Lo trovi su

Volti del cinema italiano nel cast VOLTI ITALIANI NEL CAST Volti del cinema italiano nel cast

LE LOCATIONLE LOCATION

L'IMPRESSIONE DI MMJ

Incredibilmente rozzo, sfacciata operazione di riciclaggio da decine di altri film, ANCHE SE E' AMORE NON SI VEDE (pessima la scelta del titolo, difficile da ricordare) punta decisamente al comico accantonando quasi subito ogni sorta di ambizione, cavalcando le iperboli e precipitando sovente nel baratro dell'eccesso. La lagnosità di Picone, fidanzato da otto anni con Ambra a cui dedica ogni tenerezza immaginabile riempiendo la casa di cuori e fotografie di loro due abbracciati (ottenendo il chiaro "effetto Magda" di BIANCO ROSSO E VERDONE, con tanto di dichiarata citazione) è un'unica gag stirata all'inverosimile, un diluvio di zucchero da cui uscirne ancor più disgustati...Leggi tutto della destinataria di tali attenzioni. Per fortuna che il sano cinismo di Ficarra ci riporta alla realtà dimostrandoci quanto soprattutto in questo film il vero motore comico sia indubbiamente lui, con Picone a fare da spalla tra un pianto e l'altro dopo aver scoperto che Ambra ha intenzione di lasciarlo (l'ennesima festa a sorpresa è solo la goccia che fa traboccare il vaso). Per fortuna Ficarra è in gran forma, forse al meglio delle sue possibilità, s'impossessa di gag spesso abusatissime rivitalizzandole con spunti personali, estro e grande energia. Così il film, palesemente difettoso nella regia e di conseguenza nel ritmo, si rifà nelle accelerazioni improvvise, tra le pieghe di qualche botta e risposta condito dall'espressività e dall'incontenibile dinamismo di Ficarra. Poi certo, tocca accettare qualche momento imbarazzante (le telefonate in bus dei due disperati abbandonati), ma che va in qualche modo controbilanciato da trovate buffe e insolite come quella del matrimonio sul lago destinato a traformarsi in rissa con scazzottate (nobilitate dalla presenza di Sal Borgese, per anni il bersaglio preferito dei pugni di Spencer e Hill). L'intreccio sentimentale è piuttosto contorto: lui ama lei, lei vuole lasciarlo ma non ha il coraggio di dirglielo e chiede all'altro di prepararle il terreno per l'annuncio. Intanto arriva l'amica di lei che si scopre innamorata dell'altro e chiede a lui di intercedere. Gioco di sotterfugi ed equivoci, ma il tutto in un clima da pochade arruffata e decisamente modesta (si pensi alla figura della biondona americana da sedurre in ogni modo sfruttando il suo dichiarato amore per l'Africa). Ficarra e Picone insomma non si vergognano a mostrare quanto stiano attingendo al repertorio popolare, alle gag da avanspettacolo, ai luoghi comuni sui quali da decenni si fonda il nostro cinema comico quando è in debito d'ossigeno. E nel farlo non ne possono che dare un'interpretazione non troppo diversa dalle precedenti, risultando inevitabilmente - a tratti - patetici e salendo infinite volte sopra le righe. Eppure qualche sana risata ci scappa, al punto che questa potrebbe anche considerarsi l'opera più spassosa, nella non nutrita filmografia della coppia siciliana. Pretestuoso l'aggancio allo sport "sfigato" per eccellenza (il curling), già abbondantemente deriso dai media nazionali in occasione delle olimpiadi, mentre colpisce l'ambientazione in una Torino sulla quale sembra splendere un sole da far concorrenza a quello di Napoli.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO INSERITO IL GIORNO 26/11/11 DAL DAVINOTTI
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Markus 27/11/11 12:43 - 3540 commenti

I gusti di Markus

La vicenda non è nulla di che e attinge ad altri film mischiandoli come un potpourri ad uso e consumo dei due comici siculi che, tutto sommato, mi hanno convinto perché in definitiva la pellicola gode di buon ritmo e del divertente evolversi degli eventi (spesso caricaturali, ma efficaci). Intrecci sentimentali un po' abbozzati ma goderecci perché sfruttati sotto forma di nostrana pochade degli equivoci. Esterni a Torino (ma la città conta poco, poiché risulta solo come una silente cornice).

Puppigallo 29/11/11 13:48 - 4930 commenti

I gusti di Puppigallo

La commedia italiana continua a boccheggiare riproponendo sempre le stesse cose, gli stessi argomenti (lui, l'amico, lei, l'altro...); e se non fosse per un Ficarra in buona forma, anche qui ci sarebbe ben poco da salvare. Se non altro, la prima metà scorre via abbastanza fluidamente, con qua e là qualche momento genuinamente simpatico. Nella seconda però, tutto diventa scontato e il concetto viene ripetuto fino allo sfinimento, con gag che via via perdono di efficacia, fino ad arrivare alla pagliacciata finale (dalla cerimonia in poi). Vedibile e nulla più.
MEMORABILE: Picone: "Ho visto un bell'orso di peluche a grandezza naturale". E Ficarra: "Così i pupazzi in casa diventano due".

Galbo 5/12/11 07:06 - 11932 commenti

I gusti di Galbo

Ficarra e Picone sono bravi e questo è un buon punto di partenza; la loro avventura cinematografica però, non rende loro completa giustizia. Anche se è amore non si vede è un film divertente ma rappresenta un passo indietro rispetto alla loro prova precedente: la sceneggiatura zoppica ampiamente e le gag piacevoli si alternano a momenti eccessivamente "stiracchiati" (quello della telefonata in autobus ad esempio). Dalla loro i due comici siciliani hanno una recitazione piacevolmente naif e surreale che è totalmente scevra da volgarità.

Dengus 7/12/11 09:24 - 361 commenti

I gusti di Dengus

Nella pochezza cinematografica odierna, Ficarra & Picone li salvo spesso e volentieri, almeno per la loro simpatia sicula. La storia non è proprio il massimo, anzi a tratti è troppo favolistica ed assurda (la rissa finale e la scena del bus bloccato rasentano l'assurdo), in una Torino mai grigia e senza smog (bah)! Forse è proprio per questo che potrebbe anche piacere, almeno per rilassarsi un paio d'ore. Sempre più convincente Ambra ed efficaci la Zacharias e la Fleri; da segnalare il ritorno di Borgese ed un buon Esposito. Chi si accontenta gode!
MEMORABILE: I gadget che Valentino regala alla moglie; L'omaggio a Magda di Bianco Rosso e Verdone.

Daniela 22/03/12 09:09 - 11775 commenti

I gusti di Daniela

Nella solatia Torino (sic), le avventure e disavventure sentimentali di due amici, il piagnone Picone che asfissia di attenzioni la fidanzata fino all'esasperazione, ed l'estroverso Ficarra che per inseguire belle straniere non si accorge del vero amore a portata di mano... Commediola senza lode (il plot è assai banale, quasi tutte le gags stiracchiate) ma pure senza infamia, che manifestamente si rifà alla più facile comicità verdoniana. Certo che Ficarra, con quella sua faccia edoardiana da affamato cronico, potrebbe fare molto di più, ma ci si può accontentare.

T.garufi 23/08/12 16:33 - 17 commenti

I gusti di T.garufi

Siciliani che portano in una Torino di oggi la sicilianità pura e senza volgarità. Notevole squarcio di realtà giovanile vissuta sul grande schermo. Amicizia può diventare Amore? Cos'è amicizia e cos'è amore? Bella regia, attori di qualità, Diana Fleri e la sua erre moscia convincono. Da vedere e chiacchierare!
MEMORABILE: In Sicilia non si dorme per le scimmie...

Nando 3/10/12 08:50 - 3670 commenti

I gusti di Nando

Commediola abbastanza scontata in cui la comicità surreale del duo siciliano propende verso la pochade insulsa e ricca di situazioni non propriamente originali. Discreta l'ambientazione sabauda, le schermaglie d'amore però appaiono fiacche e la baracconata della rissa finale rasenta il trash.

