The Shield (7 stagioni)

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 19/11/07 DAL BENEMERITO ARMANDYNO
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Armandyno 19/11/07 15:20 - 25 commenti

I gusti di Armandyno

Fedelissima riproduzione delle meccaniche sociali e delle implicazioni psicologiche che contribuiscono a creare criminalità e corruzione tra istituzioni e malavita, nonchè del comportamento umano nelle più disparate sfaccettature della vita. Eccellente la caratterizzazione dei personaggi e notevole la regia che, con veloci e frequenti zoomate, mantiene continuamente la suspence a livelli altissimi donando un'inedita ed efficace sensazione di crudo realismo. Più che un telefilm, un documentario.

Mascherato 29/07/08 13:27 - 583 commenti

I gusti di Mascherato

Nell'Italia dei marescialli Rocca e delle squadre di distretti di polizia, quando potrà capitarvi di gustarvi una serie tv in cui il protagonista/eroe è un figlio di puttana corrotto che nel primo episodio elimina una possibile talpa degli interni intrufolatosi nella sua "sporca cinquina"? Il fatto è che dovunque ti giri è una parata della desolazione umana: il capitano ambizioso, il bravo detective con impulsi omicidi (strangola un gatto dopo un interrogatorio ad un s.k.), il nero gay con sensi di colpa religiosi. Logico che Vic Mackey susciti empatia! E scattano i nostri di sensi di colpa.
MEMORABILE: Diversi sganassoni nello stomaco, ma il rapporto orale cui è costretto Aceveda, minacciato di morte, è di quelli che restano.

Skeletor 22/04/09 22:44 - 4 commenti

I gusti di Skeletor

Una delle più belle serie dell'ultimo decennio. Quasi una evoluzione di Vivere e morire a Los Angeles, The Shield va vista assolutamente dal primo episodio, mancando il quale quasi tutta la lettura degli eventi risulta distorta. Una delle poche serie tv che non conosce cedimenti di ritmo nelle sue 7 stagioni ma che, anzi, cresce con il tempo fino alle ultime 3 stagioni mozzafiato. Nobilitata dalle presenze di Glenn Close e Forest Withaker e girata mirabilmente in stile simil documentaristico, si distingue per l'approfondimento psicologico.
MEMORABILE: Il finale della quinta stagione.

Schramm 15/11/09 18:56 - 2414 commenti

I gusti di Schramm

Shakespeare incontra Ellroy che incontra Doestoevskij che incontra Lansdale che incontra Eschilo. L'eroismo della colpa. La necessità della corruzione. La legge che si fonda e si sfonda senza soluzione di continuità sul proprio essere trasgredita proprio dai suoi tutori e fautori. Elogio della sfumatura e del tradimento, di se stessi anzitutto. Una regia che abbraccia il Dogma 95, uno script più ricattatorio del più bastardo Von Trier, un parco attori da capogiro capitanato da un Chiklis monumentale e indimenticabile per intensità, una costellazione di turning points da emicrania, e una dirittura d'arrivo da cedimento del miocardio. Imprescindibile.

Ciavazzaro 16/11/09 13:09 - 4762 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Serie abbastanza originale, che anche se non mi ha fatto proprio impazzire è meritevole della visione. Merito di una buona sceneggiatura e soprattutto di un ottimo cast nel corso delle stagioni. Pur non essendo un capolavoro assoluto (ritengo sia un po' sopravvalutata), merita la visione.

Darkknight 22/03/10 10:52 - 352 commenti

I gusti di Darkknight

Una serie che segue la lezione di NYPD (sbirri tutt'altro che eroici, volgarità, violenza gratuita, sesso, montaggio serrato e frastornante, musiche martellanti, atmosfera degradata) portatandola però all'eccesso: tutto è così costruito a tavolino per sembrare iperrealistico e sgradevole, che finisce paradossalmente per risultare artificioso. Il troppo stroppia. Meglio i duri dal cuore tenero del sempre sottovalutato (solo in Italia, fortunatamente) NYPD.

Il Dandi 27/07/10 04:05 - 1766 commenti

I gusti di Il Dandi

Tra le migliori serie del decennio, spietata e violenta: squadra di poliziotti corrotti (che comunque parallelamente svolgono bene anche il resto del lavoro) in un ghetto di Los Angeles che sembra la striscia di Gaza. Quando si dice "il più pulito c'ha la rogna". Soggetto interessante e ben sviluppato, anche se alla lunga un po' ripetitivo e nelle ultime stagioni si rischia l'effetto telenovela-pulp. Cast eccezionale, interessante la realistica fotografia e la regìa volutamente mossa come un film amatoriale.
MEMORABILE: Il detective Dutch che strangola un gatto per comprendere la psicologia di un killer imparando cosa vuol dire uccidere.

Galbo 29/07/10 06:24 - 11383 commenti

I gusti di Galbo

Ottima produzione televisiva americana che offre un quadro verosimilmente realistico dei corpi di polizia delle grandi realtà americane. La serie si segnala per una ricostruzione ambientale particolarmente curata, le buone sceneggiature e l'ottimo livello delle interpretazioni con un cast valido ed eterogeneo.

Mickes2 11/04/12 11:46 - 1668 commenti

I gusti di Mickes2

Elegiaca, sulfurea, disperata, agghiacciante, disillusa, funambolica cavalcata sull'antieroismo, l'individualismo sopra ogni cosa, la corruzione, le nefandezze morali. "Cane mangia cane" non è più un semplice detto. L'oblio fisico e soprattutto comportamentale trattato con i guanti... da carpentiere. Regia brillante e spietata, sempre funzionale in un crescendo stilistico e una maturità estetica palpabili, stagione dopo stagione. Volendo rimanere pacati nel giudizio, Chiklis è solo superlativo assoluto. Finale indimenticabile. ****!

Daniela 26/04/12 10:28 - 9379 commenti

I gusti di Daniela

Dutchettino è un pò infantile e talvolta permaloso, però è un omino d'oro e ogni donna con un pò di sale in zucca se lo prenderebbe ad occhi chiusi, ed invece tutte cascano ai piedi di Vic, il suo collega bugiardo, corrotto ed assassino. D'altra parte è proprio l'aver messo al centro della storia un tal bastardo la chiave del successo di questa serie poliziesca ad alto tasso di violenza, eccellente fino alla 4a stagione, con alti e bassi nelle successive ma sempre ben sopra la sufficienza, ricca di personaggi a tutto tondo, ben caratterizzati dai rispettivi interpreti.
MEMORABILE: Shane Vendrell, amico del cuore di Vic (di cui costituisce la versione stupida): talvolta ho avuto voglia di entrare nella TV per menarlo di brutto

Luras 7/09/16 20:41 - 142 commenti

I gusti di Luras

Spettacolare serie incentrata sulle vicende di un distretto di polizia in un quartiere malfamato. Un filo logico unisce tutti gli episodi, dal primo all'ultimo, in una catena fatta di violenza molto esplicita, questioni personali dei protagonisti, linguaggio crudo e riprese effettuate come in una sorta di documentario. Sembra davvero di essere lì, a menare botte con loro. Tutti eccellenti, ma un Michael Chiklis addirittura stupefacente nei panni del corrotto Vic Mackey. Da pelle d'oca con un finale clamoroso. Mitica, davvero.

Jena 21/05/17 16:10 - 1189 commenti

I gusti di Jena

In poche parole il vertice delle serie tv americane con I Soprano e Breaking bad, ma anticipatorio delle stesse. Sette serie con quasi 90 episodi praticamente senza cali (eccezion fatta in parte per la IV serie), con uno stile che fa sembrare di essere proprio lì, sulle strade, con Vick e Shane e gli altri. Personaggi indimenticabili: il grandioso Vick, il fuori di testa Shane e poi Dutch, Aceveda, Billings, i cattivi e tutti gli altri. Infine grande riflessione sull'egoismo che guida ognuno di noi e ci può trascinare nel Male, perdendoci.
MEMORABILE: La scazzottata tra Vick e Cavanaugh sul cadavere di Lem; Lo scontro tra Shane e Dan casa sua; La scoperta del tradimento di Shane.

Hackett 31/12/17 12:34 - 1725 commenti

I gusti di Hackett

Eccellente serie poliziesca che sicuramente ha lasciato una traccia indelebile nello sterminato panorama televisivo contemporaneo. Un intreccio mozzafiato tra delitti, tradimenti e poliziotti a doppia faccia in un quartiere difficile di Los Angeles. Ispirata a uno scandalo di corruzione di fine anni '90, la serie è scritta magistralmente e girata con un ritmo forsennato, inquadrature sporche e immagini forti. Personaggi caratterizzati benissimo e memorabili.

Piero68 9/07/18 10:14 - 2755 commenti

I gusti di Piero68

Logica conseguenza di prodotti come Hill Street e/o N.Y.P.D. Per quanto sia forse la serie più politicamente scorretta nel suo genere, rimane comunque molte spanne sotto al capostipite Hill Street che rimane ancora oggi inarrivata e inarrivabile. Sicuramente una buona produzione, ma lo sporco che dovrebbe permeare i personaggi si respira poco o niente, visto il taglio troppo patinato che la serie offre in molte circostanze. Senza contare che è solo grazie al buon cast se si riesce a mettere le pezze dove la sceneggiatura non arriva.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Nemesi • 12/07/16 09:12
    Disoccupato - 1520 interventi
    Il 10 giugno 2016 Michael Jace - che interpretava l'agente Julian Lowe - è stato condannato a 40 anni di carcere per l'omicidio della moglie, avvenuto il 19 maggio 2014.

    https://en.wikipedia.org/wiki/Michael_Jace#Murder_conviction
  • Discussione Il Dandi • 27/03/17 23:23
    Contratto a progetto - 1433 interventi
    Daniela ebbe a dire:
    Schramm ebbe a dire:
    daniela, ma come sarebbe "eccellente fino alla quarta stagione"?

    a parte che personalmente trovai la quarta, la meno convincente, la quinta manda in deliquio anche solo per un whitaker da standing ovation, e le ultime due son qualcosa da vedere con un bravo cardiologo accanto che veglia su di te...


    Invece è proprio Whitaker, attore altrove eccellente quando non straordinario, che qui mi ha convinto assai poco, come pure ho poco gradito il troppo spazio dedicato alla moglie di Shane: questo personaggio era già tanto grandiosamente sgradevole di suo (cattivo come Vic ma, a differenza di lui, pure stupido, quindi più instabile e pericoloso), non c'era bisogno di accoppiarlo ad una .... di tale caratura. Con "scemo e + scemo" si rischia il comico involontario e questo non va bene, all'interno di una serie così visceralmente nera e drammatica.
    Comunque, siamo sempre all'interno di una serie in cui i "bassi" sono tali solo rispetto a "alti" notevolissimi.



    @Daniela, secondo me Shane sta a Vic come in Mad Men Pete Campbell sta a Don Draper: molto spesso questi protagonisti carismatici sono affiancati da un loro alter-ego più sfigato, il che ingenera una sorta di sliding-door, apre uno sguardo su altre realtà possibili. Shane è un personaggio a suo modo sentimentale, che reagisce in maniera emotiva laddove Vic è sempre freddo e calcolatore, e alla fine subisce il destino peggiore: per questo resta il mio preferito.



    @Zender: vorrei alzare il mio voto a 4 pallini, anche se le prime due stagioni sarebbero da 5.
    Ultima modifica: 27/03/17 23:36 da Il Dandi
  • Discussione Daniela • 27/03/17 23:45
    Consigliere massimo - 5124 interventi
    x Il Dandi

    Concordo, quello di Shane è un gran personaggio, il contraltare perfetto per Vic (ho trovato anche azzeccato il tuo paragone con Mad Men).
    Le mie obiezioni non erano per il personaggio di Shane ma per quello della moglie di questi, che raggiunge picchi di stronzaggine a mio parere eccessivi.
    Conosci il proverbio "Chi si somiglia si piglia"? Certo qui si sono proprio pigliati bene ma c'era già Shane che era la copia stupida di Vic, per cui lasciare tanto spazio a Mara, copia stupida di Shane, mi è sembrato controproducente nell'economia complessiva della serie.
    Ultima modifica: 27/03/17 23:50 da Daniela
  • Discussione Il Dandi • 28/03/17 00:04
    Contratto a progetto - 1433 interventi
    Sì, capisco, e in effetti nell'ultima stagione Shane e Mara diventano una brutta e improbabile copia di Bonnie & Clyde; però d'altro canto essendo Vic motivato da sempre dalla famiglia sulle sue spalle, era doveroso che anche il suo "contraltare perfetto" finisse per costruirsi una famiglia sua e che fosse diversa.

    (Aggiungo, SPOILER, che in finale la famiglia di Shane resta paradossalmente unita, nella tragedia, mentre quella di Vic che è sempre stata la sua ossessione lo tradisce).
  • Discussione Daniela • 28/03/17 01:18
    Consigliere massimo - 5124 interventi
    x Il Dandi
    osservazioni interessanti, mi portano a rivalutare la questione in chiave di diversa sorte famigliare. Non avevo pensato a confrontare Vic e Shane sotto questo aspetto. Grazie dello spunto :o)
  • Discussione Il Dandi • 28/03/17 01:27
    Contratto a progetto - 1433 interventi
    Grazie a te. Ma che ne dici di commentare tutte le stagioni? Te la senti? Io me la sto rivendendo tipo per la quinta o sesta volta. Il livello è in effetti altalenante. A me per esempio non fa impazzire la quarta stagione, nel senso che Glenn Close come capitano mi fa lo stesso effetto che fa a te Forest Whitaker.
  • Discussione Daniela • 28/03/17 02:02
    Consigliere massimo - 5124 interventi
    In effetti, una re-visione non sarebbe una cattiva idea, anche se ne conservo un ricordo piuttosto nitido - ho una memoria formidabile in queste cose (solo in queste, purtroppo), ma, quando si tratta di una serie eccellente come questa, il "repetita" è piacevole, anche se la suspense ovviamente viene a mancare.

    Anche a me Glenn Close non ha fatto impazzire, anche se ho trovato il suo personaggio scritto meglio rispetto a quello ossessivo di Whitaker.

    Ora ho un paio di serie in corso di visione, al termine magari seguo il tuo suggerimento e mi butto ;o)

    Ora però faccio la mamma: vai a letto che è tardi!
    Ultima modifica: 28/03/17 02:03 da Daniela
  • Discussione Il Dandi • 7/11/17 01:26
    Contratto a progetto - 1433 interventi
    @Daniela: Ho appena finito di commentare le singole stagioni e ti rinnovo il mio invito ad unirti alla causa :*
  • Discussione Daniela • 7/11/17 02:20
    Consigliere massimo - 5124 interventi
    Il Dandi ebbe a dire:
    @Daniela: Ho appena finito di commentare le singole stagioni e ti rinnovo il mio invito ad unirti alla causa :*

    Caro Dandi, la voglia ci sarebbe, anche perché questa rimane una delle serie che ho maggiormente gradito ma... il tempo è tiranno. Rispetto a quando uscì questa, l'offerta di serie tv è molto aumentata e la visione è decisamente più impegnativa rispetto ad un film.
    Adesso ne ho appena finita una (Mindhunter, ben fatta ma non mi ha entusiasmato) e ne sto vedendo un'altra (Tin Star, deludente, a meno che non faccia il botto negli ultimi tre episodi).
    Vedrò poi di rispolverare The shield, magari intervallando le stagioni. Intanto mi vado a leggere le tue chiose ;o)
  • Discussione Il Dandi • 7/11/17 10:28
    Contratto a progetto - 1433 interventi
    Daniela ebbe a dire:
    Il Dandi ebbe a dire:
    @Daniela: Ho appena finito di commentare le singole stagioni e ti rinnovo il mio invito ad unirti alla causa :*

    ne sto vedendo un'altra (Tin Star, deludente, a meno che non faccia il botto negli ultimi tre episodi).


    Io l'ho mollata a metà, infatti. Comunque figurati, non ti stavo mica dando i compiti a casa ;)