Volti del cinema italiano nel cast VOLTI ITALIANI NEL CAST Volti del cinema italiano nel cast

Location LE LOCATIONLE LOCATION

TITOLO INSERITO IL GIORNO 6/02/07 DAL BENEMERITO B. LEGNANI
1
1!
2
2!
3
3!
4
4!
5

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione ( vale mezzo pallino)
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

B. Legnani 7/02/07 00:20 - 5567 commenti

I gusti di B. Legnani

Intrigante commedia anti-femminista di Pietro Germi, che con le nozze porta al disastro la tranquilla esistenza del concupito Alfredo. Smagliante la Sandrelli. Ettore Geri è il direttore della Banca, autore della perfidia più divertente. Fugace epifanìa di Enzo Cannavale nella scena conclusiva.
MEMORABILE: Il coretto dei bancari, che fa rima con "Sbisà".

Galbo 24/06/08 06:00 - 12457 commenti

I gusti di Galbo

Con questo film Pietro Germi traccia un ritratto impietoso ma abbastanza veritiero di un certo tipo di rapporti coniugali ed amorosi in genere, che vivono inizialmente sulle ali dell'entusiasmo per poi diventare delle gabbie asfissianti. Ma contemporaneamente assai riuscito è il quadro dedicato all'angusto mondo della provincia italiana con i suoi riti e le dicerie. Ottimo il cast con un Dustin Hoffman a suo agio nei panni dell'oscuro impiegato di banca.

Homesick 20/06/08 10:46 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Dopo l’eccellente Divorzio all’italiana, Germi torna a parlare di divorzio, questa volta visto come rimedio contro una soffocante vita matrimoniale. Il regista conserva intatto il suo tipico umorismo e si serve di un attore dall’enorme talento come Hoffman, perfetto nel ritrarre il timido impiegatuccio. Tra gli altri interpeti non poteva mancare il bravo Urzì, attore-feticcio di Germi.

Caesars 2/09/08 09:27 - 3827 commenti

I gusti di Caesars

Rivisto dopo tantissimi anni il film mantiene una freschezza che lo fa apprezzare anche al giorno d'oggi. Germi ci regala un'altra riflessione sul "matrimonio" che altro sembra non essere che una gabbia in cui ogni uomo finisce per cadere e solo troppo tardi accorgersi della trappola. Ottimi tutti gli attori ad incominciare da Dustin Hoffman che tratteggia benissimo il protagonista. Prima parte più divertente del seguito, ma comunque un prodotto interessante e da vedere. Immancabile, nei film di Germi, la presenza di Saro Urzì.

Deepred89 19/09/08 13:54 - 3742 commenti

I gusti di Deepred89

Con questa notevole commedia Germi attacca ancora una volta (e duramente come non mai) l'istituzione del matrimonio. La sceneggiatura è ottimamente elaborata e in perfetto equilibrio tra amarezza ed umorismo e la regia impone un ritmo elevatissimo. Notevole l'interpretazione di Dustin Hoffman e ottima Stefania Sandrelli. Utilizzata benissimo, come in altri film di Germi, la voce off del protagonista e bella la colonna sonora di Rustichelli. Si ride e allo stesso tempo di riflette: bel film davvero.

R.f.e. 21/08/09 19:54 - 816 commenti

I gusti di R.f.e.

Non sono d'accordo con chi considera questo un episodio minore o fallimentare per il regista ligure: lo trovo superiore a (quello sì, indifendibile) Le castagne sono buone e mi sembra presenti ancora un Germi graffiante e per nulla invecchiato. Solito discorso: dubito che sia un film anti-femminista... Piuttosto, anti-matrimoniale. Il tipo di ragazza finto-indifesa, gatta-morta, tratteggiato dalla Sandrelli raffigura perfettamente una tipologia reale (io stesso ne incontrai una così in passato, riuscendo per fortuna a fuggire via in tempo!).

Giacomovie 4/05/10 10:29 - 1401 commenti

I gusti di Giacomovie

Germi sa come girare una commedia dai toni sofisticati. Simpatico e scanzonato, ma non privo di arguzia su temi importanti come matrimonio e divorzio, il film è condotto con eleganza e permeato da una grazia sia pudica che provocante. Dustin Hoffman è ideale per il ruolo di Alfredo e oltre a palpeggiarsi alla grande la Sandrelli, ne dà la migliore definizione in una frase del film: “uno strano miscuglio di femminilità e pudore”. Anche Carla Gravina fa la sua bella figura. La colonna sonora di Carlo Rustichelli si ascolta con piacere. ***!

Audreyh 5/09/10 20:39 - 9 commenti

I gusti di Audreyh

Germi è uno dei miei registi preferiti: ironico, raffinato con una punta di sarcasmo. Ad interpretare perfettamente il suo cinema è il protagonista Dustin Hoffman: interpreta Alfredo, impiegatucolo giovane e mite che diventa preda di Maria Rosa, una graziosa acqua cheta che riesce a farsi sposare. Solo dopo il matrimonio rivelerà la propria natura ossessiva. Un film completamente disilluso circa l'amore coniugale e la possibilità di amare senza possedere. Sandrelli perfettamente nel ruolo.
MEMORABILE: Il sogno di Alfredo: lei dice "Dove sei, cosa faaaiii?" e lui risponde "Sto al cesso, a fare la cacca!".

Pigro 11/10/10 15:38 - 9802 commenti

I gusti di Pigro

Film deliziosamente maschilista, perlomeno nella descrizione della moglie uterina e possessiva che vampirizza un povero marito succube. Nella pittoresca cornice di una cittadina di provincia (Ascoli, ben omaggiata) è collocata questa sfibrante battaglia dei sessi, condotta egregiamente grazie anche a due campioni come Hoffman e Sandrelli. Alcuni momenti satirici o paradossali (come i pervicaci tentativi di ingravidamento...) e di costume (l'attualità dello scontro politico sul divorzio) rilanciano i meccanismi della classica commedia italiana.

Daniela 24/05/12 11:10 - 12790 commenti

I gusti di Daniela

Se in Divorzio all'italiana aveva preso di mira l'indissolubilità del matrimonio, sia pure attraverso la messa in scena grottesca di un "delitto d'onore" ancora consentito dal codice penale e dal comune sentire, nel suo ultimo film Germi attacca l'istituzione in se stessa. Liberatosi di una donna isterica e possessiva, il povero Alfredo si ritrova alla fine in una situazione in cui, se è cambiata la carceriera, non è però cambiata la prigione. Commedia caustica, ferocemente misogina, imperfetta, ma ancor oggi assai godibile.
MEMORABILE: il ritornello telefonico ossessivo di Stefania Sandrelli: "Dove sei? Cosa fai?"

Stefania Sandrelli HA RECITATO ANCHE IN...

Spazio vuotoLocandina Il federaleSpazio vuotoLocandina Divorzio all'italianaSpazio vuotoLocandina Lo sciacalloSpazio vuotoLocandina Gli imbroglioni

Motorship 6/01/13 17:02 - 585 commenti

I gusti di Motorship

Non mi va di giudicare questo film un "Germi minore": è invece ottimo. Dopo l'incerto Le castagne sono buone il grande regista ligure torna con arguta ironia sul femminismo, non privo di un sottile cinismo sul matrimonio in alcuni tratti. Eccellente la prova degli attori, in particolare del protagonista Dustin Hoffman (doppiato da Amendola) e della bellissima coprotagonista Stefania Sandrelli (che Germi sfrutta davvero egregiamente), ma anche Saro Urzì e Carla Gravina non sfigurano affatto, anzi. ***!

Ramino 23/06/13 22:48 - 127 commenti

I gusti di Ramino

La piccola provincia italiana ben rappresentata anche da una buona fotografia, fa da sfondo a questa storia interessante e al passo con il tempo (riferito al '72 e al tema del divorzio). Dustin Hoffman un po' spaesato ma azzeccatissimo e una Stefania Sandrelli che "comanda" la scena per l'intero film.

Liv 2/08/13 00:35 - 237 commenti

I gusti di Liv

Germi torna a criticare aspramente il matrimonio e lo fa senza timori dal punto di vista maschile (all'epoca non rischiava ancora il carcere). Rinuncia ai toni moralisti ma rimane lontano dalla commedia italiana. Chissà perché ricorse a Dustin Hoffman, che è un ottimo attore ma non convince. Mi pare fuori parte, nel fare il maritino vittima delle donne isteriche. Forse non si muove da italiano. Per il resto, lo trovo un film asfittico. Non c'è quella delicatezza, quella pigrizia sorniona che accompagna i personaggi di Divorzio all'italiana.

Gabrius79 22/09/14 03:27 - 1432 commenti

I gusti di Gabrius79

Una commedia simpatica e piuttosto ruspante grazie alla bravura di Dustin Hoffman (un po' spaesato), di una deliziosa e schizzata Stefania Sandrelli e del buon cast di contorno. Le musiche come sempre orecchiabili di Carlo Rustichelli e la regia di Pietro Germi completano il tutto. Bene anche Carla Gravina, che appare però solo nell'ultimo quarto d'ora.

