Bread and roses - Film (2000)

Bread and roses

LE LOCATIONLE LOCATION

TITOLO INSERITO IL GIORNO 23/03/09 DAL BENEMERITO WILD TRAMP
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Wild tramp 23/03/09 20:13 - 5 commenti

I gusti di Wild tramp

Una ragazza messicana attraversa il confine per ricongiungersi con la sorella che lavora in una impresa di Los Angeles. Si troverà presto in mezzo ad un conflitto tra il sidacato (capeggiato da Brody) e i propietari accusati di sfruttamento. Con l'approdo oltreoceano, Loach torna prepotentemente a parlare di lotta di classe e lo fa raccontando una storia che racchiude i suoi temi piu classici: il lavoro, lo sfruttamento, l'immigrazione... Insomma, il Loach che conosciamo forse troppo didascalico ma appassionato.

Galbo 25/03/09 05:57 - 12066 commenti

I gusti di Galbo

Costante del cinema di Ken Loach è lo schierarsi dalla parte dei deboli e dei perdenti e questo Bread and roses si inserisce in tale filone occupandosi di immagrazione messicana negli stati uniti e di conflitti sindacali (altro cavallo di battaglia del regista). Il tono (nonostante la drammaticità della vicenda, è però meno amaro che in altre occasioni con una sceneggiatura che mette bene in risalto le difficoltà della vita quotidiana degli immigrati e fornisce una buona caratterizzazione psicologica dei personaggi. Bravi gli attori.

Myvincent 8/12/14 23:16 - 3425 commenti

I gusti di Myvincent

I soprusi sui "pulitori" si aggiungono alla vita di serie B del popolo latino che cerca fortuna nella ricca Los Angeles: ma per fortuna esistono i sindacati. Ken Loach, come è suo costume, si schiera dalla parte dei deboli, questa volta però con uno stile espressivo francamente piatto, fino a sembrare quasi "documentaristico". Gli attori non professionisti tolgono magia a un film che difetta in lirica profondità... come il ciuffo ribelle di Adrien Brody.

Saintgifts 17/09/16 10:56 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Ken Loach, regista socialmente impegnato, in questo pane e rose (pane e companatico, diremmo noi) racconta la storia di lavoratori immigrati vessati da datori di lavoro senza troppi scrupoli e difesi da sindacati non troppo chiari nel loro operato. Forse per mantenere un giusto equilibrio mostra anche come sia facile, da parte degli operai (e sceglie la giovane e intraprendente Maya a questo proposito), infrangere la legge, magari per scopi più o meno meritevoli. L'equilibrio dell'opera si completa con i rapporti tra i lavoratori stessi. Buono.

Daniela 21/09/17 01:56 - 11953 commenti

I gusti di Daniela

Sfruttamento nero per gli addetti alle pulizie di un grattacielo losangelino, quasi tutti provenienti dall'America latina e talvolta clandestini: paghe da fame, niente assistenza sanitaria, soprusi e licenziamenti in tronco per chi osa alzare la testa... Film tipicamente loachiano, anche se i toni drammatici, pur presenti, sono attutiti dall'epilogo della vicenda che vede i lavoratori impegnati in forme di lotta anche fantasiose per ottenere un trattamento migliore. Film talvolta didascalico, ma efficace, con interpreti tutti in parte.

Paulaster 17/11/20 10:38 - 3925 commenti

I gusti di Paulaster

Lavoratori di un'impresa di pulizie rivendicano condizioni più eque. Più che un film di denuncia è un atto d'accusa a come funziona il lavoro in America quando mancano i sindacati. Argomento vasto che Loach non mette completamente a fuoco e si perde mostrando solo piccole azioni di rappresaglia. Sul versante umano invece rappresenta bene la situazione che vivono i clandestini e come cerchino di aiutare le loro famiglie nei paesi d'origine. Brody gigioneggia un po' troppo per il suo ruolo.
MEMORABILE: La paga al responsabile; La confessione della sorella Rosa; L'interruzione all'inaugurazione dell'ufficio.

Enzus79 24/11/22 22:05 - 2515 commenti

I gusti di Enzus79

Un sindacato convince gruppo di addetti alle pulizie a scioperare contro i piani alti. Primo film americano per Ken Loach, che non tradisce comunque i suoi obiettivi: raccontare il precariato e la mancanza di diritti sul lavoro, perdipiù nel paese dove il capitalismo impera. Si cade poco nel melodrammatico. Non mancano momenti che sfiorano la commedia. Discreti la colonna sonora e il cast.

Ken Loach HA DIRETTO ANCHE...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Raremirko • 21/06/15 00:35
    Addetto riparazione hardware - 3844 interventi
    Camei velocissimi, al party, di William Atherton, Oded Fehr, Stuart Gordon, Chris Penn, Ron Perlman, Tim Roth