Autómata

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Autómata
Anno: 2014
Genere: fantascienza (colore)
Numero commenti presenti: 12
Papiro: cartaceo

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO INSERITO IL GIORNO 24/10/14 DAL BENEMERITO DANIELA POI DAVINOTTATO IL GIORNO 10/11/15
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Daniela 24/10/14 08:35 - 9091 commenti

I gusti di Daniela

Futuro prossimo tecno-cencioso, con gli umani superstiti che vivacchiano grazie al lavoro svolto da automi vagamente antropomorfi... Quello dell'intelligenza artificiale è tema sempre affascinante, ma il film, pur dignitoso nella sua impostazione asimoviana, risulta povero di idee, riciclato nella messa in scena, fiacco nei dialoghi, poco felice nel casting: se i "cattivi" sono di routine, Griffith ha il volto paralizzato dal botox e Banderas inflaziona troppo in tv con i suoi biscottini per essere ora preso sul serio come tormentato post-apocalittico.

Puppigallo 2/03/15 11:15 - 4485 commenti

I gusti di Puppigallo

L’influenza di pellicole come Blade Runner e Io, robot è evidente, quindi questo fantaprodotto non può essere considerato particolarmente originale. Ma nonostante questo, si è al cospetto di un robotmovie che, pur non facendo del ritmo il suo punto di forza, riesce a presentare una propria idea, sviluppandola e dandole l’unica direzione possibile, visto che si parla di macchine che passano a un altro livello. Nel complesso non è male, grazie anche alle interpretazioni, se non altro professionali, degli umani (ai robot basta già la presenza), compresa quella del protagonista.
MEMORABILE: Autoriparazione e coscienza (percorso evolutivo e secondo protocollo); I babykiller; "Solo una macchina? E' come dire che tu sei solo una scimmia".

Lattepiù 15/03/15 14:46 - 208 commenti

I gusti di Lattepiù

Il bravo Ibáñez ibrida Asimov e postapocalittico trovando una sua identità ben precisa. Fantascienza con idee e anima e un uso degli effetti speciali che, vivaddio, punta sulla qualità e non sulla quantità. Opera pregna di un’atmosfera di struggente malinconia che davvero sa suggerire la fine di un’era e l’avvento di una nuova alba. Al netto di qualche difettuccio veniale, un film che ogni vero appassionato di sci-fi non può che supportare. I produttori di Io, robot dovrebbero vederlo in ginocchio sui ceci.
MEMORABILE: La malinconica cyber-prostituta Cleo e il suo progressivo spogliarsi di tutti gli orpelli “umanizzanti”. Vero cyberpunk.

Capannelle 18/03/15 23:59 - 3689 commenti

I gusti di Capannelle

Assolutamente non male come film, anzi buono fino agli ultimi 20/30 minuti. La storia si basa su assunti conosciuti ma trova ugualmente una sua caratterizzazione ben riuscita. Gli attori non entusiasmano ma fanno il loro e Ibáñezriesce appunto a dare sufficiente personalità al girato, concedendosi anche delle magnifiche inquadrature come quelle dei robot in mezzo al deser to.

Galbo 12/07/15 20:55 - 11310 commenti

I gusti di Galbo

Se si cerca l'originalità, meglio evitare la visione di questo film spagnolo in cui la fantascienza è un continuo rimando ad opere letterarie e cinematografiche precedenti, una per tutte Blade runner. Bisogna però ammettere che si tratta di una pellicola ben realizzata, con un notevole gusto visivo e una suddivisione alla lunga funzionale tra una parte iniziale più di genere e una seconda parte maggiormente "esistenzialistica". I limiti sono una sceneggiatura abbastanza povera e un interprete principale che si impegna ma pare poco adatto.

Piero68 10/07/15 08:39 - 2750 commenti

I gusti di Piero68

Tanto di cappello a questo film e al suo regista. Intanto perché nonostante sia un prodotto spagnolo e con produzione limitata non sfigura affatto al cospetto di simil-prodotti made in Usa. E poi perchè la sceneggiatura, seppur non originale e ispirata chiaramente a due mostri sacri come Asimov e Dick, cattura e appassiona nonostante i tanti tempi morti. E' vero, Banderas è solo il ricordo di un attore (per di più smagrito e calvo è ancora meno credibile) e la Griffith irriconoscibile nel suo botox. Eppure il prodotto mi ha molto colpito.

Myvincent 18/09/15 07:03 - 2501 commenti

I gusti di Myvincent

In un futuro non troppo lontano il mondo è abitato da pochi umani e da robot intelligenti capaci di rendere più confortevole l'esistenza. Ma qualcosa succede e l'aspetto "umano" sembra sovvertito. Una favola cibernetica che vede protagonista un buon Antonio Banderas ricco in espressioni mimiche, mentre irriconoscibile nei suoi primi 10' appare Melanie Griffith, tanto è "mutata". Su tutto aleggia lo spirito di Asimov.

