LE LOCATIONLE LOCATION

TITOLO INSERITO IL GIORNO 23/05/12 DAL BENEMERITO PIGRO
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Pigro 23/05/12 11:18 - 8867 commenti

I gusti di Pigro

Un angolo insolito di Grecia, una livida cittadina industriale, accoglie la storia di una ragazza schifata dal sesso, che accudisce il padre malato terminale e viaggia attraverso i documentari sulla natura di David Attenborough (da cui il titolo che storpia il nome). Un paesaggio naturale e interiore desolati, violati dalla perdita di senso e aperti a un futuro ignoto, qui descritti tra simbolismo, astrattismo ed etologia. Belli i dialoghi laconici che a tratti irrompono in lunghi (e un po’ compiaciuti) piani-sequenza con camera immobile.

Mickes2 10/12/12 11:26 - 1669 commenti

I gusti di Mickes2

Formazione sessuale, ricerca d’identità e urgenza nel raggiungere una propria consapevolezza, al centro dell’opera dell’esordiente Tsangari. Un paesaggio isolato fa da sfondo alle dolorose e sperimentali vicissitudini dei protagonisti, racchiusi dentro un limbo che è specchio dell’anima di chi vi è all’interno; uno spazio esistenziale plumbeo e slavato nei sentimenti, che giungono famelici, algidi, inariditi, alienati, asessuati, per poi aprirsi in qualcosa di diverso, più grande, forse solo più sensibile e caloroso, naturale e bestiale come l’umano.

Bubobubo 30/03/22 12:47 - 1722 commenti

I gusti di Bubobubo

Marina (Labed) passa le sue giornate con la disinibita amica Bella (Randou), sempre prodiga di consigli in materia sessuale, e con il padre Spyros (Mourikis), architetto minato da una malattia allo stadio terminale. Due tipi diversi, per quanto complementari, di attaccamento affettivo, che l'irruzione di uno sconosciuto ingegnere (Lanthimos) sembra mettere a dura prova... Algido e grottesco in ossequio ai dettami dell'età d'oro della new wave greca, per quanto permeato di un'inedita sensibilità introspettiva che potrebbe avvicinarlo a chi non apprezza tanto distacco. Nella media.
MEMORABILE: Marina balla e canta "Bebop Kid" dei Suicide al capezzale del padre morto.

Paulaster 27/06/22 09:55 - 3699 commenti

I gusti di Paulaster

Ragazza con difficoltà a relazionarsi affronta anche la degenza del padre malato terminale. Microcosmo (asociale) che resta nei limiti della patologia, col dubbio della presenza di qualche turba infantile e l’aggiunta dell’età immatura. Cinema molto simile a quello di Lanthimos (qui attore) anche se la mano è più leggera e si inseriscono piccoli siparietti con l’amica del cuore. La malattia paterna resta in dialoghi di profonda umanità, anche se talvolta troppo intimi per un rapporto filiale. Ambientazione senza gioia di vivere, con il mare che resta sullo sfondo.
MEMORABILE: Il bacio di prova; Come le scimmie sul letto; La scelta dell’ulna.

POTRESTI TROVARE INTERESSANTI ANCHE...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Mickes2 • 24/05/12 20:44
    Addetto riparazione hardware - 335 interventi
    Ciao Pigro :)

    è da un po' che punto il film della Tsangari, ma avrei voluto vederlo con i sottotitoli in italiano. te come hai avuto modo di visionarlo?
    grazie :)
  • Discussione Pigro • 24/05/12 20:49
    Consigliere avanzato - 1597 interventi
    Con i sottotitoli inglesi. Tieni comunque presente che i dialoghi sono pochi e piuttosto elementari (anche se molto belli), quindi anche con una conoscenza basic dell'inglese si dovrebbe riuscire a capire.
    Comunque, non so di che città sei, ma ti posso dire che a fine luglio sarà proiettato a Bologna con sottotitoli italiani.
  • Discussione Mickes2 • 24/05/12 20:58
    Addetto riparazione hardware - 335 interventi
    ti ringrazio :)
    con l'inglese me la cavo ma credo aspetterò una traduzione. se proprio non dovessi resistere tengo comunque presente la facile fruibilità coi sub in inglese.

    io sono della provincia di Milano, fortunati i bolognesi ;)