LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Flazich 9/01/07 01:50 - 659 commenti

I gusti di Flazich

Una lontana colonia spaziale mineraria fa da sfondo a questo thriller fantascientifico che vede Connery impersonificare un fiero ed inflessibile tutore delle legge. Suo malgrado si trova immischiato in un giro di droga sintetica i cui trafficanti sono gli stessi che dirigono la colonia. Il film è ben girato con ottime scenografie, la pellicola trasuda di "futuro sporco". L'assenza di luce reale e le continue riprese in luoghi chiusi donano alla pellicola un forte senso di claustrofobia.

Caesars 12/03/07 09:14 - 2992 commenti

I gusti di Caesars

Buon esempio di cinema di fantascienza girato con ottimo mestiere da Peter Hyams. Praticamente un remake con ambientazione "spaziale" del classico "Mezzogiorno di fuoco" che mantiene vivo l'interesse dello spettatore per tutta la sua durata, pur senza avere guizzi d'ingegno particolari. Sean Connery è perfetto nel ruolo del protagonista e Peter Boyle non gli è da meno in quello del cattivo di turno. Non un capolavoro ma da vedere.

Puppigallo 18/11/07 21:57 - 4630 commenti

I gusti di Puppigallo

La lenta comparsa del titolo nello spazio profondo ricorda Alien, ma in questo caso, il vero e unico nemico è l’Uomo. Anche qui però, la situazione è da senza scampo; si svolge tutto su Io (una luna di Giove), in una base mineraria. Commissario (un Connery in parte) e capo delle operazioni nella stazione (Peter Boyle) sono agli antipodi; e questo permette al film e, soprattutto all’indagine, di decollare e di farsi piuttosto interessante. Connery è appoggiato solo da una dottoressa. Discreti effetti e ritmo un po’ altalenante.
MEMORABILE: Un minatore a Connery: "E' lei che deve proteggerci. E i suoi uomini dove sono?". E Connery: "I miei uomini sono merda".

Daniela 12/04/09 10:37 - 10479 commenti

I gusti di Daniela

In una base mineraria sulla lontana Io, lo sceriffo in tuta spaziale Connery deve scoprire chi manovra lo spaccio di una droga sintetica che ha già ucciso alcuni operai e, come il precedessore Gary Cooper, si ritroverà solo ad affrontare il pericolo. Rifacimento del classico Mezzogiorno di fuoco, una fantascienza adulta e credibile nell'ambientazione, ben recitata dal protagonista e da Boyle. Il ritmo però non è al massimo, per cui in alcuni punti affiora una certa pesantezza che rende meno avvincente la vicenda.

Cotola 26/04/09 11:10 - 7941 commenti

I gusti di Cotola

Discreto film fantascientifico che vira nel thriller e che però non si rivela troppo riuscito a causa di un ritmo poco avvincente che, a tratti, fa allentare la tensione in maniera notevole e di una storia (che riecheggia Mezzogiorno di fuoco) non certo interessantissima. Bravi i due protagonisti. Risultato finale medio. Si può vedere.

Galbo 28/04/09 07:21 - 11644 commenti

I gusti di Galbo

Da un bravo "artigiano" del cinema come Peter Hyams, una discreta opera a metà tra l'action e la fantascienza ambientata su una luna di Giove adoperata come centro minerario. Ambientazione originale ed efficace e discreto ritmo per un film che pur non eccezionale è tuttavia gradevole grazie anche alle buone prove del cast.

Magnetti 4/01/10 12:18 - 1103 commenti

I gusti di Magnetti

E' stato fatto un gran lavoro scenografico (Alien è stato preso a modello in questo), tanto che è proprio l'ambientazione spaziale il punto forte del film, assieme alla convincente prova di Sean Connery. La trama ha dalla sua un buono spunto, che però viene svolto in modo troppo prevedibile, senza guizzi. Anonimo.

Cangaceiro 25/08/10 15:27 - 982 commenti

I gusti di Cangaceiro

Bel lavoro di Hyams in una sorta di western del futuro. La descrizione di questa cittadella mineraria ai confini dell'universo è molto suggestiva e trascina lo spettatore dentro il film. Curata la ricostruzione scenografica mentre alcuni effetti speciali non sembrano invecchiati bene. Punto di forza la fotografia sporca e perennemente buia anche nei claustrofobici interni. Connery serve una prova rimarchevole nei panni di un uomo giusto e vigoroso, che cerca conforto nel lavoro per affogare le delusioni di una vita dura, adombrando uno spento Boyle.

Ducaspezzi 28/10/11 02:42 - 222 commenti

I gusti di Ducaspezzi

Non sono i corridoi avveniristici dell'astronave Nostromo (qui siamo su una luna di Giove, dentro i meandri di una colonia mineraria), il nemico è umanissimo, guidato da umanissime bramosie economiche, l'eroe non ha mai realmente una squadra a supporto ed è quindi idealisticamente e cocciutamente solitario, sin da subito. Ma ci sono: il braccaggio tra porte che s'aprono e chiudono a sezionar labirinti, le attese plumbee, quel senso di trappola asfissiante qui sciolto con un diversivo geniale. Godibile, solido, convincente. Atmosferico!
MEMORABILE: Le prime apparizioni ed espressioni della dottoressa Lazarus, che sembra una versione somaticamente edulcorata e femminea di Ron Perlman!

Modo 14/01/13 23:22 - 858 commenti

I gusti di Modo

Bel film di fantascienza con un ottimo Sean Connery, sceriffo della colonia mineraria in una delle lune di Giove. La trama non è particolarmente originale ma il ritmo è buono e l'atmosfera sempre cupa e buia avvolge il film di un certo pathos. Un western fantascientifico che a tratti riprende Mezzoggiorno di fuoco, specialmente nel finale con l'arrivo dell'astronave carica di killer dove il tempo è scandito da un orologio qui digitale. Sicuramente merita una visione.

Peter Hyams HA DIRETTO ANCHE...

Black hole 17/04/13 13:43 - 139 commenti

I gusti di Black hole

Un buon film di fantascienza... o un mix western/poliziesco prestato allo spazio? Gli ottimi interpreti rendono la storia avvincente con un finale col conto alla rovescia in stile Mezzogiorno di fuoco. Connery, Sternhagen, Sikking e Boyle ne garantiscono la qualità e la formula del "duro" giusto, solo contro tutti fino a perdere tutto ciò che ha di caro, funziona. Efficaci ambientazione ed effetti speciali, in piena sintonia coi tempi (forse anche meglio), mai eccessivi ma ben fatti. Non un cult ma un film che regge al tempo ed è ancora godibile.
MEMORABILE: L'uomo che, in preda alle anfetamine, si "depressurizza" nel montacarichi della miniera.

Homesick 30/06/13 17:25 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Qui si parla addirittura di industrie minerarie su uno dei satelliti di Giove, ma non si esce dall’orbita di un cinema commerciale che dopo aver investito tutte le sue risorse in costosi effetti speciali si ritrova le tasche vuote, senza nemmeno più un centesimo da dedicare a drammaticità ed emozioni: è quello che vedremo nei blockbusters del Duemila. Prolisso e derivativo – il soggetto è una variazione fantascientifica di Mezzogiorno di fuoco – azzecca soltanto la figura della scorbutica dottoressa Lazarus disegnata dalla brillante Frances Sternhagen e le suggestive impalcature si-fi.
MEMORABILE: Gli sfondi sci-fi con l’enorme sagoma di Giove; il golf “virtuale” di Boyle.

Piero68 11/11/13 12:46 - 2836 commenti

I gusti di Piero68

Hyams è da sempre amante del genere sci-fi e da sempre riesce a ottenere risultati altalenanti. Ma qui il soggetto non è male e anche il suo sviluppo ha parecchi punti a favore. È vero, potrà ricordare Mezzogiorno di fuoco, sta di fatto che però correva l'anno 1981 e una cosa del genere all'epoca poteva quasi sembrare un fiore nel deserto. Connery molto credibile nel ruolo come quasi tutto il cast. Ha comunque il merito di appartenere a quella schiera di film che tra gli anni '70 e '80 hanno cambiato il modo di fare cinema sci-fi.

Saintgifts 23/12/14 21:16 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Siamo lontani un anno e settanta ore dalla Terra, su una luna di Giove, ma l'uomo che qui vive e lavora è esattamente come sulla Terra, anzi peggio. L'atmosfera della vita in condizioni straordinarie è resa molto bene. Il senso di prigionia è molto forte e l'angoscia perennemente in agguato. Il male opera tranquillamente, allo scoperto, sicuro come è che seguire la legalità, o tentare di farla seguire, è stupido e pericoloso. Il commissario, più che svolgere onestamente il suo lavoro, deve rimanere in pace con la sua coscienza di uomo libero.

Maik271 5/01/16 13:11 - 436 commenti

I gusti di Maik271

Una sorta di western spaziale con scontro finale tra lo sceriffo buono e incorruttibile interpretato da uno svogliato Connery e i cattivi di turno che lo vogliono morto. Buoni effetti speciali per una produzione americana che non sfrutta a dovere l'ottimo budget. Ambientazioni che ricordano Alien fatte di cunicoli metallici e ambienti claustrofobici.

Vitgar 2/02/16 11:06 - 586 commenti

I gusti di Vitgar

Buon thriller fantascentifico. Molto curato nella fotografia e negli effetti, sembra più "moderno" della sua data di produzione (1981). La trama non è niente di speciale ma è ben raccontata da una regia agile con buoni moveimenti di macchina. Sean Connery fa la sua parte anche se, a mio avviso, il personaggio che interpreta non gli si addice in pieno.

Rambo90 11/08/18 01:55 - 6766 commenti

I gusti di Rambo90

Connery come Cooper in Mezzogiorno di fuoco ma in una base mineraria spaziale. Idea azzeccata, anche perché Hyams riesce a innestare un'ottima tensione, prima attraverso un intreccio quasi giallo, poi con inseguimenti, combattimenti e un decisamente riuscito scontro finale con i killer. Connery perfetto per incarnare la caparbietà del suo personaggio, Boyle buon villain. Effetti dignitosi per l'epoca (e alcuni anche per oggi) per uno sci-fi davvero godibile.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.