Blade violent - I violenti

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Anno: 1983
Genere: drammatico (colore)
Note: Aka "Emanuelle fuga dall'inferno".
Numero commenti presenti: 10
Papiro: cartaceo

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Undying 20/02/08 01:46 - 3840 commenti

I gusti di Undying

All'estero è noto come Blade Violent. Da noi è circolato con varii titoli, tipo: Violenza in un Carcere Femminile o, per solcare la serie esotica (di successo) massaccesiana, Emmanuelle Fuga dall'Inferno; in effetti, la Gemser ri(s)veste nuovamente il ruolo della giornalista Emanuelle, infiltrata (per il solito scoop) all'interno di un carcere femminile nel quale, come genere (W.I.P.) impone ne vedrà (e subirà) sessualmente di ogni sorta. Tardivo esemplare del filone, che "gode" di svariate manipolazioni (da cui i titoli e la co-regia)...

Frixo 10/01/09 19:06 - 1 commenti

I gusti di Frixo

A me francamente non è dispiaciuto affatto. Si respira un'atmosfera torbida e il ritmo è particolarmente incalzante. Se volete un trash divertente con la giusta dose di sex & violence ve lo consiglio. Poi c'è un inedito Gabriele Tinti nel ruolo del cattivo con un doppiaggio molto efficace.

Daidae 20/09/09 13:49 - 2738 commenti

I gusti di Daidae

Non male questo film di Fragasso/Mattei: parte come un classico "donne in prigione" e termina come un buon film di azione. I personaggi non sono del tutto credibili(i 4 criminali sembrano a momenti dei mezzi idioti) ma ci sono ottime scene d'azione e violenza (la roulette russa, le sparatorie). Qualche piccola esagerazione (la guardia a cui sparano che vola assieme allo sportello!) ma nel complesso direi che ci siamo.

Homesick 1/07/10 18:31 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Due film in uno. Il primo si accoda ai repertori dei wip con rivalità tra carcerate, aberrazioni sessuali e secondine sadiche; il secondo sfuma in un gangster-movie egemonizzato dal folle criminale interpretato da un belluino Tinti, cui si contrappone il tough cop di un sorprendente De Mejo. Da attribuirsi principalmente a Fragasso, la monocorde regia ha qualche impennata nello splatter (l’evirazione, la roulette russa) e nell’azione (l’attentato al posto di blocco) sotto le staffilate sonore di Ceccarelli. La Gemser, per l’ultima volta Emanuelle, decide di NON spogliarsi.

Mdmaster 1/01/11 18:54 - 802 commenti

I gusti di Mdmaster

La parte migliore della pellicola è quando si tiene entro i limiti del W.I.P., cogliendo anche qualche buono spunto (il rapporto invertito guardia-prigioniera) che però resta solo abbozzato. Il resto è pura fuffa exploitation vista e rivista, della premiata ditta Mattei-Fragasso, capace di peggiorare di minuto in minuto e sfociare in una fuga a tre al limite del ridicolo. Si salva per fortuna grazie a un cast accettabile e a delle musiche a tratti invasive ma decisamente orecchiabili. Era lecito aspettarsi di peggio.
MEMORABILE: Il tappo col rasoio e la conseguente espressione dell'evirato che vaga per le celle a beccarsi le botte.

Zardoz35 14/02/11 22:50 - 248 commenti

I gusti di Zardoz35

Quattro galeotti che stanno per essere giustiziati si impadroniscono di un settore di un carcere femminile. Trovata non male quella di Mattei che causa sesso e sangue a fiumi, ma anche una notevole dose di azione e violenza. La Gemser è ancora Emanuelle, ma in una parte più dura e non spogliata. Sorprendente Tinti nel ruolo del cattivo. Film da non rigettare completamente.

