Arac attack - Mostri a otto zampe

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Eight Legged Freaks
Anno: 2002
Genere: animali assassini (colore)
Note: Aka "Arac-attack, mostri a 8 zampe", ma non "Arak attack".
Numero commenti presenti: 17
Papiro: elettronico

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

La nuova frontiera degli effetti speciali digitali ha aperto la strada a un genere che era rimasto in letargo per molti anni. Così, con ritmo incessante, abbiamo rivisto squali, serpenti, alligatori, pipistrelli e quant’altro diventare aggressivi e attaccare l'uomo. Nella stragrande maggioranza dei casi si tratta di cinema elementare, in cui la sceneggiatura e la regia sono assolutamente secondarie rispetto all'impatto degli effetti speciali. ARAC-ATTACK ne è la dimostrazione: una storia puerile riciclata dalle mille già proposte sul tema, dove ci sono la poliziotta eroica (Kari Wuhrer), il pretendente timido (David Arquette), il bambino saputello, i rifiuti tossici che provocano la mutazione genetica, l'assedio e il gran finale pirotecnico....Leggi tutto Il relativo fascino della pellicola sta ovviamente tutto nella lotta con i ragni giganteschi, che saltano come pazzi e imbozzolano alcune vittime con le loro ragnatele. Purtroppo, pur risultando ben fatti e a loro modo spaventosi, gli effetti speciali esauriscono presto la loro forza. Il regista Elkayem esagera e popola il set di una quantità impressionante di ragni senza accorgersi di incorrere così nel pericoloso effetto saturazione. In fondo visto uno visti tutti, quindi continuare a mostrare decine di mostri in ogni scena porta il film a una ripetitività sfibrante. Soprattutto perché il tentativo di rendere vagamente spiritosi i personaggi è patetico. Di fronte a dialoghi tanto insipidi, a battute tanto scontate, c'è da mettersi le mani nei capelli. Non si scorge un briciolo di buona volontà da parte degli autori nel voler proporre almeno un'idea nuova. Veniamo bombardati da grida disperate, musica tonitruante e scenette ridicole all'insegna del banale. La noia sopraggiunge presto inevitabile, tanto sappiamo bene tutti come andrà a finire l'attacco.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Lercio 19/06/07 19:53 - 232 commenti

I gusti di Lercio

Talmente folle e delirante e con effetti speciali talmente improbabili che una serata a suon di birra e rumori corporali la può anche assecondare. Raggiunge la mediocrità essendo continuamente sopra le righe e ricreando, seppur in maniera aprossimativa, alcuni momenti di tensione/comicità. I ragni sono degli stupidi pupazzoni in cgi.

Puppigallo 28/06/07 11:54 - 4552 commenti

I gusti di Puppigallo

Già il genere animali assassini (a parte i fans e il sottoscritto) non gode di grandi favori da parte della critica. Se poi compaiono pellicole come questa, che la mia nipotina avrebbe certamente definito “Stupidina”, come fece dopo aver visto i Teletubbies, allora è proprio un volersi dare la zappa sui piedi. Una scemenza con attori mediocri, computer grafica sprecata (persino di buon livello), comicità da latte alle ginocchia e scene buttate via. A un certo punto, ci si assuefa persino ai ragni (così tanti che finiscono per stufare).
MEMORABILE: Il pappagallo ripete "Vedo la gente morta". E il padrone "Gli piace quel film"; I ragni saltatori.

Mascherato 17/04/08 11:40 - 583 commenti

I gusti di Mascherato

"Arac Attack" è un nostalgico omaggio alla fantascienza anni '50 (quella degli animaloni). Lo dimostra il fatto che, come non succede al cinema ormai da tempo, la contaminazione avviene con le vecchie care scorie radioattive cadute da un camion, cui vanno ad abbeverarsi gli aracnidi. In tal senso è addirittura meglio delle pellicole che Roland Emmerich (qui produttore) dirige (tronfie e retoriche). Chi ha acquistato il Dvd ha la possibilità di vedere il cortometraggio di Ellory Elkayem che ha convinto l'accoppiata Emmerich/Devlin a produrlo.

