LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Come sarebbe stato questo terzo capitolo della saga di Austin Powers? Avrebbe ripreso la via maestra tracciata dal primo indimenticato CONTROSPIONE o sarebbe ricaduto nella confusa baraonda nella quale era affondato il pessimo seguito? Purtroppo è accaduto di peggio: GOLDMEMBER riesce a essere quasi inferiore al suo immediato predecessore, dal quale eredita la virata in direzione di un umorismo volgare e poco creativo. Tornano tutti gli eroi interpretati dal poliedrico Mike Myers, che si moltiplica ulteriormente...Leggi tutto arrivando a invadere con i suoi cloni quasi ogni scena, ma ormai le trovate migliori sono quelle che sfruttano le idee già viste nei due capitoli precedenti, in primis il gioco di ombre “a doppia interpretazione” (comunque qui già molto meno efficace). Consueta parata di comparsate celebri (ma le migliori vengono consumate tutte nel simpatico prologo metacinematografico: Tom Cruise, Gwyneth Paltrow, Kevin Spacey, Danny DeVito e Steven Spielberg) e un Michael Caine costruito nel ruolo scemo di papà Powers. Il bersaglio dei produttori diventa un pubblico di età sempre inferiore, con gag elementari (in gran parte a sfondo sessuale) e una regia (il fido Jay Roach) che prova a movimentare quanto più possibile una sceneggiatura inesistente. Le battute sono tante, ma quelle che centrano il bersaglio non superano il 10%, confermando l'impressione di una saga che mostra già ampi segni di logoramento. Si ride soprattutto per l'espressività e la mimica di Myers, per i suoi balletti scatenati, ma ormai è rimasta solo la ridondanza kitsch degli scenari, mentre per il resto non si respira più la carica fricchettona degli esordi. Il doppiaggio italiano almeno non è ricaduto nell'affollamento di inutili “star”...
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Fabbiu 17/02/07 10:46 - 2003 commenti

I gusti di Fabbiu

Per coerenza con gli altri due titoli, anche in questo l'assistente del protagonista cambia: questa volta è senza dubbio la più bella. L'idiozia che funge da collante con la demenzialità degli altri due titoli viene nuovamente estremizzata, questa volta però forse un tantino di più, e ne esce fuori un bel film ma comunque più impegnato sugli effetti visivi che sulla trama e sul filo logico. Straripante di cammei e nuove trovate (come Ciccio Bastardo che dimagrisce), ma il peggiore della triologia.

Il Gobbo 30/06/07 23:53 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

Sic transit gloria Powers. L'errore tragico sta proprio nell'idea di partenza: Austin è inseparabile dagli anni '60, il decennio successivo non gli appartiene, e così crolla anche la sovrastruttura che se non altro rendeva comunque piacevole il secondo episodio. Certo, Caine è divertente ('nsomma), certo Beyoncè è da infarto, ma insomma il film è una vaccata (irresistibile però la scena del "bozzo"). Poteva finire dopo il prologo zeppo di superstar (c'è anche Quincy Jones, doverosamente trattandosi di 70's)

Lovejoy 14/07/08 15:43 - 1824 commenti

I gusti di Lovejoy

Terzo (e ultimo?) capitolo della saga dell'imbranato agente segreto interpretato da Myers, sempre insopportabile (attore e personaggio). L'inizio, in verità, era ottimo e faceva ben sperare, con vari camei di star hollywoodiane (memorabile Spielberg), ma poi ben presto la vicenda perde d'interesse con una storia ultrascontata, personaggi allo sbando e interpreti ben al di sotto delle loro possibilità. Sprecare un grande come Michael Caine in un ruolo tanto insulso è davvero imperdonabile. È delitto di lesa maesta.

Ammiraglio 12/01/09 10:38 - 150 commenti

I gusti di Ammiraglio

L'ultimo capitolo della saga di Austin Powers è sicuramente il peggiore dei tre, ma nonostante ciò rimane un film assolutamente godibile e ricco della comicità che aveva reso celebre il british spione. Assolutamente imperdibile Myers nella parte del Dr. Evil che si conferma il miglior personaggio (secondo me superiore anche ad Austin stesso).

