A page of madness

Media utenti
Titolo originale: Kurutta ippêji
Anno: 1926
Genere: drammatico (bianco e nero)
Note: Aka "A page in madness".
Numero commenti presenti: 2

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 28/04/15 DAL BENEMERITO SCHRAMM
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Schramm 28/04/15 12:39 - 2602 commenti

I gusti di Schramm

Per Kinugasa è giocoforza: distillare il manicomio è partigianeria della malattia, non della medicina. Malanno linguistico anzitutto, col verismo primo anticorpo escluso. Si è in ostaggio di un Murnau imbottito di fenciclidina, di un Ėjzenštejn ebbro d’assenzio. Non solo ogni ismo avanguardistico è anticipato, ma è anche già sorpassato. E anche Lynch, Merhige, Tsukamoto e Brackhage erano già apparecchiati sbranati e deiettati in/da questo ipnagogico e omnitrofico Moloch filmico elaborato come uno spartito free-jazz dodecafonico che sottopone a ininterrotta stupefazione.

Fulleffect 18/09/21 10:45 - 88 commenti

I gusti di Fulleffect

Epocale pellicola giapponese che unisce l'avanguardia pura del cinema europeo anni '20 a una ricerca sulla narrazione di stampo moderno. La trama è molto rarefatta, a causa della mancanza delle didascalie come si usava all'epoca e della perdita di una parte del girato, ma lo stile sperimentale e le continue invenzioni visive arricchiscono la visione di un fascino unico. La resa visiva della malattia mentale che affligge i protagonisti è talmente impressionante che crea un'atmosfera a metà tra il sogno e l'incubo. impossibile credere che porti quasi cento anni sulle spalle.

POTRESTI TROVARE INTERESSANTI ANCHE...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Schramm • 28/04/15 13:38
    Controllo di gestione - 6919 interventi
    siamo nel 1926, qui c'è già tutto: ogni possibile sperimentazione sull'immagine e sulla narrazione, ogni futuro avanguardismo, ogni coevo espressionismo tedesco (che il regista allora ignorava), ogni tentativo di eccedimento del mezzo-cinema, ogni nome del secondo dopoguerra che oggi ascriviamo alla genia dei visionari.

    un'opera davvero mostruosa, vi prego recuperatela.
  • Discussione Deepred89 • 28/04/15 13:52
    Comunicazione esterna - 1449 interventi
    Anche questo si recupererà.