Amori, letti e tradimenti

Media utenti
Anno: 1975
Genere: commedia (colore)
Note: Aka "Amori letti e tradimenti" e "Amore, letti e tradimenti".
Numero commenti presenti: 13

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 20/07/07 DAL BENEMERITO CIAVAZZARO
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Ciavazzaro 20/07/07 11:46 - 4766 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Trashissima commediaccia italiana, alla quale non si capisce come abbiano potuto partecipare due bravi attori come Bologna e la Mell. La recitazione del protagonista Backy, poi, è sconcertante. Il film si trascina fino alla fine con noia. Peccato perché il regista qualcosa di interessante lo aveva fatto.

Stubby 26/06/08 15:08 - 1147 commenti

I gusti di Stubby

Veramente un'impresa riuscire a portare a termine la visione di questa commedia scollacciata. Film noioso, ripetitivo e a tratti imbarazzante con un Don Backy inizialmente divertente ma che con il passare del tempo irrita notevolmente lo spettatore con la sua parlata. Cast comunque di rispetto (soprattutto quello femminile con la Mell, la Longo e la Viviani, nonchè la presenza di Bologna nel suo classico ruolo del commendatore). Film evitabilissimo.
MEMORABILE: La Mell è sempre spettacolare.

Undying 27/10/08 14:48 - 3839 commenti

I gusti di Undying

Invitato da un commendatore nel suo appartamento cittadino, con finalità speculative (accaparrarsi l'appezzamento di terreno) un grèzzo proprietario terriero prende "possesso" delle aggraziate presenze femminili che dimorano nella nobile casata. E, alla fine, una partita a carte lo rende pure ricco. "Contadino dalle scarpe grosse e dal cervello fino": questo il soggetto alla base della commedia diretta, con poca determinazione, da Alfonso Brescia. Sorta di "Stangata" in salsa erotica, che ha dalla sua un ottimo cast e una sceneggiatura nient'affatto scontata.

Homesick 31/03/11 17:56 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Parlando di pastori e ovini, il pecoreccio si gonfia a costante primaria in una commedia dalle vaghe pretese anti-borghesi che Brescia aggiunge al suo eterogeneo curriculum prima dell’incontro con Ippolito e Merola. Qualcosa si salva per merito delle sfide a colpi di smorfie e occhiate tra il villico Don Backy e il “cummenda” Bologna, sebbene la macchina da presa sia molto più attratta da un quartetto di donne particolarmente cinegeniche: la Mell improvvisa uno spogliarello e la Viviani una danza del ventre; la Longo finisce a seni nudi e la Maiolini gioca alla segretaria dai facili costumi.

Daidae 2/05/11 16:51 - 2762 commenti

I gusti di Daidae

Passabile commedia sexy all'italiana. Don Backy non è mai stato un attore eccezionale (tranne che in Cani arrabbiati) ma non se la cava malissimo, mentre il resto del cast non si discute: sensuale la Viviani, sempre bella la Mell e ottimo Bologna. Film che scorre liscio senza pretese eccessive.

Mco 8/05/13 12:11 - 2159 commenti

I gusti di Mco

Fa specie vedere Don Backy protagonista (quasi assoluto) di questa commediola sicuramente minore del cinema bis di casa nostra nelle vesti di un pastore a cui si fa la corte per questioni... terra terra. Il suo insediamento in villa è quasi da comica d'antan, con le continue cadute e i danni procurati, poi si vira verso i più triti momenti di seduzione, qui affidati a un notevole parterre di attrici. Ugo Bologna è un riccastro simpatico e la Mell una moglia bellssima. Seni pochi, eccezion fatta per quelli (di prim'ordine) della Longo.
MEMORABILE: Le partite a scopa.

B. Legnani 26/05/13 00:09 - 4783 commenti

I gusti di B. Legnani

Terrificante commediaccia che vede coinvolto un grande caratterista come Ugo Bologna, nel consueto ruolo del riccastro milanese. Micidiale il personaggio di Don Backy (che ricorda Serafino), quasi quanto le battute del film. Si riesce a reggere fino in fondo (ma è faticosissima la parte della cena) per le venustà della Mell e della Viviani, anche se, alla fine dei conti, le rotondità esibite più interessanti sono quelle della Maiolini (la segretaria). Pessimo.

Motorship 18/06/13 22:24 - 567 commenti

I gusti di Motorship

Commediola scollacciata senza pretese e davvero mediocre. Il film, sebbene abbia qualche momento divertente, ha una storia, e soprattutto una sceneggiatura di un vuoto disarmante e sono le cose che fondamentalmente lo penalizzano. Don Backy alla fine funziona e spesso diverte, Ugo Bologna è sempre molto valido, mentre è da urlo il cast femminile (splendide sia la Mell che la Longo e la Viviani). Non proprio pessimo, ma alla fine con poche cose da salvare.
MEMORABILE: La Mell; Il seno della Longo.

Furetto60 20/09/13 08:27 - 1129 commenti

I gusti di Furetto60

Commedia all’italiana più sul pecoreccio che sexy. Don Backy si diverte (si vede che a volte gli scappa da ridere) a interpretare un contadino dalle scarpe grosse ma dal cervello affinato ed è ben accompagnato da Ugo Bologna. La trama, com’è ovvio attendersi, è scontata, ma l’effetto finale è abbastanza divertente. Non funziona la Mell come femme fatale, ma come impegno nulla da eccepire.
MEMORABILE: La cena!