Saintgifts 1/09/15 08:51 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Più che di matrimonio, di divorzio, di maschilismo o di antifemminismo, Germi vuol dire che è l'uomo che deve imporsi nella vita matrimoniale e nel rapporto di coppia in genere. Lo fa capire nel finale, ma tutto il film mostra un Alfredo sicuramente perdente e non solo con Maria Rosa. Sarà perché i film di Germi li immagino sempre in b/n ma questo Alfredo Alfredo, con la scelta discutibile del bravo Hoffman, non mi ha pienamente convinto. Il ritratto della provincia italiana rischia lo stereotipo e lo si accetta solo perché commedia di Germi.

Schramm 4/04/16 16:27 - 3582 commenti

I gusti di Schramm

Evadere dalla gabbia matrimoniale significa solo addentrarsi in una gabbia uguale e diversa. Germi ci fa percepire che ustioni insanabili lascia lo scottare della febbre d’amore specie se capriccio equivocato per sentimento, in un ordito-ordigno che sabota sottilmente il sacro vincolo, evidenziando che foss’anche profano sempre vincolo rimane. Un po’ la regia particolarmente ispirata, un po’ l’Hoffman in smagliante forma (ma il resto del cast non gli è sottostante), un po’ il dolce mai mellifluo e l’amaro mai totalizzante, si sta in un alveo filmico che garantisce godimento un tanto al minuto.

Il ferrini 31/10/17 23:59 - 2429 commenti

I gusti di Il ferrini

Commedia elegante e divertente, con una Stefania Sandrelli in gran spolvero - notevole l'evoluzione del suo personaggio - e un Dustin Hoffman perfettamente in parte. Le figure femminili ne escono distruttive e prevaricatrici, come in realtà accade spesso con Germi (basti pensare al finale di Divorzio all'italiana ma anche alla Piccolo in Serafino). Girato in una Ascoli suggestivamente fotografata, vinse il David come miglior film dell'anno. Assolutamente da vedere.

Paulaster 27/09/18 12:14 - 4528 commenti

I gusti di Paulaster

Il timido Alfredo ripercorre la sua storia con Maria Rosa. Commedia che analizza le fasi matrimoniali appoggiando la campagna divorzista. Predominanza dei toni leggeri con svariati momenti comici sul sesso e sulle pazzie amorose. Hoffman è sempre in parte (con voce fuori campo fondamentale), mentre la Sandrelli è un filo teatrale. Buono accompagnamento musicale adatto alla commedia all'italiana, con scorci marchigiani che danno il clima provinciale.
MEMORABILE: Le urla di piacere della Sandrelli; La cena con quattro donne; La gravidanza isterica.

Il Dandi 14/10/18 12:42 - 1917 commenti

I gusti di Il Dandi

All'alba della legge Fortuna-Baslini Germi non punta più all'apologia del divorzio ma direttamente alla condanna tout court del matrimonio, istituzione-trappola destinata ad annientare tutto e trasformare tutti: sia la capricciosa e lunatica Sandrelli che la frizzante e risoluta Gravina smettono di essere desiderabili appena diventano mogli; tuttavia la responsabilità è principalmente del debole Hoffman, ancora Cane di paglia qui incapace di emanciparsi dalla ciotola nuziale. Straordinaria (e preoccupante) l'attualità che la pellicola conserva.
MEMORABILE: L'incubo delle telefonate ("Dove sei, cosa fai?" "Sono qui al cesso, a fare la cacca"); La gravidanza isterica.

Zampanò 26/11/21 11:19 - 383 commenti

I gusti di Zampanò

Ultimo film di Germi, ambientato nel bellissimo centro di Ascoli Piceno con Dustin Hoffman. Tre elementi validi per vederlo e rivederlo nonostante i troppi quadri vignettistici nella fase di corteggiamento (la Sandrelli oltremodo posticcia). La seconda parte brilla di un'altra luce, più realistica grazie alla Gravina, felinide, sexy e cerebrale. Lo spunto furono gli effetti della legge sul divorzio, ormai compiuta, ma il grande regista, come in L'uomo di paglia, declassa l'istituzione matrimoniale a prigionia. Hoffman gagliardo, e poi dilettevolmente doppiato da Amendola.
MEMORABILE: La prima notte di nozze in treno; La Sandrelli che sfascia lo scantinato.

Pietro Germi HA DIRETTO ANCHE...

