Lo trovi su

LE LOCATIONLE LOCATION

TITOLO INSERITO IL GIORNO 10/07/21 DAL BENEMERITO 124C
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Rambo90 22/07/21 01:44 - 7064 commenti

I gusti di Rambo90

Un buon capitolo della saga Marvel, anche se stranamente incentrato su un personaggio che ha ormai esaurito il suo ciclo narrativo. Il film diverte quanto basta e rivela qualcosina in più sul passato della Romanoff, che la protagonista interpreta ancora con convinzione donandole molte più sfumature di quanto le fosse consentito in passato. Ottimi gli interventi umoristici di Harbour così come il villain di Winstone, mentre le scene action risultano un po' già viste. Un intrattenimento ben confezionato.

124c 10/07/21 10:57 - 2832 commenti

I gusti di 124c

Parte come se fosse un dramma di spionaggio, con momenti tesi e intimisti alla Nikita e Red Sparrow; si sofferma sullo splendido rapporto di sorellanza fra la Natasha della Johansson e la Yelena della Pugh per poi infine esplodere col simpatico Red Guardian di Harbour (un Capitan America sovietico alla Zangief di "Street Fighter"), che trasforma il tutto in una riuscita riunione di Bond girl, vecchie e nuove (anche grazie alla presenza della Melina della Weisz). Ancora cattivi poco incisivi, come in altri film Marvel, ma è poca cosa, se le protagoniste "spaccano" lo stesso. Promosso.
MEMORABILE: Yelena che sfotte Natasha per le sue pose d'azione; I riferimenti a Moonraker, il Bond spaziale di Roger Moore; I titoli di testa; Scena post-credit.

Teopanda 10/07/21 22:24 - 89 commenti

I gusti di Teopanda

Finalmente uno stand-alone anche per la Johansson e la “sua” Vedova Nera. Estrapolandolo dal suo contesto, il film è buono, con ottime interpretazioni delle due protagoniste (Johansson e  Pugh), eccellenti personaggi secondari, meravigliosi effetti speciali e una trama solida (priva però di colpi di scena). Il vero problema è che non si scopre molto sulle origini dell’eroina (e il poco viene accennato e non approfondito) ottenendo un leggero sapore di dramma “familiare”. Inoltre viene aggiunto poco a quello che sará il proseguimento delle vicende dell’universo Marvel.
MEMORABILE: La “famiglia”si ritrova; L’introduzione con la cover di “Smells Like Teen Spirits” in sottofondo.

Daniela 12/07/21 00:56 - 11446 commenti

I gusti di Daniela

Nell'ambito dei film Marvel, un'opera di media qualità in quanto la regia confusa delle scene d'azione è bilanciata dall'impegno degli interpreti e dai buoni effetti speciali. Vien però da dubitare della necessità di questa chiosa su un personaggio il cui ciclo narrativo si è già concluso, dato che le sue origini non vengono particolarmente approfondite e le vicende spionistiche in cui è coinvolta la "famiglia" di Natasha Romanoff risultano piuttosto avulse dal resto, a parte qualche accenno sparso ai contrasti all'interno degli Avengers. Film non sgradevole ma prescindibile.
MEMORABILE: Il maiale tele-comandato.

MAOraNza 30/07/21 14:03 - 214 commenti

I gusti di MAOraNza

Mah, forse arriva troppo tardi rispetto ai primi ventidue film del ciclo Marvel CInematic Universe che si è dipanato per undici anni. La sensazione è che Black Widow sia fuori tempo massimo. Il personaggio ha esaurito il suo ciclo narrativo anche se, malgrado tutto, è quello del quale sappiamo meno. Black Widow è comunque un film discreto ad alto budget, con qualche picco di noia nel mezzo ma che tutto sommato si lascia guardare. Ah, Scarlett, quanto tempo è passato da quella scena iniziale di Avengers nella quale in tubino e calze nere legnavi i cattivoni di turno... Ci mancherai.
MEMORABILE: Red Guardian e l'invidia per Captain America.

Maxx g 30/07/21 21:25 - 537 commenti

I gusti di Maxx g

I film sui supereroi hanno essenzialmente un grande difetto: la confusione. Forse gli appassionati conosceranno le vicende a memoria (oltre alla genesi del personaggio stesso), ma esiste anche una parte di spettatori che vede le pellicole per puro divertimento faticando, come è logica, a trovare i fili del discorso principale. Ne è un fulgido esempio questo "Black Widow" che, oltre alla sua durata piuttosto lunga (2h e 14', ma ormai siamo abituati), stanca per la ripetitività delle situazioni (la lotta non manca mai) e per la trama intricata. Si può perdere.

Capannelle 29/08/21 16:51 - 4043 commenti

I gusti di Capannelle

E' il film, decisamente avulso dalla saga degli Avenger, che segna il passaggio di consegne tra Natasha e la sorella Yelena. Sotto i titoli di testa scorrono immagini abbastanza forti che contestualizzano il prologo della vicenda, poi si ha una prima parte che prende molto dalle avventure bondiane offrendo però poco di originale. Nella parte centrale avremo da divertirci con alcuni racconti della diciamo famiglia ritrovata ma anche momenti di noia perché l'action che segue appare prevedibile. Attori in parte, ironia presente ma non devastante, insomma un film prescindibile.

Thedude94 7/10/21 00:20 - 841 commenti

I gusti di Thedude94

Film dedicato alla vedova nera degli Avengers, che parte in maniera molto interessante tra spionaggio e forte realismo ma che cade in una spirale di noia e perdizione già dalla metà, concludendosi in maniera prevedibile e priva di grandi scene. Al di là del solito contributo buono degli effetti speciali e di alcune discrete scene d'azione, non c'è molto da aggiungere a un personaggio amato fino a un certo punto e che fa della sua unica potenza cinematografica l'essere interpretato dalla Johansson, anche se qui appare quasi stanca e scocciata. Davvero sprecato il resto del cast.

Puppigallo 12/10/21 16:31 - 4858 commenti

I gusti di Puppigallo

Davvero niente di che questo approfondimento dell'eroina forse più umana, seppur con un passato di indotttrinamento, degli Avengers. La sceneggiatura è poca cosa e si ha la netta sensazione che si tratti di un episodio piuttosto forzato ideato sfruttando la certa popolarità della protagonista. Anche la "famiglia" non colpisce più di tanto, compreso il padre, orso dal cuore tenero. L' azione non manca, nonostante ci siano parecchi scambi verbali per chiarire episodi del passato; e le scene sono girate con una certa cura, ma il tutto non va comunque al di là del vedibile.
MEMORABILE: Il pupazzetto del padre con sorpresa; Lo scontro in volo.

Galbo 23/10/21 18:43 - 11852 commenti

I gusti di Galbo

Godibile “Marvel movie“, più spionistico nella prima parte (stile Winter soldier), più “fracassone action“ nella seconda, esplora il personaggio della Vedova Nera con un buon bilanciamento tra azione e umorismo e una sufficiente caratterizzazione dei personaggi. Ormai una veterana del genere, la Johansson è perfettamente calata nel ruolo ma in generale il casting è azzeccato per tutti i personaggi, con una menzione particolare David Harbour. Buoni gli effetti speciali. Peccato per la disastrosa cover dei Nirvana nei titoli di testa.

POTRESTI TROVARE INTERESSANTI ANCHE...

Reeves 30/10/21 10:34 - 1018 commenti

I gusti di Reeves

Mediocrissimo tentativo di rinvigorire una storia e dei personaggi già mediocri per conto loro puntando su una sottotrama spionistica e su scene d'azione che si moltiplicano senza un perché. I film di supereroi sono notoriamente fracassoni, questo lo è in modo più inutile della media. Scarlet Johansson cerca di primeggiare tra tante bellezze ma sembra di plastica pure lei. Insopportabile.

Michdasv 22/01/22 09:08 - 85 commenti

I gusti di Michdasv

Simpatico, e multistrato. C’è un livello banale, che è botte, inseguimenti, esplosioni, buoni/cattivi, liberare le donne. Poi c’è un livello “per fan” ironia che solo gli esperti di Marvel godranno (cattivo imita le mosse degli Avengers, la critica di Yelena alla “posa” che si scoprirà utile ecc). Poi c’è il livello ironia su Scarlett come “avenger ornamentale" (“come sarebbe, quelli grossi!?”) e sex symbol. Poi c’è l’ironia sulla retorica sciocca di Cap. Russia, che getta nuova luce sulla retorica (altrettanto sciocca?) di cap. America. Poi il tema della famiglia e dei ricordi.
MEMORABILE: “Trasforma anche Natasha in una delle tue porcelle”; “Non ti offendere ma non sei stato sufficiente, devo finire da sola…”; La "posa" finale.

Piero68 7/04/22 13:30 - 2866 commenti

I gusti di Piero68

Pietoso tentativo di creare l'ennesimo spin-off alla saga degli Avengers. Ma la sceneggiatura latita, le scene action sono ripetitive e noiose e l'assenza di un vero super-eroe con super-poteri alla fine pesa molto. In alcuni frangenti sembra di vedere non un film Marvel ma un qualsiasi episodio della saga di Mission: Impossible. Misero il tentativo di fare della retrospettiva sull'eroina e sulla (falsa) di lei famiglia e cattivo davvero risibile. Insomma, tra tutti i peggiori film Marvel. Manca persino quel quid nell'impatto visivo.

Gordon 24/04/22 13:26 - 235 commenti

I gusti di Gordon

Gli ingredienti per un ottimo film ci sarebbero tutti: una colonna portante come la Johansson nel ruolo di protagonista, il ritorno sul grande schermo di un eroe Marvel e una storia concitata, che non tralascia però la dimensione familiare. Tuttavia la pellicola sconta alcuni limiti, oltre a quelli dello sciovinismo americano. Tacendo degli effetti speciali talvolta deludenti: alcune scene d'azione, infatti, paiono avulse e pochi sono i rimandi, utili ai non esperti, alla storia pregressa. Peccato.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione 124c • 11/08/21 09:56
    Comunicazione esterna - 5176 interventi
    Hanno postato, su you tube, un finale alternativo ambientato in Ohio nel 2016:

    https://www.youtube.com/watch?v=K0IkaM_xPvw

    ...e intanto l'attrice, che è anche produttrice esecutiva  della pellicola, ha fatto causa alla Disney per aver presentato il film sia al cinema che su Disney +, quando gli accordi contrattuali erano di farlo uscire solo in sala..
  • Homevideo 124c • 26/08/21 13:53
    Comunicazione esterna - 5176 interventi
    DVD e  Blue-Ray del film, disponibili dal 14 settembre.
  • Discussione 124c • 1/10/21 12:43
    Comunicazione esterna - 5176 interventi
    La diatriba estiva Disney/Johansson sembra aver avuto una fine. Le parti, infatti, sembrano aver trovato un accordo e la Disney pagherà all'attrice 40 milioni di $, o forse più, che l'attrice per metà donerà al 9913 per la fabbricazione di mascherine monouso.
  • Musiche Michdasv • 22/01/22 09:10
    Galoppino - 215 interventi
    La canzone che la piccola Yelena canta spensieratamente assieme al suo papà (su cassetta a nastro… !) in Ohio, è “American Pie” nella versione originale di Don McLean (1971).
    Chi non conosce l’inglese percepirà solo una ben nota melodia e un ritornello ultra famoso. E si potrebbe credere che l'abbiano scelta solo perché in un verso si parla del dolore di una vedova, "Widow". Ma come diceva Quintiliano, bisogna sempre diffidare della Lectio Facilior, che spesso nasconde messaggi più profondi.
    Chi conosce l’inglese, invece, potrà cogliere (a seconda dell’età e della sensibilità) una serie multistrato di messaggi. “Bye bye miss American Pie” significa rinunciare (temporaneamente o per sempre) sia al Sogno Americano, sia alla serena innocenza dell’infanzia, In pratica i personaggi dicono addio alla perfetta “famiglia felice nell’Ohio”.
    E pur tuttavia è anche una canzone sul ricordare un tempo (lontano) in cui ciascuno poteva far sorridere gli altri e renderli felici (concetto che tornerà utile più avanti nel film).
     La canzone piaceva al padre anche per i numerosi accenni a cantanti e musicisti che criticarono il sistema di vita statunitense, tra cui il rarissimo accenno a Marx (forse un unicum nella musica leggiera americana) il cui nome poi comparirà spesso nei tatuaggi e nei discorsi del Red Guardian.
    E "una generazione perduta nello Spazio" significa forse di più di quel che sembrava nel 1971, se si vede questo film per intero
    Ultima modifica: 22/01/22 09:51 da Michdasv
  • Musiche Michdasv • 22/01/22 09:11
    Galoppino - 215 interventi
    La canzone dei titoli di testa è una cover femminile molto rallentata e molto addolcita della famosa “Smells Like Teen Spirit” dei Nirvana (1991) che nell’originale era molto cadenzata, con un ritmo molto aggressivo, basso potente e la voce nervosa di Kurt Cobain. Quella – l’originale – avrebbe ben figurato in un classico Marvel con supereroi maschili.
    Invece la cover eseguita per il film del 2021 dai Think Up Anger (featuring Malia J.) affida alla voce della giovane cantante hawaiana il difficile compito (come nel prologo dell’antico teatro greco) di preavvisare il pubblico che non sta per vedere il “solito” film Marvel con supereroi chiassosi e testosteronici, ma una tematica completamente diversa: la silenziosa ed inosservata formazione e diffusione di una rete di spie – femminili, ovviamente – che senza dare nell’occhio possono scatenare insurrezioni, colpi di stato, guerre e omicidi.
     Nota: ciononostante, anche in questo film il pubblico vedrà molte scene di lotta, inseguimento, esplosioni eccetera, ma agite in un contesto spionistico, che – non a caso – attinge spesso ai film di 007 sulla Guerra Fredda, più che al solito repertorio Marvel.
  • Discussione Michdasv • 23/01/22 12:59
    Galoppino - 215 interventi
    L'attrice-bambina che interpreta il ruolo di Natasha ripetutamente definita "undicenne" (in Ohio nell'anno 1995) è Ever Anderson, nata nel 2007 (quindi: 13-14enne), e l'impressione di averla già vista deriva dal fatto che è figlia dell'attrice Milla Jovovich (alla quale assomiglia tantissimo) e del regista Paul W. S. Anderson.
    E siccome la Jovovich era nata in Ucraina a Kiev da madre russa e padre serbo, è probabile che la figlia Ever conosca veramente la lingua russa abbastanza da pronunciare con consapevolezza (e non a pappagallo) frasi e interiezioni in russo, sia in Ohio sia a Cuba (nota - la scena ambientata a Cuba in realtà è stata girata alle Barbados per ovvie ragioni di geopolitica)
      
  • Discussione Michdasv • 23/01/22 13:06
    Galoppino - 215 interventi
    Se uno dei temi è la famiglia e i ricordi, e se uno dei pochi momenti memorabili per le bambine  è costituito dalle fotografie scattate il giorno di Natale,
    questo potrebbe essere sufficiente a censire anche questo film nel sotto genere "film natalizi" ?
    pro: bambini, famiglia, perdonare, fotografie, albero, regali, neve (tanta neve), uno strano anziano con una lunga barba e un costume bianco e rosso (e comunque già in le Cinque Leggende santa Claus aveva tatuaggi e accento russo...)
    contro: beh, niente, anzi: questo film è direttamente collegato alla serie tv Hawkeye, che è deliberatamente realizzata come una serie natalizia in ogni singolo episodio.
  • Discussione Von Leppe • 13/03/22 22:11
    Call center Davinotti - 1007 interventi
    E' mancato William Hurt
  • Discussione Buiomega71 • 13/03/22 23:04
    Pianificazione e progetti - 23910 interventi
    "La vita è come la scala di un pollaio, corta e piena di merda"

    Addio William
  • Discussione Caesars • 14/03/22 10:35
    Scrivano - 15391 interventi
    Von Leppe ebbe a dire:
    E' mancato William Hurt
    Accidenti. Spiace molto. Era ancora giovane...