Galbo 9/04/08 15:54 - 11523 commenti

I gusti di Galbo

Film che appare come un dichiarato omaggio al cinema fantascientifico americano di serie B degli anni 50/60 e pertanto assolutamente disimpegnato e d'evasione con un alto tasso di improbabilità a partire dalle premesse e dallo svolgimento della trama. Purtroppo manca spesso la necessaria auto-ironia che risulta essere il sale di pellicole di questo genere con il risultato di uno spettacolo sovente noioso e nemmeno impeccabile dal punto di vista tecnico. Ibrido mal riuscito.

Hackett 8/06/08 16:39 - 1786 commenti

I gusti di Hackett

Dopo il buon Aracnofobia ci si poteva decisamente aspettare qualcosa di meglio. Arac Attack invece fa in modo che a prendere il sopravvento siano solo gli effettacci e l'esagerazione, concedendosi scene pacchiane in cui ragni enormi e poco credibili si contendono la scena come in un incontro di wrestling. Il regista vorrebbe tanto essere in un film di fantascenza anni '50, ma non riesce a ricreare il fascino dei film di quegli anni. Alla fine, considerando anche la piattezza del cast, l'unica tela in cui si cade è quella della noia.

Stubby 28/09/08 15:29 - 1147 commenti

I gusti di Stubby

Film piuttosto noioso ed a tratti pessimo: dopo poco si è invogliati a lasciar perdere. Vano tentativo di riportare alla luce il genere dei B-Movies che tanto era in voga nei 50/60, ma purtroppo il risultato è disastroso. Quando si dice: "qui non si cava un ragno dal buco"... Passare oltre.

Pigro 8/11/08 10:06 - 8105 commenti

I gusti di Pigro

Ragni diventati giganti per colpa della radioattività invadono una cittadina americana seminando la distruzione. Divertito omaggio ai b-movie degli anni 50 con improbabili insettoni in libera uscita, il film cerca di riprendere quel clima e contemporaneamente lo rilegge ironicamente, immergendosi in un frullato di fantascienza, terrore, splatter e comicità. Il mix non riesce perfettamente, nonostante la partecipata adesione degli attori e il rigore folle della storia, ma regala qua e là qualche spunto simpatico.

Ciavazzaro 24/02/09 16:27 - 4768 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Altro film con ragnoni giganti fuori tempo massimo. Deludente, con effetti speciali non sempre all'altezza. La scena in cui i ragni entrano in città o quelle ambientate nel centro commerciale non hanno la tensione che dovrebbero. Si tenta di rendere omaggio a un certo genere di film, ma la realizzazione è penosa.

Mco 18/05/09 01:28 - 2164 commenti

I gusti di Mco

Chiara riproposizione di temi cari al fantastico anni '50, con intervalli di umorismo in un contesto terrifico (o quasi)... Certamente i ragnoni che emettono suoni oserei dire "umani" portano a non prendersi troppo sul serio, ma forse lo scopo di pellicole di tal guisa è proprio questo. Nulla di trascendentale ma sicuramente vedibile e, in alcuni tratti, divertente.

Remen51 10/03/10 01:02 - 39 commenti

I gusti di Remen51

Non è speciale, ma meglio di Aracnofobia! Assomiglia alla lontana a Tarantula, impeccabile film B/N del 1955. La trama è scontata: ragni diventati enormi per via dell'inquinamento. Tutto per colpa di una lepre. È la riedizione horror dell'"effetto farfalla" di Lorenz. I ragni sono credibili, vogliono solo mangiare e farsi belli agli occhi delle femmine. Grande pregio del film è la presenza di una giovanissima Scarlett Johansson e della sua strepitosa mamma-sceriffa Kari Wuhrer. Anche il ragazzino è bravo. Gli altri attori insipidi.
MEMORABILE: "È la sceriffa più sexy che abbia mai visto; secondo voi indossa il tanga?" chiede uno dei ragazzi multati.

Scarlett Johansson HA RECITATO ANCHE IN...

Greymouser 2/05/10 01:19 - 1458 commenti

I gusti di Greymouser

Divertente omaggio ai sani vecchi b-movie di una volta, "Arac attack" non pretende di essere un film di profonde riflessioni, ma trovo che sia realizzato e sviluppato bene, con effetti visuali non eccelsi ma funzionali alle esigenze della storia. Il regista piazza qualche scena di impatto giustamente disgustosa (il vecchio che aspira i ragni con la bocca da una pompa, ugh...), e nel complesso se la cava bene col budget non eccezionale che aveva a disposizione. Passatempo simpatico, niente di più ma niente di meno.

Daniela 3/08/10 15:36 - 9847 commenti

I gusti di Daniela

Quello che rende simpatico ed apprezzabile un filmetto come Arac-Attack è il suo spudorato ma anche onesto rifarsi a un certo tipo di film anni cinquanta, senza troppe implicazioni e senza spendere cifre superiori a quelle del PIL di molti stati africani. Promette solo un divertimento scacciapensieri, condito da qualche brivido di disgusto, e mantiene quel che promette. Gli effetti speciali non esaltano ma sono funzionali, come pure Arquette con quell'aria da coglionazzo che si porta dietro da Scream, mentre Kari Wuhrer è proprio bella tosta.

Buiomega71 21/06/11 00:38 - 2329 commenti

I gusti di Buiomega71

Non parte malaccio, con Tom Noonan allevatore di aracnidi e i primi segnali dell'attacco con sparizione di animali domestici (e struzzi!). Qualche gag è pure divertente (il vecchio in poltrona), ma poi sbraga nel finale, stupido, baracconesco e infantile. Elkayem esagera troppo, cita pure L'ululato (la notizia alla radio data per falsa), Zombi (il supermarket) e infine TCM (il tipo con la motosega e maschera da hockey vs ragnoni), mentre i ragnacci emettono gridolini alla Gremlins. Effetti speciali digitali non male, ma il film è una sonora cretinata.
MEMORABILE: Il pappagallo ripete: "Vedo la gente morta" e Tom Noonan: "Adora quel film!"; motocross vs ragnoni saltellanti; la Johansonn imbozzolata da un ragno.

Quietcrash 27/11/13 21:51 - 83 commenti

I gusti di Quietcrash

Film sicuramente non "d'autore", divertente e piacevole, da vedere senza impegno. Riprende il genere invasione di animali tipico dei B movie di 40/50 anni fa. Nonostante la computer grafica i ragni appaiono decisamente finti e talvolta fanno sorridere. Si nota un abbozzo dell'attuale Scarlett Johansson.

Cotola 9/01/17 23:53 - 7703 commenti

I gusti di Cotola

Filmettino a base di ragnogni assassini (ovviamente modificati per colpa dell'inquinamento) senza particolari pretese e che quindi riesce a risultare abbastanza simpatico pur con qualche scemenza. Se ne sono visti a centinaia di film così, ma bisogna dire che tutto sommato non ci si annoia e la visione scorre via veloce fino alla fine. Con un suo perché, soprattutto per chi ama il genere. A posteriori si segnala la presenza di una giovane Scarlett Johansson.

Jurgen77 19/12/16 13:34 - 630 commenti

I gusti di Jurgen77

Tributo alla sci-fi a basso costo degli anni 50 prodotta negli Stati Uniti. Trama improbabile, attori mediocri ma risultato finale comunque discreto (per gli amanti della serie "z"). Certo, gli originali in b/n e in stop motion hanno più fascino, ma tra un pop corn e una Coca-cola ci si può anche divertire...

Anthonyvm 20/06/18 22:25 - 2299 commenti

I gusti di Anthonyvm

Sciocchezza allegra ma abbastanza divertente quando non esagera in umorismo infantile. Fra ragni che fanno versi degni di un gremlin e personaggi inutili che compaiono e muoiono per far scappare la risatina al pubblico, ciò che infastidisce di più è il fatto che i personaggi, anche in situazioni di assurda emergenza (ragni giganti, insomma!) si mettano il casco prima di correre via in moto. Ennesima vittoria del politicamente corretto nel cinema mainstream. Per il resto innocuo intrattenimento all'americana. Per chi si accontenta va benone.
MEMORABILE: L'inseguimento dei ragni saltatori a danno di giovani motociclisti.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Buiomega71 • 21/06/11 11:09
    Pianificazione e progetti - 22303 interventi
    Il filmetto è quello che è, inutile aggiungere altro che non abbia già scritto nel commento. Però una cosa voglio dirla. Più che la paura e i ragnoni, continuavo a pensare alla Kari Wuhrer(madre) e alla Scarlett Johansson(figlia). Ormai i Davinottici da me conosciuti in prima persona, sanno della mia passione al genere "incest". Quindi continuavo a domandarmi, mentre mi guardavo stò filmetto, e certo che se fossi stato in quel ragazzino saccente(e anche un tantino rompicoglioni), dove mi giravano in casa una mamma come la Wuhrer e una sorella come la Johansson(questa sì, vera fantascienza!), di certo , i ragni, sarebbero stati la mia ultissima preoccupazione. Pensate voi, quanto mi ha preso stà piacevole cretinata. E poi dicono che i film non hanno diverse chiavi di lettura...
    Ultima modifica: 21/06/11 11:10 da Buiomega71
  • Discussione Zender • 21/06/11 13:17
    Consigliere - 43949 interventi
    Allora non è stata sta gran scelta mettere le due gnocche, dal momento che monopolizzano l'attenzione. O forse sì, visto che il film mi è parso tutt'altro che riuscito, dal punto di vista della spettacolarità...
  • Discussione Buiomega71 • 21/06/11 13:24
    Pianificazione e progetti - 22303 interventi
    Bhè, Zender, non credo che tutti gli spettatori abbiano una fantasia "malata" come la mia, riguardante l'incesto. Ma io non pensavo ad altro! Anzi, dirò di più, c'è una scena in cui il ragazzino spia la mamma(proprio una gnocca come la Whurer dovevano scegliere per quel ruolo!) in cucina con una telecamera(per poter sgattaiolare fuori, ovvio), ti risparmio dove è andata a finire la mia fantasia...In quanto alla spettacolarità del film, bhè, tutto già visto, rivisto e stravisto, ad nauseam. E poi manca quella cattiveria di fondo, imprescindibile in film del genere. Tolta quella, rimane ben poco effetivamente.
    Ultima modifica: 21/06/11 13:29 da Buiomega71
  • Discussione Buiomega71 • 21/06/11 13:52
    Pianificazione e progetti - 22303 interventi
    Il film ha l'aria(ma solo quella) di quelle pellicole prodotte dalla Amblin di Spielberg negli anni 80. La differenza è che Steven curava con amore quei prodotti, avendo per le mani registi come Joe Dante, Robert Zemeckis, William Dear, Richard Donner e avevano un appiglio godibilissimo e straordinario(non ultimo il bellissimo Aracnofobia del sottovalutato Frank Marshall, giusto per restare in tema). Questo prodotto fracassone del duo di Godzilla, oltre che baracconesco, sembra proprio fuori tempo massimo.
    Ultima modifica: 21/06/11 13:57 da Buiomega71
  • Discussione Greymouser • 21/06/11 15:41
    Call center Davinotti - 561 interventi