Panza 6/04/14 17:53 - 1503 commenti

I gusti di Panza

Debilitante farsaccia, uno di quei film che per un'ora e mezza ti svuota a forza di situazioni allungate come una gomma e attori poco brillanti. Don Backy non riesce a essere simpatico accentuando il suo personaggio con una fastidiosa parlata. Bologna almeno è alle prese con un personaggio vecchissimo ma almeno non antipatico. Quando poi nel secondo tempo l'azione si trasferisce alla villa, la situazione - impossibile a credersi viste le gag precedenti - degenera ancora di più con un imbarazzante cameriere omosessuale. Il peggio del peggio.

Herrkinski 19/09/14 04:09 - 5290 commenti

I gusti di Herrkinski

Pecoreccio (è proprio il caso di dirlo, visto il soggetto) anni '70 nel tipico stile dell'epoca, anche se dal tasso erotico molto moderato; siamo principalmente dalle parti della commedia satirica, con una trama basata sulla diceria "contadino, cervello fino", contrapposta alla saccenza della classe borghese, qui rappresentata dal mitico Ugo Bologna. Il film vale la visione solo per lui, essendo uno dei lavori dove compare di più, nonchè per il gineceo d'epoca; Backy con quel doppiaggio ciociaro diventa presto insostenibile e le gag son scarse.
MEMORABILE: La cena; La partita a carte; Gli improperi di Bologna.

Faggi 9/01/18 16:41 - 1508 commenti

I gusti di Faggi

Brescia - vero stregone di film e filmacci di varie risme - consegna alla storia della commedia pecoreccia una pellicola per nulla divertente, che oscilla tra lo snervante (gag e battute a salve o stantìe) e l'esoso (punzecchiature sociali inerti). Bologna è professionale, Mell bella e agente con scioltezza e menefreghismo, Longo e Viviani sensuali e decorative. Il protagonista Don Backy, dall'insopportabile doppiaggio, sarà difficile da reggere anche dagli eroi del trash (e lo stesso dicasi per il prodotto nel suo insieme).

Victorvega 10/11/19 00:03 - 308 commenti

I gusti di Victorvega

Film terribile con una storiellina ina ina tirata per le lunghe. Indifendibile in molti aspetti, è noioso e fondato su banali stereotipi. Don Backy poi, nel suo "pecoraro" con parlata ciociara, è letteralmente insopportabile. Due cose positive: le donne, tutte bellissime e Bologna, al solito bravissimo, che presenta il suo tradizionale cumenda in un ruolo centrale, con largo spazio. Per il resto un film da evitare, visto che tra l'altro non fa nemmeno ridere.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Digital • 14/09/11 20:30
    Segretario - 3058 interventi
    L'otto novembre esce il dvd targato CineKult.
  • Homevideo Geppo • 21/09/11 11:42
    Addetto riparazione hardware - 4018 interventi
    Digital ebbe a dire:
    L'otto novembre esce il dvd targato CineKult.

    Come extra c'è l'intervista a Malisa Longo.
  • Homevideo Dusso • 21/09/11 16:36
    Segretario - 1621 interventi
    Geppo ebbe a dire:
    Digital ebbe a dire:
    L'otto novembre esce il dvd targato CineKult.

    Come extra c'è l'intervista a Malisa Longo.


    Bene,vedro' se acquistarlo il master di questo film che ho da Ab Channel è comunque molto buono
  • Homevideo Ciavazzaro • 21/09/11 20:53
    Scrivano - 5610 interventi
    Il film non mi interessa moltissimo,ma l'intervista alla longo...
  • Homevideo Xtron • 2/02/12 15:23
    Servizio caffè - 1833 interventi
    Il dvd Cinekult ha una durata di 1h36m20s
    Extra: Trailer ed intervista a Malisa Longo

    immagine a 51:54
    Ultima modifica: 21/06/16 21:54 da Xtron
  • Homevideo Dusso • 2/02/12 16:20
    Segretario - 1621 interventi
    Xtron ebbe a dire:
    Il dvd Cinekult ha una durata di 1h36m20s



    CConfermo che è integrale il dvd Cinekult,nel suo genere (commedia sexy con poco budget) mi piace molto questo film,ma mi tengo almeno per ora la copia di Ab Channel che come master è ottima
  • Curiosità Xtron • 13/03/12 20:56
    Servizio caffè - 1833 interventi
    Mentre la cartellonistica e i documenti ufficiali riportano "Amori, letti e tradimenti", sui crediti iniziali del film si legge "Amore, letti e tradimenti".
    Fonte: retro del dvd Cinekult

  • Homevideo Mco • 8/05/13 12:02
    Scrivano - 9687 interventi
    Supporto quello che ha scritto Dusso a proposito di master.
    Il DVD Cinekult è ben fatto ma la versione che passa su Ab Channel ha una resa altrettanto buona.
    Quindi chi non ha particolari velleità collezionistiche in materia può tenersi la riduzione della tv abruzzese.
  • Homevideo Motorship • 9/05/13 17:40
    Fotocopista - 274 interventi
    Si il master di AB Channel è ottimo. E dato che passa spesso di li conviene registrarlo come ho fatto io qualche tempo fa. Si risparmia e comunque la qualità assicuro che è davvero notevole. Anche perché ora come ora la Cinekult non funziona più, per cui rimane una scelta obbligata il master Ab.