Aspirante vedovo

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Anno: 2013
Genere: commedia (colore)
Note: Remake de "Il vedovo" del 1959 di Dino Risi con Alberto Sordi e Franca Valeri.
Numero commenti presenti: 25
Papiro: elettronico

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Aggiornare un classico sordiano come IL VEDOVO non era impresa facile, proprio per la grande impronta che l'attore romano aveva saputo lasciare sul film caratterizzandolo fino a plasmarlo totalmente sul suo personaggio. Pensare che un buon commediante come De Luigi potesse raccoglierne l'eredità era pura utopia: serviva una sceneggiatura impeccabile, o magari una verve sconosciuta a De Luigi che invece percorre il film come un cane bastonato quasi incapace di una reazione, mai una volta vicino all'ingenua fierezza di Sordi. Al contrario la Littizzetto, cui spetta il ruolo di spalla, pur non potendo disporre della stessa nobiltà da palcoscenico della Valeri regge in qualche modo il duro paragone...Leggi tutto grazie alla spontaneità che le è propria. Dietro ai personaggi bisognerebbe tuttavia considerare come è costruita la storia, e qui va notato che il tentativo di contenere la comicità sbracata del nostro cinema contemporaneo più leggero per riavvicinarsi all'incisività delle commedie passate produce un ibrido poco convincente. Mancando le tipiche gag magari vetuste su cui spesso si poggiano questi film, ci si accorge della scarsa capacità di scrivere storie articolate che prevedano scene vere e non solo scenette, situazioni credibili che si avvicinino alla realtà caricaturizzandola ma senza precipitare nell'iperbole. Una sequenza come quella in cui De Luigi si sfoga lungamente tra vini e formaggi in cantina senza costrutto illustra piuttosto bene la povertà dello script, che forse sperava di ritrovare nell'espressione sorniona del suo protagonista appigli comici che non arrivano mai. Senza un canovaccio solido entro cui innestare la propria simpatica comunicativa il nostro finisce con il trovarsi spaesato. Ci fa allora miglior figura lo Stucchi di Alessandro Besentini (per una volta non in coppia con "Franz"), il volto modellato su un'espressione di costante preoccupazione: mai un sorriso, solo il grigiore di un sottoposto che non sa mai bene come comportarsi. Più canonica la figura della giovane amante bella e semiritardata (Clizia Fornasier), esemplare di splendida oca manovrata da genitori che badano solo a piazzarla dove possa vivere agiatamente. Eppure, nonostante evidenti limiti e tralasciando improponibili paragoni, il film si lascia tutto sommato vedere e si riscatta in un finale (c'è di mezzo pure un ascensore, proprio come nell'originale) spassoso, una rilettura simpatica che non delude. Certo, la validità del soggetto da cui il film è "liberamente tratto" resta forse il pregio maggiore e quindi i dubbi sull'utilità dell'operazione permangono, ma la regia di Venier, pur non brillando troppo, dona se non altro una leggerezza non disprezzabile al tutto che la maschera sempre simpatica di De Luigi permette comunque di godersi senza eccessivi rimpianti. La Torre Velasca, uno dei simboli di Milano, fa da trade union tra passato e presente ospitando gli uffici di Alberto Brandi (i nomi dei personaggi son rimasti gli stessi del film di Risi) allora come oggi.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO INSERITO IL GIORNO 12/10/13 DAL BENEMERITO FURETTO60 POI DAVINOTTATO IL GIORNO 19/10/13
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Furetto60 12/10/13 18:28 - 1129 commenti

I gusti di Furetto60

L'accostamento a una delle pellicole cult della commedia nostrana è fatto con garbo e gusto: della trama originale è stata salvata l'ossatura aggiungendo alcune varianti "moderne" e innovazioni (l'amuleto, i genitori dell'amante di lui). Gli interpreti non sfigurano nel paragone, nella sceneggiatura è apprezzabile in particolare il finale che, nel colpo di scena, si differenzia e nello stesso tempo omaggia il precedente.
MEMORABILE: "Susina"; L'amuleto; La cantina.