    Dico la mia: il film in questione non mi sembra abbia chissà quali pretese, se non quella di voler essere un onesto prodotto di entertainment, per cui mi sembra un po' spropositato sottoporlo a una disamina critica così massacrante. Fra l'altro, nell'ambito dei palesi toni divertiti da commedia, qualche scena cattivella io ce la vedo. Se non c'è cattiveria nella scena in cui un tizio aspira da una pompa una bella boccata di ragni, beh, allora si invoca il sadismo puro...
  • Discussione Buiomega71 • 21/06/11 16:22
    Pianificazione e progetti - 22303 interventi
    Il problema è appunto questo, che NON è onesto. Palesemente messo in piedi per un pubblico di ragazzini(non sfigurerebbe una sua messa in onda in pieno sabato pomeriggio su Italiauno). Il cinismo e la cattiveria che intendo io non è certo un tipo che aspira ragni da una pompa(scena, per altro ridicola), chessò(a paragoni da rasentare l'arresto)potrei citare Gremlins(che non mi sembra un film per "sadici"), sano film per "famiglie" ma con sottofondo piuttosto cinico. In Arac Attack c'è manco questo. Ci sono un pò di scene divertenti, e gli attacchi isolati dei ragnoni all'inizio, fanno ben sperare. Poi tutto si risolve in una baracconata infantile, con uno dei finali più idioti che mente umana possa concepire. Insomma, dopo la visione non lascia nulla, e tra tre giorni finirà nel mio dimenticatoio. Non è esattamente questo che chiedo ad un film, e il mio personale "massacro" , non mi sembra così "spropositato".
    Ultima modifica: 21/06/11 16:23 da Buiomega71
  • Discussione Greymouser • 21/06/11 17:51
    Call center Davinotti - 561 interventi
    Sorry, non mi sono spiegato. Ognumo ha il diritto di massacrare i film che vuole; facevo però notare che - in questo caso - si stava usando una bomba atomica per colpire un moscerino.
    Voglio dire, insomma, che un film può far schifo, ma se è concepito senza prendersi sul serio e con uno scopo così palese di disimpegno cartoonesco (se è fatto per ragazzini, perchè non dovrebbe essere onesto?), non serve neppure scomodare grandi armamentari critici o fare paragoni con regie di tutt'altro spessore come quella di Dante (sono d'accordo con te: Gremlins è un film con la F maiuscola, Arac Attack è una pinzillacchera, però è una pinzillacchera che mi ha divertito: sarò forse deficiente come un ragazzino?)
  • Discussione Buiomega71 • 21/06/11 18:01
    Pianificazione e progetti - 22303 interventi
    Non intendevo certo dire che Arac attack sia un film per bambini deficenti, anzi, e solo un film per ragazzini. Io ho trovato il finale particolarmente idiota , scritto da un bambino da seconda elementare. Questo è solo un parere personalissimo. Sicuramente tanti spettatori si sono divertiti, e il film le sarà piaciuto pure, buon per loro. Io pure mi stavo divertendo(il nonno in poltrona che si guarda un western, e dietro il ragnone che si avventa su di lui, è impagabile), poi è arrivato quel finale demente, è tutto mi è crollato addosso. Posso stare al gioco, ma fino ad un certo punto. Lungi da me anche solo affermare che il film sia per deficenti, il mio era solo un modestissimo punto di vista(grandi armamentari critici a parte).
    Ultima modifica: 21/06/11 18:03 da Buiomega71
  • Discussione Markus • 21/06/11 18:10
    Scrivano - 4806 interventi
    Ricordo il mio sentito approfondimento sui ragni assassini-movies:

    https://www.davinotti.com/articoli/guida-al-cinema-dei-ragni-assassini/245
  • Discussione Buiomega71 • 21/06/11 18:17
    Pianificazione e progetti - 22303 interventi
    Sì, Markus, l'avevo letto tempo fà, e l'ho riletto per vedere cosa avevi scritto su Arac attack. Ottimo speciale, compliments! :)