Beffe, licenzie et amori del Decamerone segreto

Media utenti
Anno: 1973
Genere: commedia (colore)
Note: Aka "Beffe licenze et amori del Decamerone segreto". La Revisione Ministeriale del 02/02/2007 ha abbassato il DIVIETO Dai 18 AI 14 Anni. "Segnalazioni Cinematografiche" ne fece una critica feroce e poco pertinente, orientata sul presunto oltraggio ad istituzioni e persone sacre.
Numero commenti presenti: 8

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 15/08/07 DAL BENEMERITO UNDYING
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Undying 15/08/07 16:08 - 3839 commenti

I gusti di Undying

Caratterizzato da un gineceo piuttosto folto ed interessante (Malisa Longo, Orchidea de Santis, Patrizia Viotti) congiunge le novelle (derivate da Giovanni Boccaccio) mediante il "collante" cantastorie Cecco Angiolieri (Dado Crostarosa) in grado di possedere, con l'astuzia, un nutrito numero di donzelle, siano esse coniugate, monache o fidanzate. Singolare (ed unico lavoro per il regista) per la buona messa in scena che utilizza una delle presenze fisse della successiva commedia sexy (Giacomo Rizzo) nel ruolo del "becco" Camillo... Nomade.

B. Legnani 23/12/08 22:26 - 4778 commenti

I gusti di B. Legnani

Insalvabile decamerotico, a causa di una sceneggiatura senza idee, che gioca solo su doppi sensi, sul protagonista (l'Angiolieri!) e sulla bellezza della Longo e della Bianchi. Non è mal recitato (sorprendente, come rilevò Pulici nel bellissimo dossier di "Nocturno" sul genere, la spesso inespressiva Patrizia Viotti), ma la debolezza di base (più che di regìa) nuoce agli interpreti con i ruoli maggiori, Dado Crostarosa e la De Santis. Esterni a San Gimignano. Vistosa la Mancini (suora, come ne La bella Antonia... e altrove), con battute e primi piani.

Homesick 22/04/13 08:12 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Novelle d’impostazione boccaccesca con protagonista niente meno del poeta Cecco Angiolieri (un baldanzoso e godereccio Dado Crostarosa) che saltella da un’alcova all’altra sfruttando le sue doti affabulatorie e illusionistiche. La comicità da barzelletta scollacciata di rado riesce nell’effetto richiesto, ed è comunque poca cosa rispetto agli eleganti nudi della De Sanctis, della Bianchi e della glaucopide Longo, qui giovane madre badessa ritrovatasi in un lupanare mascherato da convento… La Viotti, sin troppo compìta, finisce con l’eclissarsi.
MEMORABILE: I singhiozzi gracidanti di Rinaldi dopo aver inghiottito viva una rana per sviluppare l’ispirazione poetica; «Che allocco, questo finocchio!».

Panza 25/12/13 18:21 - 1502 commenti

I gusti di Panza

Uno dei peggiori film comici che abbia mai visto. Un'ora e mezza che paiono tre. L'impostazione è quasi episodica ma in ciascuno dei segmenti si fa ricorso al travestismo e alla stessa situazione iterata fino al parossismo con battute straviste raccolte alla carlona. Tutta la parte con il protagonista che cornifica il suo amico è quanto di più scontato e banale abbia mai visto da un film. La figura di Cecco, quasi un Lupin III ante litteram, risulta invece irritante e fastidiosa. Posso salvare solo i nudi genuini profusi in maniera generosa.

Darkknight 31/01/16 10:54 - 353 commenti

I gusti di Darkknight

Crostarosa (malgrado non c'entri nulla col vero Cecco Angiolieri) ha la faccia da schiaffi giusta per il ruolo. Idem dicasi per il "fessacchiotto" Rizzo. Peccato non vengano sfruttati in una trama migliore. L'inizio, con la suora umiliata, è francamente ripugnante. Il finale è frettolosamente ridicolo (come se si fossero accorti di colpo d'aver finito la pellicola). Nel mezzo... beh, tutto il resto è noia (a parte per la bellezza della Longo e della Viotti).
MEMORABILE: "La vita è breve e la donna, sia monaca o pu***na, sempre goderla con amor si deve".

Alexpi94 10/09/18 18:52 - 186 commenti

I gusti di Alexpi94

Decamerotico abbastanza povero e dalla trama vuota, incentrato unicamente sulle avventure licenziose (e non) del protagonista (nientemeno che) Cecco Angiolieri (alle prese con badesse, prostitute [da lupanare] e nobildonne). Interpretazioni perlopiù passabili (anche se Crostarosa non funziona affatto come ipotetico Don Giovanni). Ci si può consolare con le splendide protagoniste femminili (in particolare Longo e De Santis), con piacevoli atmosfere medievali (e conventuali) e qualche trovata (in parte) simpatica.
MEMORABILE: Il dito gonfio (poi svuotato, nella versione integrale) della madre badessa; I primi piani sugli occhi della Longo; La badessa al lupanare.

Daidae 9/03/19 16:13 - 2761 commenti

I gusti di Daidae

Filmetto alquanto noioso, con una trama inconsistente e una recitazione mediocre, che strappa giusto qualche risatina nelle scene del marito cornuto Camillo. Per il resto è il classico decamerotico tutto nudi, tradimenti e via dicendo. Non raggiunge certamente la sufficienza e nel novero dei decamerotici non è certo un titolo da annoverare tra i migliori.

Trivex 4/03/20 13:09 - 1505 commenti

I gusti di Trivex

Si salvano la discreta fotografia e qualche scorcio della rappresentazione dei luoghi di quel tempo, il resto proprio no. I dialoghi/monologhi del personaggio protagonista sono assolutamente noiosi e disintegrano le attenzioni che invece meriterebbero altre figure migliori, almeno per quanto riguarda l'aspetto fisico. Davvero difficile non tendere al sonno, di fronte a una pellicola del genere. Ma il rispetto per l'epoca 70s, per gli affascinanti costumi del '300 e per i protagonisti di questo (e di altri) film giustificano il mezzo punto in più.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.