Spazio vuotoLocandina Divorzio all'italianaSpazio vuotoLocandina Sedotta e abbandonataSpazio vuotoLocandina Gioventù perdutaSpazio vuotoLocandina Signore & signori
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare l'iscrizione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICHE:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.
  • Curiosità Cangaceiro • 9/10/09 15:51
    Call center Davinotti - 739 interventi
    Dustin Hoffman è annunciato come prossimo testimonial della Regione Marche. Il due volte premio Oscar è legato a questa terra dai tempi di "Alfredo, Alfredo" e il Corriere Adriatico ieri ha ricordato con un articolo il periodo delle riprese. Ecco un estratto:

    "A fine settembre 1971 la troupe del regista Pietro Germi giunse ad Ascoli per girare il film Alfredo, Alfredo. Germi nel 1968 aveva girato Serafino nella vicina Arquata del Tronto e scendendo spesso nel capoluogo piceno se ne era innamorato tanto da pensare a una sceneggiatura per girarvi un film. Con lui si presentò Dustin Hoffman, giovane e in piena ascesa. Con il suo comportamento socializzante divenne subito il "cocco" degli ascolani per la sua simpatia. In ottobre i primi ciak all'interno della Ca.Ris.Ap dove alcuni impiegati gli insegnarono alcune gestualità del bancario. Doveva giungere in ufficio sudato e trafelato. Prepararono dell'acqua per finte gocce di sudore, ma lui negò. Si chiuse in una stanzetta e con la corda dei pugili saltellò fino a sudare naturalmente! Preferiva la compagnia di Duilio Del Prete, Saro Urzì e degli impiegati "colleghi" alle pur stupende Stefania Sandrelli e Carla Gravina. Si girò anche al caffè Meletti dove era divenuto di casa e dove chiamava per nome gli stupiti camerieri."
  • Homevideo R.f.e. • 7/09/10 09:41
    Fotocopista - 826 interventi
    Non ancora uscito in dvd in italiano: che cosa scandalosa! In inglese invece c'è, dvd Paramount, lo si trova per esempio con facilità su Amazon...
    Ultima modifica: 7/09/10 09:43 da R.f.e.
  • Discussione Pigro • 11/10/10 15:40
    Consigliere - 1673 interventi
    Nelle locandine italiane e straniere e anche nei titoli di testa il titolo del film è sempre molto chiaramente senza virgola. Vedo che su Imdb è con la virgola, ma a questo punto immagino che sia un errore (e poi, una volta sbagliato su Imdb, tutti gli altri gli sono andati dietro).
    Quindi, propongo che come titolo corretto venga messo senza virgola, mentre la versione con virgola finisca negli "aka".
  • Discussione B. Legnani • 11/10/10 17:36
    Pianificazione e progetti - 15021 interventi
    Pigro ebbe a dire:
    Nelle locandine italiane e straniere e anche nei titoli di testa il titolo del film è sempre molto chiaramente senza virgola. Vedo che su Imdb è con la virgola, ma a questo punto immagino che sia un errore (e poi, una volta sbagliato su Imdb, tutti gli altri gli sono andati dietro).
    Quindi, propongo che come titolo corretto venga messo senza virgola, mentre la versione con virgola finisca negli "aka".


    Giusto. Tutti i miei documenti (compresa la scheda vergata a penna biro sul mio quadernetto dell'epoca) non contengono la virgola.
  • Discussione Zender • 11/10/10 18:33
    Capo scrivano - 48088 interventi
    Ok, invertiti i due titoli.
  • Homevideo Gestarsh99 • 8/01/12 00:18
    Vice capo scrivano - 21546 interventi
    Disponibile in edizione dvd dal 19/02/2012 per Mya Communications:

    DATI TECNICI

    * Lingue Italiano
    * Sottotitoli Inglese
    * Schermo Anamorfico 16:9
    * Audio Dolby Digital 2.0
  • Discussione Mauro • 14/09/16 14:51
    Disoccupato - 12145 interventi
    Orsobalzo, ti ho mandato un mex sul davibook.
  • Musiche Lucius • 5/04/17 09:58
    Scrivano - 9041 interventi
    Direttamente dalla prestigiosa collezione Lucius, il 45 giri originale:



    Ultima modifica: 5/04/17 10:27 da Zender
  • Musiche Zender • 5/04/17 10:28
    Capo scrivano - 48088 interventi
    Davvero simpatico il disegno della copertina. Chissà se è stato fatto appositamente per il 45 giri...
  • Curiosità Fauno • 1/09/17 00:53
    Contratto a progetto - 2747 interventi
    Dalla collezione cartacea Fauno, un altro flano del film: