LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 8/06/10 DAL BENEMERITO TOMASTICH
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Tomastich 8/06/10 11:55 - 1216 commenti

I gusti di Tomastich

Possiamo sintetizzare il film in una frase: come caspita fa Michael J. Fox a tenere in piedi un film tutto da solo? Peccato per la troppa zuccherosità, perché il ruolo di "fattorino" elevava Fox ad una parte piena di verve e simpatia. Bellissima (ma capra) la protagonista femminile. C'è anche Udo Kier.

Galbo 13/06/10 09:05 - 11387 commenti

I gusti di Galbo

La storia del portiere di un hotel chic di New York, che si fa letteralmente in quattro per i suoi esigenti clienti, sembra cucita addosso a Michael J. Fox che infatti tiene praticamente il film sulle spalle. Per il resto la sceneggiatura è piuttosto convenzionale ed il film largamente prevedibile e privo di "guizzi" nonostante la discreta regia di un professionista come Sonnenfeld.

Pigro 5/10/12 09:04 - 7789 commenti

I gusti di Pigro

Una prima parte brillante - e perfino scoppiettante per l’iperattivismo del concierge servizievole che sogna un hotel tutto suo - lascia il posto a una seconda parte dove le gag e le situazioni buffe si perdono in una storia romantica con l’aggravante della stupidità (come ci si possa innamorare di una sciacquetta che insegue miliardari bevendosi tutte le bugie rimane un mistero). Ad ogni modo, il film assolve la funzione di un divertimento spensierato, sostenuto (interamente) da un Fox efficacemente ipercinetico.

Rambo90 17/07/13 02:11 - 6347 commenti

I gusti di Rambo90

Michael J. Fox al suo meglio: la commedia infatti si gioca tutta su equivoci e situazioni prevedibili, ma lui riesce con la sua verve e la sua iperattività a non far calare mai il ritmo. La Anwar invece non è il massimo; molto meglio i comprimari da Higgins a Kier passando per il mafioso interpretato da Hedaya. Divertente.

Stelio 15/03/15 17:33 - 384 commenti

I gusti di Stelio

Se non si sapesse in via ufficiale, sembrerebbe una scialba riproposizione de Il segreto del mio successo, visto che il film ripropone i temi scontati dell'affermazione personale e dell'amore, in chiave forse più buonista. Nonostante la mediocrità imperante e l'assoluta banalità della seconda parte del copione siamo su un livello meno mediocre rispetto alla pellicola di Herbert Ross. Azzeccati i personaggi secondari.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.