Borderland - Linea di confine

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 15/07/09 DAL BENEMERITO UNDYING
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Undying 15/07/09 02:15 - 3839 commenti

I gusti di Undying

Santillan è un caposetta messicano attivo -in linea di confine- con traffici di stupefacenti; folle e violento, il leader ha una concezione distorta di sincronismo religioso e, per ingraziarsi le divinità a protezione dei suoi affari, compie brutali sacrifici umani. Tre turisti, invaghiti di due donne locali, fanno (mal)conoscenza della delirante associazione. Borderland arriva da noi solo adesso e sarebbe impietoso, sbagliato e ingiusto menzionarlo come ennesimo spin-off di Hostel. L'incipit ci ricorda che lo splatter arriverà, pure se in coda alla paurosa storia verosimilmente agghiacciante.
MEMORABILE: L'omicidio del poliziotto con estrazione di bulbi oculari; la fine del ragazzo politicamente a destra, fatto a pezzi a colpi di (tanti) machete...

Brainiac 16/07/09 13:38 - 1083 commenti

I gusti di Brainiac

Tre americani arrapati che cercano di sballarsi quanto allo Spring-break (come in Hostel). Un paese esotico per bruciare queste pulsioni (come Turistas). I funghi allucinogeni come viatico mortale (Shrooms). Il messico dei riti tribali (come in Rovine). Un paio di villains minacciosi e vagamente effeminati (vedi 300). Insomma, questo Borderland è un bignami del cinema horror contemporaneo, troppo politicamente corretto per certi versi (il carceriere Usa), ma divertente. Record di trucidamenti per machete in un film in cui Jason Voorhees non sia protagonista.
MEMORABILE: "Vedi io non credo nella violenza fine a se stessa, ho cercato di farlo capire a Randall ma è americano, per lui è impossibile".

Daniela 13/01/10 08:31 - 9631 commenti

I gusti di Daniela

Anche se l'avvertenza iniziale (ispirato ad una vicenda reale) questa volta pare proprio corrisponda a verità, la cosa più sconvolgente di Borderland è scoprire come possa essere cattivello Sean Astin, il fedele compagno di Frodo. Per il resto, nonostante non manchino alcune sequenze nefande piuttosto ben fatte (la tortura iniziale, la macedonia yankee a colpi di machete), tutto sa di troppo visto per impressionare davvero, per cui ho seguito le vicende dei tre ragazzotti americani con scarsa partecipazione e un poco di noia.

Mco 18/01/10 23:59 - 2157 commenti

I gusti di Mco

"Hostel" in terra messicana. Il numero dei personaggi alla volta di emozioni forti (sesso e droga) è lo stesso, la mattanza anche. Qui, però, si è un tantino sotto poiché alla base dei fatti di sangue c'è una fantomatica storia di riti voodoo assai poco plausibile, anziché più verosimili ricconi alla ricerca di sadismi mortiferi. La sostanza è tanta e gustosa, si chiude un occhio e poi anche l'altro di fronte alle malefatte. Inadatto a chi voleva entrare in Mexico dagli States.

Schramm 29/01/10 20:49 - 2447 commenti

I gusti di Schramm

Ormai l'abbiamo capita: l'horror intende far passare un brutto quarto d'ora alle agenzie viaggi. Intendi passare la frontiera? Pestaggio gratuito. In prigione direttamente e senza passare da una via che non sia il più efferatamente crucis. Tuttavia non il debito alle hostellate di cui son piene le fosse -e anche qualcos'altro- è il demerito dell'operina, quanto se mai il voler prendere mille direzioni e sfilacciarsi senza mai inforcarne seriamente alcuna. Peccato, ché se avesse perseverato nelle atmosfere d'imprimatura ne avremmo viste, forse, di che perdere il sonno o la fame. Invece il tempo è tutto quel che si perde.

Kanon 27/08/10 17:03 - 596 commenti

I gusti di Kanon

Atroce compendio del cinema horror odierno: yankee stupidotti e arrapati, la tipa che fa la Cicerone di turno illustrando le amenità cittadine, l'amica che "Io vorrei…non vorrei…ma se vuoi…", chi cerca l'ennesima ridicola vendetta, il solito Gran Cerimoniere con adepti esagitati y sguardo loco e tutto condito con un sadismo che, come il sale, alza un pochino la pressione dello spettatore, ormai giacente in orizzontale sul divano. Un pallino, giusto perché è richiesto il voto...

Galbo 22/02/11 07:15 - 11447 commenti

I gusti di Galbo

Piccolo bignami degli horror di ultima generazione, Bordeland ha un incipit folgorante; peccato che il prosieguo sia assolutamente banale e scontato, con personaggi stereotipati e trama assai prevedibile, con Hostel e simili come ovvio modello di riferimento. Attori adeguati.

Luchi78 11/02/11 16:41 - 1521 commenti

I gusti di Luchi78

Bisogna riconoscere che a fine film questa setta malefica che prevede sacrifici umani (tra l'altro veramente esistita) ti rimane proprio sullo stomaco. Quindi avanti con la sfida a colpi di machete, oltre a tutte le altre trovate splatter sparse qua e là. Oltre ciò il buio totale, ovvero quello in cui versa tutta la pellicola girata perennemente in notturna; visione del film destinata al dimenticatoio...

Gestarsh99 2/06/12 23:29 - 1334 commenti

I gusti di Gestarsh99

Turistas fai da te nel paese dei balocchi di Tijuana, regno di superstizione, Santeria, lophophorae psicotrope, macellazioni rituali e [bos]santoni narcotra-nsmedianici. Se il torture per antonomasia - specchio, specchio del budellame - ha i modi drastici e oleosi di una frittura ad alte temperature, che tutto ammorba in tempi rapidi, Borderland invece è più vicino alla marinatura: una marinatura lenta e costante, che con pazienza carica e decanta al meglio i tanti sapori speziati, separandoli al palato uno per uno. La carne è sempre quella, è la preparazione a donarle quel po' di raffinatezza culinaria in più.
MEMORABILE: L'esecuzione a colpi di machete del ragazzo fuggito sul tetto.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Undying • 28/09/09 09:35
    Scrivano - 7630 interventi
    In vendita il DVD a partire dal 2 dicembre.
    Label Mediafilm Home Entertainment.