Betty

Media utenti
Titolo originale: Betty
Anno: 1992
Genere: drammatico (colore)
Note: Tratto dal romanzo omonimo di Georges Simenon.
Numero commenti presenti: 3

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 10/09/09 DAL BENEMERITO REBIS
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Rebis 10/09/09 18:00 - 2088 commenti

I gusti di Rebis

Catturato dalle maglie di una narrazione stratificata, labirintica e complessa – che piuttosto che ricostruire il passato definisce il futuro – il compiaciuto autodistruggersi di Betty si fa espressione di una sorta di vampirismo esistenziale che non contempla alcuna forma di pietismo, giacché il dolore non rende innocenti… Il pessimismo di Chabrol – a tratti estenuante – riesce comunque a condurre al fondo del (faticoso) racconto e trova due perfette complici (nonché màrtiri) in Marie Trintignant e Stéphane Audran, imprevedibili e permeabili nei reciproci ruoli di preda e aguzzino. Assetato.

Cotola 21/11/13 00:46 - 7458 commenti

I gusti di Cotola

L'aspetto più interessante del film è sicuramente il modo complesso (e a tratti difficile da seguire e capire fino in fondo) in cui viene narrata la storia. Che Betty sia portatrice di sventura lo si capisce ben presto, ma intrigante è il modo in cui Chabrol ci svela la sua storia. Il finale non è una sorpresa, ma il risultato è comunque abbastanza buono. Ottime le due protagoniste. Discreto ma, forse, manca qualcosa per renderlo un bel film.

Daniela 19/06/19 17:49 - 9220 commenti

I gusti di Daniela

Betty è una giovane donna che annega nell'alcool spinta dai propri impulsi distruttivi oppure un vampiro che succhia le ragioni per vivere ad un'altra donna più matura, gentile ed incauta? In questa ambiguità risiede il fascino del romanzo di Simenon per Chabrol fatica a replicare sullo schermo non per demerito delle attrici, entrambe brave ed aderenti ai rispettivi ruoli, ma per una messa in scena poco ispirata, a tratti piattamente illustrativa, soprattutto nei numerosi flashback. Non un brutto film ma fa rimpiangere il primo incontro fra il regista ed l'autore, più insinuante e suggestivo.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Gestarsh99 • 14/12/11 01:03
    Scrivano - 14071 interventi
    Nuovamente disponibile in edizione dvd dall'08/02/2012 per PFA/Sony Pictures: