Baarìa

Media utenti
MMJ Davinotti jr

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Baarìa è Bagheria, un antico paese del palermitano che osserviamo crescere dagli anni del fascismo (il centro nevralgico è piazza Madrice con la caratteristica chiesa). Poco importa che sia stato ricostruito interamente nei dintorni di Tunisi in base alle foto dell’epoca, perché l’effetto è di un realismo impressionante, che colpisce e conferma Giuseppe Tornatore ai vertici del più ambizioso cinema italiano. Un kolossal in tutto e per tutto, che sceglie la Bagheria virtuale come sinèddoche di una Sicilia scomparsa ma che è giusto ricordare per cementare la nostra memoria storica. Ed è davvero un peccato che per dar vita ad un affresco tanto grandioso Tornatore non abbia scelto un “vero” sceneggiatore preferendo affidarsi esclusivamente...Leggi tutto a se stesso: perché la piccola storia del comunista Peppino, i suoi rapporti con il ristretto mondo che lo circonda sono chiaramente solo un esile pretesto per mostrare quanto più possibile la vita di un paese siciliano dagli Anni Quaranta ai Sessanta (con una breve puntata pure nella contemporaneità). Fin quando Tornatore lavora sulle meravigliose carrellate che esaltano la magnificenza delle scenografie, fin quando vediamo Bagheria muoversi insieme ai suoi abitanti in scene corali di enorme impatto (la quantità di masse impiegate è impressionante), fin quando il regista apre su inquadrature che sono pura poesia (camera bassa nell’uliveto) il film coglie nel segno, appaga l’occhio e persino commuove. Ma siamo sempre nella prima ora, più o meno, perché poi la storia guadagna spazio e tutto si fa più convenzionale e spento. Non bastano i mille volti celebri persi nella folla a risuscitare un copione scipito, povero di idee e di guizzi in grado di valorizzarlo anche solo in parte, né nulla possono le musiche del maestro Morricone, sempre bravo ma meno ispirato di quanto un’opera simile avrebbe richiesto nonché lontanissimo dai propri vertici. Per trasformare BAARIA nel film memorabile che ambiva ad essere ci voleva altro che una storiellina sfoltita tra i rami sterili di personaggi secondari di nessun rilievo. Anche perché una volta compresi gli evidenti limiti della sceneggiatura, tirare avanti per un’altra ora e mezza diventa non poco faticoso, benché resti alta l’irraggiungibile estetica tornatoriana. Esplorati gli anfratti del paese, ammirato il lavoro enorme operato sulla superficie, ci si aspettava di scendere un minimo in profondità, mentre invece si galleggia sulle onde lunghe di una mediocrità diffusa che finisce con l’indisporre. Di tanto in tanto salta fuori la battuta siciliana tipica che muove al riso, si azzecca la frase giusta, ma sono gocce nell’oceano; i piedi d’argilla su cui si regge BAARIA gli fan fare la fine di Golia, e il finale incartato tra passaggi temporali pretestuosi è la fionda che la critica si ritrova facilmente tra le mani per il colpo di grazia.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO INSERITO IL GIORNO 27/09/09 DAL BENEMERITO STRAFFUORI POI DAVINOTTATO IL GIORNO 18/10/09
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Kelly§òkel 22/10/09 11:24 - 8 commenti

I gusti di Kelly§òkel

Ci sono film che ti conducono facilmente a farti trasportare dalla musica e dalle immagini, e Baaria è sicuramente uno di questi. Probabilmente è il racconto più italiano di Tornatore ma non solo, è anche una storia sentimentale e un atto d'amore per la vera politica.

Cif 14/10/09 13:32 - 272 commenti

I gusti di Cif

Di opere d'arte così se ne fanno solo una in tutta la carriera. Praticamente perfetto, superiore a Novecento di Bertolucci, perché meno didascalico (anche se la battuta su che cos'è il riformismo...) e con minori pretese di narrare un secolo. Evidenti cenni autobiografici (il padre Peppino Tornatore sindacalista CGIL ed il personaggio Peppino Torrenuova - il cui figlio si innamora del cinema). Si sceglie il giusto registro per raccontare una storia nella Storia. Bellissimi fotografia, montaggio e colonna sonora. Tutti i pallini pensabili.
MEMORABILE: Cast clamoroso con tutti i migliori attori siciliani in piccole, ma intense, parti. Resa magistralmente, in immagini e suggestioni, la Sicilia.

