Audrey Rose

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Audrey Rose
Anno: 1977
Genere: horror (colore)
Numero commenti presenti: 11
Papiro: elettronico

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Robert Wise, in ambito horror, è prima di tutto l'autore del classico GLI INVASATI, uno dei più spaventevoli film di fantasmi mai girati. In AUDREY ROSE, pur in un contesto molto più quotidiano, cerca di recuperare le medesime atmosfere di angoscia (presenti comunque in altri suoi lavori, come l'ottimo ANDROMEDA ad esempio), mantenendole però in un insieme più realistico, cercando di farci ammettere la possibilità di una vera e propria reincarnazione. E, va detto, lo fa con la dedizione di chi il cinema lo conosce da una vita (gli esordi di Wise risalgono alla Seconda Guerra Mondiale) e sa condurre il gioco con estrema professionalità....Leggi tutto La scelta di Anthony Hopkins per il personaggio più “improbabile” (il padre della defunta Audrey Rose, che si vorrebbe reincarnata nella piccola Ivy Templeton) dà subito la misura di una scelta oculata: Hopkins sa caratterizzare il suo padre di famiglia affranto con una fermezza e un controllo encomiabili, impedendo così di confonderlo con un pazzo furioso senza arte né parte (un tranello in cui molti film simili sono caduti). Ma corretta anche la coppia Marsha Mason/John Beck, lei preoccupata lui scettico fino all'ultimo. La giovanissima Susan Swift, con il suo sguardo allucinato, è il prototipo della bimba in odore di possessione modello ESORCISTA, e calza a pennello fino all’inattesa conclusione (prolungata e colma il tensione). L’atmosfera di angoscia mantiene alto l'interesse anche al di là di qualche lungaggine evitabile, ma è la dimostrazione che Wise, per il cinema horror (genere qui in fondo solo sfiorato e per volontà dello stesso Wise, che volendo avrebbe potuto calcare ben di più quel tasto facendoci facilmente sobbalzare) resta uno degli esponenti maggiormente quotati. Ben condotta la parte giudiziaria centrale.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Lovejoy 30/12/07 15:22 - 1824 commenti

I gusti di Lovejoy

Discreto horror ben diretto dallo specialista Wise e interpretato correttamente da un buon cast, su cui spicca il solito, intenso Anthony Hopkins. È infatti da quest'ultimo che prende l'avvio questa angosciosa vicenda, tutta giocata su una ragazzina sosia perfetta della figlia defunta di Hopkins. Ci sono alcune ingenuità e il finale è tirato per le lunghe ma tutto sommato non tradisce le aspettative.

Brainiac 2/07/09 22:24 - 1083 commenti

I gusti di Brainiac

Da Il giardino delle streghe a Gli invasati: bastano questi due capolavori ad ergere Robert Wise nel mio personale empireo dei registi horror. In "Audrey Rose" c'è tutto quello che ci deve essere in un film che faccia paura: fantastici attori (la Mason e Hopkins su tutti) che ci portano a identificarci nel dramma di Audrey, bimba morta in un'incidente automobilistico; una regia accorta e una sceneggiatura avvincente che sonda i territori della reincarnazione. Inizia come un Esorcista senza scene truci, poi diventa un po' dottrinale nella parte "legale". Molto bello.

Puppigallo 13/01/10 10:12 - 4676 commenti

I gusti di Puppigallo

Dramma paranormale ben diretto e ben interpretato (spicca la bambina, vittima di una reincarnazione a dir poco invasiva). L'argomento trattato poteva far scivolare il tutto nella banalità, nell'horror gratuito, nel solito tentativo di spaventare. Ma per fortuna, qui si bada più alla psicologia dei personaggi (la moglie, riflessiva e dalla mente leggermente più aperta del marito, che invece reagisce quasi solo in modo violento; e il padre della reincarnata, ossessivo perchè sicuro della sua teoria). Avrei evitato il processo, privilegiando la fase di studio del caso. Comunque, riuscito.
MEMORABILE: Le crisi, sempre più violente, della bambina; La spiegazione di Hopkins ai genitori, a dir poco allibiti; Il test ipnotico-regressivo.

Tomastich 30/10/10 09:05 - 1225 commenti

I gusti di Tomastich

Esorcismo? No, questa volta reincarnazione. Certo, bisogna dire che la piccola ricalca a pieno titolo le gesta di Linda Blair, anche se questa volta nel suo corpo non c'è satana bensì Audrey Rose, figlia defunta di un grandissimo e glaciale Anthony Hopkins. Lento ma fascinoso, triste ma realistico.

Luchi78 3/02/11 16:38 - 1521 commenti

I gusti di Luchi78

Bel psico-horror diretto da Wise, che coglie a piene mani dall'Esorcista tralasciando però gli effetti scenici più plateali e preferendo dare al film un taglio più psicologico. La parte iniziale con un ottimo Hopkins che tenta di infiltrarsi nella vita familiare dei coniugi Templeton (Marsha Mason e John Beck) è da manuale. Nel finale c'è molta tensione, ben messa in scena tramite un'ipnosi e soprattutto zero banalità.

