American crime story (2 stagioni)

Media utenti
Titolo originale: American Crime Story
Anno: 2016
Genere: fiction (colore)
Note: Stagioni: "Il caso O.J. Simpson", "Il caso Gianni Versace".
Numero commenti presenti: 7

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 9/06/16 DAL BENEMERITO GUGLY
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Gugly 9/06/16 14:57 - 1030 commenti

I gusti di Gugly

Storia del processo a O. J. Simpson che divise l'America. Serie eccelsa che si propone soprattutto di illustrare l'enorme risonanza mediatica dell'evento, che contribuì non poco al suo esito. Bravissimi tutti gli interpreti, impressionante Cuba Gooding Jr., che dipinge l'ex campione sostanzialmente come un burattino nelle mani del "dream team" e Courtney B. Vance nei panni dell'avvocato Johnnie Cochran che riuscì a far virare il processo sui binari del pregiudizio razziale. Consigliatissima.
MEMORABILE: Robert Kardashian (padre di Kim), l'unico che nutra fondati sospetti su O. J.; La pressione mediatica su Marcia Clark e i suoi look; La giuria.

Rambo90 14/11/16 04:44 - 6736 commenti

I gusti di Rambo90

Interessante e dettagliata ricostruzione del caso Simpson. La scrittura è brillante e riesce a coinvolgere senza diventare troppo drammatizzata, ma anzi mantenendosi su uno stile realistico e convincente. Grandioso il cast: Gooding Jr. in una delle migliori prove degli ultimi anni, Vance in palla, la Paulson perfetta e Travolta una spanna sopra tutti in un gigionismo che è un piacere da guardare. Peccato per l'ultimo episodio, paradossalmente il più debole.

Daniela 21/11/16 17:07 - 10352 commenti

I gusti di Daniela

Accurata ricostruzione della nota vicenda, dalla scoperta dei cadaveri delle due vittime all'assoluzione, passando attraverso le prime indagini, il tentativo di fuga e quello che venne definito come il "processo del secolo". La suspense circa l'esito finale è sostituita dalla accurata gestione del racconto e dall'approfondimento psicologico dei personaggi in campo, mentre il cast fornisce una prova altamente professionale, a parte forse Travolta che, nella parte dell'avvocato Shapiro, carica un poco troppo le tinte. Interessante come un documentario storico ben presentato.

Gippal 24/12/16 15:09 - 89 commenti

I gusti di Gippal

Serie TV che racconta nel dettaglio le vicende del famoso Caso O.J. Simpson. Nonostante le vicende siano già ampiamente note, la serie non annoia mai, perché scritta brillantemente e supportata da un cast notevole; forse troppo caricaturale John Travolta nel ruolo di Shapiro, ma è pur sempre apprezzabile, con una Sarah Paulson che brilla più che mai mostrando orgogliosa i suoi progressi nella recitazione. Ottime le ricostruzioni di quanto successo in aula e lo spazio dedicato ai mezzi di prova e ai mezzi di ricerca della prova. Il mio è un SI'.

Jandileida 3/04/17 17:17 - 1309 commenti

I gusti di Jandileida

Pur sapendo tutti com'è andata a finire la faccenda, la fiction in questione riesce comunque a rendersi interessante: il ritmo è infatti tiratissimo dall'inizio alla fine e i personaggi tutti disegnati con un certo vigore e profondità. Piacciono anche la ricostruzione ambientale e la centralità data alla questione razziale, che fu effettivamente la chiave di volta non solo del processo Simpson ma della storia americana di quel periodo (e successiva) tout court. Tra gli attori da segnalare le buone prove di Vance, Lane e Travolta.

Galbo 21/04/17 05:59 - 11617 commenti

I gusti di Galbo

Uno dei casi più clamorosi della recente storia giudiziaria americana, in una serie di ottima fattura che “lega” lo spettatore pur essendo la vicenda ampiamente nota in tutti i suoi dettagli. Il merito va ascritto principalmente ad una sceneggiatura puntuale e ben scritta, ad un montaggio serrato che alterna la parte dedicata alla cronaca a quella che si occupa del dibattimento legale. Davvero buona la scelta del cast, con ottimi attori sia nelle parti principali (bravissima la Paulson) che in quelle secondarie.

B. Legnani 12/07/19 22:38 - 4937 commenti

I gusti di B. Legnani

Una serie interminabile di puntate tiene basso un pallinaggio che, visto il tema, visto il cast, visti i mezzi a disposizione, ci si attendeva di elargire in quantità superiore. Fatto celeberrimo, per cui esistono sì momenti interessanti, però compensati verso il basso da inutili lungaggini e dalla chiara sensazione che si sia voluto allungare il brodo in ogni maniera. Buone le interpretazioni, ovviamente.
MEMORABILE: Il giudice della Carolina del Nord che ironizza sull'abuso di allitterazioni da parte dell'avvocato di Simpson.

POTRESTI TROVARE INTERESSANTI ANCHE...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Gugly • 10/06/16 21:33
    Segretario - 4667 interventi
    Straconsigliatissimo: ogni episodio ti prende dall'inizio alla fine; anche se sappiamo già come va a finire ogni volta c'è qualche dettaglio poco conosciuto che rende specifici aspetti del processo una sorta di vicenda nella vicenda come ad esempio tutte le vicende relative alla giuria (la reclusione lontani da ogni mezzo di comunicazione,la visita alla casa di O.J., i cambi di giurato, l'ingresso di giurati "famosi" per condizionare i verdetti).

    Su tutto l'ingombrante assillo dei mezzi di comunicazione (i talk show appaiono quasi ossessivi e spesso alcuni pezzi del processo vengono mostrati ripresi dalla telecamera a circuito chiuso dell'aula).

    Credo non sia affatto un caso che le vere vittime di questa tragedia, ovvero la moglie di O.J. Simpson e Ronald Goldman praticamente non esistono, le loro foto compaiono solo nell'ultima sequenza dei titoli di coda dell'ultimo episodio.
  • Discussione Daniela • 26/12/16 10:57
    Gran Burattinaio - 5513 interventi
    Candidature ai Golden Globe 2017, la cui 74esima edizione avrà luogo l'8 gennaio prossimo:

    miglior film tv/miniserie
    miglior attore in una miniserie: Courtney B. Vance
    miglior attore non protagonista serie/film Tv/miniserie: Sterling K. Brown e John Travolta

    Premi Emmy 2016

    Miglior miniserie
    Miglior attore protagonista in una miniserie a Courtney B. Vance
    Miglior attrice protagonista in una miniserie a Sarah Paulson
    Miglior attore non protagonista in una miniserie a Sterling K. Brown
    Miglior sceneggiatura per una miniserie a D. V. DeVincentis
    Miglior casting per una miniserie
    ed altri riconoscimenti di natura tecnica

  • Discussione Digital • 22/01/18 08:22
    Portaborse - 3206 interventi
    Arrivata la seconda stagione sul delitto Versace! IUPPI DOO!
  • Discussione Galbo • 17/01/19 12:12
    Consigliere massimo - 3844 interventi
    @Zender
    Si può aprire una scheda a parte sulla seconda stagione (L’assassinio di Gianni Versace) visto che vicenda e cast sono totalmente differenti ?
  • Discussione Zender • 17/01/19 12:23
    Consigliere - 44575 interventi
    Avevo detto che in questi casi avevamo fatto un'eccezione per True detective e basta, non per American horror story ad esempio. All fine è come fosse una serie che riunisce vari casi diversi sempre all'interno di un progetto preciso. E serie così si stanno moltiplicando. La chiameremo American Crime Story e sposteremo gli Oj Simpson nello speciale.
  • Discussione Buiomega71 • 29/04/19 17:49
    Pianificazione e progetti - 22758 interventi
    E come un fulmine a ciel sereno viene a mancare uno dei più grandi registi black delle ultime generazioni

    L' autore de L UNIVERSITÀ DELL' ODIO ci ha lasciato così, improvvisamente, con grande amarezza

    Il re nero rimarrà per l'eternità

    John Singleton è morto, viva John Singleton
    https://www.google.com/amp/www.mymovies.it/cinemanews/amp/%3fnews=160627
    Ultima modifica: 29/04/19 23:04 da Buiomega71
  • Discussione Il Dandi • 4/09/19 10:45
    Contratto a progetto - 1490 interventi
    Zender ebbe a dire:
    Avevo detto che in questi casi avevamo fatto un'eccezione per True detective e basta, non per American horror story ad esempio. All fine è come fosse una serie che riunisce vari casi diversi sempre all'interno di un progetto preciso. E serie così si stanno moltiplicando. La chiameremo American Crime Story e sposteremo gli Oj Simpson nello speciale.


    Chiedo scusa ma ho visto che tutti i commenti inseriti all'epoca trattano solo della prima stagione. Anche io vorrei commentare la serie sul caso Simpson senza dover "cipparmi" anche quella su Versace :)
  • Discussione Zender • 4/09/19 13:53
    Consigliere - 44575 interventi
    Basta scriverla qui e ci penso io a portarla nello speciale.
  • Discussione Il Dandi • 4/09/19 17:11
    Contratto a progetto - 1490 interventi
    IL CASO O.J. SIMPSON (**)

    Ricostruzione corale del processo mediatico di un passato ancora prossimo. Il Simpson di Gooding jr. è un'ombra ambigua, sgradevole e sofferta, ma i veri protagonisti sono i conflitti strategici e ideologici che dilaniano i team legali sia dell'accusa che della difesa. 10 puntate però sono decisamente troppe (ne sarebbero bastate anche 3, senza cambiare la prima e l'ultima). Travolta (anche produttore e unico non-sosia del cast) fa Travolta.
  • Discussione Zender • 4/09/19 17:31
    Consigliere - 44575 interventi
    Grazie Dandi, aggiunta.