Supercar (90 episodi)

Media utenti
Titolo originale: Knight Rider
Anno: 1982
Genere: fiction (colore)
Regia: Vari
Numero commenti presenti: 15

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 11/07/07 DAL BENEMERITO PUPPIGALLO
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Puppigallo 11/07/07 09:18 - 4545 commenti

I gusti di Puppigallo

Un’auto parlante (Kitt) con computer ultra sofisticato formato da circuiti così complessi da permetterle di affezionarsi al pilota (David Hasselhoff). Con lui sgominerà i criminali. Ci vuole indubbiamente un certo coraggio, ma la cosa più complicata è trovare ogni volta una storia dove l’auto possa svolgere un ruolo determinante (banditi gli inseguimenti sul mare, sui fiumi e sulle montagne, a meno che non ci sia almeno uno sterrato percorribile). Il protagonista è piuttosto azzeccato (ridicolo però, quando fa il sosia cattivo). Non male.
MEMORABILE: I dialoghi con l'auto.

Homesick 30/12/07 09:04 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

KITT, il prodigioso bolide nero dotato di vita autonoma e capace di interagire con il suo pilota e con gli increduli passanti concedendo battute sagge e/o sarcastiche (il doppiaggio era di Adolfo Lastretti). Un bel mix di high-tech, avventura, azione e suspance al ritmo dell’indimenticabile main-theme di Larson-Phillips. In una puntata in veste di cattivi ci sono i muscolosissimi gemelli Paul aka Barbarian Brothers che stritolano un povero vecchietto; in un’altra KITT deve affrontare un suo sosia malvagio, KARR.
MEMORABILE: Il comando di espulsione con cui KITT si liberava dei passeggeri indesiderati. Il comando “Turbo Boost” con cui l’auto compiva veri e propri voli.

Hackett 29/04/08 14:31 - 1785 commenti

I gusti di Hackett

Storica serie tv, "Supercar" resta comunque un mito. Anche se, rivedendoli ora, gli episodi sembrano ancora più datati di quello che sono (ma quando si parla di tecnologia questo è il rischio). Resta comunque un prodotto dignotoso che ha fatto scuola. L'idea del duo uomo-automobile, grazie ad un computer di bordo così intelligente da sembrare umano, è stata una delle idee più geniali della storia della tv. Le trame appaiono ora un po' ingenue ma in fondo erano belle così, "Supercar" è un prodotto fortemente anni '80 e va visto nel suo contesto.

124c 2/01/09 11:15 - 2785 commenti

I gusti di 124c

Tipico esempio di telefilm di successo degli anni '80, "Supercar - Knight Rider" raccolse l'eredità lasciata da L'uomo da sei milioni di dollari e da Furia cavallo del west, per divertire un pubblico fatto, sopratutto, di ragazzini. L'idea dell'ex-poliziotto Michael Knight e della super-macchina parlante Kitt era bizzarra, ma è durata per ben quattro stagioni, grazie alla simpatia dei due protagonisti. Più gialletti per famiglie che veri episodi di fantascienza.
MEMORABILE: "Kitt, inserisci il turbo!"

Galbo 4/01/09 11:17 - 11517 commenti

I gusti di Galbo

Serie tv fortemente caratterizzata (è un tipico prodotto targato anni '80) e pertanto destinata a perdere smalto con il passare degli anni, Supercar è stata per gli adolescenti (e oltre) un'imperdibile occasione di divertimento. Il binomio uomo-automobile fortemente maschilista ma assolutamente efficace per spettacolarità, produce storie decisamente ingenue ma godibili e divertenti come il tempo che fu...

Lovejoy 5/01/09 14:57 - 1824 commenti

I gusti di Lovejoy

Un telefilm storico che, a distanza di molto tempo, risente eccome degli anni. Riviste oggi, le avventure di Michael Knight e della sua macchina K.I.T.T. risultano ben poco avvincenti. Insomma, nello stesso periodo si è visto di gran lunga meglio. Ciò non toglie comunque la buona confezione del prodotto, almeno un paio di episodi memorabili e un ottimo cast, su cui primeggia un eccellente Edward Mulhare nel ruolo di Devon Mills. Storica colonna sonora.

Cangaceiro 10/03/09 13:34 - 982 commenti

I gusti di Cangaceiro

La protagonista indiscussa della serie è KITT, la meravigliosa Pontiac Firebird nera e parlante. Il vero divertimento sono le sue peripezie al servizio del mediocre Hasselhoff, attore credibile solamente nelle scene più movimentate e d'azione (buon per lui che qui ve ne siano parecchie). La sfilza di episodi però è troppo ripetitiva e monotòna e c'è da dire che rivedendolo oggi il serial è invecchiato parecchio male. Indimenticabile la canzone della sigla, reciclata oggi in uno spot televisivo.

Disorder 16/06/09 13:49 - 1412 commenti

I gusti di Disorder

Serie intramontabie che vede il protagonista, a metà tra un detective e un agente segreto, combattere il crimine con un insolito partner: un'auto parlante. La serie è un po' datata, specialmente quando si mettono in bella mostra computer e gadget tecnologici oggi preistorici, ma si lascia sempre vedere. Buone le storie, bene anche David Hasselhoff, tamarrissimo radrizzatore di torti.
MEMORABILE: Il fantastico pulsante del "Turbo Boost" e il mitico effetto speciale che ne conseguiva.

Mco 5/02/10 00:10 - 2163 commenti

I gusti di Mco

Rivisto da poco tra le varie riproposizioni delle reti generaliste, conferma la spensieratezza del periodo che rappresentava, una sorta di eighties in progress, con tutta una serie di previsioni su un futuro futuribile fatto di macchine parlanti ed interazioni totali con l'essere umano che ancor oggi latitano. Resta l'action, la simpatia delle avventure a tutta birra tra fossi, cieli e strade e il bel viso di Hasselhoff (e del suo alter ego baffuto... ah ah). Agli ultratrentenni ogni tanto fa bene riguardarlo...

Magnetti 1/04/10 09:09 - 1103 commenti

I gusti di Magnetti

Tipico telefilm anni '80 che ebbe grande successo e rientrava tra gli "imperdibili": quando veniva trasmesso in tv proprio non si poteva fare a meno di guardarlo. La trovata intrigante, manco a dirlo, era la Trans-Am della Pontiac con luce a led sul cofano a rappresentarne la carica vitale (insieme alla voce). Molto azzeccato il volto del protagonista: Hasselhoff era in perfetta sintonia con il mezzo meccanico con quel suo look da "so' ammericano e faccio tutto io". Nonostante la bontà del telefilm alla nascita, oggi è ampiamente demodè.

POTRESTI TROVARE INTERESSANTI ANCHE...

Ale nkf 9/05/10 09:57 - 803 commenti

I gusti di Ale nkf

David Hasselhoff interpreta il protagonista eccellentemente riuscendo ad instaurare un'ottima "amicizia" con la "Supercar" del titolo: Kitt. I dialoghi sono molto buoni e quando Hasselhoff è all'inseguimento di qualche assassino, Kitt riesce sempre a raggiungerlo compiendo ottime acrobazie. Le trame degli episodi sono un po' ripetitive, ma comunque buone.

Daidae 23/06/10 13:50 - 2789 commenti

I gusti di Daidae

Tipicamente anni 80, KITT accompagnò diverse noiose mattine della mia spensierata infanzia. Leggero, divertente, tipicamente americano, tra i migliori telefilm degli anni 80. Non lo vedo da un pezzo (a occhio e croce 20 anni) ma ancora ho in testa la bella musichetta elettronica che accompagnava l'intro.

Il Dandi 24/07/13 03:21 - 1892 commenti

I gusti di Il Dandi

L'America immaginata nell'infanzia non era quella delle grandi metropoli ma quella provinciale di queste serie, percorsa da stradoni nel deserto e popolata da onesti deboli vessati dai cattivi: ad aiutarli arrivava il furgone dell'A-team, oppure Michael Knight a bordo di KITT: strana coppia (lui senza macchina non valeva niente) che incarnava la sintesi di atmosfere fantascientifiche (la plancia della Trans-Am era un sogno) e western (il look di Michael era da moderno cowboy). Ma rivederlo da adulti è deludente come rimangiare una Morositas.
MEMORABILE: Michael che parlava con la macchina attraverso un orologio Casio: "Kitt, vieni a prendermi!"

Ultimo 24/01/19 22:06 - 1407 commenti

I gusti di Ultimo

Una serie tv americana a suo modo indimenticabile, trasmessa a raffica sul piccolo schermo negli anni Ottanta e Novanta. Le vicende sono piuttosto banali e a tratti ripetitive, ma la serie si ricorda per l'empatia tra il protagonista Hasselhoff e la sua auto (Kitt) futuristica, che lo aiuta con i cattivi di turno. Gli episodi sono tutti allo stesso livello, complessivamente non male. Bella la sigla.

Claudius 29/03/20 07:29 - 445 commenti

I gusti di Claudius

Serie tv cult che ancora oggi riesce a conquistare malgrado sia invecchiata. La trovata vincente è, ovviamente, quella dell'auto ultra-tecnologica e della simpatia di Hasselhoff (divertenti i siparietti con KITT). Alcuni episodi come "Scorpioni a White Rock", "Kitt contro Karr" e "Terrore dietro le quinte" fanno salire il voto da tre pallini a tre e mezzo.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione 124c • 2/01/09 11:28
    Risorse umane - 5158 interventi
    E' indubbio che, negli anni'80, se si parla di telefilm, "Supercar" è fra i must. Prodotto tv per famiglie, creato da Glen A.Larson di "Galactica", il serial era incentrato su di un poliziotto, Micheal Long, colpito in faccia e lasciato morire nel deserto nel Nevada da alcuni terroristi ed adottato da un vecchio magnate dell'industria, Wilton Knight, che lo salva, gli fa fare una plastica facciale e lo nomina suo erede come Micheal Knight. Non solo, l'uomo, prima di morire, gli affida anche Kitt, una Trans-Am nera corazzata, parlante e super-accessoriata. Con l'aiuto dell'inglese Devon Miles, l'uomo che è divenuto Micheal Knight decide di mettere a disposizione dei più bisognosi le risorse della super-auto, che lo trae quasi sempre dai guai. Divertenti i continui scambi di battute fra l'uomo e l'auto, anche se non raggiungono i litigi trekkiani fra il capitano Kirk e il dottor Mc Coy a proposito di mister Spock. Il telefilm è fatto per divertire le famiglie, ha il pregio di avere un protagonista, David Hasselhoff, che piace, ma ha il difetto di sfiorare solo in superficie la matrice fantascientifica. Notevoli gli episodi con Karr, il gemello cattivo di Kitt, ma anche i due film tv della seconda stagione con Garth Knight (sempre David Hasselhoff) ed il supercamion Goliath sono eccezionali. Bellissime le due meccaniche della fondazione, Bonnie ed April, che si occupano della manutenzione dell'auto nera. Elegante Edward Muhlare, il Devon Miles del serial.
    Ultima modifica: 2/01/09 19:31 da 124c
  • Curiosità 124c • 2/01/09 11:32
    Risorse umane - 5158 interventi
    La voce americana di Kitt è dell'attore William Daniel, famoso negli anni'60 per essere stato "Capitan Nice".
  • Discussione Xamini • 7/07/20 17:12
    Call center Davinotti - 170 interventi
    Il sogno di tutti noi ragazzini degli anni '80 è stato realizzato da un giovane volenteroso appassionato: ecco KITT, ossia una Pontiac Firebird Trans Am del 1982 modificata in guisa dell'auto di Michael Knight.
     
    Ultima modifica: 7/07/20 17:12 da Xamini