Arrivano i russi, arrivano i russi

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Un sommergibile russo in panne finisce con l'incagliarsi sulle coste dell'immaginaria Gloucester Island, nel Massachusetts (o almeno così si direbbe, osservando una piantina nella casa di un'anziana del posto). Gli occupanti, un manipolo di nove soldati capitanati dal luogotenente Rozanov, sbarcano sull'isola ed entrano nella casa della famiglia Whittaker chiedendo informazioni (il padre è Carl Reiner, che l'anno dopo comincerà la sua soddisfacente avventura da regista col cult ENTER LAUGHING). Cercheranno poi di trovare delle barche per tornare a riparare il sommergibile ma si scontreranno con l'ovvia diffidenza degli abitanti, i quali in breve diffonderanno la voce, destinata ad ingigantirsi col passaparola, che i russi sono sbarcati sull'isola....Leggi tutto Il panico generalizzato per un nemico che in realtà quasi nessuno ha visto coinvolge anche le forze dell'ordine, rappresentate però da un capo della polizia (Keith) che ha compreso quanto si stia inutilmente esagerando. Vallo però a far capire a quegli esagitati che gridano all'invasione... In piena guerra fredda una commedia di distensione, un po' ingenua in molte sue parti ma valorizzata dalla bella interpretazione di Arkin (candidato all'Oscar vinto poi dal Paul Scofield di UN UOMO PER TUTTE LE STAGIONI), apprezzabile soprattutto in lingua originale per il suo inglese indurito dall'accento russo. Meno riuscite le scene corali invece, o i battibecchi sempre uguali tra forze dell'ordine e cittadini inferociti che si muovono in gruppo per combattere la minaccia invisibile. La durata eccessiva, che arriva alle due ore, è il danno maggiore arrecato a un film che avrebbe meritato maggior concisione, comunque magnifico dal punto di vista scenografico (il cinemascope, i campi lunghi, la splendida fotografia), non privo di momenti argutamente spiritosi e che ha il gran merito di aver svelato il talento di Alan Arkin, qui all'esordio su grande schermo dopo un corto e una partecipazione non accreditata. Stucchevole la love story quasi muta tra la ragazza (Dromm) e il più piacente dei russi (Law), patetica la conclusione col salvataggio del bambino caduto dal campanile. Sembra davvero che manchi la capacità di saper tagliare dove serve, e il fatto che il montaggio di Hashby e Wlliams fosse candidato all'Oscar assieme alla regia di Jewison fa pensare. D'accordo che erano altri tempi... Una commedia corale tipicamente Anni Sessanta, quasi di transizione tra il totale disimpegno di QUESTO PAZZO, PAZZO, PAZZO, PAZZO MONDO e le ambizioni più alte di lavori come COMMA 22.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO INSERITO IL GIORNO 22/12/15 DAL DAVINOTTI

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Zender • 30/12/15 17:21
    Consigliere - 43500 interventi
    L'immaginaria Gloucester island dove si arena il sommergibile russo non viene detto dove sarebbe, nel film, ma una cartina ben inquadrata (chiaramente apposta) in casa di una vecchina ci fa capire che siamo nel Massachusetts. Con la A ho indicato la leggendaria isola di Martha's Vineyard, location reale del film Lo squalo:

  • Homevideo Buiomega71 • 1/12/19 13:59
    Pianificazione e progetti - 21885 interventi
    In dvd per A & R Productions, disponibile dal 06/12/2019