Herrkinski 24/03/11 01:30 - 5130 commenti

I gusti di Herrkinski

Tremendo trashone girato dall'ineffabile duo Fragasso/Mattei. Riallacciandosi pretestuosamente al personaggio massaccesiano di Emanuelle (la Gemser, come sempre), il film si muove tra il filone "women in prison" e il tipico dramma-con-fuga-dal-carcere. Manco a dirlo il risultato è mediocrissimo, caratterizzato da una povertà assoluta di mezzi e budget e da una recitazione penosa; per fortuna almeno il ritmo è discreto, i dialoghi talmente deliranti da esser spassosi e c'è pure qualche scena splatter. In definitiva guardabile; per trashofili.

Rebis 14/10/13 21:08 - 2088 commenti

I gusti di Rebis

Pura exploitation all'italiana che coniuga il "Women in prison" con il gangster movie carcerario, più interessata a enfatizzare la componente splatter che quella erotica (e in questo senso Fragasso è originale e coerente con la sua filmografia). Il catatonico score di Ceccarelli conferisce un inusitato clima zombesco (le carcerate che protendono le mani dalle sbarre). Registicamente, naviga tra goffaggini (l'inseguimento finale, penoso) e inattese ricercatezze dal taglio quasi teatrale ed espressionista. Stiamo parlando, naturalmente, di modesti livelli di messa in scena. Cast nella media.

Deepred89 5/11/13 02:17 - 3282 commenti

I gusti di Deepred89

Si entra in medias res nel delirio più totale (memore dell'indimenticato Altro inferno), con attrici in stato di trance dionisiaca (a parte la Gemser, l'unica sobria), crudeltà assortite (ma senza eccessi) e un'incredibile atmosfera in bilico tra trash e follia. Poi subentra il cast maschile, il ritmo rallenta e tra intermezzi action e tediose scene di sesso si ripiomba tristemente sul pianeta Terra, pur sopravvivendo elementi folli come la recitazione del "tedesco" o il dirottamento dei criminali al penitenziario femminile. Confezione pessima.

Mco 22/01/18 18:27 - 2150 commenti

I gusti di Mco

Girato in contemporanea a Violenza in un carcere femminile, con stessi cast e location. Ma qui è una lotta tra prigioniere ed evasi il nucleo fondamentale, con la bella reporter Emanuelle a combattere la follia di Tinti, leader di un gruppo di ribaldi davvero eterogeneo. Si sprecano i nudi (da 10 il seno della Giacomini) e le atrocità, il sadismo e la gratuità. Pozzato è la vera mina vagante, tutto tic e mossette, riesce a farsi fregare proprio dalla sua incontrollata smania di prevaricazione. Chicca, da gustare solo in versione uncut!
MEMORABILE: "La vagina dentata"; Lo spogliarello della De Selle; Il morso sul collo del "tedesco" Pierangelo Pozzato.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Homesick • 20/06/10 08:41
    Capo scrivano - 1379 interventi
    Dal 22 settembre in dvd per Cecchi Gori.
  • Homevideo Undying • 20/06/10 20:57
    Scrivano - 7630 interventi
    Finalmente.
    Speriamo in una versione decente...
  • Homevideo Rebis • 14/10/13 20:18
    Comunicazione esterna - 4283 interventi
    Purtroppo il dvd Cinekult, nonostante gli strilli di copertina, è macellato dai tagli (15 minuti ca), e in questo caso non è stato posto rimedio come fu per Rats e Killing Birds. Decurtate, guarda caso, tutte le scene splatter e di sesso, ma non solo: a tratti non si capisce proprio cosa stia succedendo e perché i personaggi reagiscano così (tipo nella scena dell'evirazione). Peccato perchè la qualità audio/video è piuttosto buona.
  • Homevideo Buiomega71 • 14/10/13 20:37
    Pianificazione e progetti - 21903 interventi
    Rebis ebbe a dire:
    Purtroppo il dvd Cinekult, nonostante gli strilli di copertina, è macellato dai tagli (15 minuti ca), e in questo caso non è stato posto rimedio come fu per Rats e Killing Birds. Decurtate, guarda caso, tutte le scene splatter e di sesso, ma non solo: a tratti non si capisce proprio cosa stia succedendo e perché i personaggi reagiscano così (tipo nella scena dell'evirazione). Peccato perchè la qualità audio/video è piuttosto buona.

    Ah, bella fregatura! Io ho la vhs della Videogram/Titanus
    Ultima modifica: 14/10/13 20:53 da Buiomega71
  • Homevideo Mco • 14/10/13 22:55
    Scrivano - 9683 interventi
    Grazie Rebis, preziosa la tua segnalazione!
    Era tra i papabili di un ordine a breve.
    Ma, a questo punto, lo depenno dalla lista.
  • Homevideo Buiomega71 • 15/10/13 19:42
    Pianificazione e progetti - 21903 interventi
    Rebis ha ragione da vendere (e non dubitavo)

    Leggere la "recensione cliente" su Amazon:

    http://www.amazon.it/Blade-Violent-Franca-Stoppi/dp/B00423BFBO/ref=sr_1_1?s=dvd&ie=UTF8&qid=1381858871&sr=1-1&keywords=blade+violent

    Mi tengo ancora stretta la mia vhs Titanus

    Ma non sarebbe un pò truffaldino scrivere nel retro cover del dvd : "Un cult dell'eccesso in versione rigorosamente integrale"?

    No, per dire...
    Ultima modifica: 15/10/13 19:45 da Buiomega71
  • Homevideo Rebis • 15/10/13 20:32
    Comunicazione esterna - 4283 interventi
    Ho idea che come era successo con altre edizioni cinekult "fallate" si è trattato di un errore in fase di stampa: hanno scambiato le due versioni, almeno così si disse all'epoca sul forum di nocturno...
  • Discussione B. Legnani • 18/12/15 14:35
    Consigliere - 13810 interventi
    E' mancato Carlo De Mejo, figlio di Alida Valli.
    fonte.: pagina fb di Roberto Poppi.
  • Discussione Buiomega71 • 18/12/15 14:49
    Pianificazione e progetti - 21903 interventi
    Spiace, faceva capolino spesso negli incubi fulciani

    Lo ricordo con simpatia come improbabile prete investigatore nel cultissimo matteiano L'altro Inferno
  • Homevideo Mco • 22/01/18 18:09
    Scrivano - 9683 interventi
    Blade Violent: versione TV e versione integrale.

    Chi ha avuto occasione di visionare la vulgata di Cielo Tv avrà potuto notare qualche frame troncato, dialoghi interrotti e scene bruscamenbte tagliate.
    Rispetto alla versione integrale mancano alla conta quasi tredici minuti (70 contro gli 83 circa).
    Qui intendo dar conto di quelli che sono i momenti principali decurtati in televisione.
    Si parte con un dialogo tra prigioniere a tavola, intorno al minuto 8, depurato della frase "ti stacco i capezzoli a morsi". Ok, non è grave ma peggio è non vedere la sessione lesbo (nulla di che ma comunque godibile) in zona docce, con seni in vista, oltre ad una rima pudendi very hairy...Qui mancano quasi tre minuti.
    Si passa al minuto 25 circa, con il litigio tra Laura Gemser e Ursula Flores, culminato con una coltellata della indolandese, esangue in tv, rossissima nel cut originale.
    Dopo, intorno alla mezz'oretta, il mitico Pozzato dà il meglio di sé con un morso al collo di una malcapitata aguzzina, che anche qui risulta tagliato da una parte, sanguinoso dall'altra.
    Soprassedendo su altri "taglietti" su dialoghi e sull'accorciamento della scena in cella tra Tinti e Gemser, il clou resta "la vagina dentata". Una prigioniera si fa possedere da Pozzato dopo essersi inserita una lametta proprio lì. Si vede poco o nulla in tv, mentre nell'integrale si può seguire l'intero supplizio dell'uomo, successivamente seviziato anche da altre donne (da dietro le sbarre, sic) prima di cadere in una pozza di rosso davanti a Tinti & co.
    Last but not least, nel finale, la roulette russa culmina con il cervello della Flores che esplode in faccia a Tinti, quid che difetta nella versione di Cielo, dove si sente soltanto lo sparo, seguito poi dal primo piano del pianto della Gemser.
    Buona visione. ;-)
    Ultima modifica: 22/01/18 18:10 da Mco