Nicola81 25/08/14 11:41 - 2205 commenti

I gusti di Nicola81

Struggente e avvincente dramma psicologico che dell'horror ha soltanto l'idea di fondo. Wise era regista troppo raffinato per propinarci vomito verde e amenità simili e opta per un approccio molto più serio e ancorato alla realtà. Hopkins è ammirevole nel ruolo potenzialmente più insidioso, ma a impressionare sono una perfetta Marsha Mason e la piccola Susan Swift, la cui credibilità lascia basiti. Per la tematica mi ha ricordato lo sceneggiato Rai Il figlio di due madri, ma qui il finale è decisamente più triste.
MEMORABILE: Le crisi della bambina; Il finale.

Rebis 19/04/16 12:32 - 2148 commenti

I gusti di Rebis

Per Frank De Felitta la reincarnazione è una forma di possessione: nella sintomatologia, non negli esiti, persino più ineluttabili di quelli previsti dal Maligno. Sontuosa regia del veterano Robert Wise, accusa un netto calo di tensione nella svolta processuale (in anticipo su Emily Rose) che prevede inserti documentaristici e dottrinali sull'induismo; ma il classicismo trasuda ad ogni inquadratura e il finale addensa un'angoscia pressoché insostenibile. Notevole l'approccio austero e la verosimiglianza dei conflitti psicologici. Le crisi isteriche della piccola Audrey non si dimenticano.
MEMORABILE: Le inquadrature dall'esterno del palazzo sotto la pioggia, lungo le finestre dell'appartamento: dentro, la piccola Audrey in preda alle urla.

Rufus68 4/10/17 23:03 - 3394 commenti

I gusti di Rufus68

Meccanismi psicologici semplicissimi (l'amore dei genitori per un figlio, l'irruzione dell'inspiegabile nella felice normalità quotidiana) e una messa in scena essenziale e quasi elegante nella sua compostezza. "Nulla di troppo" è il motto di Wise. Qualche cedimento nella fase processuale, ma il finale straziante (bravissima la piccola protagonista) rimane indimenticabile così come le interpretazioni misurate del cast. Un film da far proiettare in qualche corso per futuri registi horror.

Claudius 23/11/19 09:10 - 478 commenti

I gusti di Claudius

Psico-horror che, pur attingendo da film più conosciuti, riesce ad avere una sua cifra stilistica (si parla di possessione spiritica e reincarnazione). Ottima prova del cast (in particolare della Swift e di Beck, ma tutto il cast è ben diretto, anche se Hopkins a volte esagera). Interessante la descrizione della comunità e buone le scene di possessione (resta impressa Ivy che piange come una bimba di 5 anni quando invece ne ha 11).
MEMORABILE: L'inizio e le crisi di Ivy.

Kinodrop 25/11/19 20:23 - 1987 commenti

I gusti di Kinodrop

In un incidente stradale una bimba muore tragicamente, qualche anno più tardi "un'altra" bambina mostra preoccupanti segni di instabilità. Una storia molto intrigante, specie per i risvolti spirituali e metafisici che muovono azioni e reazioni dei protagonisti, ma anche perché Wise non si lascia prendere dai cliché orrorifici limitandosi ad allusioni implicite. Si regge quasi tutto in virtù della prima parte, nella quale si intersecano e si scontrano gli elementi in gioco, mentre lo sviluppo risulta imperfetto e dai risvolti etici molto discutibili.
MEMORABILE: L'incidente ripercorso nella mente di Ivy; L'insinuarsi di Hoover nell'equilibrio della famiglia; La lungaggine del processo.

John Beck HA RECITATO ANCHE IN...

Rambo90 21/08/20 23:10 - 6857 commenti

I gusti di Rambo90

Soggetto intrigante, che Wise dirige con il giusto piglio riuscendo a farci percepire la vicenda sempre come realistica pur sfociando praticamente nell'horror. Hopkins è una scelta indovinata perché dona al suo personaggio la dignità e l'umiltà da non farlo sembrare un semplice invasato, meno riuscita l'interpretazione della bambina che a volte appare forzatissima. Scorre bene nella prima parte, un po' meno in quella processuale fino ad un finale tesissimo e d'effetto. Buono.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Brainiac • 16/08/09 12:36
    Call center Davinotti - 1469 interventi
    Pur se più volte fu dichiarato come tratto da fatti realmente accuduti, è comunque stato scritto basandosi sulla novella ononima di Frank De Felitta, autore anche di un sequel: "For love of Audrey Rose".
  • Discussione Puppigallo • 13/01/10 10:24
    Scrivano - 503 interventi
    Come comprare l'affetto della propria figlia

    "Mamma, non sto bene".
    "Ma non hai la febbre".
    "Peccato...".
    "Penso che domani non ti manderò comunque a scuola".
    "Ti voglio bene, mamma!".
  • Discussione Nicola81 • 24/08/14 23:20
    Formatore stagisti - 561 interventi
    SCHEDA DOPPIAGGIO

    MARSHA MASON Melina Martello

    JOHN BECK Giancarlo Maestri

    ANTHONY HOPKINS Luciano Melani

    SUSAN SWIFT Laura Boccanera

    NORMAN LLOYD Gianni Bonagura

    BRICE MACK Renato Cortesi

    JOHN HILLERMAN Rodolfo Traversa

    PHILIP STERLING Marcello Tusco

    STEPEHEN PEARLMAN Vittorio Di Prima

    ALY WASSIL Vittorio Congia

    MARY JACKSON Wanda Tettoni

    TONY BRANDE Giampiero Albertini