Straffuori 27/09/09 21:39 - 175 commenti

I gusti di Straffuori

Notevolissimo lavoro, emozionante, immenso, dalla fotografia unica e curatissima. 2h 35' (all'incirca) che passano piacevolmente e senza mai annoiare o far calare l'attenzione. Eccezionale la coppia protagonista composta dai misconosciuti Francesco Scianna e Margareth Madè. Schiera pressochè infinita di famosi che interpretano comparse e personaggi minori. Musiche del maestro Morricone. Un'emozionante esperienza attraverso quasi un secolo di storia siciliana. Bellissimo e curatissimo.

Gugly 27/09/09 22:07 - 1013 commenti

I gusti di Gugly

Film sontuoso ma fluido che strizza l'occhio a Leone e a Fellini. La storia si dipana a volte un po' veloce e densa di personaggi (Bellucci sette secondi netti) ma non pesante e nemmeno troppo somigliante a Nuovo Cinema Paradiso, anche c'è sempre l'amore per il cinema. Protagonisti bravi e i vari comprimari che ci divertiamo a riconoscere pure. I difetti: troppe scene di massa e troppa musica ridondante di Morricone. E il regista non sapeva come finire. Comunque si fa seguire.
MEMORABILE: Meglio morti che sparlati; accattati i dollari! La frescura dal libeccio.

Giacomovie 12/10/09 01:22 - 1341 commenti

I gusti di Giacomovie

Tornatore mette alla prova il grado di attenzione dello spettatore, che deve seguire ogni fotogramma per non rischiare di perdersi tra i frenetici cambi di scena e di argomento. Il suo lavoro mi è sembrato un onesto modo di fare cinema, almeno dal punto di vista del modo di dirigere. Ma l'eccessivo materiale proposto, anche se curato e ben girato, non permette al film di acquisire una rilevanza emotiva e alla trama di prendere una direzione precisa. Inoltre le idee del regista hanno dovuto fare i conti con le ambizioni commerciali del prodotto. ***

Galbo 4/10/09 07:05 - 11343 commenti

I gusti di Galbo

Tornatore mantiene intatta la propria capacità evocativa, che si esprime al massimo con film che riguardano la Sicilia. L'opera è appagante dal punto di vista visivo, ricca di immagini che restano nella memoria sottolineate dalla buona colonna sonora di Morricone. Alcuni passaggi sembrano un po' pleonastici e anche il finale non pare all'altezza ma nel complesso si tratta di un buon film che diverte e commuove. Efficace la prova di tutto il cast.

Belfagor 11/10/09 13:53 - 2621 commenti

I gusti di Belfagor

Dal regista di Nuovo Cinema Paradiso era lecito aspettarsi molto di più. Lo stile di Tornatore è magniloquente, ma non grandioso. Due ore e mezza di durata sarebbero più che sufficienti a costruire un fil rouge di 50 anni di storia italiana, ma il tutto si riduce ad una giustapposizione superficiale e macchiettistica, che sacrifica l'analisi profonda dei periodi storici per la creazione di qualche scena ad effetto. Buon lavoro da parte del cast principale, ma la maggior parte delle comparse celebri sono sprecate.
MEMORABILE: Le uova rotte, i serpenti neri nella macchina, il "tic" del braccio di Salemme, "Meglio morti che sparlati!".

Cotola 11/10/09 12:39 - 7453 commenti

I gusti di Cotola

Emozionante e coinvolgente viaggio in una Sicilia che non c'è più di cui Tornatore ci racconta usi, costumi, valori e tradizioni attraverso le varie vicende di una famiglia di umili origini. La lunga durata non inficia la scorrevolezza del film che riesce a coinvolgere profondamente la platea e corre via veloce fino al finale. Non tutto funziona alla perfezione: a volte il regista tocca corde emozionali un po' troppo facili [ma si ha l'impressione, forse, che ci sia sincerità e non (troppa) furbizia] ed il finale è un po' inconcluso. Omaggi a Leone e Fellini.
MEMORABILE: Lo scambio tra figurine e pezzi di pellicola.

Schramm 11/10/09 17:09 - 2412 commenti

I gusti di Schramm

Vatti ad accettare caramelle dalla sconosciuta. Poi ricaschi mani e piedi su quel che Tornatore sa fare peggio, cioè - secondo gli arditi del nazional-popolare più becero - meglio: la leccata cartolina, la didascalia, lo stucco cadente, lo spot barilla gonfiato a 150' in olio fiction Mediaset (Medusa, non a caso, foraggia lo scempio). In sostanza, un modo populista, fetente, volgare e villano di fare "cinema". Da oggi esigo che nei multiplex accanto a popcorn e pinte di Pepsi distribuiscano anche lacci emostatici, cucchiai, limoni e siringhe.
MEMORABILE: L'intervallo tra primo e secondo tempo

Ariel 15/10/09 12:30 - 40 commenti

I gusti di Ariel

La protagonista è la Sicilia, raccontata tramite l'evocazione di immagini, odori, colori, visi, espressioni e gesti indelebilmente impressi nell'immaginario e nel subconscio dei siciliani di oggi e di ieri. Il dipinto di una terra aspra e intensa, almeno quanto gli occhi delle sue donne. La struttura narrativa è circolare; e dentro al cerchio la storia di legami intragenerazionali, il racconto di un popolo complesso e irruento. Splendori e miserie di vite umane che in quel Luogo acquistano un sapore peculiare, acre e dolce insieme. Profondo, intenso... vivo!

Rebis 19/10/09 20:44 - 2088 commenti

I gusti di Rebis

Penalizzato da una cornice narrativa ridondante e posticcia che significa meno di quanto pretende, il film di Tornatore rimette mano ad una concezione ormai svanita di cinema popolare fatta di personaggi prototipici, racconti di formazione e saghe familiari nello scenario della storia nazionale: lo fa con una generosità emotiva che persuade e avvince. L'ampia costruzione a mosaico, con gli episodi inanellati in ellissi temporali vertiginose, sviluppa un ritmo alterno e stempera gli apparati faraonici e gli inconvenienti tecnici (il make up e il digitale, ridicoli...). Morricone a suo agio.

TomasMilia 13/11/09 16:41 - 157 commenti

I gusti di TomasMilia

Tronfio, magniloquente, bozzettistico. I primi venti minuti ti farebbero quasi uscire dal cinema tanto è il caos che regna. Poi si riprende, cominci ad associare le facce, a capire chi sono i personaggi e il film è godibilissimo anche per merito del mondo di provincia e delle sue macchiette, da cui Tornatore ha pescato a piene mani. Un bel film per la sua quasi interezza tranne che per l’inizio e la fine (assolutamente incomprensibile, per me). Brutta la fotografia. Grandissima la prova di tutti gli attori.

Estonia 27/11/09 13:10 - 4 commenti

I gusti di Estonia

Operazione artificiosa e macchiettistica. Non c’è traccia di lirismo in una rappresentazione soffocata da scelte narrative superficiali e folcloristiche e nemmeno l’ombra di vero pathos nei risvolti più drammatici. Non c’è realismo in questo prolisso susseguirsi di scenette stereotipate, perché il tono è quello della commedia che ammicca al grande pubblico senza approfondire situazioni e caratteri. Se poi vuole essere una fiaba, è una favola che non incanta, più vicina a un campionario di luoghi comuni che al sogno meraviglioso di un bambino.

Supercruel 9/02/10 16:13 - 498 commenti

I gusti di Supercruel

Sfavillante spot/cartolina che Tornatore gira, peraltro non senza un certo gusto estetico, alla lunga noiosa e stancante. Più che un film pare un grosso collage di episodi tediosi che non comunicano assolutamente nulla, ma visto che mette i soldi Medusa e Peppuccio è sempre Peppuccio, tutti a novanta gradi e ben oliati. Bè, io non ci sto e se tutto andrebbe letto in chiave autobiografica, c'è un consiglio di cuore: Peppuccio caro, proiettalo a natale in casa tua e godine coi tuoi cari, a patto di offrire tanto, tanto caffè.

Skinner 30/01/10 10:24 - 593 commenti

I gusti di Skinner

Imperfetto, disequilibrato, con troppi salti, con quel finale alla peppuccio davvero pessimo e forzato. Ma da promuovere, due ore e mezza che - esclusa l'ultima parte - grazie alla struttura episodica scorrono via senza pesantezza, un ottimo impatto visivo, un racconto più largo che lungo di cui ho apprezzato molto il voler sfuggire alle trappole del racconto epico attraverso toni da commedia amara. Un pessimistico ritratto di una società (baariese, siciliana, italiana) indifferente alla buona politica ma costruita sull'"utile", sul potere e sul denaro.
MEMORABILE: il "suicidio" di Ficarra, Picone che ruba la porta, la visita a gullotta, l'inciucio politico di Frassica.

G.Godardi 1/02/10 17:30 - 950 commenti

I gusti di G.Godardi

La summa di Tornatore, un coacervo di intuizioni tenute insieme dalla falsa pista del film generazionale alla Novecento. Vi scorrono dentro tutti gli amori del regista, specie quelli cinematografici (Fellini, Leone, Rosi, Pasolini, Germi, Bertolucci). Di notevole scrittura registica (bella la cornice che apre e chiude il film), Tornatore sceglie di smembrare il film in un mosaico di microstorie (cioè il contrario di quello che un film del genere richiederebbe), scelta coraggiosa che però alla fine non fa che creare confusione e dispersione. Peccato.

Capannelle 23/02/10 14:50 - 3700 commenti

I gusti di Capannelle

All'inizio un dubbio atroce: ma è un film o un riassunto delle puntate precedenti? Ma sì, slegato e confuso, una collezione di quadretti belli per conto loro ma poco efficaci nell'insieme. Con una ridondanza mai vista di volti, battute e gesti caricaturali, pittoreschi. Un po' meglio l'ultimo quarto di film. Non discuto le qualità tecniche di Tornatore e Morricone, il lavoro certosino di costumisti e coreografi ma anche l'epica necessita di equilibrio. E aggiungo che di coralità, di folclore insistito si può morire. Ditelo a Tornatore. **
MEMORABILE: Frassica, nel ruolo del politico che si lamenta di non essere accusato di corruzione (e quindi di non contare).

Enricottta 8/03/10 12:51 - 507 commenti

I gusti di Enricottta

Secondo le prime critiche (di parte), Baaria doveva fare scorrere fiumi di parole, tutti neologismi, per spiegarne la grandezza. Tanto rumore per nulla? non scherziamo, i capolavori sono altri, ma Tornatore "pesce di cannuccia" non lo sarà mai. Le capacità di imprimere uno stile personale hanno fatto posto, in questo allegorico affresco della Trinacria che c'era, alla più fredda realtà dello showbiz. Riducendo la durata della pellicola, come con Nuovo cinema Paradiso, sarebbe migliorato. Ultimi fotogrammi e sbiadite istantanee della vita restituiscono dignità al film.

Lebowski 21/03/10 14:44 - 81 commenti

I gusti di Lebowski

Un film ambizioso, ma in cui la maestria registica (notevole) non è affiancata da una scrittura all'altezza. Tornatore tocca molti temi, senza approfondirli granchè e c'è la sensazione che gli espedienti narrativi che usa, tipici delle grandi saghe della memoria alla Amarcord o C'era una volta in America, abbiano un po' fatto il loro tempo e risultino stucchevoli. Almeno sul piano visivo, però, c'è da essere soddisfatti. Ottimi i due protagonisti, che recitano con naturalezza e non con lo stile artefatto di molti nostri interpreti attuali.

Nando 28/04/10 00:34 - 3458 commenti

I gusti di Nando

Ennesima storia italiana sulla sofferenza e sul presunto riscatto. Film autobiografico che narra, comunque in maniera mirabile, mezzo secolo di storia. Tornatore, nella sua amata Trinacria anche se girato nel Maghreb, realizza un film ben confezionato, gli scenari incantano per quanta perfezione presente ma alla fine si rimane un po delusi perché il grande cast utilizzato sembra ed è una comparsa e le analisi dei personaggi non vengono realizzate.

Fabbiu 30/04/10 12:55 - 1930 commenti

I gusti di Fabbiu

All'inizio e per una buona parte del film sono rimasto letteralmente estasiato: l'impianto visivo è a dir poco eccezionale, la fotografia e l'impeccabile ricostruzione storica dettagliata in maniera davvero magistrale. Detto questo però, non arriva mai alla giusta profondità, il tutto si mantiene sui pietosi standard della fiction televisiva italiana, con le interpretazioni scontate e i momenti (sentimentali o drammatici) estremamente prevedibili; la musica eccessivamente pomposa finisce con l'infastidire e il finale sfiora il ridicolo.