Markus 19/10/13 09:45 - 3366 commenti

I gusti di Markus

Operazione nostalgia per questa rielaborazione de Il vedovo di Dino Risi. Inevitabili i paragoni (della serie !hai voluto la bicicletta...") e infatti le magagne saltano fuori per una regia incapace di dare spigliatezza alla pellicola, solamente soccorsa dal brio della Littizzetto (che regge il confronto con la Valeri per le talentuose doti di comunicatrice pungente). De Luigi gira a vuoto: appare evidente che gli è stato dato l'ingrato compito di sostituire Sordi, ovverossia un'impresa molto più grande di lui che è un caratterista. Mediocre.

Capannelle 20/10/13 21:27 - 3782 commenti

I gusti di Capannelle

Dal "cretinetti" della Valeri al "gnu gnu" by Litizzetto il passo è abbastanza lungo e l'operazione non sortisce miracoli di sorta, perlopiù con un De Luigi inadatto a reggere il confronto con il grande Albertone. Meglio la Litizzetto e un paio di caratteri di contorno (Stucchi e il prete) che puntellano una storia non proprio memorabile ma godibile, grazie anche a una certa eleganza di regia. Alcune gag prendono, altre sono quantomeno telefonate.

Puppigallo 26/10/13 09:48 - 4546 commenti

I gusti di Puppigallo

Remake di basso livello, con l'aggravante dell'inevitabile confronto con il notevole originale. Gli attori sono prigionieri di un copione senza un minimo di brillantezza, disseminato di scambi verbali prevedibili e scontati. L'unico a non essere giustificato dalla pochezza del materiale a disposizione è De Luigi, ormai prigioniero del suo personaggio, che ripropone in tutte le pellicole, con ugual gamma espressiva tra l'ebete, il perplesso e l'indignato. Trattasi quindi, in generale, di filmetto perdibile, che non aggiunge, anzi, si priva della dignità del capostipite, facendolo rimpiangere.
MEMORABILE: La moglie, dopo consulto, fa annusare il cane al protagonista per sapere se sa di tartufo; "Me la vedo la mia Susanna sparpagliata sui Balcani".

Gabrius79 28/10/13 00:03 - 1217 commenti

I gusti di Gabrius79

Tentativo non troppo riuscito di fare il remake del leggendario film con Sordi e la Valeri. Qui ci si affida alla coppia De Luigi-Littizzetto, ma i primi veri sorrisi riescono ad arrivare dopo circa una mezz'ora (per fortuna la seconda parte diventa un po' più appassionante). Alla fine i migliori risultano essere De Luigi e Besentini, mentre la Littizzetto è un po' sottotono. Un'occasione sprecata.

Daniela 8/02/14 09:10 - 9833 commenti

I gusti di Daniela

Remake del piccolo capolavoro di Risi, sbagliato fin dalla scelta del protagonista, in quanto il pur simpatico De Luigi, che ha fatto dell'imbarazzo e della goffaggine la sua cifra attoriale, è fuori ruolo nel replicare l'aggressività pavida di Sordi. Più in parte la Littizzetto, non male Ale come rassegnato Stucchi. La sceneggiatura è smorta quando segue le orme dell'originale (vedi le sequenze in villa prima del ritorno della "scomparsa") e priva di idee quando se ne discosta (la parentesi in clinica). Non obbrobrioso, ma certo assai modesto e perdibile senza remore.

Galbo 10/02/14 05:45 - 11518 commenti

I gusti di Galbo

Se si tralasciano paragoni improponibili con il film di Dino Risi, questa commedia di Massimo Venier può apparire a tratti godibile, ma lascia più di una perplessità: in primo luogo la prova di Fabio De Luigi, sempre attonitamente uguale a sé stesso. La sceneggiatura, poi, offre pochi spunti e non pare adeguatamente sviluppata. Buona invece la partecipazione della Littizzetto, attrice brillante che il cinema non ha ancora adeguatamente sfruttato.

Maxx g 25/07/14 18:04 - 507 commenti

I gusti di Maxx g

Premessa: detesto la Littizzetto, quasi costretta dalle circostanze (non è una vamp né bella) a fare parti odiose: il bello è che ci riesce benissimo. Nel remake del film di Risi con Sordi e la Valeri non ci si diverte quasi mai e De Luigi ripete sé stesso all'infinito. Meglio Storti e Ale nella parte di Stucchi. Su Citran è meglio stendere un pietoso velo (al di là del suo fastidioso personaggio). Non si capisce come spesso tocchi ricorrere a un linguaggio che richiama la scatologia (i discorsi inerenti al cane). Da dimenticare.
MEMORABILE: Il modo di parlare di Stucchi, formidabile.

Didda23 19/08/14 13:49 - 2305 commenti

I gusti di Didda23

Sinceramente non si avvertiva l'urgenza di confezionare questo remake, nonostante il risultato complessivo non sia del tutto da buttare via. Senza fare improbabili e offensivi paragoni, a non convincere è in primis la prova di De Luigi, ormai schiavo di un personaggio che ha fatto della goffaggine uno stile di vita; leggermente meglio la Littizzetto. Di riuscito si apprezza il tono da commedia all'italiana, che mischia con perizia la drammaticità e la comicità della sceneggiatura. La regia di Venier si conferma routinaria e priva di vivacità.

Nando 28/10/14 00:39 - 3498 commenti

I gusti di Nando

Uno dei remake più deludenti di sempre: una trama bislacca che offende i pensionati in maniera vergognosa; De Luigi poi si rivela incapace di cambiare ruolo se non per apparire tonto. La Litizzetto si comporta come nella vita. Povero Sordi e povera Valeri... Pessimo.

Fabio De Luigi HA RECITATO ANCHE IN...

Piero68 28/10/14 09:12 - 2793 commenti

I gusti di Piero68

I partecipanti al progetto hanno sostenuto che più che fare un remake hanno inteso sfruttare una sceneggiatura del passato e che mai e poi mai si poteva pensare a un paragone con il film di Risi. E lo credo bene, vista la pochezza di regia e personaggi. Eppure il risultato è sotto gli occhi di tutti e non pensare a Sordi e Valeri è impossibile. Pessima scelta del cast con un De Luigi sempre uguale ai personaggi degli altri suoi film e una Litizzetto artisticamente immatura per un ruolo del genere. Seconde linee catastrofiche e Venier senza polso.
MEMORABILE: Il segnale segreto tra Nardi e l'amante: la fischiettatura del motivo del "Pranzo è servito".

Ultimo 29/10/14 11:17 - 1407 commenti

I gusti di Ultimo

L'idea di base, ripresa dal film di Risi, non è affatto male. Il problema è che il film non convince, gli attori sembrano fuori luogo e appaiono costantemente statici e prevedibili (su tutti De Luigi, inadatto). Nemmeno Ale (l'amico di Franz, quelli della panchina...) riesce a rendere più pimpante la pellicola. Un po' meglio la Litizzetto, l'unica appena sufficiente. Si riscatta di poco per un finale quantomeno inaspettato, ma nel complesso è un film di basso livello; Venier poteva fare molto meglio.

B. Legnani 31/10/14 23:16 - 4839 commenti

I gusti di B. Legnani

Credevo peggio. Il paragone con Risi non va neppure ipotizzato e farlo anche a mezze tinte finisce addirittura col penalizzare De Luigi in modo eccessivo, visto che il personaggio è decisamente diverso da quello di Sordi. Si potrà obiettare che non regge il confronto, ma forse il confronto non andrebbe neppure fatto, perché De Luigi manco ci prova (saggiamente) a sordeggiare. Il distacco dall'originale spesso causa alcuni cali, talora sorprende. Littizzetto non male. Del contorno si salvano solo Ale (Stucchi) e Storti (l'uomo di Chiesa).

Pinhead80 24/11/14 19:10 - 4038 commenti

I gusti di Pinhead80

Non posso fare confronti con il film di Dino Risi non ancora conoscendolo, ma posso dire di aver visto molto di peggio in circolazione. La coppia De Luigi/Littizzetto funziona bene, i tempi comici sono quelli giusti e anche il resto del cast se la cava ottimamente. Credo possa risultare un buon intrattenimento, se non si ha voglia di confrontare l'originale con il remake.

Modo 17/12/15 15:49 - 837 commenti

I gusti di Modo

Rivisitazione del Vedovo con pochi alti e molti bassi. Superare il dualismo Sordi-Valeri era cosa impossibile. Diciamo che quando la trama prende spunti diversi dal vecchio film di Risi si vedono le cose migliori. Quando invece lo si ricalca per filo e per segno l'abisso è notevole. Fra tutti positiva l'interpretazione di Besentini del mitico ragionier Stucchi. De Luigi-Littizzetto a fasi alterne. Potevano lasciare il nomignolo cretinetti! Prova superata a metà.

Caesars 4/01/16 09:12 - 2823 commenti

I gusti di Caesars

Non male, anche se ovviamente il confronto con la pellicola di Risi lo vede perdente su tutta la linea. Però il film è gradevole e De Luigi e la Littizzetto forniscono una prova più che dignitosa, avendo il buon gusto di tenersi lontani dai modelli attoriali dell'originale. Buona anche la prova di Besentini nel ruolo di Stucchi. Una commedia con poche idee originali ma girata con garbo e senza volgarità, cosa che per il cinema italiano odierno può considerarsi già un bel traguardo.

Samuel1979 5/01/16 19:37 - 477 commenti

I gusti di Samuel1979

Mediocre perché il film a volte non sempre fila liscio, tuttavia il paragone con la nota commedia di Risi era già in origine impresa impossibile e Venier alla fine ne esce a testa alta. De Luigi evita saggiamente l'imitazione di Sordi e dà vita a un personaggio che ne richiama certe sfumature ma che risulta comunque personale. Ottima la Littizzetto in una parte che poteva essere solo sua e i paragoni con la Valeri potrebbero essere calzanti. Del valido cast il preferito è Bisentini nei panni di Stucchi.

Pigro 7/01/16 00:24 - 8093 commenti

I gusti di Pigro

Gustoso remake del Vedovo di Dino Risi, che è opportuno vedere senza pensare a inutili confronti col notevole originale, cercando piuttosto spunti di interesse in sé e per sé. Che non mancano, grazie a una regia efficace e senza eccessi, a una coppia comica (De Luigi-Littizzetto, circondati da bravi caratteristi) che dipinge con cinismo la reciproca perfidia, e a una sceneggiatura che lancia sottili esche di satira sociale senza mai rimanerci impantanata. Insomma, divertente specchio acido dei nostri giorni affogati di sete di denaro.

Mutaforme 8/01/16 13:48 - 396 commenti

I gusti di Mutaforme

Inferiore allo standard delle commedie con De Luigi, di solito gradevoli. Stavolta la storia è banalissima e scontata, con una Littizzetto a mio avviso poco in parte e gli attori secondari del tutto anonimi. Regia davvero povera. Non si può parlare di remake, trattasi di film inutile. L'unica cosa da salvare è il titolo.

Herrkinski 20/03/18 00:50 - 5409 commenti

I gusti di Herrkinski

Ammetto la grave colpa di non aver visto l'originale; detto questo, ho visionato casualmente il film e devo dire che non mi sono annoiato. A tratti diverte; certo, De Luigi, per quanto bravo, è perennemente uguale alle sue macchiette televisive mentre la Littizzetto è decisamente adatta al perfido ruolo. Venier ha scelto comunque bene il cast di un film non epocale ma sopra la media di certi prodotti italiani dei 2000, per quanto permangano forti dubbi sulla morale di una storia borghese adatta ai tempi ma che non prende mai alcuna posizione.

Massimo Venier HA DIRETTO ANCHE...

Pessoa 28/10/16 23:19 - 1361 commenti

I gusti di Pessoa

Ci voleva coraggio a rifare Il vedovo di Risi, una delle più belle commedie italiane del dopoguerra. Massimo Venier ci ha provato a metà, tentando di adeguare la storia alle caratteristiche dei due attori principali. L'esperimento riesce solo con la Littizzetto, che regge a tratti il confronto con la Valeri, mentre De Luigi, completamente fuori ruolo, manca dell'ottuso cinismo senza il quale il suo personaggio non riesce a coinvolgere. Regia grossolana e poco incisiva. Evitabilissimo.

Il Dandi 17/04/18 16:47 - 1894 commenti

I gusti di Il Dandi

In tali remake di solito ciò che è buono non è nuovo e ciò che è nuovo non è buono. Qui vale il contrario, perché la prima parte - più pedissequa - fa l'effetto di una cover-band che suona classici al pub sotto casa; mentre la seconda si risolleva pian piano, fino a un finale originale e beffardo che ribalta più volte i personaggi. Del resto se il "gnu-gnu" della Littizzetto non riesce a imporsi come tormentone facendo rimpiangere il "cretinetti" della Valeri, De Luigi riesce a sottrarsi al confronto con Sordi rimanendo compostamente nel suo.
MEMORABILE: Il finale.

Xamini 19/11/18 10:31 - 1036 commenti

I gusti di Xamini

Forse l'unica cosa da ricordare di questa commediola, sono le riprese iniziali, che ritraggono una Milano in ripresa, ricoperta di cantieri, di luce, di voglia di fare. Poi, certo, qualche sorriso che De Luigi e Littizzetto riescono a strappare, senza produrre però alcun tipo di entusiasmo. Colpa dello script, fatto di situazioni e gag tutt'altro che scoppiettanti.

Lou 26/06/19 18:15 - 1001 commenti

I gusti di Lou

Pur senza fare paragoni con il film di Risi a cui si ispira, proprio non ci siamo. Sceneggiatura debole, comicità impalpabile, personaggi improbabili che eccedono nel rappresentare quelle tipiche deviazioni italiche, sociali e caratteriali che si vorrebbero stigmatizzare. Peccato, perché i due protagonisti sono interpretati da attori di forte caratterizzazione e simpatia come De Luigi e Littizzetto.

Kriminal 16/12/19 21:00 - 48 commenti

I gusti di Kriminal

Buon esempio di commedia nera all'italiana con Fabio de Luigi e Luciana Littizzetto in ottima forma e dialoghi ben costruiti. Ottimo il finale, ben articolato con una certa suspense. Unica carenza gli altri personaggi che, Bruschetta a parte ,non sono sempre efficaci nello svolgimento della vicenda. Superflua la presenza del prelato a formare il terzetto dei "cattivi".
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Furetto60 • 14/10/13 20:56
    Call center Davinotti - 45 interventi
    Siamo lontani da un semplice copia e incolla...
    Ultima modifica: 14/10/13 21:04 da Furetto60
  • Discussione Ruber • 14/10/13 21:20
    Compilatore d’emergenza - 9008 interventi
    Furetto60 ebbe a dire:
    Siamo lontani da un semplice copia e incolla...

    si va beh la storia direi che è uguale, la Littizzetto nell'intervista al tg1 ha detto che era anche un omaggio al film di Sordi, io penso sia un copia e incolla senza idee che si appoggia solo su qualche gag di De Luigi, e la Littizzetto non e la grande Valeri.
  • Discussione Capannelle • 16/10/13 20:28
    Scrivano - 2530 interventi
    Gugly ebbe a dire:
    Ciao Furetto,
    vedo che il commento è positivo, quindi il film è promosso? ieri sera ho visto uno spezzone di anteprima: La Litizzetto sembra un misto fra la Fornero e Marina B.

    :-)


    Oddio che strano mix tra due donne profondamente diverse

    @ Ruber: si può benissimo copiare, basta farlo bene
    Ultima modifica: 16/10/13 21:48 da Capannelle
  • Discussione Markus • 17/10/13 08:12
    Scrivano - 4805 interventi
    No scusate, ma è un omaggio o un remake? Sono due cose diverse. Io vedo un R accanto al titolo.
  • Discussione Zender • 17/10/13 08:46
    Consigliere - 43940 interventi
    A volte purtroppo la differenza è sottilissima. Contano anche i titoli di testa.
  • Discussione Ruber • 17/10/13 23:55
    Compilatore d’emergenza - 9008 interventi
    Confermo il remake, stasera durante il programma "Supercinema" su canale cinque hanno parlato appunto di remake, quindi è tutto corretto.
  • Discussione Markus • 19/10/13 11:01
    Scrivano - 4805 interventi
    Personalmente il film l'ho trovato sotto le mie aspettative.
  • Discussione Galbo • 9/02/14 18:42
    Consigliere massimo - 3802 interventi
    @Daniela
    Continuiamo a vedere gli stessi film; questo l'ho trovato mediocre ma mi aspettavo di peggio....
  • Discussione Daniela • 9/02/14 20:59
    Gran Burattinaio - 5356 interventi
    in effetti ieri sera ho visto sole a catinelle e aspirante vedovo al confronto non è malaccio
  • Curiosità Mauro • 2/11/14 09:14
    Disoccupato - 9712 interventi
    L'azienda con la quale stava trattando Susanna Almiraghi prima della sua "scomparsa" si chiama Promoject, esattamente come l'azienda dove lavora Franz (Francesco Villa) in Mi fido di te (2006). I due film hanno in comune il regista (Massimo Venier), mentre in questo recita il collega di palcoscenico di Franz, Ale (Alessandro Besentini).