Tiger King (7 episodi)

Media utenti
Titolo originale: Tiger King: Murder, Mayhem and Madness
Anno: 2020
Genere: documentario (colore)
Note: Aka "TigerKing".
Numero commenti presenti: 3

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 1/04/20 DAL BENEMERITO IRA72
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Ira72 1/04/20 13:39 - 985 commenti

I gusti di Ira72

Piacerà agli amanti di animali, come a quelli del crime. Incredibile viaggio nel poco noto mondo felino tra contrabbando, commercio e omicidi. Soprattutto un faccia a faccia travolgente con le persone coinvolte. E che persone! Pare impossibile che il miglior scrittore possa partorire storie simili; figuriamoci se i fatti sono reali e i protagonisti superano ampiamente qualunque assurda fantasia... Figure losche, grottesche, criminali, redivive, farsesche, ipocrite, tanto da lasciare stupefatti. Joe Exotic? Guardare per credere. Ottimo lavoro di nicchia.
MEMORABILE: "Il mondo degli zoo privati è pieno di pazzi e magari io sono uno di quelli, non lo so, ma sono tutti svitati, pazzi da legare" (John Reinke).

Anthonyvm 1/04/20 23:22 - 2284 commenti

I gusti di Anthonyvm

Assurdo scontro fra titani nell'ambiente dell'allevamento dei grandi felini. Da una parte Joe Exotic, redneck omosessuale fanatico delle armi e dall'ego smodato; dall'altra Carole Baskin, "gattara" per micioni XXL accusata di aver dato in pasto il marito alle tigri. Fra poligamia, manipolazione mentale settaria, incendi dolosi, suicidi e sicari, lo spettacolo è servito. Mastodontica raccolta di interviste e scene di repertorio per una vicenda che trasuda ipocrisia e si dipana a furia di colpi di scena. Un po' di sintesi in più avrebbe giovato.
MEMORABILE: La galleria di bizzarri collaboratori di Joe (i guardiani mutilati, il marito sdentato, gli ex-galeotti); Il video musicale di "Here Kitty Kitty".

Daniela 5/05/20 22:19 - 9829 commenti

I gusti di Daniela

In forma di mock-documentary, vita ed imprese di Joe Exotic, avventuriero, allevatore e sfruttatore di specie protette, criminale che si circonda di una fauna umana di derelitti sfruttati e viene attaccato da una animalista snob con qualche scheletro nell'armadio... Se fossero usciti dalla penna di uno sceneggiatore, questi personaggi sembrerebbero forse eccessivi, troppo coloriti. Il bello (ed il brutto) è che invece è tutto vero, il mock non c'è, ma si tratta invece di un documentary geniale che sballotta lo spettatore, divertito ma anche allibito di fronte a tanta follia. God bless America!
MEMORABILE: L'inserviente che ha perso un braccio; Uno dei due mariti, tutto tatuato e senza denti

NELLO STESSO GENERE PUOI TROVARE ANCHE...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Anthonyvm • 4/04/20 09:48
    Contratto a progetto - 402 interventi
    Uno degli aspetti più interessanti di questa docu-serie è il fatto che, protraendosi in un arco temporale di cinque anni, si è vista gli autori costretti a mutarne il genere e il focus a seguito dell'imprevisto corso degli eventi. Da quella che doveva essere un'inchiesta sul modello di Blackfish, incentrata sul problema dei grandi felini in cattività, si è trasformata in una serie true-crime maggiormente interessata al bizzarro ritratto psicologico dei suoi protagonisti "umani".
  • Discussione Galbo • 4/04/20 10:37
    Consigliere massimo - 3801 interventi
    Tra tutto quello che c'è nel catalogo Netlix non l'avevo molto presa in considerazione, ma dati i commenti credo che la vedrò...
  • Discussione Daniela • 5/05/20 22:31
    Gran Burattinaio - 5348 interventi
    Galbo ebbe a dire:
    Tra tutto quello che c'è nel catalogo Netlix non l'avevo molto presa in considerazione, ma dati i commenti credo che la vedrò...

    Anche io ero scettica ma mi ha conquistata dal primo episodio: troppo folle! Consigliata sia per l'interesse intrinseco che per l'originalità, ed è meglio affrontarla "al buio" per non compromettere la sorpresa di fronte a certe svolte imprevedibile delle vere vicende che non sono ricostruite ma mostrate attraverso un collage di filmati, interviste, ect.
    Ultima modifica: 6/05/20 05:28 da Daniela