LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 5/11/07 DAL BENEMERITO HOMESICK
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Homesick 5/11/07 11:42 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Hitchcockiano e intricato. Donen dirige nel suo stile raffinato e multiforme già ammirato in Sciarada, unendo commedia, thrilling, spionaggio, azione, love-story. Le scenografie sono arzigogolate e talora lisergiche; la sceneggiatura arguta e incalzante. Peck recita con molta ironia, alla maniera di Cary Grant, affiancato da una splendida e vivacissima Loren e da un perfidamente mellifluo Badel. Suggestivi i titoli di testa commentati dalle armonie mediorientali di Henry Mancini.
MEMORABILE: Peck, drogato e abbandonato in una strada trafficata, crede di essere un torero nell'arena.

Cotola 14/08/08 04:39 - 7833 commenti

I gusti di Cotola

Doen, come già fatto in "Sciarada" (cui il film assomiglia non poco), si diverte a mescolare commedia, sentimenti, thriller e spy-story e lo fa, come prevedibile, con grande abilità e raffinatezza. Il risultato, però, per quanto gradevole è un gradino inferiore rispetto al film precedente. In ogni caso molto gradevole e divertente. Consigliato soprattutto a chi ha apprezzato anche l'altro. Molto bella e sensuale Sofia Loren.

Ciavazzaro 31/12/08 11:29 - 4769 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Bella spy-story, diretta da Donen, uno specialista. Non male il cast, con Gregory Peck involontario agente segreto, Sophia Loren (di cui ricordo con molto piacere la scena della doccia, nella quale è infilato anche Peck, che cerca di non farsi beccare dal di lei marito). Piacevole.

Belfagor 28/09/10 16:02 - 2635 commenti

I gusti di Belfagor

Raffinata e divertente spy-story, in cui non mancano certo sensualità e intrighi. Il duo di protagonisti Peck-Loren percorre i labirinti di una sceneggiatura coinvolgente, fra eleganti ambientazioni e guizzi d'ironia. Le scenografie e la colonna sonora partecipano alla creazione di una pellicola artefatta ma interessante, in pieno stile anni '60, che non ha nulla da invidiare ad un'avventura firmata da Ian Fleming.

124c 19/03/10 12:25 - 2803 commenti

I gusti di 124c

Gregory Peck non ha la faccia di Sean Connery però, in "Arabesque", è coinvolto in un intrigo spionistico degno dell'agente segreto inglese James Bond. Al suo fianco una bellissima e focosa Sofia Loren, che non si sa davvero da che parte stia. Un film di spionaggio anni 60 molto ben realizzato, che ha in Sofia Loren la sua attrattiva più bella. Notevole e sexy la scena dove si cambia di continuo le scarpe, davanti al cattivo dagli occhiali neri. Peck è bravo e si diverte ad autoironizzarsi.

Galbo 25/05/11 07:09 - 11589 commenti

I gusti di Galbo

Commedia dalle tinte giallo-rosa. La trama è piuttosto ingarbugliata e a tratti poco comprensibile, ma quello che importa sono le atmosfere sofisticate ideali per il genere, il ritmo sostenuto da un grande professionista come Stanley Donen (il quale non a caso eccelle nella commedia musicale) e l'ottima prova di un cast (Peck su tutti) in stato di grazia.

Stefania 27/05/11 20:45 - 1600 commenti

I gusti di Stefania

Altra sciarada da decifrare, ma mentre nel precedente film di Donen l'elemento di ambiguità (e quindi di suspence) si incarnava nell'elemento maschile della coppia di protagonisti (cioè nel personaggio di Cary Grant), qui si sposta nell'elemento femminile (l'irresistibile sfinge Sophia Loren). Emanazione diretta del mistery-spionistico hitchcockiano, il film si pregia di un villain esotico e sinistro (Badel), di un Gregory Peck austero e serioso che sa diventare deliziosamente assurdo, di uno sfondo londinese aristo-pop movimentato e luminoso. Ardimentoso, spruzzato di carezzevole romanticismo.