Scarlett 8/02/09 23:44 - 307 commenti

I gusti di Scarlett

Decisamente peggiore degli altri anche a causa del doppiaggio che, se nel secondo era già pessimo, in questo fa veramente pena: come si fa ad attribuire l'accento napoletano anche al Dr. Male (peraltro, sicuramente il personaggio migliore di tutto il film e meglio caratterizzato)? Comunque, anche nella peggiore delle tre pellicole, una gag molto interessante c'è: quella dei sottotitoli in bianco nascosti dalla scena (che, nemmeno ho bisogno di dirlo, si apprezzano solo in inglese).

Galbo 15/03/09 08:17 - 11574 commenti

I gusti di Galbo

Assolutamente incomprensibile il clamoroso successo commerciale dei film della serie Austin Powers. Anche questo terzo episodio non sfugge alla regola. Dopo un discreto inizio si cade nella solita serie di gag ripetute più volte, raramenti efficaci dal punto di vista comico ed ulteriormente penalizzati da un doppiaggio scadente.

Harrys 7/05/09 22:29 - 683 commenti

I gusti di Harrys

Terzo capitolo della saga di Austin Powers, penalizzato da un doppiaggio nostrano da denuncia. Sarebbe risultato comunque meno riuscito rispetto ai predecessori, per una "mera" questione di gag, poco graffianti. La parte più simpatica del film risulta essere quella dei titoli di testa, davvero spassosi, con il fake-film dedicato ad Austin Powers (cameo di Tom Cruise, Gwineth Paltrow, Kevin Spacey, Danny De Vito e John Travolta). Micheal Myers sembra non crederci molto e la new entry Michael Caine risulta quantomeno impalpabile. **1/2

124c 21/06/10 17:00 - 2799 commenti

I gusti di 124c

Austin Powers incontra suo padre (Micheal Caine) che gli rivela un segreto intuibile fin dal primo episodio. Abbandonati i dialoghi "alla milanese" di Elio e le storie tese e la voce di Massimo Lopez (qui sostituito da Roberto Pedicini), il personaggio di Mike Meyers conclude la sua saga. Un e vissero felici e contenti che, per me, non serve a un granchè. Mal si addicono a Micheal Caine i film demenziali, anche perché questo sembra persino montato male. Ennesima dimostrazione che la comicità di Mike Meyers, in Italia, è intraducibile. Uno.
MEMORABILE: La cantante Beyoncè, qui al suo primo ruolo d'attrice, fa il verso a Tamara Dobson, ovvero a Cleopatra Jones.

Belfagor 15/06/10 11:10 - 2634 commenti

I gusti di Belfagor

Davvero sbagliata l'impostazione di questo terzo capitolo. A Powers gli anni '70 stanno stretti e si vede (anche se Foxxy/Beyoncé è stato un nuovo arrivo assai gradito), ma al di là di questo cambio di decade c'è anche da considerare le gag approssimative, la scatologia imperante e pretestuosa, il cattivo trattamento riservato a molti personaggi e il continuo copia-incolla, specialmente dal precedente capitolo. Fa pena vedere Caine autoparodiarsi in un ruolo così insipido, speriamo per necessità alimentari.
MEMORABILE: Il prologo con la carrellata di star.

Modo 28/07/14 10:13 - 845 commenti

I gusti di Modo

Assolutamente poco riuscito, quest'ultimo capitolo di Austin Powers. Non so se le battute siano intraducibili in italiano ma a parte qualcuna sono veramente penose. Sceneggiatura sgangherata senza capo né coda. Non mancano alcuni momenti simpatici anche se il tutto è lineare senza grandi sorprese. Di meritovole c'è sicuramente l'ambientazione anni '70, colori sfarzosi e molto old style anglosassone.

Mindy Sterling HA RECITATO ANCHE IN...

Taxius 27/03/18 12:02 - 1651 commenti

I gusti di Taxius

Arrivati al terzo capitolo Austin Powers comincia a stancare e divertire di meno; il gioco ha retto bene per due film ed era difficile che reggesse ancora. Le gag sono sempre quelle e i personaggi pure, le risate diminuiscono e la noia aumenta. La cosa più spassosa del film è la carrellata iniziale di star tra cui Spielberg, Cruise, Spacey e molti altri. Trovate divertenti qua e là se ne trovano, ma sono poche e non bastano a salvare la baracca.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.