Il ferrini 18/12/16 01:13 - 1647 commenti

I gusti di Il ferrini

Ottima fantascienza; l'atmosfera post-apocalittica, decadente, fornisce la perfetta cornice per una vicenda semplice ma non banale. Ottimo Banderas ma anche gli altri non sfigurano, in particolare Forster (mai così in forma dopo Jackie Brown) e la Griffith, ruolo fugace il suo ma incisivo. I robot (ma anche "le" robot) sono realizzati molto bene e rappresentano di fatto una parte rilevante del cast. Adatte le polverose location bulgare, fotografate con colori fortemente desaturati. Una favola noir.
MEMORABILE: Il suicidio del robot che si dà fuoco; Banderas che insegna a ballare Cleo.

Cotola 13/03/16 22:17 - 7402 commenti

I gusti di Cotola

Onesto ma anche modesto film fantascientifico che saccheggia opere passate sia di celluloide (ad esempio Blade Runner) che di cellulosa (Asimov su tutti). Il risultato non è certo sgradevole, ma se si cercano emozioni forti, idee nuove o una fantascienza più sofisticata, è meglio passare oltre. Se invece ci si accontenta di un film di genere per passare una novantina di minuti, se ne può affrontare la visione. L'elemento più interessante è il robot Clio. Banderas appare inadeguato al ruolo.

Black hole 19/10/16 09:38 - 137 commenti

I gusti di Black hole

Un Banderas insolito in versione "THX 1138" anima un film che ripercorre il filone alla Blade runner; è visibile però il tentativo di dargli un'identità pur ammiccando alle opere maggiori del filone. Alla fine il tutto risulta piacevole e ben realizzato. L'espressività di Cleo è notevole (cosa non semplice da rendere in un robot) e contribuisce a reggere la lunga fuga verso la zona contaminata in cui gli automi intendono "ricrearsi" come vera e propria specie. Il finale forse è un po' troppo prevedibile, ma complessivamente è un film da vedere.

Fabbiu 9/10/17 15:17 - 1925 commenti

I gusti di Fabbiu

Ambientazioni di chiara matrice Blade runner e dai temi fortemente derivati da Asimov; eppure, nonostante trasudi rimandi e ispirazioni tali da far sì che il tutto non lasci sufficientemente il segno, si percepiscono comunque, seppur flebili, alcuni tentativi di originalità nell'affrontare il tema della coscienza nella robotica, alcuni dei quali piuttosto riusciti. Alla fine il film funziona nell'obiettivo di intrattenere un appassionato di fantascienza. C'è anche un bel gusto dell'estetica (specie dei robot cosiddetti "Pilgrim").

Tarabas 6/12/17 09:53 - 1681 commenti

I gusti di Tarabas

Copiare può essere un'arte o un crimine. Nel primo caso è una citazione, nel secondo un plagio. Automata aspira alla summa ma somiglia molto di più a una scopiazzatura. Asimov (e quei "volti" di robot che vengono dalle illustrazioni di McQuarrie), Dick, Scott (e Blade runner), i postatomici. Un certo gusto (derivativo anch'esso) visivo e per le atmosfere si vede, così come il tentativo di non accontentarsi. Poi però si finisce (come spesso accade) con botti & spari e capisci che il tentativo è fallito. Peccato.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Capannelle • 27/03/15 10:12
    Scrivano - 2491 interventi
    Sto promuovendo il film in ufficio ma al nome Banderas mi si rivoltano contro. Direi che la sua prova è potabile anche se come dice Puppigallo è la malinconica cyber-prostituta Cleo la figura più azzeccata del film. Particina minore per una Griffith post-lifting che in effetti non avevo riconosciuto.
  • Discussione Daniela • 27/03/15 12:59
    Consigliere massimo - 5011 interventi
    Capannelle ebbe a dire: Sto promuovendo il film in ufficio ma al nome Banderas mi si rivoltano contro. In effetti è difficile non farsi condizionare... Per lo meno, la sottoscritta non ci è riuscita: nelle scene ambientate nel deserto, invece che impolverato, mi veniva da immaginarlo infarinato :o( Oltretutto, al bombardamento pubblicitario si è aggiunta pure la parodia crozziana, con i suoi Profilatticini senza lattosio da tenere sempre nel portafoglio... Al personaggio di Cleo - che concordo sia il più riuscito - la Griffith ha prestato la voce, molto più convincente che non il volto, deturpato da interventi estetici che l'hanno resa più plasticosa della sua controparte robotica.