - 502 interventi
    Gli orifizi dell'anima
    Il nero che si crede Kennedy dice a Elvis: "Lo sai che possono succhiarti l'anima anche dal sedere? L'ho visto in...". E Elvis: "In un film porno".
  • Discussione Magnetti • 23/09/10 10:56
    Call center Davinotti - 212 interventi
    Ringrazio il Puppigallo che, per essere sicuro che non mi perdessi questa perla, me lo ha addirittura spedito a casa.
  • Discussione Undying • 23/09/10 13:18
    Scrivano - 7619 interventi
    Capannelle ebbe a dire:
    Raccomando la visione del film. Raccomando la visione del film. Raccomando la visione del film. Raccomando la visione del film. Raccomando la visione del film.

    Devo decidermi a vederlo... Devo decidermi a vederlo... Devo decidermi a vederlo... Devo decidermi a vederlo...

    :)
  • Discussione Capannelle • 4/07/11 22:54
    Scrivano - 2553 interventi
    Lo sto rivedendo e annoto una delle frasi memorabili:
    "Era da due elezioni presidenziali che non mi veniva così duro".
    Ultima modifica: 4/07/11 23:54 da Capannelle
  • Discussione Zender • 5/07/11 07:53
    Consigliere - 44113 interventi
    Ce n'è parecchie di frasi memorabili nel film, in effetti :)
  • Musiche Capannelle • 5/07/11 08:32
    Scrivano - 2553 interventi
    Preziose per la riuscita del film le musiche di Brain Tyler. Ecco:

    l'end title theme

    e un'intervista all'autore (negli ultimi 30 sec. il tema di fondo viene suonato in versione solo piano)
    Ultima modifica: 3/03/17 00:01 da Capannelle
  • Discussione Redeyes • 23/07/15 08:31
    Formatore stagisti - 869 interventi
    Il film è chiaramente tratto dall'omonimo libro di Joe Lansdale.
  • Musiche Caesars • 18/01/21 13:44
    Scrivano - 12032 interventi
    Capannelle ebbe a dire:
    Preziose per la riuscita del film le musiche di Brain Tyler
    Sono pienamente d'accordo.

  • Curiosità Caesars • 18/01/21 13:53
    Scrivano - 12032 interventi
    Alla fine dei titoli di coda viene, scherzosamente (anche se poi, data la buona accoglienza commerciale a questa pellicola, venne considerata l'idea di realizzarlo veramente), annunciato un "sequel": Bubba Nosferatu:

    [img size=424]https://www.davinotti.com/images/fbfiles/images55/bubba.jpg[/img]