Lucius 2/10/11 17:44 - 2907 commenti

I gusti di Lucius

Parte tutto con grande mistero grazie ad un geroglifico da decifrare per un magnate del petrolio, per virare successivamente nella spy-story più arguta. Interpreti azzeccati e motivati, forse troppa azione e troppa carne al fuoco per una pellicola che predilige l'azione e l'ironia alla suspence e alle aspettative che un incipit del genere richiedeva. Godibile.

Il Gobbo 4/07/12 10:00 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

Nuova incursione di Donen nello spy/thriller rosa, un po' lambiccato come da promessa del titolo, che paga pegno al cambiamento di cast: con tutta la stima per Peck e il patriottismo per la Loren (bellissima), Grant e Audrey erano di altra categoria. L'elemento vincente - almeno per gli aficionados - è però la confezione, all'insegna dello stile pop-psichedelico trionfante al tempo, e utilizzato generosamente con esiti a tratti barocchi. Grandi voci italiane (Rinaldi, Savagnone salva-Loren, Turi, Lionello)
MEMORABILE: La scena ultra-fetish delle scarpe, l'acquario.

Almicione 22/11/15 18:01 - 765 commenti

I gusti di Almicione

Donen è sempre stato un ottimo regista, sobriamente innovativo nella tradizione inglese e lo dimostra fin dalle primissime scene dove la nostra vista si confonde fra colori e rimandi visivi estasianti. Con alle spalle una lodevole fotografia e le giuste musiche, la pellicola svela continui doppi giochi, travestimenti e inganni in una matassa spionaggistica che purtroppo si perde talvolta lo spettatore. Non so quanto possa risultare positiva la presenza dei due bravi protagonisti che, naturalmente, travalicano i limiti del genere.

Kieron Moore HA RECITATO ANCHE IN...

Fauno 31/03/16 00:08 - 1986 commenti

I gusti di Fauno

Molto interessante ciò che si nasconde dietro il geroglifico e grandioso è il colpo di scena delle controfigure; l'azione non manca mai, le accelerazioni di ritmo si sentono. Il limite è dato dalla difficoltà di capire tutto al volo, anche perché certi personaggi san fingere talmente bene che si rimane buggerati. Va bene che c'è chi se l'augurerebbe spesso un siffatto film, ma alla fine diventa estenuante da seguire. Fra i cattivi ce n'è uno con una classe cristallina e quasi mistica, mentre l'altro è più prestante fisicamente ma anche più bestiale.
MEMORABILE: Il massaggio dei piedi alla Loren è da 110 e lode; Il lancio della scala quasi trash.

Daniela 28/07/16 11:42 - 10206 commenti

I gusti di Daniela

Esperto di lingue antiche, assunto da un ricco uomo d'affari per decifrare un geroglifico, si trova implicato in un complotto volto ad assassinare un politico arabo. Il regista è lo stesso dell'ottimo Sciarada di pochi anni prima e simile è anche il genere giallo/rosa con trama ingarbugliatissima in cui le scene d'azione si intrecciano alle schermaglie amorose. Anche qui Donen dimostra di saper dosare bene gli ingredienti ma la coppia Peck-Loren non è all'altezza di quella Grant-Hepburn per cui il risultato, pur gradevole, è meno brillante.
MEMORABILE: L'enorme cappello bianco indossato da Loren alle corse; La sequenza nel cantiere

Nicola81 17/02/17 18:26 - 2108 commenti

I gusti di Nicola81

Divertente e incalzante spy story incentrata sul solito uomo qualunque che si ritrova catapultato in un pericoloso complotto. Donen ripropone la formula già sperimentata con successo in Sciarada, inserendo però meno momenti leggeri e privilegiando maggiormente la complessità dell'intreccio, senz'altro più impegnativo da seguire ma anche più stimolante. Peck e la Loren, sulla cui alchimia ero piuttosto scettico, duettano invece che è un piacere; forse mancano degli antagonisti al loro livello. Sempre calzanti le musiche di Henry Mancini.

Puppigallo 20/11/18 10:56 - 4592 commenti

I gusti di Puppigallo

Simpatica commedia spionistica, dove a farla da padroni sono i due affiatati protagonisti (devono essersi divertiti parecchio) e il cattivo di turno, con sgherri maldestri e un falco in grado di infliggere punizioni a comando, sfregiando. La sceneggiatura è solo un pretesto per far capitare di tutto al professore e alla bugiarda da competizione; e le varie scene, d'inseguimento e tentativo di scampare alla morte, sono piacevolmente esagerate (la gru, in versione spaccatutto e sedia elettrica). Nel suo genere, riuscito.
MEMORABILE: Nella doccia; L'inseguimento allo zoo; "Segua quella macchina!". E il tassista "Da tempo aspettavo che qualcuno me lo chiedesse"; L'ideogramma svelato

Festo! 4/09/18 10:22 - 83 commenti

I gusti di Festo!

Sciarada era un capolavoro e i capolavori sono difficilmente eguagliabili: Stanley Donen ci prova comunque e ne viene fuori un film di ottima qualità. Gli attori hanno un'ottima intesa e la sceneggiatura è buona (un po' affrettata sul finale), tuttavia in alcuni passaggi risulta contorta e difficilmente comprensibile; inoltre (e purtroppo) il fattore commedia viene drasticamente ridimensionato, a favore dell'azione. Ottima la colonna sonora. Come già detto, sfigura dinnanzi al predecessore, ma è davvero un bel film.
MEMORABILE: I titoli iniziali; La soluzione dell'enigma del biglietto; La "confessione" di Sophia Loren sulle scale mobili; Il finale dei due in barca.

Rocchiola 13/11/20 08:17 - 898 commenti

I gusti di Rocchiola

Giallo-rosa ironico e ritmato. Donen replica le atmosfere hitchockiane di Sciarada un po' come Hawks fece con Un dollaro d’onore e El Dorado. Due film similari in cui il modello resta comunque superiore alla copia, vuoi per una trama meno ingarbugliata, vuoi per la coppia Peck-Loren meno raffinata e sarcastica dell’originale Grant-Hepburn. Ma ci si diverte anche qui con alcune trovate stile pop-art in Technicolor ricche di inquadrature sghembe e specchi deformanti. L’azione non manca, sottolineata dall’intrigante score di Henry Mancini. Belli anche i titoli di testi in stile optical.
MEMORABILE: L'iniziale visita dal finto oculista; L'inseguimento nello zoo; "Ogni tanto ci vuole un piccolo rapimento sono cose che fanno bene alla circolazione".
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Ciavazzaro • 24/10/09 21:38
    Scrivano - 5622 interventi
    Carl Duering nella versione originale del film è doppiato.

    Fonte:Imdb
  • Discussione 124c • 19/03/10 12:30
    Risorse umane - 5164 interventi
    Immagini dal film come trailer, si musica di Henri Mancini.
  • Discussione Ciavazzaro • 20/03/10 11:41
    Scrivano - 5622 interventi
    Buon link,bravo.
  • Musiche Lucius • 23/09/11 11:28
    Scrivano - 8483 interventi
    Direttamente dalla prestigiosa collezione Lucius, il 45 giri italiano di una cover del brano originale:

    Ultima modifica: 18/01/16 21:17 da Lucius
  • Homevideo Buiomega71 • 8/01/15 10:11
    Pianificazione e progetti - 22626 interventi
    In dvd (e BR) per Cult Media, disponibile dal 18/02/2015

    http://www.kultvideo.com/DVD.aspx/23051-Blu-Ray-Arabesque-18-02-Arabesque?__lang=it-IT
  • Homevideo Rocchiola • 13/11/20 08:18
    Call center Davinotti - 1201 interventi
    Disponibile in bluray Cult Media a prezzo ormai scontato sotto i 10 euro. Non so quale master abbiano utilizzato per questa edizione (sul retro compare il marchio dell’inglese ITV che però non mi risulta abbia pubblicato questo film in BD). L’unica versione in HD di questo titolo è quella del BD americano marchiato Universal pertanto presumo abbiano utilizzato questo master. In ogni caso il video panoramico 2.35 è ottimo, molto pulito con il grano quasi impercettibile, mediamente dettagliato anche se con qualche morbidezza che toglie un pò di definizione e dai colori equilibrati e vivi. Visionato sul mio schermo ambilight da 55” ha fatto una gran bella figura malgrado alcune recensioni non proprio entusiastiche. L’audio italiano dolby 2.0 offre una buona potenza e chiarezza.
    Ultima modifica: 13/11/20 08:26 da Zender