Banditi a Orgosolo

Media utenti
Anno: 1961
Genere: drammatico (bianco e nero)
Cast: Michele Cossu (n.c.), Vittorina Pisano (n.c.), Peppeddu Cuccu (n.c.)
Note: Premio miglior opera prima al Festival di Venezia nel 1961.
Numero commenti presenti: 9
Lo trovi su

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 2/08/10 DAL BENEMERITO NANDO
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Nando 2/08/10 00:56 - 3599 commenti

I gusti di Nando

Ambientato nel secondo dopoguerra, il film narra lo stile di vita arcaico e lontano dalle istituzioni dei pastori dell'entroterra sardo. Una vita fatta di povertà ed indicibili sacrifici per poter sbarcare il lunario. Una narrazione asciutta e priva di fronzoli in cui si raccontano le peripezie di un pastore accusato ingiustamente di aver ucciso un carabiniere che si darà alla macchia negli impervi costoni del nuorese. Valida opera prima.

Saintgifts 3/12/11 10:54 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Sguardi perennemente seri e diffidenti, attenti a tutto ciò che può danneggiare uno status, povero ma onesto e sufficiente a vivere, conquistato a fatica. Duro lavoro anche per uscire da un fatalismo innato e contro il quale, si pensa, non ci sia nulla da fare. La legge vista come una cosa da evitare perché non aiuta, anzi. Ci sono leggi non scritte che bisogna rispettare, per rimanere uomini e farsi, a propria volta, rispettare. Immagini di natura e di uomini che si fondono assieme; tutto è visto seriamente tutto è fatto seriamente. Capolavoro.

Rebis 1/03/12 16:52 - 2164 commenti

I gusti di Rebis

Caccia all'uomo sugli aspri pendii della Barbagia. Con una fotografia pastosa e contrasta che esaspera l'acre imponenza della cornice ambientale, De Seta si affranca dal documentarismo immergendo la Natura in un'aura primeva e arcaica che fa dell'isolazionismo un habitat e una condizione esistenziale. L'innocenza è vittima dell'ignoranza e il banditismo legittimato dalla diffidenza verso i mandatari delle forze governative. La parabola umana trova forza nella concisione inesorabile e fatalista del narrato. Straordinari i due giovani interpreti (veri pastori sardi). Amaro.

Pigro 22/06/13 15:31 - 8628 commenti

I gusti di Pigro

Una sorta di neorealismo antropologico per il debutto di De Seta, che dai suoi due corti dedicati a Orgosolo e Barbagia riprende con encomiabile parsimonia alcuni dettagli di vita quotidiana. La storia del pastore incolpevole ma latitante, in una limpida asciuttezza icastica, assume un’esemplarità socio-politica viscontiana: ma è curioso che il grande documentarista, attento all’aspetto visivo (notevole in un folgorante b/n), ceda su quello sonoro, facendo parlare i sardi in impeccabile dizione italiana e scegliendo una musica da film apolide.

Cotola 14/09/14 13:27 - 8190 commenti

I gusti di Cotola

La prima pellicola di finzione di De Seta è altrettanto "vera" come i suoi documentari passati. Il regista (qui anche montatore, sceneggiatore e direttore della fotografia), sa tessere magistralmente la sua tela attorno a personaggi il cui destino pare già segnato fin dai primi fotogrammi. Questa predestinazione lo rende, in qualche modo, pasoliniano (ed anche la forma a tratti lo è). Il finale è solo una logica conseguenza di quanto accaduto prima. Grande esempio di cinema.

Ryo 11/02/20 22:15 - 2169 commenti

I gusti di Ryo

Un po' documentario e un po' dramma. Dà l'idea di come questo "mondo" modelli le persone che vi abitano e come i costumi e le strutture della cittadina influiscano su di loro. L'uso del bianco e nero nelle scene più scure, le figure incastonate tra le luci della cattedrale e l'imponente presenza di Michele ripreso guardando verso l'alto mentre è incorniciato dalle colline rocciose e dal cielo grigio, danno un senso del dramma intrinseco che sta nella sopravvivenza quotidiana. Sfortunatamente la trama è semplice e prevedibile e il ritmo soporifero.

Zampanò 27/05/20 12:06 - 368 commenti

I gusti di Zampanò

Gli attori non professionisti danno sempre bei punti alle star, qui ne abbiamo la riprova. Nessuna maschera saprebbe replicare il viso arroccato di Michele Cossu, la compunzione, l'arcaica rabbia segreta. Per De Seta fa scuola La terra trema; la scena però è sarda. Oggi può suonare stonato il doppiaggio italiano preferito alla lingua barbaricina, ma i dialoghi sono così essenziali da non stravolgere troppo il contesto. Riprese magnificamente scorciate, in salita, come la vita dei pastori.
MEMORABILE: La funerea distesa delle pecore del gregge, morte di stenti e stanchezza.

Magi94 9/01/21 09:51 - 793 commenti

I gusti di Magi94

Pietra miliare del tardo neorealismo. La sua anima sta tutta nel potentissimo commento iniziale (echi di Carlo Levi): ci sono luoghi e persone totalmente estranee al concetto di stato, che non possono comprendere e che viceversa non può comprenderli, ma solo cercare di ingabbiottare tragicamente le loro vite. Magnifiche atmosfere e una trama da brivido, giocata sia sui conflitti sociali, sia sulla sventura che può precipitare sui pastori da un momento all'altro, condannandoli. Il doppiaggio mostra come non ci sia sempre bisogno del dialetto per fare grande neorealismo.
MEMORABILE: Il finale: "Bandito!".

Deepred89 8/06/20 16:15 - 3458 commenti

I gusti di Deepred89

Un film che intimorisce, specialmente quando sui titoli di testa si staglia un minaccioso "interpretato da pastori sardi". Però, non appena ci si rende conto che tali pastori sono doppiati in un italiano impeccabile (bei tempi...) e che alla regia c'è un professionista in grado di valorizzare alla grande i paesaggi montani sardi, lo spettatore può rilassarsi e godersi le belle immagini e, a sorpresa, pure una serie di volti piuttosto fotogenici. Certo, il soggetto è davvero poca cosa, per quanto il finale giunga non totalmente scontato. 

Vittorio De Seta HA DIRETTO ANCHE...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.