Homesick 8/08/10 20:29 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

La delicata spontaneità e il pathos sincero di Nuovo Cinema Paradiso - con cui il magniloquente amarcord infantile di "Baarìa" ha un immediato contatto - si attenuano in una dimensione più scolastica ed artefatta, financo retorica, nel passare in rassegna con superficialità da fiction le varie tappe della storia italiana (dal Fascismo alle [dis]illusioni comuniste) e nel riaffermare i cliché di una Sicilia gutturale, primitiva e superstiziosa. La regia è comunque abile nel compattare l'affastellarsi di persone, oggetti, sogni, umori e balzi nel tempo, tenendo senza incertezze per tutti i 150'.
MEMORABILE: Ficarra dal farmacista; la celebrazione cinefila con i frammenti di pellicola; la non vedente nel seggio elettorale.

Rambo90 10/08/10 22:38 - 6317 commenti

I gusti di Rambo90

Il kolossal di Tornatore non mantiene le sue promesse iniziali: la regia è ottima e la ricostruzione della Sicilia d'epoca è accurata, ma manca una vera coesione fra i vari episodi e tra le tante partecipazioni straordinarie di grandi attori italiani, alcuni dei quali sembrano messi lì per caso (Salemme sprecato). Qualche momento di noia alternato ad altri divertenti per un film sicuramente vedibile e a tratti emozionante ma non fondamentale come voleva essere.
MEMORABILE: Frassica politicante.

Enzus79 11/08/10 16:41 - 1756 commenti

I gusti di Enzus79

In Italia basta che si faccia un filmone del genere e subito si grida al capolavoro. Non ritengo che sia tale. In questo caso si suol dire "meglio la cornice del dipinto". Tornatore voleva rifarsi a Fellini? Ha toppato. Non c'è un attore che meritasse più di una semplice comparsa (vedi il fratello di Fiorello).

Onlypippo 29/09/10 10:49 - 38 commenti

I gusti di Onlypippo

Baarìa è un raro esempio di kolossal nostrano: il nuovo film di Tornatore è costato quasi 30 milioni di euro. La pellicola a me ha ricordato Il buono, Il brutto e il cattivo di Sergio Leone non tanto (ovviamente) per la trama ma più che altro per le ambizioni del regista: Baarìa è un'epopea social-popolare che delude in parte le aspettative. Per me la pecca maggiore del film è che è troppo perfetto, talmente perfetto da sembrare finto, studiato a tavolino. Una pellicola senz'anima insomma. Però non è certo da buttare!

Didda23 16/12/10 16:44 - 2282 commenti

I gusti di Didda23

Il film è molto curato dal punto di vista delle immagini, infatti spicca una fotografia strepitosa, ma poi completamente il vuoto, il black-out. La sceneggiatura è inesistente, populista, ruffiana e a tratti veramente insostenibile. Certe scelte sono molto più che prevedibili e sembrano studiate a tavolino per strappare la lacrima facile o un sorriso toccando solo la superficialità della sensibilità umana. Opera presuntuosa ed incompiuta. Avevo molte aspettative, purtroppo quasi tutte disattese. Mediocre.

Paruzzo 23/01/11 09:36 - 140 commenti

I gusti di Paruzzo

Nell'ultimo film di Tornatore sono forti i richiami al suo capolavoro Nuovo Cinema Paradiso ma il risultato, seppur buono, non è all'altezza. Ottima ricostruzione della vita di un paese palermitano, ma il film paga una sceneggiatura non troppo convincente, soprattutto nel finale. Imperdibile la colonna sonora di Morricone, che in certi momenti ha affinità con il tema principale di un suo vecchio lavoro, Allonsanfan.

Vstringer 11/04/11 10:28 - 349 commenti

I gusti di Vstringer

Gli italiani sanno fare i kolossal: così sembrerebbe visto il grandioso lavoro scenografico che dà corpo alle carrellate lente di Tornatore (e la consueta magniloquenza morriconiana, ça va sans dire). Però manca una storia forte e di ampio respiro, visto che il regista punta alla coralità ammucchiando una serie di bozzetti e macchiette su un telaio autobiografico un po' fiacco, con azzardate virate simboliste, mentre la all-stars sudista che compone il cast non sembra adeguatamente sfruttata. Ma in casi come questo l'ambizione è benvenuta.
MEMORABILE: La scena del cappotto.

B. Legnani 14/05/11 21:43 - 4688 commenti

I gusti di B. Legnani

Non riuscito. L'inizio è a quadri, tutti fascinosi (si vede sùbito che Tornatore punta non a lavorare, ma a "capolavorare", il che gli è lecitissimo), ma che lasciano perplessi sul fatto che, nota la durata del film, esso possa continuare così. Quando parte la storia a due, però, le cose si complicano, perché i quadri si fanno più conseguenti l'uno all'altro, ma pure più lunghi e spesso distanti, facendosi così poco convincenti, con momenti che scadono nella barzelletta, come Frassica. Finale poco azzeccato, quasi come se si volesse rinunciare a farne uno vero. Talora piacente: carino ma non bello.**½

Giùan 31/05/11 13:47 - 2927 commenti

I gusti di Giùan

Dopo il riuscitissimo ed inquietante La sconosciuta Tornatore torna ahimè (cinematograficamente parlando si intende) alle origini e agli incoercibili "errori" della sua irrefrenabile sicilianità. L'amarcord Baarìano per carità ci sta (ognuno di noi vorrebbe girare il proprio) ma il film, esteticamente trascinante e ritmicamente ineccepibile, è ridondante come non mai e l'impatto politico emotivo, che si vorrebbe "alto", riesce invece decisamente "povero" e non so quanto volontariamente naif. Comunque un bello spettacolo: quello sì, però Uff!

Pigro 26/11/11 08:52 - 7729 commenti

I gusti di Pigro

Tuffo nella memoria di una Sicilia in falso movimento nella storia, dagli anni 30 agli 80. Con sincera e urgente passione Tornatore ci fa calare in una neoveristica, neolirica e neomitica Bagheria, luogo vero e traslato, attraverso una ricca coralità ben sostenuta da un ampio e partecipe cast. Con una narrazione sontuosa e retorica (con musica fastidiosamente pervasiva), che punta non sul racconto ma sul susseguirsi di brevissime scene, come sketch o aneddoti: frammenti di ricordi personali da ricomporre. Ha un suo fascino, ma è estenuante.

Atticus85 26/11/11 01:52 - 107 commenti

I gusti di Atticus85

Ecco quel che succede a voler imitare i kolossal americani: si fanno delle gran porcherie. Non è la prima volta che Tornatore scivola nel folklore esasperante e nella ricerca della poeticità a tutti i costi; stavolta ad aggravare la situazione ci si mette una sceneggiatura clamorosamente vuota ed un isterismo registico che ottiene in cambio solo indifferenza. Nel mare di insensate macchiette gettate in uno scenario giallastro non c'è il minimo senso di verità. Dimentichiamo Bagheria!

Guru 27/11/11 12:11 - 348 commenti

I gusti di Guru

Caratterizzato dall'alternarsi tra passato e futuro che lo rende tutto sommato interessante e stimolante, Baarìa è un film coraggioso, che ha saputo raccontare la vita di ieri con le angosce di oggi. Gli usi e i costumi di un popolo legato alla propria terra e alle tradizioni e superstizioni mai dimenticate. I passaggi politici e l'affermazione della democrazia risuonano come il sasso scagliato contro il tridente! Alcune interpretazioni sono scivolate via senza lasciare traccia (la Bellucci, Bova...) mentre notevole Lina Sastri.

Cloack 77 8/08/12 14:53 - 547 commenti

I gusti di Cloack 77

Le vicende dei Torrenuova sono bozzetti che non hanno neppure la consistenza della tradizione orale che nascono e muoiono senza condurre né ad un approfondimento psicologico dei personaggi, né tantomeno trascendono verso la storia. È un grande abbraccio innamorato per i vicoli, le strade, le credenze e i personaggi che Tornatore porta per nel cuore. Insomma, Baaria si ferma a Bagheria, non va oltre "l'architettura" e, secondo me, questa è una scelta sbagliata.

Gigi90 20/09/12 23:54 - 16 commenti

I gusti di Gigi90

Secondo me era meglio che il film venisse proiettato solo in Sicilia: molte scene non sono decifrabili da chi abita in altre regioni. Comunque Tornatore ha fatto un grande lavoro di ricerca per ricreare la Bagheria di una volta e ci è riuscito, visto che molte persone anziane a cui ho chiesto il loro parere sulla pellicola si sono "riconosciute" nel film.

Lythops 1/03/13 10:40 - 972 commenti

I gusti di Lythops

Retorico. È un aggettivo che andrebbe copiato e incollato fino ad esaurire il numero dei caratteri a disposizione. Tornatore da un lato ha un talento visionario splendido e indubbiamente sa usare la macchina da presa come pochi, ma altrettanto come pochi riesce ad annoiare. Amare considerazioni su come si possa sprecare una quantità così enorme di denaro. Anche Morricone, che da ottimo artista qual è si è sempre adattato allo spirito dei suoi film, compone musiche spesso di maniera, stanco, a parte due casi. Film di cui si può fare a meno.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Cotola • 7/05/10 20:36
    Consigliere avanzato - 3617 interventi
    Diverse nominations ma solo un David: quello
    assegnato dai giovani.
  • Discussione Capannelle • 10/08/10 10:54
    Scrivano - 2495 interventi
    x Enricotta, una curiosità: ho letto la tua recensione e non mi sembra valere i tre pallini e mezzo che (credo) gli assegni. Mi sbaglio?
    Ultima modifica: 10/08/10 10:55 da Capannelle
  • Discussione Enricottta • 17/08/10 12:13
    Custode notturno - 82 interventi
    Non ti sbagli,Capanelle.io sono stato sempre contrario ai criteri di valutazione attraverso i voti,includendovi soprattutto quelli elettorali e di fede religiosa. Nel mio caso, genuina è sempre la recensione ,scritta sotto impulsi ed emozioni viscerali.P.s Caro Capanelle ,hai mai visto il provino per il film
    "I soliti ignoti" ,che fece il tuo omonimo Carlo Pisacane davanti ad un esigente e severo Mario Monicelli?
  • Discussione Zender • 17/08/10 14:42
    Consigliere - 43515 interventi
    Enricottta ebbe a dire:
    Non ti sbagli,Capanelle.io sono stato sempre contrario ai criteri di valutazione attraverso i voti,includendovi soprattutto quelli elettorali e di fede religiosa.
    Scusa Enricottta, ho capito che sei contrario ai criteri di valutazione attraverso i voti, ma siccome qui i voti li devi mettere non puoi metterli a caso. Per cortesia, pensaci quando li inserisci: non è molto difficile assegnarli in base al commento. Quindi non ho capito: a questo che gli metteresti?
  • Discussione Enricottta • 17/08/10 19:04
    Custode notturno - 82 interventi
    Credo di essere stato frainteso,Zender,le mie valutazioni non sono "ad capocchiam",dico solo che mi adeguo alle regole come da statuto.Tuttavia la mia indecisione sul pallinaggio di"Baaria", non deve essere tema di approfondimento,dal momento che due palle bastano ed avanzano.Al dunque vi prego di accettare la modifica del gradimento.Con profonda stima ti saluto.
  • Discussione Mauro • 26/08/11 09:44
    Disoccupato - 9433 interventi
    Cotola ebbe a dire:
    A mio avviso il finale è un chiaro omaggio al Leone di C'era una volta in America


    Infine anche a me era sembrato di sentire la voce della Maraini sui titoli di coda ma non ne ero sicuro. Confortato dall'orecchio di una spettatrice attenta come la "nostra" Gugly (a proposito un salutone) adesso lo sono.




    La Maraini è citata nei titoli di coda, tra i ringraziamenti
  • Discussione Capannelle • 2/03/13 20:54
    Scrivano - 2495 interventi
    Lythops mi sento di condividere ogni frase del tuo commento.
  • Discussione Lythops • 4/03/13 21:37
    Call center Davinotti - 36 interventi
    Capannelle ebbe a dire:
    Lythops mi sento di condividere ogni frase del tuo commento.

    Grazie:-)
  • Discussione Neapolis • 21/06/13 13:50
    Fotocopista - 2020 interventi
    Tornatore con Il camorrista e Nuovo Cinema Paradiso pareva promettere bene ma poi stranamente si perso con film stucchevoli e leziosi come questo appunto. A questo punto sorgono dubbi sul suo reale talento.
  • Discussione Zender • 21/06/13 17:13
    Consigliere - 43515 interventi
    Mah, in parte sono d'accordo, però un film come La leggenda del pianista sull'oceano, che molti giudicano un perfetto esempio di questa sua stucchevolezza, mi ha colpito non poco, pur con tutti i suoi difetti.