Mco 9/10/12 16:07 - 2263 commenti

I gusti di Mco

Il duo è più che altro conosciuto per i suoi numeri da avanspettacolo e meno per le prestazioni attoriali. Ma qui i due comici siciliani fanno centro con un'esplosione di simpatia e bravura (Ficarra in alcuni frangenti ricorda il grande Franchi) in un ritratto di coppie, amori, incomprensioni e fraintendimenti. Ambra è sempre imbronciata mentre la Fleri è deliziosa con il suo parlare "francese" e la sua genuinità manifesta. Bellissimi gli scorci della regal Torino.

Piero68 18/10/13 09:07 - 2889 commenti

I gusti di Piero68

La forza di questo duo è la loro mimica facciale che a tratti diventa irresistibile. La faccia da deficiente che riesce a fare Picone non ha quasi eguali in Italia. Ma tolto questo il film purtroppo zoppica e vive troppo di citazioni. Un passo sicuramente indietro rispetto ad altri lavori dove almeno la sceneggiatura risultava essere più originale. Grande merito comunque al fatto che sono tra i pochi oggi a riuscire a fare comicità senza essere volgari. Cast di contorno funzionale ma non sempre all'altezza. Si ridacchia ma senza acuti.
MEMORABILE: La faccia estasiata (o da fesso) e le mosse di Valentino mentre balla in disco con Natascia; Il tutto in ralenti.

Gabrius79 20/01/14 00:44 - 1336 commenti

I gusti di Gabrius79

Ficarra e Picone sono i protagonisti di questa commedia degli equivoci non particolarmente riuscita e ricca di momenti riciclati. Senza dubbio Ficarra è quello che regge meglio la sceneggiatura grazie a un certo cinismo di sottofondo, però le risate sono poche e lo sbadiglio è inevitabilmente in agguato. Sufficiente la Angiolini (che ha fatto di meglio).

Diane Fleri HA RECITATO ANCHE IN...

Toporosso 16/10/15 14:35 - 77 commenti

I gusti di Toporosso

Ovvero la pochade secondo Ficarra & Picone. Ovvero cimentarsi con un obiettivo di molto superiore alle proprie possibilità. Per carità, la commedia risulta a tratti gradevole, non è mai volgare, il divertimento non manca. Tuttavia, senza scomodare Feydeau o "Molto rumore per nulla" di Shakespeare, tante commedie degli equivoci del cinema Usa anni '60 erano di tutt'altra categoria. Sceneggiatura e regia qui abbandonano la sacrosanta punta di cinismo dei film precedenti del duo per annegare in un buonismo telesivo scoraggiante. Cast sufficiente.
MEMORABILE: Una Torino estiva e solatia del tutto priva di piemontesi... Bah.

Pessoa 3/11/16 22:59 - 2360 commenti

I gusti di Pessoa

Giocare fuori casa evidentemente non giova ai bravi Ficarra e Picone, che queasta volta si cimentano in una storia già vista molte volte. Ma cavare un film da uno striminzito canovaccio son cose da Totò o giù di li, con tutto il rispetto per i due bravi attori siciliani, cui l'operazione riesce solo a metà; vale a dire la metà di Salvatore Ficarra, che azzecca diverse battute al fulmicotone, mentre Picone è troppo uguale alla sua maschera. Perfetta nel ruolo la Angiolini, che si conferma attrice di grande talento, fra le migliori in Italia.
MEMORABILE: "Ma qui intorno io vedo solo macerie. Ma che è, l'Italia in miniatura?" (Ficarra durante la deviazione del bus turistico).

Rambo90 16/02/17 17:21 - 7175 commenti

I gusti di Rambo90

Trama ai minimi termini e niente che non si sia già visto in decine di film nostrani vecchi e nuovi. Eppure la spontaneità e la simpatia di Ficarra e Picone conquistano, riuscendo a far sorridere in più di un'occasione e coinvolgendo lo spettatore. Il ritmo non è elevatissimo e la sceneggiatura molto povera, ma tutto sommato si finisce la visione col sorriso. Ambra ottima spalla, così come Eposito, mentre un po' più spaesate risultano la Fleri e la Zacharias. Buona la colonna sonora.

Ultimo 17/02/17 10:08 - 1558 commenti

I gusti di Ultimo

Innocuo film firmato da Ficarra e Picone, costruito su una sceneggiatura stiracchiata e basato quasi interamente sulla tematica dell'amore. La prima parte funziona bene, con Picone fidanzato ossessivo e Ficarra letteralmente perso per una bionda amante dell'Africa; con il passare dei minuti il ritmo cala, cadendo nell'ovvio, pur con un piccolo colpo di scena nel finale. In ogni caso un film tranquillo, con un suo perché, per nulla volgare e da guardare con tutta la famiglia.
MEMORABILE: "E adesso perché due sono amici da 30 anni sono migliori amici?" (Ficarra).

Giacomovie 26/09/17 17:53 - 1379 commenti

I gusti di Giacomovie

Film sempliciotto nel quale non mancano le situazioni stiracchiate che vorrebbero strappare qualche sorriso e le battute palliative. Il duo comico, che qui si cimenta per la prima volta da solo alla regia, alterna film mediocri ad altri migliori; questo è uno dei meno riusciti in quanto gira a vuoto su alcuni "dilemmi" sentimentali (l'amicizia può trasformarsi in amore? L'eccessivo attaccamento al partner può avere lo stesso effetto del disinteresse?). Una certa verve ritmica lo rende comunque scorrevole.

Pinhead80 9/09/18 18:33 - 4334 commenti

I gusti di Pinhead80

La storia è di quelle che si sono viste in centinaia di altri film; qui cambiano soli i protagonisti. Per chi ama il cinema di Ficarra e Picone può anche bastare, ma difficilmente accontenterà gli altri. I due infatti finiscono per dire più o meno sempre le stesse cose e le situazioni evolvono con scarso ritmo. Le presenze femminili non alzano di un millimetro l'asticella della qualità.

Redeyes 7/01/20 07:17 - 2310 commenti

I gusti di Redeyes

In una soleggiata Torino si sviluppano le peripezie dei due amici Salvo e Valentino; al solito al secondo si lascia il ruolo più pacato (ma anche piagnone in questo caso), mentre a Ficarra gli sketch maggiormente sguaiati. La sceneggiatura non brilla per originalità ma, soprattutto grazie alla bravura dei due, il risultato finale è un piacevole divertimento intervallato da gag decisamente azzeccate. Non eccellente ma buono per una serata di relax.
MEMORABILE: Orazio aka Arturo; La gadgettistica da innamorati.

Anthonyvm 26/07/20 18:56 - 4163 commenti

I gusti di Anthonyvm

Commedia romantica leggera e dagli esiti piuttosto prevedibili, che comunque riesce a intrattenere a sufficienza grazie alla simpatia innegabile del duo comico e ad alcune battute ben piazzate. Dopo una godibile partenza con le esagerate smancerie di Picone e l'esasperazione della Angiolini (che sbotta con un paio di "Non ce la faccio più" di verdoniana memoria), gli sviluppi del plot, che si snoda fra più che classici intrichi e malintesi, pur non portando a grosse sorprese si fanno seguire con piacere. Il finale sistema le varie sottotrame in modo un po' grossolano, ma funziona.
MEMORABILE: L'invasione di cuori e cuoricini in casa di Picone; Ficarra cerca di impressionare la Zacharias intonando "Hakuna Matata"; Il rovinoso matrimonio.

Enzus79 10/08/22 23:41 - 2392 commenti

I gusti di Enzus79

Due amici d'infanzia si trovano invischiati in storie d'amore. Classica commedia degli equivoci (qui sono troppi!), purtroppo fiacca. Scontata e zeppa dei soliti stereotipi, che in film del genere non mancano mai. I momenti divertenti sono davvero pochi, si contano sulle dita di una mano. L'Angiolini non convince. Ficarra e Picone meglio davanti la macchina da presa che come sceneggiatori.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Gestarsh99 • 10/03/12 15:07
    Vice capo scrivano - 21124 interventi
    Disponibile in edizione Blu-Ray Disc (+ DVD) dal 18/04/2012 per Medusa Video: