Anime gemelle

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Puppigallo 3/05/07 14:56 - 4545 commenti

I gusti di Puppigallo

Steve Martin e Charles Grodin sono molto bravi in questa commedia pseudo-sentimentale, ogni tanto surreale, girata con un certo stile e disseminata, soprattutto nella prima metà, di gag divertenti (i bigliettini, Raul, il quartiere “poco” raccomandabile, i consigli di Charles, festa con sagome, la pupù, “ciccia al culo”). Dà un po’ l’idea della Strana coppia, anche se a distanza (amici, ma ognun per sè). Ciò che accadrà a uno dei due risolleverà la seconda parte, comunque inferiore. Qua e là un po’ troppo caricaturale, ma buono.
MEMORABILE: Bigliettino d'auguri: "Tanti auguri nonnetto, tanti auguri appassionati, e se crepi tra un annetto, tanti auguri anticipati".

Daniela 30/05/11 07:50 - 9829 commenti

I gusti di Daniela

Improvvisamente ritrovatosi single, Martin, scrittore di frasi per biglietti augurali, cerca una nuova anima gemella, ma sarà dura... Per sua fortuna, Grodin, altro single cronico sempre sull'orlo del suicidio, saprà dispensargli buoni consigli per sopravvivere alla solitudine in una grande città. Ottima coppia di interpreti per una commedia brillante, spassosissima nella prima parte, mentre nella seconda tende a sbracare nel grottesco, anche se è gustosa la citazione del Laureato nel finale. Per una serata in allegria, 3 +
MEMORABILE: Il sudore spray, la festa con le sagome, il cane da riporto

Zender 16/06/14 16:22 - 287 commenti

I gusti di Zender

Arthur Hiller sbeffeggia la figura dell'uomo solo nella solitudine metropolitana (New York) imboccando la strada dell'iperbole soft offertagli dall'arguto script di Neil Simon. Se Martin è un ottimo protagonista, la “spalla” Grodin è persino meglio: ruba la scena incarnando perfettamente il ruolo del “lonely guy” in perenne depressione. Eccellenti gag qua e là che funzionano anche quando incrociano decisamente il grottesco, un po' penalizzate semmai dal ritmo sonnolento e da una seconda parte molto più debole (subentra l'amore) della prima (sagace accumulo di sketch).
MEMORABILE: Martin cerca di imparare l'arte della prestidigitazione e fa un gioco di carte a Grodin: deve indovinare la carta presa nel mazzo dall'amico ma...

Arthur Hiller HA DIRETTO ANCHE...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Zender • 18/09/17 19:55
    Consigliere - 43929 interventi
    Dalla collezione "Sorprese d'epoca Zender" il flano del film: